Netflix arriverà in Italia nel 2015, solo se verrà migliorata ala connessione internet attualmente molto instabile.

Netflix
Netflix è un noto servizio web dedicato alla riproduzione di contenuti multimediali in streaming on demand attualmente disponibile solo per gli utenti statunitensi e in Canada, Sud America, Regno Unito, Irlanda, Svezia, Danimarca, Norvegia e Finlandia.
Il famoso servizio sta per sbarcare anche in Francia e Germania, per noi italiani invece dovremo aspettare (forse) il 2015, dato che il servizio ha dato un’anno di tempo agli operatori italiani per migliorare soprattutto la qualità della connessione internet.

A confermarlo è il portale Hollywood Reporter, che ha spiegato come il lancio del famoso servizio in streaming on-demand è stato rinviato al 2015, dato  che attualmente nel bel paese la qualità della connessione è pessima, inappropriata quindi a garantire un servizio stabile e di qualità fornito dall’azienda statunitense.

L’azienda aspetta di vedere una risposta dagli operatori italiani, che nel 2014 dovranno cercare di migliorare non solo il digital divide, ma anche la qualità stessa della connessione che attualmente è una delle peggiori in Europa( dietro di noi solo la Grecia).

Speriamo che Netflix e i tanti nuovi servizi in streaming come Mediaset Infinity, il nuovo SKY Online incentivino le aziende a migliorare la connessione internet, alla fine non serve avere la 100 MEGA solo in alcune zone, all’utente servirebbe una 7 / 10 Mbps stabile e soprattutto affidabile un miraggio per noi italiani.

Ringrazio il nostro lettore Paoolo (penso che abbia sbagliato a digitare il nome) per la segnalazione.

  • Giacomo Baiamonte

    Roberto sistema il titolo dell’articolo 😉

  • ale

    Si ma in italia non lo faranno mai… Una cosa solo però mi sono sempre chiesto,perchè con l’ avvento del telefono fisso ci hanno messo relativamente poco per fare arrivare un cavo telefonico in tutte le case (e al tempo la tecnologia era molto più arretrata ed era molto più difficile da fare quindi),mentre ora non riescono a fare lo stesso con la fibra ottica ? Anche perchè con la fibra ottica sarebbe molto più semplice,serve passare molti memo cavi,potrebbero semplicemente fare arrivare un solo cavo in fibra ottica in ogni palazzo o cabina a lato della strada,e li si mette un semplice switch da cui far partire 50 cavi ethernet da far arrivare nei vari appartamenti e case,e li uno se lo attacca al router che ha già e tutto funziona,così non servono nemmeno modem vari…
    E poi potrebbero anche iniziare a mandare in pensione il doppino telefonico,nel senso di non installarne più di nuovi nelle nuove abitazioni o dove viene sostituito,al massimo se uno vuole un telefono fisso gli si fornisce un piccolo apparecchio che costa anche poco che converte il segnale voip in classico segnale analogico se proprio vuole usare i telefoni che già ha e non vuole comprarsi un nuovo telefono voip
    E poi perchè ci mettono anche tanto a fare sto benedetto passaggio ad ipv6 ? si vede che la vendita degli ipv4 rende molto

    • la risposta è semplice alla telecom / vodafone / wind ecc costa meno metterti un palo con due ripetitori e venderti internet mobile a 1000000 MBS però per 1 Gb veduta a peso d’oro
      che non una fibra che richiede più soldi e fa guadagnare meno dell’internet mobile..

      al mio paese in banca, posta si viaggia con l’ISDN a 128 KB/S in molte abitazioni c’è ancora la 56KB/S nel 2014 ….
      Per fortuna che alcune aziende si sono incavolate e hanno acquistato un’antenna WiMax e si naviga bene finalmente
      l’adsl comunque da me come in molti altri paesini italiani non ci sarà mai

      • ale

        Ma infatti mi chiedo il senso della roba,ovvio è un bel business però non si può…
        E poi è ora che si sveglino anche quelli della comunità europea,ma possibile che danno mille multe per ogni sciocchezza all’ italia e non l’ hanno ancora multata per avere delle reti che fanno schifo (che oggi è fondamentale),bo non so dovrebbe essere un diritto avere una connessione ad internet decente,come la corrente elettrica e l’ acqua

        • Veramente in diverse zone d’Italia l’acqua degli acquedotti è avvelenata da arsenico, piombo, etc…

