In questa semplice guida vedremo due utili tools che ci consentiranno di sincronizzare e accedere ai file contenuti in SkyDrive / OneDrive in Ubuntu Linux e derivate.

SkyDrive / OneDrive in Ubuntu Linux
Tra le novità introdotte da Microsoft nel nuovo Microsoft Windows 8.1 troviamo di default l’applicazione / client di SkyDrive / OneDrive servizio cloud che offre ad ogni utente 7 GB di spazio web gratuito con i quali caricare, condividere e sincronizzare file tra più pc. Nei giorni scorsi ho voluto testare Windows 8.1 in VirtualBox seguendo questa nostra guida, e ho notato che nel file manager troviamo la cartella SkyDrive (prossimamente il servizio si chiamerà OneDrive) che ci consente di sincronizzare file e directory su più pc. Per Linux attualmente non è disponibile alcun client ufficiale di SkyDrive / OneDrive. possiamo comunque utilizzare due ottimi tool di terze parti che ci consentiranno di sincronizzare i file con il servizio cloud di Microsoft all’interno della nostra distribuzione.

Gli utenti che utilizzano attualmente Microsoft Windows 8.1, potranno cosi sincronizzare i propri file e directory preferiti anche in Ubuntu Linux e derivate al posto di utilizzare ad esempio Ubuntu One, Dropbox o altro servizio di storage cloud.
Per gli utenti Linux è possibile utilizzare due utili tool che ci consentono di poter accedere e sincronizzare file e directory inclusi in Microsoft SkyDrive / OneDrive e altri servizi di cloud storage come Google Drive, Amazon S3, ecc.

Otixo

Otixo è un servizio web attraverso il quale potremo accedere a molti servizi di storage cloud come Dropbox, Box.com, SkyDrive / OneDrive, Google Drive, SugarSync, Picasa, Amazon S3 con la possibilità di accedere ai vari servizi via FTP oppure attraverso WebDav. Grazie al supporto per WebDav potremo accedere a SkyDrive,Google Drive ecc direttamente dal nostro file manager Nautilus e Dolphin.
Per maggiori informazioni su Otixo e come accedere ai vari servizi cloud via WebDav basta consultare questa nostra guida.

Otixo

StorageMadeEasy

StorageMadeEasy è un’altro servizio web che ci consente di gestire contemporaneamente a più servizi di cloud storage ed operare in essi attraverso un client dedicato. Il client Storage Made Easy ci consente di accedere ai vari servizi di storage cloud come Google Drive, Dropbox, Box, Copy, Amazon S3, Google Docs, Microsoft Skydrive, Microsoft Office 365, SugarSync, Ubuntu One, Openstack, CloudMe, Microsoft Azure,  e molti altri ancora con la possibilità di accederne anche all’interno del nostro file manager Nautilus e Dolphin.
Per maggiori informazioni su StorageMadeEasy e come installare il client ufficiale in Ubuntu e derivate basta consultare questa nostra guida.

StorageMadeEasy

Questi sono i due tool che ci consentono di accedere e sincronizzare SkyDrive / OneDrive e altri servizi di storage cloud in Ubuntu Linux e derivate.

  • kde 4.8.4 quando è stata rilasciata da kde?

    • Vellerofonte

      5 giugno 2012, ormai siamo alla 4.9.1 rilasciata il 4 settembre……e la chiamano rolling….mah

      • Marco

        rolling != bleeding edge, anche perche’ questa e’ Debian testing, quindi e’ gia’ buona che usi un pacchetto di giugno

        • Vellerofonte

          Ok, ma sulla mia debian testing è da un pezzo che sono passato alla 4.8.4, a mio avviso questa mint non ha più senso…….in realtà neanche le altre ma è un’altra storia.

          • Marco

            Noto solo ora che purtroppo LMDE e’ passato a repository propri dall’UP3 quindi c’e’ un ulteriore passaggio che ritarda il tutto, non ne vedo sinceramente il motivo…di solito si fanno repository propri per velocizzare gli update 😀

          • millalino

            @disqus_V4KHbc1nWx:disqus: penso che fino a che non si decidono se continuare con ubuntu o meno, non dedicano molto tempo a questa distro.
            Se con l’uscita di Debian 7 decidessero di abbandonare Ubuntu, probabilmente sarebbero già pronti a supportare pienamente LMDE e con idee migliori di quelle di Canonical.

