Il Purism Librem 5 potrebbe arrivare davvero: la campagna supera quota 80%.

Manca davvero poco, due curve al traguardo. La campagna di crowdfunding ha raccolto poco meno dell’82% del goal quando mancano ancora 17 giorni alla chiusura della campagna. Sono stati raccolti circa 400’000$ in poco più di una settimana, procedendo di questo passo si arriverà sicuramente all’obiettivo di 1,5 milioni entro la data prestabilita.

Ma facciamo un piccolo riepilogo: cos’è il Librem 5?

Purism: la campagna di crowdfunding supera quota 1,2 milioni di dollari

Purism librem 5

Come saprete se seguite assiduamente LFFL Purism ha annunciato una campagna di finanziamento per la realizzazione di uno smartphone basato su GNU/Linux che rispettasse la privacy degli utenti. L’idea dei crowdfunders consiste nel realizzare uno smartphone il più aperto possibile che garantisca la privacy ad un prezzo ragionevole (pari a $599 dollari americani).

Inizialmente sembrava che il raggiungimento dell’obiettivo pari a 1,5mln di dollari fosse impensabile. La partnership annunciata con KDE e GNOME ha però dato un boost significativo convincendo sempre più persone a puntare sul Librem 5.

Lo smartphone arriverà con GNOME Shell UI o KDE Plasma Mobile UI di default. Entrambe le community si sono dette entusiaste di poter vedere il proprio software operativo su uno smartphone.

Costruire uno smartphone che poggiasse le proprie fondamenta sul software libero e sulla privacy degli utenti è sempre stato un sogno per KDE.” queste le parole di Lydia Pintscher, Presidente di KDE e.V a cui ha fatto eco un annuncio da parte di GNOME: Il Librem 5 è una piattaforma che ci interessa molto. La GNOME Foundation è pronta a collaborare con Purism per portare sul mercato uno smartphone GNOME-based“.

Non ci resta che attendere qualche giorno per vedere se il Librem 5 raggiungerà effettivamente quota 1,5 milioni di dollari.

Potete prenotare il vostro Librem 5 cliccando qui.

sharing-caring-1

Vi ricordiamo che seguirci è molto semplice: tramite la pagina Facebook ufficiale, tramite il nostro canale notizie Telegram e la nostra pagina Google Plus. Da oggi, poi, è possibile seguire il nostro canale ufficiale Telegram dedicato ad Offerte e Promo!

Qui potrete trovare le varie notizie da noi riportate sul blog. È possibile, inoltre, commentare, condividere e creare spunti di discussione inerenti l’argomento.

  • volcente

    “End-to-end encrypted decentralized communications via Matrix”. Navigazione tramite rete TOR?

    • camerte

      Probabilmente si. Perché PureOS 8.0 usa già Torbrowser come browser di default.

  • Ansem The Seeker Of Darkness

    Ma chi è che si prende oggi un telefono simile quando poi non hai nessuna applicazione? Allora tanto vale prendermi il nokia 3310 nuovo!
    O ancora meglio: un telefono facile da rootare, poi ci installo sopra il firewall e blocco tutto tranne browser e programmi di chat.

    • Fabio

      Se l’obiettivo è la privacy, dato che bene o male i sorgenti di Android sono aperti, immagino che il nocciolo del problema sia proprio l’hardware con firmware/driver a sorgente chiuso. In caso contrario basterebbe compilarsi Android e installare solo app open source, magari da F-Droid.

    • erny ernest

      In teoria dovrebbe poter eseguire tutte i programmi GNU/Linux

    • 247

      esistono ancora al mondo persone che non vogliono android…sono rare ma esistono…

      • Ansem The Seeker Of Darkness

        Appunto, prendi un feature phone se non vuoi android o iPhone, perchè a quel punto rinunci comunque a qualsiasi applicativo come whatsapp o Telegram.

        Che poi basterebbe mettere Android liscio senza gli applicativi google per molte di queste persone.

        • 247

          magari non vogliono semplicemente android ma voglio un processore buono e una fotocamera buona, io per esempio ho preso uno jolla e non me ne sono mai pentito…

          • io potrei mettere sailfish sul mio xperia X, ma non è conveniente, costa 50 euro all’anno, per sostituire un OS che funziona gia divinamente (android sugli xperia è qualcosa di spettacolare), e magari perdere pure funzionalità, compatibilità con dispositivi esterni (ad esempio autoradio delle macchine che mi leggono i messaggi o mi permettono di chiamare con i comandi vocali dell’auto).
            insomma piuttosto preferirei pagare 50 euro all’anno per estendere il supporto android una volta che sarà terminato (visto che ancora si aggiorna puntualmente ogni mese)

      • Edmond Dantès

        Ahimè io ad esempio…

    • loki

      android è progettato una schifezza, avere un telefono con una distro gnu/linux sarebbe un sogno. delle applicazioni me ne frega come me ne fregava quando ho fatto il passaggio da windows a linux una ventina di anni fa.

