Sta facendo molto discutere il recente post su G+ da parte di Lennart Poettering che ha parlato di Torvalds indicandolo come una persona “cattiva”.

Linus Torvalds
Systemd è un gestore degli avvii già incluso di default in molte distribuzioni Linux come Fedora, Arch Linux, openSUSE ecc e che troveremo anche nelle future release di Debian e Ubuntu. Il nuovo gestore degli avvii sta facendo molto discutere, ma non per le proprie qualità ma dalle critiche espresse recentemente da Lennart Poettering principale sviluppatore di Systemd. Nei mesi scorsi Linus Torvalds aveva criticato gli sviluppatori di Systemd a causa di alcuni bug che volevano essere risolti tramite patch non molto apprezzate dal fondatore del Kernel Linux. A mesi di distanza dall’accaduto arriva un post su Google Plus da parte di Lennart Poettering nel quale ha indicato come Tovalds sia una persona molto cattiva il cui comportamento fa male all’intero ecosistema Linux.

Stando a Poettering, il creatore di Systemd nel fare la sua critica alla community open source e Linus ha spiegato che:

– ha ricevuto e-mail di minacce ed insulti;
– alcune persone hanno raccolto bitcoin per assoldare un assassino su tor (!);
– altri organizzano delle petizioni affinché smetta di lavorare a progetti open;
– un idiota ha messo su youtube una canzone in cui incita le persone a fargli violenza
– persone scrivono sui forum e siti web invitando al boicottaggio dei suoi lavori, esprimendo critiche sulla persona (non sul lavoro in sè).
– su IRC gli capita di ricevere messaggi del capzo con artwork grafici in stile 4chan

In questo contesto ha indicato nel comportamento di Linus un “cattivo esempio” e nella comunity open source un posto non così bello come lo si vorrebbe dipingere.

Molto spesso le critiche e soprattutto il carattere di Torvalds ha portato diverse migliorie nello sviluppo del Kernel Linux. Ad esempio dopo il famoso dito medio contro Nvidia, l’azienda statunitense ha migliorato notevolmente il supporto per Linux lavorando anche nello sviluppo dei driver open Nouveau (grazie anche all’arrivo di Valve).

Proprio Tovalds dopo le critiche da parte della sviluppatrice Sarah Sharp indicava di essere “fiero di avere un carattere maleducato e a volete d’esser troppo aggressivo” caratteristica non molto amata da sviluppatori come Lennart Poettering.

C’è da chiedersi come diventerebbe il Kernel Linux se Tovalds diventasse meno “cattivo e maleducato”.

Ringrazio il nostro lettore Maudit per la correzione / segnalazione dell’articolo.

  • Pietro

    ottima cosa bene bene il team di Mint fa progressi enormi!!!!!!!

  • Ma è migliorato nel consumo della Ram?

  • Marco Missere

    E per Mint 13 quando arriva?

    • per mint 13/14 è una questione di aggiornamenti degli sviluppatori mint personalmente non saprei cosa dirti

  • Leonardo Leo

    per arch è disponibile ??

    • no arriverà comunque nei prossimi giorni nei repo ufficiali

      • Leonardo Leo

        grazie

  • cinnammone

    come mai usando cinnamon e versioni precedenti la CPU è costantemente tra il 70 e il 90% della frequenza?

    • GioGio

      Sicuro che non sia un problema dei driver della scheda grafica?

      • cinnamone

        con mint-debian mi va bene solo con gnome-basic.
        Stesso problema con gnome 3.8.
        Nessuna scheda grafica ma tutto on board

    • millalino

      strano, io uso mint 13 con cinnamon 1.6.7 e driver video intel +nvidia per la gpu dedicata e l’utilizzo della cpu è al massimo al 6%.

  • GioGio

    Provata su ubuntu 13.04 e la presunta leggerezza di cinnamon vs compiz/kwin/gnome shell oramai non ha più motivo di venir citata, anzi con l’aumento delle feature è diventata il window manager più pesante tra quelli citati a pari merito con gnome shell(ovvio visto che di fork si tratta). L’unico window manager veramente rivoluzionario per leggerezza e qualità è Gala, fosse anche solo per questo programma il team di ElementaryOS meriterebbe la stima incondizionata della comunità.

