web analytics
suse opensuse

OpenSuse Leap 15.2, data di rilascio e principali novità

Il periodo di beta che riguarda OpenSuse Leap 15.2 volge al termine. Il rilascio della versione stabile, secondo la roadmap ufficiale, è previsto per il 2 luglio 2020. Vi anticipiamo le novità attese in questa distribuzione, basata su SUSE Linux Enterprise 15 Service Pack 2.

openSuse Leap 15.2, le novità

A differenza di Tumbleweed, versione di openSuse che è di tipo rolling release, e quindi costantemente aggiornata, Leap è una fixed release, e segue di solito dei cicli regolari:

  • Una minor release ogni 12 mesi circa, in linea con SUSE Linux Enterprise Service Packs;
  • Una major release ogni 36-48 mesi, in linea con SUSE Linux Enterprise Releases.

opensuse leap 15.2 installer
Le prime novità saranno visibili già durante la fase di installazione. L’installer grafico, infatti, è stato aggiornato ed è ancora più user friendly. Migliorie nella gestione sia dei dispositivi di storage su Raspberry Pi, che delle partizioni cifrate tramite BitLocker. Per quanto riguarda il kernel, invece, ci sarà un upgrade dalla versione 4.12 alla 5.3.18. Il kernel, in Leap, è lo stesso utilizzato in SUSE Linux Enterprise 15 Service Pack 2. Questa versione, tra le altre cose, introduce il supporto per le GPU AMD Navi, e ai nuovi indirizzi IPv4.

opensuse leap 15.2 gnome
Le custom folder introdotte in Gnome 3.36.

La nuova versione di Leap vedrà aggiornati i principali desktop environment. Si potrà infatti installare XFCE 4.14, Plasma 5.18 e GNOME 3.34. Implementerà anche il windows manager Sway 1.4. Questo permette di organizzare le finestre delle applicazioni in maniera logica, piuttosto che seguendo una organizzazione di tipo spaziale. Verrà così massimizzata l’efficienza d’uso dello spazio disponibile sullo schermo.

WSL e novità minori

Leap, come è noto, può essere eseguito anche attraverso il Windows Subsystem for Linux, presente in Windows 10. Questa funzionalità sta prendendo piede molto velocemente, e nelle note ufficiali sono state annunciate anche migliorie per questo tipo di virtualizzazione, soprattutto in termini di compatibilità. Per quanto riguarda gli aggiornamenti degli applicativi, a bordo troverete:

  • Mozilla Thunderbird 68.5.0, che introduce il supporto all’autoenticazione OAuth 2.0 per il protocollo POP3;
  • LibreOffice 6.4;
  • Firefox Extended Support Release 68.5.0;
  • OnionShare 2.2;
  • Systemd 234;

Per visionare l’elenco completo delle nuove feature, vi rimando alla pagina ufficiale dedicata ad openSuse Leap 15.2.

sharing-caring-1Seguiteci sul nostro canale Telegram, sulla nostra pagina Facebook e su Google News. Nel campo qui sotto è possibile commentare e creare spunti di discussione inerenti le tematiche trattate sul blog.

Altre storie
debian 10.5 buster secure boot boothole
Debian 10.5 Buster è ufficiale: include le patch per BootHole