Lenovo non si ferma più, l’azienda produttrice cinese sembra interessata anche all’acquisizione della sezione computing di Sony.

Lenovo
Lenovo è un’azienda cinese che sta riscuotendo un notevole successo in tutto il mondo, dopo essersi confermata leader nella produzione e commercializzazione di personal computer (grazie anche ai modelli ThinkPad), ha recente acquistato la divisione server di IBM e Motorola da Google. In pochi mesi Lenovo ha sborsato più di 5 miliardi di dollari (2.3 miliardi di dollari per la divisione server di IBM e 2,91 miliardi di dollari per l’acquisizione di Motorola da parte di Google) e si prepara a spenderne molti dato che l’azienda sembra intenzionata all’acquisizione della divisione computing di Sony famosa in tutto il mondo soprattutto per il brand Vaio.

Attualmente non c’è ancora nulla di confermato anche se i rumor circolati in rete sembrano indicare che le due aziende siano ormai molto vicine all’accordo. Il brand Vaio è un marchio tra i più conosciuti ed apprezzati nel mercato dei pc portatili, anche se le vendite non sono mai state elevate,  tra le principali caratteristiche troviamo il design ricercato ed un hardware di fascia medio alta. Per Linux i portati Sony Vaio in questi anni hanno riscontrato notevoli problemi riguardanti soprattutto il supporto audio, touchpad non correttamente supportato e altri problemi vari. L’arrivo di Lenovo potrebbe portare tanti nuovi modelli di Vaio dall’hardware in grado di offrire un maggior supporto per Linux come accade attualmente per i ThinkPad, inoltre l’azienda cinese rilascia anche diversi modelli FreeDos o con Linux preinstallato.

Staremo a vedere se arriverà l’acquisizione della divisione computing di Sony da parte di Lenovo, notizia che farà felici molti utenti Linux, che amano il brand Vaio.

  • Ilgard

    A me farebbe molto infelice invece: non è mai bene che un’azienda compri tutte le concorrenti e Lenovo sta acquistando un po’ troppo per i miei gusti.

    • Fabio

      Sono molto d’accordo con te, ma per ora Lenovo fa dei signori pc, molto meglio di altre marche ben più conosciute al grande pubblico. E questo, scusate l’OT, è il capitalismo che in fondo è anche da ammirare, un’azienda che non naviga a vista ma ha dei piani industriali a lungo termine e ci investe rischiando in prima persona, senza attendere aiuti di stato o altro (chi ha detto Fiat?). Poi x carità, vanno considerati anche tutti i lati negativi che questo si porta dietro, eh?
      Ciao

      • Ilgard

        Non dico che Lenovo faccia cattivi prodotti, dico che per il consumatore è pericoloso se un’azienda diventa monopolista del mercato (noi italiani dovremmo saperlo bene). In special modo se l’azienda è cinese e quindi può venderti pc pieni zeppi di backdoor e quant’altro.

        Comunque, per quanto al momento Lenovo sia poco controllata dal governo (a quanto si sappia), visto che si parla di totalitarismo e che mediamente facciano come pare a loro a prescindere dalle regolamentazioni vigenti, nulla vieta che di punto in bianco Lenovo diventi una società controllata direttamente dal governo cinese.

        • N-Di

          dai ma perfavore con ste backdoor, non celo` con te e` una cosa piu in generale

          ma sono cosi tanto di moda che un commento si e l’altro anche quello dopo forse, ci troviamo sta parolina, ma fa` cosi tanto fighi che ormai se ne sta facendo un uso e abuso?

          • Ilgard

            Leggi sopra (la risposta a OrdoXenos).
            Comunque che ci siano è un dato di fatto, quanto poi si ritenga grave il problema è una questione a parte.

        • E allora i prodotti americani che hanno? un infiltrato della NSA direttamente dentro? Ora è partita la moda dei cinesi con le backdoor… quando sono ben altri che ci “controllano”…xD

          • Ilgard

            Ma Sony è giapponese 😐
            Comunque non ho mai detto che l’NSA faccia bene a mio parere, infatti il problema principale che ho enunciato è puramente di tipo economico.

    • Gio

      google invece andava bene? perchè preferisco una lenovo a una google considerando il potere che ha quest’ultima.