          • Marco Pagliaro

            Non lo faranno mai, perchè la base Ubuntu porta molte più facilità al nuovo utente, difatti Clem nel descrivere LMDE disse che è un po meno “user friendly” rispetto alla Main. E poi la stragrande maggioranza degli utenti Mint usa appunto la Main Edition basata su Ubuntu. Poi mi chiedo: che rolling è se ad ogni Update Pack bisogna installare “mint-meta-main” ecc.? Di solito su Debian Testing e Sid (che sono rolling) basta aggiornare con un dist-upgrade o aptitude safe-uprade, aptitude-full-upgrade… Che sola (fregatura) Mint…

          • andreazube

            meno user frienly ma più stabile.per canonical una relase stabile è quella che per debian è sid,quindi molto instabile.Le versioni “super-stabili” di ubuntu sono le versioni testing di debian,cioè non stabili come dovrebbero essere ma piuttosto buone per l’uso normale.
            LMDE essendo basata su debian testing è molto più stabile di un rilascio medio di ubuntu.
            E mint normale è più usato perchè è molto più noto,molti conoscono linux mint ma quasi nessuno LMDE

          • millalino

            @ Marco Pagliaro: Rispetto la tua opinione però non perdo le speranze di vedere Mint solo con base Debian. Ho tenuto installato in parallelo Mint 10.10 e LMDE e per 4/5 mesi le provavo alternativamente e ti posso dire che LMDE era molto piu leggera di Mint 10.10. Aveva ottime potenzialità LMDE ma, come ho gia detto, sono convinto che hanno cambiato in corsa il concetto di rolling, per mancanza di tempo. E sono fermamente convinto che da quando Ubuntu è uscita con Unity,il team di Mint abbia fatto veramente fatica ad ottenere una distro stabile di versione in versione, dovendo poi proporre Cinnamon per un uso piu “normale” del DE. Difatti anche la 12.04 non mi sembra partita un granchè bene (almeno rispetto alla 10.04 e poi 10.10) e persino su Mint 13 ho visto una certa “fatica” iniziale che pian piano si sta assestando. Del resto anche il progetto SolusOS sta facendo vedere buone cose con Debian e forse, anche il team di Mint valuterà se continuare o meno con LMDE.

  • Max Franco

    mah.. tutti gli upgrade pack alla fine si rivelano un mezzo autogol per mint. possibile che non riescano a mettere su una rete di mirror sincronizzati e a farli sincronizzare prima di rendere pubblico l’aggiornamento? è da ieri che i repository sono inaccessibili….
    se non fosse per questo, io con LMDE XFCE sarei felicissimo 🙂

    • Carlino

      Pure io

  • Nicola

    Sarà ma a Mint continuo a preferire Ubuntu…

    • Max Franco

      mah.. ubuntu per me ha lasciato molto a desiderare nel supporto, come avevo già scritto in altro commento, troppe risorse su unity e poche al debug e al supporto hardware. se devo penare per avere un sistema funzionante, mi tengo debian che almeno è molto più leggera. mint debian edition è un buon compromesso, sistema stabile, alcune cose da regolare secondo i propri gusti, senza dovere impazzire troppo…

      • andreazube

        io lascerei stare LMDE,aggiornamenti fatti davvero malissimo.Una debian testing non è per niente difficile da installare e/o da usare,è migliorata tantissimo debian negli ultimi tempi su questo frangente

        • Max Franco

          bo.. io a parte le difficoltà nei mirror i primi giorni del rilascio poi non ho mai avuto problemi con gli aggiornamenti.

  • Mr.1911

    Io aspetto il client di MEGA….

    • Allora ce ne sta di barba da far crescere ancora…

  • Fabio

    Roberto, i giga sono 7 e non 25…
    Comunque molto interessanti questi due servizi.

    • convinto che fossero 25
      ho corretto l’articolo
      grazie 1000 per la segnalazione

      • Andrea

        non è del tutto sbagliato, adesso sono 7 ma fino a circa 6/7 mesi fa erano 25, che per i clienti vecchi sono rimasti 25 (fortunatamente).

  • Massimiliano

    Ma si potrebbe fare riferimento semplicemente a “la nostra Distro gnu-linux” invece di nominare sempre sto c***o di Ubuntu e derivate?
    Sbaglio o il blog si chiama Linux Freedom?
    Sennò chiamatelo “quant’è bello Ubuntu” o qualcosa del genere…

  • LUIGI

    Ho provato a installare il client di Storage Made Easy sotto Kubuntu 13.10 attrarverso il loro pacchetto .deb ma non va. Non parte proprio, Kdeinit dice che non lo trova. Avete suggerimenti ?

No more articles