  • dongongo

    Ho provato tutti i DE, e Cinnamon è quello che mi è piaciuto meno in assoluto. A parte qualche bell’effetto, l’ho trovato pesante, e poco personalizzabile, ed ha un modo di concepire il Desktop tutt’altro che rivoluzionario. Tanto vale usare DE vecchi come Gnome2 (o il suo fork, Mate).
    Ci tengo a precisare che la mia è un’opinione del tutto personale. 🙂

    • muchoman

      dopo essere passato attraverso tutti i de il mio preferito resta gnome 2.x; ora vado di mate…raggiungere questo livello di completezza e duttilità è difficile per gli altri….anni di affinamenti ai quali si avvicinano xfce (che mi da però una sensazione di povertà che non mi piace) e kde (per me troppo luccicoso e pesante per molte cose…però è anche vero che io non voglio effetti ma sempre lo stesso desktop più veloce ed efficiente possibile con una bella barra laterale coi setting per la batteria, il processore, il wifi ecc

  • Ste

    Sinceramente devo ancora capire perchè c’è così tanta gente che va matta per questo de. Io l’ho provato per un paio di mesi e devo dire che mi ha lasciato davvero indifferente… sarò io che sono strano! 😀 (in effetti gli unici de con cui vado d’amore e d’accordo sono xfce ed e17.. uhm…)

  • ange98

    Peccato soltanto che Cinnamon mi arrivi a 75°C appena avviato… L’ho provato su Arch, Debian e un giorno ho provato anche Mint, ma nada… Anche togliendo tutti i demoni inutili, programmi, ecc. non cambiava nulla 🙁
    Lo reputo un ottimo DE, ma a questo punto preferisco usare Mate su Debian Testing (finchè non finisce la scuola U.U) 😀

  • retail

    Considerando che i driver installati sugli OS linux non sempre sono efficenti, l’unico modo per avere macchine di discreta efficienza e installare OS linux leggeri.
    Gli abbellimenti grafici e il sovraccarico di funzioni inutili giocano a suo sfavore.

  • matteo

    mattone clamoroso. per chi vuole un desktop ricco di fronzoli e/o moderno ci sono scelte migliori (kde, gnome shell con estensioni, magari la prossima unity next), per chi vuole un desktop intuitivo e classico ci sono scelte migliori (xfce, mate…). insomma a parere mio è tagliato fuori… funzionava per accalappiare gli utenti scontenti di unity, adesso il team di Mint dovrà inventarsi qualcos’altro, altrimenti ci saranno utenti scontenti di Cinnamon che torneranno a Ubuntu o derivate ufficiali.

    anche io cito i problemi con i driver, il surriscaldamento e la forte pressione sulla cpu. C’è ancora lavoro da fare… Dipende molto dall’hardware che si ha, ma comunque è l’unico de che mi ha dato tutti sti problemi, manco unity…

  • Da

    Lo sfondo dove posso trovarlo?

  • muradreis

    Su LMDE ci vorrano i soliti due annetti per l’aggiornamento?

    • penso di no dato che nel prossimo testing di debian arriverà cinnamon alla versione 1.8 quindi sarà facile integrarla in lmde

      • muradreis

        Il problema è proprio che LMDE usa i repository con le sue tempistiche bizzarre. A rigor di logica nemmeno è una rolling. Magari fosse una semplice debian testing..

  • gervasio

    mi sapete dire quante risorse richiede?

    • dipende dalla distribuzione
      io lo installato su ubuntu 13.04 raring ed è un mattoncino mi richiede quasi 400mb per avviarsi
      su arch (dai repo testing) richiede circa 260/270 mb e mi sembra più reattiva
      penso che comunque ci siano diversi problemi con il supporto per i driver proprietari dato che con intel funziona bene con amd e nvidia è un mattone

  • Fringuello

    Carattere buono o cattivo che sia, ha ragione Torvalds.