      • Ilgard

        E chi ha mai detto che Google vada bene? A me già rompe che sia più o meno ovunque.
        Io poi smartphone e dispositivi Google non li comprerei mai perché sono sempre lì a cercare di costringerti ad usare i loro servizi.

        • Gio

          meno male, perchè ultimamente a leggere qui dentro i commenti pareva che google fosse l’unica azienda valida che andasse supportata…se è così mi scuso per aver pensato male.

          • Ilgard

            Apprezzo Google per diversi servizi ma non li adotto a priori e non mi piace ritrovarmela ovunque. Soprattutto trovo che negli ultimi anni abbia cercato di fare troppe cose finendo per farne molte qualitativamente scadenti o comunque poco all’altezza delle aspettative.
            Tra l’altro poi non mi va a genio che ci si facciano gli affari miei di continuo, né che mi si iscriva a servizi che non mi interessano.

            Poi, non ho timori ad affermare che sono prevenuto verso i cinesi. Non amo particolarmente gli americani, soprattutto per quella loro generale aria di arroganza del tipo “il nostro metodo è migliore a priori”, ma li preferisco comunque ai cinesi.

          • Gio

            sai cosa penso io? che google è la nuova Ms degli anni 90 che con la scusa che usa prodotti basati su linux e li fornisce gratis si vuole prendere le simpatie di tantissimi utenti…ma alla fine è la stessa identica pappa anzi pure peggio, perchè Ms col tempo è migliorata tantissimo e in questi ultimi anni ha fatto passi avanti incredibili per qualità generale mentre google è come era ms all’inizio, con prodotti fallati e poco curati.
            Io sono prevenuto verso i delinquenti, il colore della pelle o le origini di chi produce prodotti non mi hanno mai interessato.

          • Ilgard

            Non sono prevenuto verso i cinesi per motivi razziali o etnici, ma per motivi politico-culturali. Non sono generalmente avvezzo a sovvenzionare totalitarismi, senza contare che non mi piace il loro atteggiamento praticamente in nessun ambito.

            Comunque no, Google non è come Microsoft che ha sempre venduto prodotti scadenti imponendoli con la forza. Lo fa anche ora: sono fatti meglio rispetto a quel che vendeva anni fa, ma vengono comunque imposti perché altrimenti non se li filerebbe nessuno (chi è che comprerebbe Windows 8 a 100€ a licenza?).
            Senza considerare che Google almeno vende quasi sempre prodotti open source invece di creare un nuovo ecosistema chiuso.

          • Gio

            Sinceramente a me non piace l’atteggiamento di tantissimi paesi a livello mondiale, ma questo con i prodotti fatti da varie case che sono nate in quei paesi, che siano giapponesi o cinesi o americane non mi interessa particolamente…perchè in quelle case che producono questi prodotti ci sono tantissime persone diverse per mentalità oltre che di nazionalità diverse.
            No google è esattamente come Ms, che se all’inizio vendeva (ma ci doveva essere qualcuno che li comprava….e sono stati tantissimi perchè i prodotti linux dell’epoca erano troppo per “esperti”) prodotti scadenti a prescindere che li imponesse o meno, dopo win xp ha fatto un salto di qualità notevole…google invece proprone roba scadente e impone allo stesso modo con altri metodi i suoi prodotti scadenti.
            Ad oggi ms avrebbe sul mercato prodotti scadenti? in che universo scusa? e quali sarebbero questi prodotti scadenti? windows? office? wp? xbox? mi paiono tutti ottimi prodotti per come funzionano…windows 8 è un ottimo os e vale tutti i soldi spesi, per come è realizzato e per quello che offre a livello compatibilità e fruizione…è meglio anche delle mille distro di linux a dire il vero (da ubuntu a suse) che ultimamente si sono appesantite e hanno perso compatibilità con tanti hw, vedi ubuntu e problemi con stampanti e router, meglio anche di mac osx che con le ultime due versioni dell’os si è appesantito peggiornado la fruibilità, anche se ammetto che con mavericks che è gratuito è un passo avanti…..ad oggi ms e prodotti che produce possono essere considerati validi e valgono i soldi spesi.
            I prodotti google che siano open source o chiusi a me utilizzatore frega nulla, devono funzionare…per questo prima usavo linux perchè funzionava meglio di windows…oggi non è piu così e che sia chiuso o aperto tranne la solita guerra di religione riguardo questa situazione che puo interessare o meno (la rispetto ma non la condivido per nulla) quello che ho sono prodtti scadenti…da android a chrome, solo alcune cose si salvano come g document, troppo poco per me.

