web analytics

Radicle: un’alternativa open source e p2p a GitHub

radicle

Radicle si propone come una valida alternativa a GitHub. Si tratta di un’infrastruttura che ha due punti di forza in particolare: la natura open source del progetto ed il fatto che si basa su un’infrastruttura decentralizzata. Poiché tutti i dati sulla rete sono archiviati localmente dai vari peer, gli sviluppatori possono lavorare e collaborare sui repository Git senza doversi affidare ad un server di hosting centralizzato.

Radicle: p2p code collaboration

È di poche settimane fa il caso youtube-dl che ha coinvolto la nota piattaforma GitHub di Microsoft. Questo genere di problematiche ha spinto molti programmatori, e non solo, a cercare delle alternative più libere da utilizzare per lo sviluppo online collaborativo. Radicle, come si legge anche sul sito ufficiale del progetto, fa molto di più. Sfruttando la tecnologia p2p, infatti, permette a chiunque di condividere il proprio codice senza dover essere costretti ad utilizzare un server centralizzato controllato da soggetti terzi.

radicle open source p2p

Una piattaforma completamente open source, libera e gratuita, che grazie al p2p permette ai programmatori di non correre alcun rischio di vedere il proprio codice oscurato dalla censura. La rete è alimentata da un protocollo peer-to-peer basato su Git, chiamato Radicle Link che diffonde i dati tra i vari peer della rete. Tra le principali caratteristiche:

  • Un peer può condividere un progetto grazie ad un ID generato univocamente;
  • Possibilità di lavorare su un progetto anche offline;
  • Si basa su Git! Questo lo rende estremamente user friendly per molti sviluppatori;
  • Possibilità di ricevere finanziamenti dai sostenitori in Ethereum.

Radicle è ancora in fase beta, ma il progetto sembra essere molto promettente. Per installare la piattaforma su tutte le distribuzioni GNU/Linux, potete scaricare la relativa AppImage tramite questo link. Una volta scaricato il file, andate nelle proprietà cliccandoci sopra con il tasto destro del mouse, ed abilitatene l’esecuzione.

sharing-caring-1Seguiteci sul nostro canale Telegram, sulla nostra pagina Facebook e su Google News. Nel campo qui sotto è possibile commentare e creare spunti di discussione inerenti le tematiche trattate sul blog.

Altre storie
firewall
[GUIDA] Uncomplicated Firewall: come gestire un firewall su Raspberry