  • Maudit

    Mi pare che la questione sia stata esposta in modo un po’ più complesso.
    Il creatore di Systemd nel fare la sua critica alla community open source e Linus ha spiegato che:
    – ha ricevuto e-mail di minacce ed insulti;
    – alcune persone hanno raccolto bitcoin per assoldare un assassino su tor (!);
    – altri organizzano delle petizioni affinché smetta di lavorare a progetti open;
    – un idiota ha messo su youtube una canzone in cui incita le persone a fargli violenza
    – persone scrivono sui forum e siti web invitando al boicottaggio dei suoi lavori, esprimendo critiche sulla persona (non sul lavoro in sè).
    – su IRC gli capita di ricevere messaggi del capzo con artwork grafici in stile 4chan

    In questo contesto ha indicato nel comportamento di Linus un “cattivo esempio” e nella comunity open source un posto non così bello come lo si vorrebbe dipingere.

    Le cose che ha detto Lennart mi ricordano un post simile di Martin Graesslin, lo sviluppatore di kwin, di qualche tempo fa.
    Infatti la conclusione è la stessa: rinunciare ad avere dei contatti e collaborazioni con altri progetti/gruppi di sviluppatori e concentrarsi solo sul proprio.

    Questo non è bene.

    A prescindere da Linus Torvalds.

  • Andrea De Gradi

    C’è da dire però che un progetto come Linux che si rivolge a un sacco di tipi di utenze e che è utilizzato da un grandissimo numero di progetti diversi non può creare precedenti modificando il codice in funzione di uno dei tanti progetti esistenti che sfruttano il kernel. C’è da chiedersi per quale motivo systemd ha il diritto di chiedere una patch agli sviluppatori di Linux ed io che voglio creare un concorrente di systemd non posso.

    • sabayonino

      …perchè “Potter” si è trovato impantanato e non ne saltava più fuori 😀 e systemd è il futuro …
      (lo ammetto non sono un amante di systemd anche se er forza i cose sono “costretto” ad utilizzarlo 😉 )

  • matteo81

    Siamo alle solite…. un’altra news interessante scritta già per partito preso e con considerazioni abbastanza personali…
    Dire che “nvidia ha migliorano il proprio supporto grazie al dito medio di Torvalds” è una considerazione del tutto personale… un’azienda non investe tempo e risorse in un progetto per via di un dito medio ma se nota che ci potrebbe essere un ritorno economico del proprio investimento… (steam machine?)
    Detto questo… tutta questa diatriba fa capire abbastanza chiaramente come la comunità più che un grande apparato indipendente e democratico assomiglia a un calderone dove ognuno fa e disfa a piacimento senza porsi a livello generale ma seguendo il proprio ego e convinzioni… e lo ribadisco per l’ennesima volta: potete dire che “questo è l’open” oppure che “è la conseguenza della libertà..” … io personalmente sono convinto che un prodotto migliora quando c’è una unione di intenti, obiettivi comuni e quando le scelte coinvolgono tutti mentre con questo sistema non si fà altro che fomentare inutili lotte e stupide diatribe alimentando più l’individualità piuttosto che la collettività….

    PS: Torvalds potrebbe anche dire di essere un angioletto oppure un demone ma il kernel linux viene sviluppato principalmente da aziende del settore… ormai Linus non sviluppa praticamente nulla e si limita a controllare e approvare….
    Se domani mattina nessuno avesse più interesse personale nello sviluppare il kernel torvalds potrebbe anche andare in chiesa e confessarsi ma finirebbe la fiera comunque….

  • EnricoD

    Bah, non capisco…
    Se uno si limita a muovere delle critiche anche in modo aggressivo, perché poi bisogna indicarlo come una persona cattiva?
    Cosa c’é di male? Ognuno si esprime in funzione del proprio carattere no?
    Stiamo parlando di Torvalds, non una persona qualunque, anzi uno dovrebbe anche vedere il lato costruttivo della critica, se poi le persone recepiscono i suoi messaggi come incitamento ad una lotta fondamentalista quello è un altro discorso, sono degli stupidi e dispiace leggere di cose del genere, sono sicuro che Torvalds non voleva fomentare certi atteggiamenti discutibili
    Non è il suo atteggiamento a far male, è chi recepisce male i suoi messaggi che fa male e porta a situazioni cosi sgradevoli perché li interpretano come leggi assolute quando invece dovrebbero stimolare pensiero critico… Cosi poi si rischia che non ci si confronta piu, e questo fa veramente male. Non è nemmeno giusto nei confronti di questa gente che certamente non è seconda a nessuno e stanno comunque portando avanti progetti importanti, discutibili o meno… Rispetto prima di tutto e coesione, spirito critico invece che vili attacchi personali, altrimenti non si va da nessuna parte