          • Ilgard

            Mah, la mia esperienza personale con i prodotti Windows è molto diversa (anche con quelli Linux a dirla tutta, che in media mi funziona meglio di Windows). Ed anche per quanto riguarda Google: i progetti scadenti sono stati abbandonati e quelli che erano scadenti li hanno migliorati. Android in passato aveva svariati problemi e Google dovette addirittura scusarsi per la versione 3 (ma lì la colpa non fu sua). Dalla 4 però i miglioramenti ci sono ed ormai gira fluidamente su tutti i dispositivi in commercio (a patto che produttori evitino di inserire robaccia inutile). Chrome non vedo come lo si possa definire scadente, visto che è stato per molto tempo il miglior browser in circolazione in tutti i benchmark finché la concorrenza non si è svegliata ed è tutt’ora in testa in molti settori.

            Per Microsoft, Office viene venduto a prezzo troppo elevato per quella che è l’attuale situazione, senza considerare le limitazioni varie imposte alla licenza. Windows 8 invece è una porcata: di per sé è come il 7 solo che hanno aggiunto roba brutta ed inutile. Per dire, prima a cena due miei amici parlavano dei problemi di Windows 8, problemi che in parte ho riscontrato anche io (la resa estetica scadente in fullHD non l’ho notata perché non ho uno schermo full HD), tra i quali ci sono la lentezza esasperante delle app Metro (ed i miei amici hanno portatili di fascia alta mentre io ho un rottame), la rottura di doversi creare un account Microsoft per usare il pc (già è palloso sul telefono, qui è anche peggio), dubbie scelte dal punto di vista del design (5 minuti buoni per trovare il modo per spegnere il pc) ed un mio amico si è ritrovato con metà driver mancanti una volta passato ad 8.1. E non dimentichiamoci Windows Updater che continua ad essere una piaga.

            Poi a me si blocca spesso, ma può essere colpa del fatto che ho il pc che è un rottame (anche se Ubuntu mi si blocca raramente). Tutto questo poi per la modica cifra di 100€ (ed anche qui limitazioni d’uso, ad esempio sul numero di installazioni). E comunque no, dopo XP c’è stato Vista che era pessimo come prestazioni, quindi direi che gli unici prodotti riusciti sono XP e 7. Gli altri li vendeva perché Gates fece un accordo con IBM che ai tempi era quasi la monopolista del mercato, senza considerare pratiche piuttosto sporche che negli anni ’90 portarono quasi allo scorporo dell’azienda.

            ps: nelle aziende cinesi ci lavorano cinesi, a ritmi disumani e senza il benché minimo rispetto per i diritti umani, cosa sottolineata dall’alto numero di suicidi.