        • sabayonino

          si beh dai … ficcateci le multe … e poi chi le paga ? NOI !!! con i TUOI/NOSTRI soldi , con gli aumenti del carburante , gas etc … mica vengono trattenuti dalle buste paga di palazzo Chigi (che tra l’altro anche quelli sono soldi NOSTRI)

          …dai Europa multateci per bene … ci sono 60 milioni di C*uli a disposizione …

          • ale

            Le pagano le compagnie telefoniche… Telecom,vodafone,fastweb,infostrada,e chi più ne ha più ne metta,e le altre responsabili di non fare linee decenti…
            Dovrebbero fare una bella legge secondo cui se la tua adsl non rispetta la velocità indicata da contratto dovresti avere il rimborso della cifra spesa,mi pare strano che le varie associazioni consumatori non ci siano mai andati dietro a ste robe…
            Se no poi è inutile che si lamentano che in italia non si considerati per nulla sul piano della tecnologia e gli informatici vanno a lavorare tutti all’ estero,ma che cosa se vuole fare se ci sono reti che fanno schifo ?
            Abbiamo le peggiori reti del mondo…

    • no, il problema è tutto italiano, e passa per la privatizzazione di telecom (che non si capisce perchè siano stati privatizzati anche i cavi del telefono e non solo la compagnia), all’aumento della corruzione nel corso degli anni (oggi l’Italia, stando alle fonti ufficiali europee, produce circa la metà della corruzione europea), all’assenza totale di un piano supportato dal governo centrale, al fatto che negli anni in cui vennero diffusi i cavi del telefono c’era il boom economico, e infine in quegli anni non si badava allo spread… si faceva debito pubblico su debito pubblico e basta, scaricando tutto sulle generazioni future. (cosa che continuiamo a fare, come tutti i Paesi del mondo, ma siamo vincolati dall’Europa a farlo di meno)

      In realtà queste sono le cause del 99% dei problemi italiani

      • ale

        Si ok però va bene lo stato non ha soldi da investire e qua e la,però quando c’è stato il passaggio al digitale terrestre giù miliardi per cambiare i trasmettitori (soldi comunque anche pubblici essendoci di mezzo anche la RAI),inutilmente fra l’ altro,perchè non fregava niente a nessuno di avere la tv digitale tramite antenna,dato che c’era già il satellite e quasi tutti avevano già un antenna satellitare,e in ogni caso un investimento inutile,dato che le trasmissioni televisive via onde radio non dureranno penso più di altri 10 anni,fra un pò sarà tutto in streaming…
        Oppure non so di miliardi buttati via per fare opere totalmente inutili,che non servono e che non serviranno mai,e che non si ripagheranno mai con il tempo…
        Invece quando si tratta di fare una rete in fibra ottica,fra l’ altro investimento importante e che si ripaga col tempo (dato che teoricamente la fibra non si deteriore con il tempo,e che in caso di cambio di tecnologia per avere reti più veloci basterebbe cambiare gli apparecchi di ricezione/trasmissione e non il cavo in se),allora nulla,che poi io sono disposto di pagarla anche 50/60€ al mese una connessione in fibra ottica se arrivasse…
        Ma quello che mi chiedo è perchè continuano ad installare doppini telefonici ? Cioè se fai un condominio non costa meno far arrivare un solo cavo di fibra ottica da 10Gbit,mettere uno switch e far partire 20 cavi ethernet che vanno nei nuovi appartamenti piuttosto che mettere 20 doppini che vanno da ogni appartamento alla centrale ?

        Va be forse fra 20 anni avrò la fibra ottica,intanto non mi resta che sorbirmi il fascino di quei bellissimi pali telefonici di legno della telecom vecchi di 40 anni su cui passano i doppini,sperando che non cadano per un temporale se no addio internet per settimane (conoscendo i tempi per la riparazione guasti telecom)

        • Non è che lo stato non ha soldi, è che vengono investiti solo in corruzione

    • Gustavo

      ti rispondo: non c’è domanda.
      voi partite dal presupposto che tutti gli italiani siano in fregola per avere la connessione veloce, invece agli italiani NON FREGA NIENTE.
      Il 50% non userà mai internet, un altro 30% si accontenta di guardare il meteo sul telefonino.
      Quindi i gestori fanno grassi affari elemosinandoti 1 giga al mese a prezzi folli, e i servizi cavo (costosi) rimangono al palo (ma pure il 4g).
      L’italia come paese dovrebbe investire sulle strutture, ma si preferiscono gli stipendifici che portano voti