      • un passante

        Meno male che di “sognatori” pronti a spendere 600€ per un mattone su cui non puoi far nulla di più che guardare il display spento ce ne sono pochi.
        Almeno i cantinari di vent’anni fa ricompilavano il kernel riciclando ferraglia dalle discariche.

        • loki

          forse non ti rendi conto che al momento non esiste la ferraglia di cui parli nel mobile. fai una partizione (ce ne sono già una 30ina inutili, una più una meno…), installa una distro e fai il boot su un telefono qualunque se riesci

    • Aster

      Ci sono le alternative jolla,ubuntu,BlackBerry:)

      • Edmond Dantès

        C’è anche il sailfish os, sembra simpatico…però non sono riuscito ad installarlo sul nexus 5…

        • Aster

          Si esatto mi riferivo a quello, neanche il sul n7,aspettiamo qualche porting da Xperia

    • Edmond Dantès

      io lo prenderei, così come ho fatto per il mio BQ E4.5 ubuntu XD Però il prezzo è troppo alto… (per me)

      • camerte

        Con 299 $ c’è il developer kit (previsto per giugno 2018)… ma te lo devi assemblare da solo.

        • Edmond Dantès

          Per le mie qualità tecniche sarebbe impossibile… sono una frana in queste cose… XD

          • Proxima8

            Prova con un laboratorio dove fanno LipaLazioni 😉

          • Edmond Dantès

            hahaha qui va a finire che uno per risparmiare si deve montare uno smartphone da solo… prima uscita in edicola con la prima vite!

      • Ansem The Seeker Of Darkness

        Domanda sincera: cosa ci fai visto che praticamente non hai applicazioni?

        • Aster

          Email ,maps,documenti pdf,le solite cose che si fanno per lavoro :)più telefono email

          • Ansem The Seeker Of Darkness

            Insomma, le stesse cose per cui bastava un Android puro senza Google apps

          • Aster

            si esatto ma le le app chiedono troppi permessi,in teoria direi mai dire mai:)rimango con l’ottuso bb os10

          • Ansem The Seeker Of Darkness

            basta installare le applicazioni che richiedono meno permessi della categoria.
            Non ti credere che solo perchè tu non abbia la finestra con i permessi richiesti, le app non li chiedano lo stesso quando le usi su altri os.
            Se non chiedono i permessi è perchè hanno funzioni in meno.

            Inoltre con un Android rootato ti puoi mettere il firewall sul telefono ed evitare che le app accedano ad internet, quindi con anche tutti i permessi del mondo poi n on possono inviare nulla.

          • Aster

            No io non credo a niente,so come funzionano le cose(ovviamente le tasse e la morte sono sicure in questa vita)ma per il mio uso personale quelli senza permessi particolari vanno benissimo.Anche a lavoro diciamo che con ios piu o meno ci siamo(tanto non ho cose personali li)

          • Ansem The Seeker Of Darkness

            Contento tu contenti tutti.
            Ma ti illudi se credi che usando google maps su ios, android o black berry cambi qualcosa su quali cose google recupera.
            L’unico modo per non inviare dati è usare applicazioni a cui ha bloccato l’accesso ad internet appunto tramite funzioni come i firewall open source di Android.
            Su iOs semplicemente non puoi, su bb invece non ne ho idea.

          • Giacomo Baiamonte

            Grandissimo OS. L’ho utilizzato per un paio d’anni, e adesso che sono tornato ad Android ne sono praticamente rimasto orfano :'(

          • Aster

            Siamo tutti sulla stessa barca(;

        • Edmond Dantès

          Risposta sincera: sinceramente non uso applicazioni particolari, dunque nel mio caso basta che posso fare belle foto e rispondere ai messaggi sono apposto, e sono un maledettissimo fanboy di tutto ciò che è Ubuntu e KDE… magari tu ne fai un uso più intensivo, come puoi sicuramente fare con android e le mille applicazioni esistenti. Comunque su openstore ci sono una marea di applicazioni, certo non ci sono i giochi tosti che girano su android…Penso che un compratore deve optare sempre per l’arnese elettronico che più gli confà nella sua vita quotidiana… (Confà… visto che finezza?) XD

  • Bill Gates

    La privacy è morta.