          • Gio

            io la penso all’opposto…google di solito chiude anche prodotti validi,
            vedi reader, e quelli che ci sono non è che sono chissa cosa tranne un
            paio…sono oltre 10 anni che esiste a certi livelli e tranne il fatto
            che sia gratuito per il resto è davvero poca roba.
            chrome ha problemi
            di pesantezza, problemi con il plugn di flash e problemi con estensioni
            varie che spesso crashano…chromium è leggermente meglio ma ad oggi un
            FF è come funzionalità ancora superiore.
            android che uso per lavoro
            (altrimenti ho altro) con un nexus è ancora oggi dopo 5 anni
            manchevole…pesante, buggato, povero di stile e nell’esperienza
            d’uso…se non fosse per samsung sarebbe davvero pochissima roba…ha
            solo 2 cose davvero ottime a livello di os, ma per il resto ios è ancora
            avanti e wp un ottimo compromesso.
            office a 79 euro offre molto di
            piu di OO o LO o IW, le limitazioni che ha (mancanza di access) sono
            minimali in confronto a quello che da.
            Win 8 e 8.1 sono ottimi nella
            sezione desktop, hanno migliorato con aggiunte quello che avevi su win7,
            in piu con metro ui e apps relative lo puoi usare per cazz***o in modo
            piu semplice senza dover cercare programmi o sfogliare esplora
            risorse…il fatto che le apps si ricarichino è dovuto non al pc ma
            scelte di ibernare come avviene su smartphone le suddette per non pesare
            sulla ram…io francamente non ci vedo tutto questa lentezza, quando ci
            clicco tempo 3 sec e sono di nuovo funzionale…altrimenti li metto di
            lato vicino al desktop se le sto usando.
            con win8 hanno aggiunto la
            variazione dei dpi alle icone per poterle meglio visualizzarle…faccio
            uso per lavoro di un monitor ultrahd anche a casa (un eizo) e non ho mai
            riscontrato problemi… http://www. webnews.
            it/2013/07/16/windows-8-1-alta-definizione-anche-sui-display-4k/
            win
            vista dopo il sp1 è diventato un ottimo os, stabile e funzionale…se
            uno poi voleva farlo girare con 1 giga di ram perchè su win xp
            funzionava bene…beh problemi suoi.
            win xp lasciamolo perdere per
            favore, definirlo un ottimo os è una bestemmia…si appesantiva dopo 3
            mesi dall’uso per l’installazione di 3 programmi.
            gates fece bene a
            fare un accordo con ibm…lo ringrazierò sempre, all’epoca se seguivamo i
            guru come jobs o stallman sarebbero rimasti 4 gatti a usare il pc, chi
            era programmatore e chi aveva soldi…è grazie a ms che abbiamo visto i
            primi pc nelle case delle persone…che poi avesse prodotti scadenti è
            indubbio ma grazie a lui almeno potevamo comincare a usare un pc senza
            sapere come fnziona, un po come con le auto che non necessariamente devi
            sapere come funziona il motore per andarci a are la spesa….tant’è che
            linux si cominciò a diffondere veramente solo con ubuntu e versioni di
            linux semplici da configurare…se non avessero pensato a fare mille
            mila fork ad oggi sarebbe almeno al 5% del mercato con ubuntu.
            le pratiche sporche poi, sinceramente credo ci siano ovunque, sopratutto da parte delle grandi aziende.
            non
            confondere i lavoratori cinesi nelle fabbriche con i dipemdenti che che
            progettano il prodotto, se per questo allora anche la nike fa cucire
            scarpe e palloni agli adolescenti…ed è americana.

          • Ilgard

            Non capisco come mai Disqus ogni tanto scleri e modifichi la formattazione del testo. Per leggere il tuo post mi sono dovuto impegnare e non è la prima volta che mi capita.

            Comunque, Android io lo uso su un Sony ed è meritevole come SO. Sia la struttura che il framework sono valenti, i problemi principalmente riguardavano l’ottimizzazione che dalla versione 4 è arrivata sempre più pesantemente. Il grosso problema di Android sono i produttori che spesso inseriscono app fatte male e con secchiate di bug. iOS è avanti esclusivamente dal punto di vista delle prestazioni ma perché gira in codice nativo e non virtualizzato. Google ha pensato anche a questo e dalla 4.4 Android ha una nuova virtual machine strutturata diversamente (per ora solo in beta comunque).

            Per quanto riguarda IBM non è vero: lei cercava qualcuno che avesse un sistema operativo da mettere nei loro pc, Gates aveva contatti con IBM grazie alla famiglia (la madre mi pare conoscesse qualche dirigente) e ne approfittò dando loro un sistema operativo che lui aveva a sua volta comprato da un altro. Lui ebbe una capacità notevole di prevedere il mercato, ma a parte questo non fece nulla. È grazie ad IBM che ci sono pc ovunque.

            Per tutto il resto la mia esperienza personale è totalmente diversa: Vista necessitava del secondo service pack per funzionare bene (io lo ebbi direttamente lo primo SP tra l’altro), le app di 8 sono una mazzata in quanto a rapidità. Office è migliore solo in alcuni aspetti, nemmeno troppi, e per la maggior parte di parla di aspetti irrilevanti per l’utente medio.

            Xp per i tempi era buono, soprattutto visti i predecessori. In termini assoluti Microsoft ha fatto buoni sistemi operativi da 7. Tutto quel che è venuto prima era un troiaio.

            ps: con Flash il problema non è Chrome, è Flash che fa schifo di brutto (i plug-in tra l’altro non mi pare siano di Google). Fortunatamente sta sparendo dalla circolazione.

            pps: nei casi di aziende americane, “solo” la produzione dei pezzi è fatta in Cina, il resto lo fanno negli USA. Per quanto mi riguarda è comunque troppo, in ogni caso una azienda cinese fa tutto in Cina ovviamente.