    • Brau

      Il brutto è che Poettering parte dal presupposto che Linus comandi direttamente queste, diciamolo pure, teste di c***o che prendono la questione “systemd si/no” come una religione (o, più semplicemente, credo che lo abbiano fatto per farsi 4 risate su chi veramente si inc***a per queste cose)… Linus, come Poettering e chiunque altro, ha le sue opinioni, ma non è mica Genny ‘a Carogna, su o_O

      • EnricoD

        esatto, è quello che penso anche Io! 🙂

  • dico solo una cosa.
    senza linus, a ques’ora staremmo usando windows o alcuni mac e pochissimi bsd o altre distro unix, grazie a linus invece oggia siamo usando linux.

    linux ha sempre funzionato e sempre funzionerà senza systemd, mentre systemd senza linux non esisterebbe nemmeno visto che è disponibile solo per linux.

    detto questo direi che è chiaro chi è che deve stare zitto.

    un leader deve essere forte, altrimenti non viene preso in considerazione se non sa imporsi, e questo linus lo fa perfettamente.

    poettering può stare zitto visto che lui a confronto non è nessuno

    • EnricoD

      È vero, ma questo non significa che il suo lavoro vale meno di altri e va comunque rispettato 🙂 poi può piacere e non piacere, ma quello è un altro discorso…

    • Davide Neri

      Eh sì infatti oggi usano tutti Linux.

      • ho detto tutti? non mi pare, se tu interpreti cio che vuoi, non ti lamentare con me, è un problema tuo.

        mi riferivo ovviamente a quelli che lo usano

    • torels

      “un leader deve essere forte, altrimenti non viene preso in considerazione se non sa imporsi”
      Carso nel 2014 c’è ancora chi applica le incomplete teorie darwiniane ai rapporti sociali fra esseri umani?
      Leader di cosa, esattamente?
      L’ecosistema linux è acefalo e polimorfo, l’open source è intrinsecamente decentralizzante. E’ il fondatore del progetto, tanto di cappello, ma al momento non è il sine qua non di linux, così come non lo è nessun altro.
      Se ti piacciono tanto i leader usa microsoft, apple e tutte le schifezze chiuse. Perché mai vorresti adottare un OS libero se poi richiedi la presenza di leader impositivi? Libertà e imposizione arbitraria vanno un po’ in contrasto ragazzo.

      • non vedo linus come leader nel senso di dittatore o di capo assoluto come in microsoft o altri sistemi chiuso, pensavo fosse chiaro, ma sicuramente è una persona importante per lo sviluppo del kernel, non un portavoce, non il capo di linux, ma comunque è il fondatore e sicuramente una critica fatta da lui, ha più peso di una critica fatta da me (ipotetico) che collaboro allo sviluppo del kernel ma non mi conosce nessuno

      • Marcello Mortaro

        Linus è stato il primo a chiedere collaborazione per lo sviluppo di linux sin dalle origini. Non è mai stato una figura autoritaria. Al contrario. Però ha delle idee molto precise su come deve essere portato avanti lo sviluppo. Deve rinunciarci per non essere troppo “cattivo”?

    • ale

      Esatto, aggiungerei, anche Steve Jobs aveva un carattere ancora più forte di quello di Torvalds, e di un bel pezzo, guardatevi il film, ma lui era un genio però…

      • XfceTheApocalypse

        Genio? Sfruttare i poveri cinesi per potersi comprare lo yatch che manco se goduto, per fortuna.

        • ale

          Infatti ho scritto l’opinione comune dei fan apple, mica io la penso così…

    • noespo

      Ti riscrivo le stesse cose frase per frase con esempi diversi:

      – dico solo una cosa.
      senza le scimmie a quest’ora ci sarebbero ancora i dinosauri.
      – le scimmie ci sono da prima dell’uomo, invece l’uomo senza essere prima stato una scimmia non si sarebbe evoluto.
      – detto questo in una diatriba fra uomo e scimmia è chiaro chi deve stare zitto.
      – chi urla ha ragione.
      – un essere umano può stare zitto visto che in confronto ad una scimmia non è nessuno

  • Davide Neri

    Siccome nel post di Google+ di Poettering non si fa riferimento al problema che c’era stato tra systemd e gli sviluppatori di Linux, ma si parla del comportamento degli sviluppatori o delle persone coinvolte non solo nello sviluppo del kernel ma in tanti altri progetti open source, ha assolutamente ragione. Torvalds, come tanti altri sviluppatori, è una testa di *****.