    • Edmond Dantès

      Morta e sepolta… direi dal 2004 con la nascita di Facebook e simili…

  • si ma le applicazioni?? non costa neanche poco, e se sopra non ci sono le app di tendenza la gente non lo usa.
    pensate gia a whatsapp, quanti comprerebbero un telefono senza whatsapp?? secondo me dovrebbero fare come sailfish, mettere un layer di compatibilità con gli APK, così che puoi installare le app android

    • Edmond Dantès

      Hai assolutamente ragione, uno dei difetti di ubuntu touch è stato proprio questo, io di mio non lo uso whatsapp, ma se fossi un essere umano socievole (social network user) opterei per un arnese comodo e aperto a questo modo stupido di socializzare…(questo ovviamente è solo un mio punto di vista, ma non usare un OS bello come ubuntu touch solo per la mancanza di whatsapp è assurdo) con tutto il rispetto per chi ci campa…

    • gabriele tesio

      In teoria, siccome sulla loro pagina c’è scritto che il telefono sarà compatibile con le distro linux, si potrebbe installare anbox, e da qui le varie app android, però anbox è ancora agli albori, nulla impedisce che il progetto venga terminato (come shashlik), magari potrebbero collaborare per eventualmente venderlo con anbox preinstallato, anche perché potrebbe non essere qualcosa che un utente medio riuscirebbe a fare in autonomia.

    • loki

      invece di scrivere sempre la stessa cosa, incominciate a rendervi conto che ci sono persone a cui quello che per
      voi è indispensabile non interessa o fa addirittura schifo: a chi compra questo telefono dubito possa fregare anche marginalmente qualcosa di whatsapp o trappole simili. chi ha messo soldi (i $100 li ho messi anch’io) sa a cosa va incontro e i produttori di questo arnese sanno qual’è il proprio pubblico. per tutti gli altri c’è android, come sempre

    • Aury88

      beh. chi ha dato i soldi sa cosa ottiene, quindi non capisco il problema che ti poni. se qualcuno sarà interessato svilupperà un layer, ma sarebbe un di più rispetto a quello per cui hanno donato/pagato per questa campagna di raccolta fondi.

      • il problema secondo me è che sarà un altro ubuntu phone, ovvero un OS interessante poi lasciato morire perchè non ci sono applicazioni e di conseguenza non spopola, rendendo difficile continuare a finanziare il progetto.
        se è destinato alla nicchia, e deve costare così tanto, per me è un progetto destinato a morire.
        spero di sbagliarmi, per carità, ma io non sono così ottimista, ubuntu phone c’ha provato ed ha fallito, firefox os c’ha provato, e ha fallito, microsoft ci ha provato e ha fallito, anche blackberry aveva provato a rimanere col suo os e poi è fallita proprio come azienda e non solo come prodotto, loro cosa potranno mai fare? difficile prevedere altri scenari, e così andrà a finire che gli utenti hanno speso tanti soldi per un progetto che viene lasciato morire perchè tanto non ci sono sviluppatori terzi intenzionati a svilupparci sopra e ti ritrovi con un device abbandonato.
        poi anche kde per mobile è da anni che è in sviluppo, è sempre rimasto in questa fase, qualche video ogni tanti, ma come potrà mai competere?
        il mobile è un mercato saturo, se vuoi creare un’alternativa, devi creare in giusto prodotto, valido, performante, stabile, e devi essere una grande azienda che possa riuscire a mantenere i costi

