In questa guida vedremo come poter installare e avviare Windows Xp/Vista/7/8 e il nuovo 8.1 legalmente in qualsiasi distribuzione Linux grazia alle macchine virtuali VM fornite gratuitamente da Microsoft.

Microsoft Windows VM Virtualbox
Linux sta facendo passi da gigante non solo nel supporto hardware ma anche nello sviluppo di molte nuove applicazioni e giochi. Grazie all’arrivo di Valve sono approdati in Linux molti nuovi giochi, gli sviluppi Wine hanno portato un maggior supporto per i più diffusi software proprietari nativi per Microsoft Windows tra questi troviamo anche Microsoft Office, Adobe Photoshop e Autodesk AutoCAD.
Alcune applicazioni purtroppo non sono ben supportate da Wine e ci costringono ad utilizzare Microsoft Windows sistema operativo che può essere avviato all’interno di Linux attraverso Virtualbox grazie anche alle macchine virtuali fornite da Microsoft.

Di recente Microsoft ha reso pubbliche e disponibili gratuitamente per Windows, Mac e Linux macchine virtuali dei propri sistemi operativi dedicate principalmente a sviluppatori e utenti per testare Internet Explorer.
Le macchine virtuali fornite da Microsoft sono gratuite e soprattutto possono essere utilizzate il sicurezza e legalmente senza quindi rischiare di scaricare installer o altro presi dalla rete che magari contengono virus, malware ecc.
Da notare inoltre che tra le macchine virtuali disponibili troviamo anche la Preview di Microsoft Windows 8.1 potremo quindi testare su Linux la nuova versione all’interno della nostra distribuzione Linux. Tutte le macchine virtuali fornite da Microsoft possono essere utilizzate per 90 giorni dal primo avvio, Windows 8.1 Preview sarà disponibile invece fino al 15 gennaio 2014.

Per poter avviare Microsoft Windows legalmente su qualsiasi distribuzione Linux basta installare Virtualbox nella nostra distribuzione per farlo basta collegarci in questa e scaricare il pacchetto specifico per la nostra distribuzione Linux.
A questo punto dovremo scaricare la macchina virtuale (VM) della versione di Microsoft Windows che vogliamo avviare nella nostra distribuzione, per farlo basta collegarci in questa pagina e selezionare Linux -> VirtualBox per Linux e avremo i link per il download della virtual machine da utilizzare.
In data odierna è possibile scaricare Windows XP Professional SP3 con IE 6 o IE8, Windows Vista con IE 7, Windows 7 con IE 8, 9, 10 o 11, Windows 8 con IE 11 oppure Windows 8.1 Preview con IE 11.

Una volta scaricata la macchina virtuale avremo un file .sfx che dovremo spostare nella nostra home.
Quello che dobbiamo fare è renderlo eseguibile digitando chmod +x nomefile.sfx esempio per il file IE10.Win7.For.LinuxVirtualBox.sfx basta digitare:

chmod +x IE10.Win7.For.LinuxVirtualBox.sfx

ora possiamo avviarlo digitando ./seguito dal nome del file.sfx nel mio caso:

./IE10.Win7.For.LinuxVirtualBox.sfx
questo genererà un file OVA ossia la macchina virtuale pronta per essere avviata con Virtualbox.
Avviamo Virtualbox e dal menu andiamo in “Import Appliance” e scegliamo il file OVA in precedenza creato e confermiamo l’importazione.
Al termine avremo la nostra macchina virtuale di Microsoft Windows, prima di avviarla dovremo accedere in preferenze connessione ed impostiamo Bridged Adapter e poi clicchiamo in Ok.
Avviamo la nostra macchina virtuale ed ecco finalmente avviato Microsoft Windows legalmente nella nostra distribuzione, potremo installare software ecc per 90 giorni. Per accedere l’username è IEUser mentre la password è: Passw0rd

Home modern.ie

  • Antonio G. Perrotti

    sì, ma dopo i 90 giorni? io ho una licenza acquistata anni fa di XP, per giochi e simili faccio prima a virtualizzare quello, anche se stressa l’hardware un bel po’, specialmente la GPU?