          • Gio

            mi spiace per il testo, vediamo se modificando e ripresentandolo…
            per android, io trovo che sia quantomeno sbagliato che si sia dovuto giungere alla 4.4 (lo hanno i nexus e solo quelli) per poter migliorare un prodotto nato male…che poi abbia una base buona nessuno lo mette in dubbio, è tutto il resto il problema….ios e wp sono parecchio avanti, e questo non è positivo visto che wp (che uso come principale) ha un 6% scarso e ios sta su un solo dispositivo al 20% scarso.
            ibm…poteva rivolgersi a chinque altro, non esisteva solo ms…il vantaggio è stato quello di non aver usato os che bisognava avere conoscenze in materia per poter usare…anche se windows iniziale era tutto tranne che valido.
            per il resto su prodotti ms, non so che dire…presi un portatile nel 2008 con win vista sp1, tolti i crapware formattando e mettendo win vista pulito sopra usando la key sotto il portatile dopo 3 mesi di uso il pc è andato avanti per anni senza un minimo problema…era un core due duo da 2.0 gigahz e 2 giga di ram, neanche a dire che fosse chissa che.
            le apps a me funzionano bene, potrebbero essere migliorate? sicuramente…ma funzionano e fanno il loro lavoro quando usate per cavo***e come vedere film, leggere notizie, fb e roba similare.
            office ad oggi sarà l’abitudine non riesco a sostituirlo con LB che ho montato per provarlo…mi spiace davvero ma da excel a word a pp io trovo differenze notevoli, persino Iw di apple è meglio di OO e LO.
            per me MS ha fatto ottimi os da vista in poi, 7 e 8.1 sono davvero prodotti validissmi..ma immagino siano pareri personali.

            No google ha un plug-in interno per flash, fa schifo piu di quello proprietario adobe….per dire, IE11 che uso su win8.1 se non fosse per le estensioni mancanti sarebbe persino meglio di chrome…e ho detto tutto.

            se tu parlavi di sfruttare i lavoratori, allora anche le aziende americane sfruttano i cinesi il discorso non cambia.

          • Ilgard

            È irrilevante quanto ci abbiano messo, quel che conta è l’attuale prodotto che è validissimo. Anche iOS all’inizio faceva schifo, vendeva giusto per assenza di concorrenza. E Microsoft invece è arrivata in una situazione nettamente migliore a livello di potenzialità quindi si è trovata con la pappa già mezza pronta.
            Il problema di Android poi dipendeva anche dai produttori (che ad esempio forzarono Google a far uscire Android 3 per mettere qualcosa nei tablet nonostante non fosse pronto).
            E WP ha il 6% del mercato perché il suo store è ridicolo in confronto a quello di Google ed Apple ed è il parco app che fa davvero la differenza.

            IBM poteva rivolgersi ad altri, ma perché farlo se l’amica imprenditrice di un dirigente (o quel che era) aveva già la soluzione? Gates non aveva idea di come si scrivesse un sistema operativo, solo che sapeva da chi comprarlo. La madre gli disse che IBM cercava un sistema per i suoi pc e Gates colse la palla al balzo. Fu scelto perché arrivò per primo, niente più.

            Il plug-in interno di Chrome non ricordo se venga sviluppato da Google che di per sé è poco interessata a flash. Comunque io ho avuto problemi solo in alcune distro Linux con quel plug-in. Inoltre tutto il resto di Chrome funzione alla grande (anche se io lo uso saltuariamente, di norma uso FF).

            Sì, anche gli americani sfruttano i cinesi, infatti li ho definiti poco migliori. Loro però li sfruttano perché volenti o nolenti ne hanno bisogno, il governo cinese invece non fa nulla per migliorare le condizioni dei suoi operai. Anche perché il problema non è tanto il costo dell’operaio (il NY Times fece una ricerca interessante a riguardo l’anno scorso o due anni fa), quanto più la disponibilità di un’elevatissima quantità di manodopera.