    • loki

      e uno di questi è proprio poettering

  • sabayonino

    Systemd avrà i suoi pregi e i suoi difetti (molti da quel che si evince 😀 )
    Sul fatto che lo adottino molte distribuzioni principalmente è dovuto al fatto che se vogliono continuare ad utilizzare Gnome il passaggio a Systemd è obbligatorio dato che quelli di gnome si appoggiano ad esso.

    Pulseaudio … calendari senza Santi e Festività perchè estirpati a forza se ne contano a migliaia ancora oggi 😀

    Quale sarà il prossimo mostro che partorirà ? 😛

    Riceverà mica lo stipendio “a progetto” ?? ^^

  • MarcoLinux

    Personalmente, come persona Torvalds non mi piace, non mi piace l’atteggiamento che ha con i suoi collaboratori ne tantomeno quello che ha nei confronti di tutti gli altri che sono coinvolti nei progetti legati all’Open, alzare delle critiche è normale se queste critiche sono costruttive, Nvidia avrà di certo trovato costruttiva la critica alzatagli, se no poteva anche segliere di piantare tutto e rimanere al sicuro su Microsoft, ma al di là di questo sono contro ogni forma di maleducazione e, ultimamente mi sembra se ne veda parecchia, se ne vede parecchia, anche in tv ( vedi programmi tipo Masterchef, bake off ecc. ecc.) e questo è decisamente un male, un male per tutta la società !!

    • Brau

      Per il discorso sui programmi TV, piuttosto che condannare chi fa questi programmi, io condannerei chi li guarda questi programmi, perché i creatori di questi programmi vedono che le “male parole” e li “mali modi” fanno ogni volta un botto di ascolti e quasi nessuno li critica, quindi si sentono autorizzati a continuare su questa strada…

      P.S.: Mi sentirei più offeso a guardare programmi che offendono intellettualmente piuttosto che verbalmente, ma è una mia opinione…

      • MarcoLinux

        Moretti in palombella rossa diceva ( e concordo col ragionamento) che : “Le parole sono importanti” puoi sentirti offeso verbalmente o intellettualmente ma il problema è che comunque sei stato offeso, questo a seguito di parole, perchè le parole sono Importanti, bisognerebbe pesarle prima di dirle !!

        • Brau

          Qua non è una questione di parole, ad abbaiare siamo bravi tutti, Linus
          può anche bestemmiare in klingoniano affinché risulti il più antipatico
          possibile, ma, come dicevi tu prima, “alzare delle critiche è normale se
          queste critiche sono costruttive”, e a me non risulta che Linus abbia
          abitudine di non esporre le sue ragioni dopo le sue sparate, a differenza di Poettering, che non sta lì a filtrare gli insulti dalle critiche come sarebbe bene fare, ma fa di tutta l’erba un fascio e mette sullo stesso piano tutt’e due, e per questo non è diverso dai trollacci che cita… Appunto perché le parole sono importanti, bisognerebbe prima peNsare…

          • Davide Neri

            Torvalds è talmente bravo a criticare costruttivamente che è dovuto ricorrere al dito medio per NVIDA, che tra l’altro è un Silver Member della Linux Foundation esattamente alla pari di Red Hat.

  • noespo

    Comunqe riguardo ai progetti:
    http://boycottsystemd.org/ , ed anche se l’articolo è un po vecchio http://insanecoding.blogspot.co.uk/2009/06/state-of-sound-in-linux-not-so-sorry.html

  • roberto mangherini

    Quando il trolling viene applicato a canonical nessuno ne parla?
    il fatto che intel rifiuti le pach per il supporto dei driver al server mir non è aggressivo come il rifiuto di linus alle path di sistem id? l’unico problema qui sono i trolls, presenti ovunque, che tirano acqua al proprio mulino ideologico.