    • Gustavo

      certamente, basta che tu abbia una sola installazione attiva

      • Antonio G. Perrotti

        più che altro volevo capire se queste vm sono in qualche modo ottimizzate o se avendo un cd regolare è meglio usare quello.

        • Gustavo

          ti consiglio una installazione regolare se la vuoi tenere per lungo tempo

          • Antonio G. Perrotti

            ok, grazie. visto che ce l’ho la uso, sempre meglio che diventare scemo con wine.

          • Gustavo

            più che altro non sappiamo cosa microsoft ha combinato in queste vm, potrebbero anche mancare dei pezzi di s.o.

          • Pablo_Cron

            beh, meno pezzi di winzozz ci sono, più mi sento tranquillo! XD

    • Tecnicamente non è legale.
      O meglio le licenze per le virtual machine sono diverse dalle licenze per le macchine fisiche, almeno in linea puramente teorica, poi nessuno ti verrà a dir nulla e questo è anche vero perché in fin dei conti è sempre una licenza ma legalmente parlando non è legale 😛

      • Gustavo

        quando tu hai comprato xp la licenza era una.. nuove interpretazioni per le macchine virtuali non rientrano nello specifico. Quindi è legale

        • Come ho spiegato sopra l’interpretazione ufficiale dice che tu acquisti la licenza da installare su una macchina fisica non virtuale quindi risulta illegale ma l’importante è che non sia OEM, in quel caso essendo legata all’hardware non puoi utilizzarla su hw diverso da quello con cui è licenziata.

          • Gustavo

            ovviamente il discorso non riguarda le licenze oem.
            Ma l’eula riguardo la distinzione fra virtuale e fisico è cosa recente, non riguarda xp. L’unica cosa è che devi avere una ed una sola installazione, fisica o virtuale

      • Antonio G. Perrotti

        ehm, l’ho già fatto diverse volte, ma il pc aveva 2 giga di ram e faticava un bel po’. ora ne ha 4 e magari ce la fa. ma non è legale installarlo in vm? è un cd rom regolare con la sua product key.

        • Ti ho detto tecnicamente no, praticamente sì, anche da controlli microsoft è stata evidenziata l’impossibilità di acquistare licenze virtuali nella data di acquisto della licenza, inoltre su questa questione anche il reparto commerciale chiude un occhio non essendoci una specifica chiara, ma se volessimo utilizzare le specifiche fino ad ora definite è illegale in quanto quella licenza non è attivabile per virtual machine che necessitano di altre licenze, questa è la situazione ufficiale poi come ti ho detto alla fine anche microsoft non ti dirà nulla se la licenza è usata su una e una sola postazione sia essa virtuale o fisica a patto che la licenza non sia OEM in quel caso vale solo per la fisica.

          • lillo

            Wow 20 righe senza manco un punto. Sei un pro!

          • No no c’è un punto alla fine 😛

  • Federico Razzoli

    Sinceramente, se Microsoft non rilascia il suo browser per il sistema che uso per sviluppare, sono affari suoi. Io non installo macchine virtuali che non mi servono per permettere alle multinazionali di farsi la guerra (scassando i maroni al resto del mondo).
    E poi parliamoci chiaro: queste presunte “scelte commerciali” fanno male anche a loro, e lo sanno benissimo. Solo che a capo di questi “giganti dell’informatica” ci sono dei bambini deficienti. Se un dirigente gli va a portare una stima di quanti soldi perdono solo perché si rifiutano di portare un programma sugli altri sistemi, loro frignano, battono i piedi per terra, e urlano “no no e poi no”. Andrebbero presi schiaffi finché diventano più intelligenti, e se non lo diventano pazienza, non è una buona ragione per smettere con gli schiaffi.

    • Simone

      Già. Poi Microsoft ha sempre tentato di condizionare lo sviluppo di qualunque cosa. IE che dalle versioni più arcaiche supportava dei tag html proprietari (inventati da loro), quella ciofega di asp, activex e via discorrendo.
      Una volta era in posizione di provarci, adesso che IE è relegato a browser di terza scelta, arrancano.
      Mah…. qualcosa devono pure inventarsi, no?
      Perchè mai fare un porting per altri sistemi (dove gli altri sistemi vengono considerati il male?)