          • Gio

            Perdonami non sono un programmatore, ma validissimo dove android? ma per favore su…vogliamo parlare dell’usabilità di un prodotto pieno di ridondanze e senza una linea guida chiara per le impostazioni delle singole apps per fare un esempio? o dei problemi di blocchi e crash di apps? e non parlo di chissà che smartphone, ma di prodotti samsung sia smart che tab, dai su che di ottimo non ha nulla se non le basi che con i nexus (anche quelli con i loro bei problemi) vengono anche valorizzate ma sono davvero poca cosa.
            ios rimane ancora oggi con alcune lacune incmprensibili al pari di wp, ma all’inizio (primo anno) mancava di cose basiche ma era già un paio di gradini avanti a android, che ricordiamolo è uscito un anno dopo con le medesime mancanze di ios e con la sola aggiunta di un mt decente.
            wp è uscita dopo ma è completamente diversa, quindi di pappa pronta non ha avuto nulla…se fosse stata una mezza copia di ios, stile android, allora sarei stato d’accordo…anche lui manca di funzioni basiche, ma come ios ha una base e una coerenza migliore nell’uso.
            android è già di suo problematico, poi c’è il discorso produttori….ma di suo i problemi che solo oggi, ripeto dopo 5 anni, ha colmato in larghissima parte.
            wp ha le apps piu comuni e piu usate (perchè non venirmi a dire che il 90% della popolazione usa apps specifiche per uso del gps )che hanno tutti tranne quelle google come earth e poche altre…ma dopo 3 anni direi che ci può stare, sta al 6% per altri motivi extra apps, è windows (quindi vista a prescindere come pessimo) è diverso come interfaccia (quindi non ci sono le solite icone stile ios che piacciono a chi vuole un iphone ma non puo permetterselo) è messo su pochissimi prodotti di varie marche.
            Ibm poteva rivolgersi ad altri…fammi i nomi, perchè se parliamo di prodotti piu recenti cioè metà anni 90, hanno provato a fare pc con linux e a venderli ma non hanno avuto riscontri di mercato soddisfacenti.
            poi se vuoi metterla sul complotto e sul discorso tipico italiano di conoscenze e racomandazioni, fai pure…ma non se se conviene.
            fu scelto, cosa che non si riesce a capire, perchè aveva un prodotto che anche con mille mila problemi era vantaggioso per chi lo comprava e per chi lo vendeva sopratutto.
            beato te con chrome….davvero io solo problemi di pesantezza, plug-in, estensioni e blocchi.
            un azienda che sia cinese o americana è sempre un azienda e sfrutta chiunque per fare soldi…volenti o nolenti sfruttano e lo fanno come fanno i cinesi a casa loro, non cambia nulla.

          • Ilgard

            Veramente il framework è decisamente valido ed offre linee guida in tutto. Quasi tutte le app hanno le impostazioni accedibili allo stesso modo a meno che lo sviluppatore decida diversamente, sinceramente non capisco a cosa tu ti riferisca.
            Per blocchi o crash di app, a meno di non prendere app fatte male (e la colpa lì non è di Android), si parla di casi davvero rari (ma che terminali usi? 😐 ). E non ti credere che Samsung sia questo chissà cosa a livello software: ho sentito di diverse lamentele a riguardo e lessi di bug piuttosto critici in alcuni casi.
            I Nexus sono comunque i prodotti che meglio evidenziano le qualità di Android proprio perché privi di personalizzazioni. Sinceramente le uniche critiche che ho letto a riguardo parlavano della fotocamera (che poi è stata patchata, senza considerare la possibilità di scegliere altre app).
            L’unico reale problema che ha per ora Android riguarda le prestazioni su terminali di fascia bassa, problema generalmente risolto, per il resto non ne ha di rilevanti.
            Ed anche dal punto di vista estetico criticare Android è assurdo: è totalmente personalizzabile e lo si può far diventare come si preferisce (anche come WP). E lo stile base non è tanto quello di iOS, quanto quello di un qualunque sistema ad icone (non è che la dash di Unity o la Shell di Gnome 3 siano diverse eh, è la stessa cosa). In Windows Phone hai solo le icone che vengono trasformate in quadrati flat, fine. Niente di così trascendentale.