      • ale

        Si be che il 50% della gente non usa internet no,forse gli anziani,quasi in ogni casa c’è la connessione ad internet…
        E poi che non c’è domanda lo dici te,per esempio vicino a dove abito ci sono certe zone in cui ci sono polemiche che vanno avanti ormai da anni perchè non arriva bene l’ adsl,del tipo paghi per 7 mega e ne arrivano 1/2 quando si è fortunati,in certe zone più sulle colline funziona male perfino il telefono di casa,in certe zone nemmeno arrivano i fili…
        E poi comunque guarda anche le aziende,come può un ufficio lavorare con un adsl poco affidabile ? Se in un ufficio non va internet non si può lavorare…

        Il problema è anche le legge,se in altri paersi uno fa un contratto per un adsl a 20 mega e ne arrivano la metà perchè i loro cavi fanno schifo la compagnia telefonica si becca una bella multa,in italia invece possono fare quello che vogliono…

  • Kraig

    la telecom nel 2000 è stato dato una grande somma per cambiare tutte le linee d’italia con le fibre ottiche per altro già pronte all’uso, ma non l’ha fatto, si sono mangiati i soldi. gente corrotta e all’epoca gran parte dell’azienda la gestivano i politici come azionisti. vedere il video della conferenza della telecom in cui viene dato la parola a grillo, cose da venire la pelle d’oca.

  • Alessandro

    Io ho già risolto con il wimax, quindi siete pregati di venire e in fretta, Netflix cari!

    • wesbluemarine

      Per curiosità, a che velocità scarichi?
      Con che compagnia sei? 😀

      • Alessandro

        Col contratto di base a 4 megabit al secondo (circa 500 Kb/s); ora mi han fatto un’offerta per cui arrivo fino a 20 megabit al secondo (circa 2 Mb/s) fino 20 Gb scaricati. La compagnia è Ngi, l’ho già raccomandata a 2-3 persone e si trovano bene anche loro.

  • loki

    ma chi li vuole… vado benissimo col plugin di streaming torrent di xbmc…

    • Quoto. Ho provato il servizio quand’ero in Brasile e di certo lì la connessione è ancora più schifosa di quella italiana.
      Non è certo per via della connessione a internet che ritardano.
      Per me è una boiata.
      Come hai detto giustamente tu… non ne abbiamo bisogno.

    • -.-

      questa si che è la bella mentalità “pizza mafia e mandolino” che ci aiuta ad essere rispettati all’estero…

      • loki

        ne riparliamo quando non esisterà più la mafia chiamata siae, ok?

    • matteo

      non dimenticare popcorn time:)

  • eticre

    concorrenza a me.daset!!! non sia mai!

  • Max Franco

    anche nelle città e zone metropolitane ci sono parecchie centrali che garantiscono a stento due mega…. questo è vero.
    però pare strano che un fornitore di servizi rinunci ad un bacino da milioni di utenti perché non può raggiunge la maggior parte della popolazione.
    in fondo se anche potesse servire solo il 20% delle famiglie, sarebbe comunque un bacino di quattro milioni di utenze (supponendo 20 milioni il numero di nuclei familiari in italia).
    se così fosse non avrebbe dovuto nemmeno entrare in danimarca, che ha solo 5,5 milioni di abitanti….
    insomma, qualche stranezza c’è….

    • sabayonino

      se offre il servizio , dovrà sfruttare la connessione installando un minimo di infrastruttura necessaria , server etc … con relative spese … se poi fa cilecca ? soldi buttati …

      Ecco che torna alla ribalta il fattore “investimenti dall’estero” …tra burocrazie , arretratezza tecnologica (…ci sono ancora paeselli con il modem analogico !!! ) , chi si fida ad investire qui se non c’è un qualche ritorno economico ?

      PS : ma è una battuta ? … 2015 ? … manca la cigfra delle centinaia ^^

  • io

    quanto sono confortanti queste notizie.. Sarebbe un po’ come se venisse proposto un nuovo modello di automobile il quale però non potrebbe essere distribuito qui da noi a causa delle strade dissestate (cosa nemmeno troppo lontata dal vero)

No more articles