    • Davide Neri

      Ma chi è il troll? Poettering? Perché del discorso della patch lui non ne parla proprio, le parole di Torvalds che riporta erano rivolte ad ALTRI kernel developers. Torvalds ha pure augurato incidenti stradali a chi progetta chip ARM che secondo lui non sono fatti bene.

      • roberto mangherini

        dal mio commento si evince che i troll sono chi insulta o ostacola, non era riverito a poettering.

  • sabayonino

    http://cgit.freedesktop.org/systemd/systemd/commit/?id=ce7b9f50c3fadbad22feeb28e4429ad9bee02bcc

    e vaiii … pure la console vorrà gestire systemd ? … al momento ci pensa il kernel …

    se salta l’userspace tanti auguri a tutti 😀

    se si va avanti di questo passo tutto verrà gestito da systemd ?

    • ale

      Si ma fra un pò anche il kernel sarà integrato in systemd, già adesso comunque udev fa parte di systemd quindi è già d’obbligo…

      • sabayonino

        😀 però poi se lo mantiene “potter” tutto il codice XD

  • ale

    Ma Linus ha anche ragione, systemd è diventato un mattone enorme e anche instabile che è diventato fondamentale altrimenti non va nulla, vedi gnome, insomma non è per niente una cosa in filosofia unix…

    Comunque in un più recente post su g+ mi pare che linus avesse poi detto che lui usa systemd e a parte per il fatto dei log in formato binario gli va anche tutto sommato bene

    • Davide Neri

      Systemd non c’entra niente con il post di Poettering, se l’è tirato fuori quello che ha scritto l’articolo.

  • ale

    Steve Jobs però aveva un carattere 10 volte “peggiore” di quello di Linus ed è stato considerato da tutti un dio, un rivoluzionario, ed in parte comunque lo è anche stato, mentre Linus se lo fa è un maleducato e basta…

    Insomma i personaggi famosi si ricordano anche per questo, guarda caso nella storia i personaggi che si ricordano sono quelli con un carattere forte, quelli che sanno imporsi insomma, nel bene o nel male, gli altri non faranno mai nulla…

  • Marco Baroncini

    Non serve essere «cattivi e maleducati » per ottenere dei risultati. Anzi, spesso vale l’esatto opposto. Linus Torvalds, che in ambito tecnico è sicuramente molto abile, mi pare un po’ più debole nella gestione di un gruppo di lavoro come lo può essere una comunità open, specialmente considerando che egli ne è a tutti gli effetti il rappresentante ufficiale. Fare un dito medio a NVIDIA o l’insultare uno sviluppatore non sono dimostrazioni di fermezza e capacità, ma di inadeguatezza nel gestire situazioni delicate.

    Per quanto riguarda le “minacce”, vere o presunte che siano, dimostrano semplicemente che l’intolleranza e l’ignoranza sono trasversali a qualsiasi ambiente, realtà, società. Vero è che se chi rappresenta un determinato ambiente, realtà o società fa dell’aggressività e della maleducazione medaglie all’onore fenomeni di degrado quali quelli denunciati altro non possono fare che aumentare ed inasprirsi. Con il rischio che, a lungo andare, si finisca per sacrificare l’ottimo lavoro di miglia di persone sull’altare dell’arroganza.

    Il tutto ovviamente non entrando nel merito tecnico della questione. Sono sicuro che Torvalds, da questo punto di vista, sappia quello che dice. Così come ne sia cosciente anche Poettering. Il problema sta nel come si dicono le cose.

  • Franz H. Blake

    La community non merita gente come Poettering. C’è una grave malattia tra gli utenti linux, il luddismo: kde4->kde trinity; GNOME 3->mate e cinnamon; Wayland->xorg è meglio; systemd->openrc è meglio; kdbus->il kernel non si tocca; bfs->non entra nel kernel.. Questo è luddismo, sta gente dovrebbe usare solo lfs, si vede che tutti gestiscono server o hanno tanto tempo da perdere al pc da voler passare il proprio tempo a risolvere problemi. E lo dice un user di arch linux + ubuntu: mi piace smanettare, ma voglio anche una distro che possa funzionare OOTB. Agli amici che si avvicinano a linux non posso dire che devono configurarsi il sistema via console..