  • Gustavo

    guardate cosa scrive microsoft nelle note di rilascio:

    “It is also highly recommended that you implement a rollback strategy for any virtual machines that you download. This could be as simple as holding onto the original archive that you downloaded, or you could take advantage of your virtualization platform’s snapshotting capability so that you can start overwith a fresh VM at any time and not have to worry aboutthe guest operating system running out of trial time.”

    E’ la prima cosa che mi è venuta in mente leggendo l’articolo per eludere i 90 giorni.. te lo dicono pure loro

    • ale

      Be si è bello da vedere che si fa,in pratica lo fai con ogni macchina virtuale,io gli snapshot di virtualbox li uso sempre per ripristinare la mia VM dedicata alle prove,molto più veloce che reinstallare tutto,penso che lo averbbero fatto tutti anche senza dirlo,loro mettono 90 giorni perchè se no uno copia l’ immagine su disco e la usa

      • Gustavo

        in questo caso te lo consigliano espressamente

    • RiccardoC

      scusa la domanda ingenua…
      Ma se fai uno snapshot, per esempio, al primo giorno di utilizzo e poi la lasci ferma per 3 mesi, al successivo riavvio dello snapshot non ti dovrebbe dire che sono passati 90 giorni e la vm non è più valida?
      O il controllo è solo sull’avvio della VM e non interno al SO virtualizzato?
      Grazie

      • Gustavo

        credo microsoft intenda che prepari la macchina e la cloni prima del primo avvio, ma non ne sono sicuro, è un po’ di tempo che non virtualizzo più microsoft

        • RiccardoC

          Ok grazie, avevo capito che uno di fatto, tramite gli snapshot, potesse prolungare la durata dell’installazione “all’infinito”

          • Gustavo

            è possibile, bisognerebbe provare ma io non posso

  • ale

    Cioè quindi se io prendo l’ immagine di virtualbox,la converto in immagine di hd reale (c’è un tool per farlo e ho già provato) e poi la scrivo con dd su un disco ho windows pronto bello che attivato senza problemi…. E senza perdere tempo a scaricare l’ iso,installarla e tutto,grazie microsoft

    • Gustavo

      pronto si, attivato no, dura 90 giorni comunque.. ha senso solo se non ci installi nulla sopra

      • ange98

        oppure se scrivi su google “crackare win$X”
        dove X=XP|Vista|7|8 😀

        • Simone

          ahahaha lo sai che l’ho messa so google la stringa e mi ha trovato robetta carina? ahahahhaha
          Peccato che non ho winzoz nè mi frega di averlo!

          • ange98

            Google: Crackare win7
            “About 135,000,000 results (0.14 seconds)”
            Non male come ricerca, no? 😀

    • leonardo

      e i 50 mila driver?

      • reft32

        Ma dai su…hai scritto una balla, non è così..evitate di fare i fanboy di questo o di quell’altro marchio , perchè è inutile

        • ange98

          hai mai installato Windows da zero? O.o” Non mi pare fosse uno scherzo: stampante inserita: installare i driver
          Tastiera inserita: installare i driver
          Mouse inserito: installare i driver
          Driver installato: installare driver
          Computer acceso: installare i driver
          reboot: installazione driver per il reboot

          • Antonio G. Perrotti

            e dopo il riavvio: inserire pendrive con partedmagic per piallare tutto… ;D

        • leonardo

          ogni volta che ho ovuto installare windows ai miei amici ho sempre avuto problemi di driver.
          Ah, le copie erano originali senza crack di sorta

  • Fabio

    Mah… e voi vi fidate ad avviare un eseguibile Microsoft sul vostro sistema? Che c’è dentro quel file sfx? E’ possibile aprirlo e guardare che c’è dentro, se fa qualcosa oltreché installare Win su VBox? Perché non fanno scaricare direttamente il file OVA?

    • un passante

      Hai ragione.

      È un GOMBLODDO!!!!

      • Nicola

        l’sfx è un file rar autoestraente e dentro cè solo un OVA che non è altro cun un tar!

  • Salute a tutti.

