web analytics
kodachi linux

Kodachi Linux, ufficiale la versione 7.2 con mitigazioni per BootHole

Ultimo aggiornamento:

Rilasciata la versione 7.2 di Kodachi Linux, la distribuzione che punta tutto sulla privacy. Sono state introdotte interessanti novità in questa release, così come alcune migliorie e bug fix.

Kodachi, migliora la privacy nelle conversazioni

Basata sull’ultima point release di Xubuntu 18.04 LTS, questo nuovo rilascio di Kodachi, codename Defeat, incorpora l’ultima versione del kernel di Ubuntu, comprese le mitigazioni per BootHole. Questo aggiornamento, ovviamente, contiene alcune personalizzazioni per adattarsi alla particolarità di questa distribuzione. Il team di sviluppo, ad esempio, è intervenuto sul parametro del kernel pci=noaer. Questa modifica si è resa necessaria per disabilitare la funzionalità di report degli errori delle interfacce PCIE.

kodachi linux privacy tor session

Per quanto riguarda le nuove feature, invece, in questa versione del sistema operativo troverete, tra le nuove security apps, Session Messenger. Questo programma di messaggistica, di cui vi abbiamo parlato qui, è un fork di Signal, non richiede il numero di telefono per registrarsi, ed è considerata un’alternativa estremamente valida anche dal team di Kodachi. Altra interessante novità è Steghide. Questa utility fornisce una pratica GUI per camuffare messaggi di testo cifrati, all’interno di immagini, file testuali o file audio. Sempre lato comunicazione, è stato aggiunto al browser il bookmark per Threema web client.

kodachi linux privacy tor element

Novità minori:

  • Risolti i problemi di aggiornamento legati a OnionShare;
  • Sostituito Riot con Element, come app di default per le comunicazioni cifrate end to end;
  • Migliorato Conky, che ora ha un minor tempo di refresh.

Come provarla

Kodachi Linux non richiede alcuna configurazione o conoscenza approfondita di GNU/Linux. Tutti i controlli e le opzioni necessarie per proteggere la propria privacy sono integrati in comodi script preconfigurati. L’unico consiglio è quello di non procedere all’installazione della distribuzione, per poter così godere appieno di tutte le sue funzionalità. Esiste anche un tool per valutare il grado di sicurezza di Kodachi, con tanto di spiegazioni sulle migliorie da implementare.

kodachi linux privacy tor

Per chi volesse scaricare la distro vi rimando al sito ufficiale, dove è presente anche la relativa documentazione.

sharing-caring-1Seguiteci sul nostro canale Telegram, sulla nostra pagina Facebook e su Google News. Nel campo qui sotto è possibile commentare e creare spunti di discussione inerenti le tematiche trattate sul blog.

Altre storie
emacs 27.1 open source
Emacs, la comunità si interroga su come aumentarne l’appeal