            Ti sbagli su IBM: ai tempi Linux non esisteva nemmeno: si parla del 1980, non del ’90. Il mercato dei sistemi operativi era ridottissimo. La IBM ne cercava uno, Gates aveva contatti con la IBM e si accordarono con lui perché chiedeva poco (3$ ogni pc venduto, che per IBM sembrava un affare quando invece ci persero un sacco di soldi). Niente complotto, semplice economia (e storia, basta andarsela a cercare).
            I prodotti con Linux non vendevano molto ma non c’entra niente la qualità intrinseca di Windows: erano sconosciuti (nel mercato va forte quel che si conosce, per questo siamo sommersi da cloni) e perché aveva la nomea di un prodotto difficile da usare (vero, tra l’altro). Niente di più, niente di meno.
            Inoltre Windows era riuscita ad entrare nella casa di tutti, così da diventare un quasi monopolista del mercato (con il famoso risultato del braccio di ferro tra Gates e l’anti trust).

          • Gio

            ho un commento in attesa di essere moderato per un link esterno.

  • stato e capitale

    Si può dire lo stesso delle aziende statunitensi, e allo stesso modo in cui Lenovo può da un giorno all’altro essere “controllata dal governo cinese” sappiamo per certo che le compagnie USA SONO controllate dal loro governo, e che sono mantenute in posizione dominante dalla stamperia federale che compra qualunque junk bond esse emettano. È un gioco di equilibri, devi scegliere cosa far controllare a chi, ma non credere che esistano aziende leader di settore che non rispettino precise indicazioni dei loro governi. (Tolti forse gli usa dove non si capisce chi dia gli ordini a chi, se le aziende allo stato o viceversa)….

    • Ilgard

      L’unica reale differenza è che comunque l’Europa ha un certo potere decisionale sulle aziende USA che non sono state molto contente dello scandalo NSA (perché a loro non ne viene nulla).
      Questo potere verso le aziende cinesi non c’è, quindi al momento c’è un certo squilibrio di potere.
      Poi personalmente auspico alla nascita di aziende europee per la produzione e la vendita di dispositivi informatici, ma pare che tutti dormano.

      • Fabio

        Cavolo quanto hai ragione! Hardware europeo praticamente non ne esiste, c’era Nokia ma che brutta fine che ha fatto. Eppure è un settore strategico, possibile che nessuno se ne accorga?

        • mancio

          La rincorsa al profitto facile ha fatto perdere la bussola a molte società. Pensare che ci sono backdoor anche nei frigoriferi samsung !!!

          • Ilgard

            Vero, lol.

        • Ilgard

          Eh, non è così semplice però.
          Per avere fabbriche atte a costruire microchip, oltre ad un grosso investimento iniziale, è necessario accaparrarsi diritti sulle miniere e l’acquisto dei vari minerali rari necessari ai chip, che tradotto significa passare quasi esclusivamente dalla Cina.
          A livello Europeo è tutto fattibile e si potrebbe tirar su un’azienda che sviluppi dispositivi usati di default dalle stesse aziende europee tramite contratti (del tipo “io ti tengo in piedi l’azienda grazie a finanziamenti e tu di contro mi eviti di siglare accordi con altre società per la fornitura di dispositivi elettronici da dare agli impiegati, che so, del parlamento europeo”). Diciamo che con le dovute accortezze ci sarebbe la possibilità di generare subito un mercato che verrebbe ampliato grazie al settore marketing facendo leva sul fatto che i dispositivi europei sono fatti secondo le leggi europee sulla privacy e quindi superiori a tutto ciò che la concorrenza possa offrire a riguardo.
          Tuttavia, ora come ora, è tardi: l’era del silicio volge al termine e con essa sarà necessario riorganizzare le aziende per quello che verrà. Spero che il materiale del futuro dipenda da risorse più comuni sul globo ed una volta che il mercato avrà deciso cosa si userà per andare avanti, allora anche l’Europa potrà inserirsi in un mercato dove partono tutti più o meno allo stesso livello.

  • E’ bello come tanti parlino di violazioni di privacy etc e poi hanno un profilo facebook, un blog personale, usano whatsapp o line o quello che vuoi, senza contare linkedin oppure si loggano su disqus col loro account google… bel moralismo…

    • loki

      trovami se ci riesci 😛

  • mrholiday

    non sapevo che vaio fossero così ostili a linux, io ho installato mint e arch senza grossi problemi. sarò stato fortunato. in ogni caso, al momento attuale, dovessi scegliere tra sony o lenovo per un laptop andrei su lenovo

    • Gio

      il problema stava nei driver video…risolti quelli risolto tutto.

No more articles