    Ho seguito la procedura è ho scaricato
    IE10.Win7.For.LinuxVirtualBox.part1.sfx

    ho dato chmod indicando il nome del file sopra riportato,
    ma dopo quando do ./ mi dice “File o directory inesistente”.
    Eppure l’ho scaricato e messo in home tal file.
    Che posso fare, grazie?

    • Stoccafisso

      forse lo hai fatto gia, immagino devono essere scaricati tutti i file compresi i 5 file rar per creare poi l’immagine intera.

      • Grazie. Pensavo ne fosse sufficiente uno da circa 1gb.
        Ma dopo, abbi pazienza, essi vanno riuniti in un unico file?

        • Stoccafisso

          Io ho provato con Xp preferisco uno leggero. ma cmq non mi parte la macchina, continua a spegnere e ad accendersi cercando di avviare il sistema ma null’altro. si avvia solo in Safe mode, ma neanche con il networking quindi è inutilizzabile. ho segnalato su l’errore magari qualcuno sa dire. a me viene il dubbio che il problema sia i 64bit del mio sistema ed i 32bit di Xp che sono incompatibili anche se in virtuale.
          adesso provo anche il 7

          • Mauro Tassinari

            Io ho creato una macchina XP 32 bit sul mio sistema Linux 64bit e va benissimo.
            => La macchina a 64bit può ospitare VM a 32bit.

  • Stoccafisso

    molto interessante

    Grazie :)

  • Stoccafisso

    Scaricato immagine ed avviato VM. mi è uscito questo..

    Apertura di una sessione per la Macchina Virtuale IE8 – WinXP non riuscita.

    VT-x features locked or unavailable in MSR. (VERR_VMX_MSR_LOCKED_OR_DISABLED).Codice ‘uscita: NS_ERROR_FAILURE (0x80004005)Componente: ConsoleInterfaccia: IConsole {db7ab4ca-2a3f-4183-9243-c1208da92392}

    • Simone

      Beh, ovvio, installi Windows e ti aspetti pure che funzioni al primo colpo? e poi che vuoi ancora, che una volta che sarai riuscito ad avviarlo non ti faccia le schermate blu? ooooh, ma che l’assistenza a pagamento sta li a smacchiare i leopardi??? XD

      • Stoccafisso

        E ci hai proprio ragione… :)
        Comunque rinunciato a fare partire quella immagine.. ho installato la mia originale dal cd sempre in virtuale e ovviamente quella funziona…

    • sherpya

      ti mancano le istruzioni di virtualizzazione, o la tua cpu non le supporta oppure l’opzione è disabilitata da bios, lancia il seguente comando e controlla se ti da output:

      egrep –color ‘(vmx|svm)’ /proc/cpuinf

  • Giuseppe Caliendo

    Segnalo un progetto https://github.com/xdissent/ievms che permette di automatizzare la conversione di queste macchine virtuali per windows in virtual box.

  • Alt… gratuitamente… per 90 giorni… sai che novità.

    Microsoft lo fa già normalmente, stiamo forse parlando della scoperta dell’acqua calda?

    Piuttosto che fare questi giochetti assurdi preferisco di gran lunga usare una licenza già in mio possesso da usare su macchina virtuale.

  • mac89

    Cambiate il titolo perché inganna parecchio :(

    • mac89

      Scusate non il titolo ma il catenaccio sorry :)

  • Salvatore Tamborino

    Quando avvio la macchina virtuale con windows xp (versione con IE8) la cpu mi schizza al 60%… come mai? ho un AMD Athlon II X2 250 Processor.

  • Fabio

    Ho installato la macchina virtuale e tutto è andato bene, però mi compare il countdown (icona gialla con chiavetta) di 30 giorni (tra 30 giorni dovrò inserire un seriale oppure non potrò più utilizzare la macchina), e poi all’avvio non mi ha chiesto nome e password indicate da Roberto: non si potevano utilizzare queste macchine per 90 giorni?

  • Agostino

    Se lo scopo è soltanto quello di testare con Explorer non ha alcun senso installare tutte queste virtual. Ci sono programmini che hanno reso ie portabile in tutte le più recenti versioni. Seconda alternativa ancora migliore: dalla v.9 in su, ie consente di regredire la compatibilità del proprio engine. Un grosso peso in meno insomma.