        • Aury88

          definisci destinato a morire?anche un qualsiasi smartphone della marca più o meno famosa tempo mediamente 2 anni è destinato a morire per quanto riguarda il supporto ufficiale. la differenza qui è che la base, si spera, sarà opensource e quindi supportabile da chiunque lo voglia a prescindere dall’impegno che ci metterà purism in futuro. l’unica cosa su cui potrei essere d’accordo è se hanno fatto male i calcoli e i soldi raccolti non siano sufficienti a sviluppo e produzione dell’hardware e dei driver. ma appunto parliamo di una campagna crowdfunding sbagliata, mal progettata, partita male, non in se del discorso “diffusione” di un prodotto e quindi dal suo successo dal punto di vista commerciale…sono stati loro d’altronde a dire che bastavano tot soldi e quindi tot dispositivi per partire. comunque sia personalmente ritengo il supporto hardware la cosa più difficile in ambito ARM ed il motivo del fallimento di tutti gli altri progetti. non sono d’accordo sulle motivazioni che dai per la morte di ubuntu phone. Lì i motivi sono da ricercarsi imho su un uscita troppo in anticipo su nuove tecnologie che avrebbero reso facilmente mantenibile nel tempo il so senza toccare il kernelspace (snap) e dall’abbandono da parte di canonical dell’ambito “consumer” di linux (e quindi l’abbandono di tecnologie utili per quel settore come unity8 comune a tutti i futuri dispositivi) mai una parola da parte di canonical infatti è stata proferita sul numero di app o sulla mancata diffusione del prodotto (cavoli, tutti gli stock sono andati a ruba e c’era gente che cominciava a portare UT su dispositivi non ufficiali). microsoft e blackberry sono fallite perchè hanno capitali dietro che vogliono guadagni…un discorso un po’ diverso imho da quello che succede nel mondo foss (salvo naturalmente comparto hardware di questo progetto che avendo a che fare con fornitori terzi ti costringe a ragionamenti “di mercato”). per il discorso KDE hai ragione ed il motivo è da ricercarsi nell’aver riprogettato la base innumerevoli volte…ma è anche una dimostrazione del fatto che quello che dici sulla diffusione non sia necessariamente applicabile al mondo foss: plasma mobile è ancora un progetto vivo pur non avendo da anni neanche (credo ) un solo utente 😛

          • definisci destinato a morire?

            semplice, niente più applicazioni, gli sviluppatori di terze parti che non arrivano e quei pochi abbandonano lasciando morire le loro app a versioni vecchie, e piano piano anche i creatori del progetto abbandonano la barca, questo per me vuol dire destinato a morire.
            su android, anche se hai ancora kitkat puoi eseguire quasi tutte le applicazioni, e tutte quelle più usate funzionano ancora da ICS in poi, alcune pure gingerbread supportano, quindi anche se samsung o chi altro abbandona il supporto, lo store funziona.

          • Aury88

            quindi se quello è il criterio devo correggerti sulla morte dei progetti opensource. ci sono ancora sviluppatori attivi per le app e il so semplicemente è portato avanti da un altro gruppo (e altro nome) così come lo store si è trasferito 😛
            In particolare UBPorts sta andando bene, lo store ha avuto un aggiornamento di recente e le app principali hanno tuttora sviluppatori attivi (1094 app delle quali 300 nell’openstore ). nel passaggio si sono perse le webapp che erano per lo più spazzatura (comprese le mie) ma si è guadagnato un tool da usare su smartphone per generarle. i vecchi smartphone con su UT e senza gli OTA di UBports comunque continuano a girare e le app pure pur non ricevendo aggiornamenti (ma parliamo di smartphone spesso talmente vecchi che non sono più aggiornati, se mai lo sono stati, neanche lato android )
            Su android la mia esperienza è molto diversa rispetto quella che sto vedendo lato UT (magari ho frainteso cosa vedo, purtroppo non posso provare di prima persona) dei 4 smartphone che ho cambiato negli anni solo in uno ho visto un aggiornamento del so nel periodo di supporto obbligatorio e in tutti, tempo un tre annetti, cominciano a non aggiornare i googleservices che comportano l’impossibilità di aggiornare alcuni applicativi…mi sarebbe andato bene se non fosse che se non aggiorni whatsapp dopo un mese non puoi più usarlo per comunicare.

          • gabriele tesio

            beh, siccome in teoria si può installare qualsiasi distro (o quantomeno le principali) se esiste un programma che funziona per linux ed è compilato per arm si può installare su questo telefono, quindi in teoria anche anbox, e ciò dovrebbe aggirare il problema (bisogna vedere come si comportano a livello di interfaccia)

  • alex

    Il voler supportare sia Gnome che KDE non mi sembra una gran cosa, mi sembra più un voler accontentare tutti per accaparrare più gente possibile

    • loki

      esistono le distro ed esistono i desktop, non è niente di nuovo. si porta la stessa cosa su mobile.

      PS. sarebbe bello sapere perche spesso e volentieri i commenti spariscono o vanno in moderazione

  • camerte

    Obiettivo raggiunto e superato! 101% della somma pari a 1,515,000$.

    • Aury88

      il raggiungimento dell’obiettivo era abbastanza ovvio viste le premesse. vediamo piuttosto dove riescono ad arrivare nei prossimi 13 giorni 😉

No more articles