web analytics
session messenger

Session: l’app di messaggistica open source che usa la Blockchain

È un fork di Signal, non richiede il numero di telefono e usa la blockchain.

Pochi giorni fa vi ho riportato la notizia del passaggio della UE a Signal, decisione presa nall’ottica di implementare nell’istituzione una politica di maggiore sicurezza nelle comunicazioni. Oggi parliamo invece di Session, un’app di messaggistica open source con crittografia end-to-end che pone ancora di più l’attenzione sulla privacy dei propri utenti.

Session: privacy e Blockchain

Fa riflettere come in un mondo in cui la pervasività della tecnologia nelle nostre vite è ai massimi storici, il concetto di privacy sia sempre meno considerato dall’utente comune perennemente connesso. Oggi si fa davvero fatica infatti a comunicare in maniera anonima tramite il web, l’autenticazione tramite numero di telefono è quasi un obbligo per utilizzare moltissimi servizi. Spesso poi, la gratuità degli stessi è garantita dietro la raccolta delle nostre informazioni come forma di pagamento.

Session è un’applicazione distribuita dalla Loki Foundation, la prima organizzazione senza scopo di lucro in Australia, che si occupa proprio di privacy. Comunicare in sicurezza e garantire l’anonimato dei propri utenti è quello che promettono gli sviluppatori, che mantenendo le caratteristiche di sicurezza di Signal, di cui Session è un fork, aggiungono dei fattori interessanti.

session messenger blockchain

Una volta installata l’app, ci ritroveremo davanti una schermata di creazione dell’account, che genererà in modo del tutto casuale un Session ID, come questo: 234652245ag9a8bfee4f5a8138fd5c……..

Sarà questo ID che permetterà di identificarci sul network. Questo identificativo potrà poi essere condiviso, anche come QR Code, con gli altri utenti, per permettere loro di aggiungerci tra i loro contatti.

Session non è una tecnologia p2p ma non usa nemmeno un server centrale. Si appoggia ad un sistema decentralizzato per lo smistamento dei messaggi. Il meccanismo di funzionamento è spiegato in modo dettagliato sul sito ufficiale del progetto. La spina dorsale di Session è costituita dalla blockchain Loki e dalla omonima criptovaluta, fondamentali per creare un network decentralizzato, in cui garantire la privacy di chi lo utilizza, bypassare eventuali censure ed essere immune agli attacchi malevoli.

Session è multipiattaforma. È possibile scaricare la versione Linux, Windows e MacOS dal sito ufficiale, mentre sui relativi store troveremo quella per Android e iOS.

sharing-caring-1Seguiteci sul nostro canale Telegram, sulla nostra pagina Facebook e su Google News. Nel campo qui sotto è possibile commentare e creare spunti di discussione inerenti le tematiche trattate sul blog.

Altre storie
microsoft build 2020 windows 10
Build 2020, Microsoft “copia” Linux: ufficiale il Package Manager winget