Microsoft propone di inserire exFAT nel kernel Linux

microsoft

Microsoft sta dimostrando in tanti modi di volersi avvicinare al mondo dell’open source. In primis aderendo alla Linux Foundation, in seguito lavorando alacremente per integrare il pinguino in Windows grazie al Windows Subsystem for Linux (WSL) giunto alla versione 2. Ha poi reso open source diverse tecnologie e tool proprietari (TypeScript, .NET compliler, Xamarin, etc). Oggi il gigante di Redmond ha rivelato che sta lavorando per implementare exFAT nel kernel.

Ben tredici anni dopo la sua nascita dunque exFAT potrà far parte di Linux. exFAT sta per Extended File Allocation Table ed è anche conosciuto come FAT64. Si tratta di un file system introdotto nel 2006 da Microsoft e pensato appositamente per memorie flash e, in generale, per dispositivi di archiviazione dalle dimensioni contenute.

Microsoft apre a exFAT su Linux

Il file system è proprietario e usarlo sul pinguino non era possibile senza tool addizionali. Ora Microsoft ha pubblicato sul suo sito ufficiale tutti i dettagli tecnici.

Per noi è importante che la comunità Linux possa utilizzare exFAT con la massima fiducia. A tal fine, renderemo disponibili al pubblico le specifiche tecniche di Microsoft per exFAT in modo da facilitare lo sviluppo di implementazioni conformi e interoperabili.

queste le parole di John Gossman, ingegnere di Microsoft e membro del consiglio di amministrazione della Linux Foundation.

sharing-caring-1Seguiteci sul nostro canale Telegram e sulla nostra pagina Facebook. Inoltre è possibile seguire il nostro canale ufficiale Telegram dedicato ad Offerte e Promo! Nel campo qui sotto è possibile commentare e creare spunti di discussione inerenti le tematiche trattate sul blog.