    • Davide Neri

      Poi se uno di GNOME esprime la sua opinione riguardo all’uso dei fondi (un sacco di belle “iniziative” di divulgazione ma poco codice prodotto, basta guardare a 3.16 dove non c’è niente di nuovo) dopo viene censurato peggio dei pedofili…

    • jancu

      Quindi io sarei luddista perchè preferisco cinnamon a gnome 3?
      e da quando in qua il luddismo rappresenta il male assoluto?
      perchè invece il modernismo a tutti i costi, il modernismo che causa maggior inquinamento, maggior plastica invece è il bene assoluto?

      Io ho una certà età e ho capito che chi vede tutto bianco o nero è o troppo giovane o troppo stupido, spero tu sia solo troppo giovane.

      • Davide Neri

        Infatti, proviamo a fare le protesi interne di legno!

        • jancu

          minchia le risatone

          • noespo

            Forse non ridi perchè non hai colto l’ironia di chi in una frase ha sme..rdato tutto il tuo ragionamento sterile che hai concluso con una frase imbarazzante. Magari ancora adesso ti stai domandando cosa ci sia da ridere in ciò che ha scritto Davide perchè a te la sua sembrerebbe una proposta interessante. ahaha E’ vero che adesso c’è più inquinamento, ma puoi sempre pensare che in epoche antiche ad es. fra epidemie di peste, carestie, guerre, brigantaggio non se la passavo molto meglio.

      • Franz H. Blake

        Non è luddismo preferire cinnamon, è luddismo criticare qualsiasi tipo di innovazione. Qui non si parla di modernismo lato hardware, ma lato software. Sebbene crogiolarsi nell’abitudine sia consolante, non fosse stato per chi cercava di innovare useremmo minix. Qui si sta cercando di dare una parvenza di unità a un sistema operativo che, a chi si avvicina per la prima volta, appare disomogeneo. L’ottica unix “fai una cosa e falla bene” va benissimo per sistemi server, ma in un desktop devo avere l’impressionismo che tutto comunichi alla perfezione. Per questo systemd sta “centralizzando” lo sviluppo: 10 tool sviluppati contemporaneamente e in armonia rendono il tutto più omogeneo..

        • noespo

          Anche senza centralizzare si potrebbero lo stesso sviluppare 10 tool contemporaneamente e in armonia

          • Franz H. Blake

            Com’è stato fatto negli ultimi 15 anni.. Ah no aspetta, ognuno andava per conto suo, per questo ci si sta sforzando in questa direzione..

    • ihaveadrin

      Creare schifezze che sostituiscono buchi sistemici di sicurezza con altri buchi più eleganti == innovazione?
      Offrire un DE che pare wordpress per x.org, configurabile lanciandoci estensioni sopra == innovazione?

      In tal caso, fiero di essere un luddista, datemi i font mal rasterizzati e prendetevi il sudo daemon.

  • A. Creed

    Come si assolda un assassiono su tor?

    • EnricoD

      metti … AAA cercasi assassino, no perdi tempo

      • Giuliano

        lascia però un recapito…se no come ti trova?…:P

  • jancu

    sbaglio o avendo letto su altri siti uno o due giorni fa la news, quella riportata in questo articolo è totalmente sballata?

  • noespo

    Cmq mi fido più di Torvalds che di un dipendente Red Hat, azienda il cui presidente è un certo: http://en.wikipedia.org/wiki/Hugh_Shelton. L’NSA molto probabilmente vorrà infarcire i software di backdoor ed il fatto che siano opensource non aiuta, vista la complessità spesso voluta dei progetti ed il fatto che vogliano rendere il codice incomprensibile.

  • golden

    Aldilà della diatriba personale tra Torvalds e Poettering…

    Qualcuno saprebbe sintetizzarmi i termini della “questione systemd”?
    Ho letto qua e la di problemi legati alla privacy, backdoor, NSA e via dicendo…qualcuno ne sa di più?

  • sabayonino

    http://www.itwire.com/opinion-and-analysis/open-sauce/65652-no-interest-in-poetterings-problems-says-torvalds

    Torvalds in parole povere non vuole essere coinvolto in queste discussioni

    Il motto di torvalds è :

    “testa bassa e dito medio alto ! sempre ! ”

    😀 ahaaha

No more articles