Un recente studio effettuato dalla London School of Economics ha indicato come la pirateria non rechi danno all’industria dello spettacolo, sarà vero?

la pirateria non danneggia l’industria dello spettacolo
Nei giorni scorsi abbiamo segnalato l’avvio dello sviluppo si soluzioni in grado di proteggere la riproduzione di contenuti multimediali all’interno di portali in HTML5.
I DRM in HTML5 garantiranno alle aziende dello spettacolo di poter riprodurre i propri contenuti multimediali solo ad utenti che ne hanno acquistato i diritti per la visualizzazione dal proprio pc, tv multimediale oppure dispositivo mobile. La notizia ha fatto molto discutere visto anche le proteste rilasciate dalla Electronic Frontier Foundation e Free Software Foundation le quali indicando che molti siti potrebbero adottare queste nuove soluzioni offrendo cosi all’utente meno contenuti liberi. In concomitanza con la decisione della W3C di introdurre i DRM in HTML5 arrivano i risultati di un recente studio effettuato dalla London School of Economics che indicano come la pirateria audio visiva non rechi un danno economico all’industria dello spettacolo. 

L’industria cinematografica ha recentemente dichiarato che la pirateria online sta devastando il settore, secondo la London School of Economics nel 2012 l’intero settore ha incassato 35 miliardi di dollari chiudendo con un +6% confronto l’anno precedente.

Per l’industria musicale invece il 2012 ha portato un calo degli incassi ma questo non dipende solo dalla pirateria ma anche dalla crisi economica, da notare inoltre che diversi autori hanno dichiarato che il file-sharing in alcuni casi può perfino portare guadagni all’industria dell’intrattenimento.

London School of Economics and Political Sciences - l'indutria musicale

Lo studio effettuato dalla London School of Economics ha messo anche in risalto come le limitazioni effettuate da alcuni paesi (come ad esempio la Francia) non ha portato alcun guadagno alle industrie cinematografiche e musicali, perfino l’Unione Europea, con un rapporto pubblicato nei mesi scorsi, ha indicato che la pirateria non danneggia i proprietari di contenuti.
Se l’industria dello spettacolo sta riscontrando leggere perdite molto è dovuto ad altri fattori come la crisi economica, la qualità di alcuni film, album pubblicati ecc e non alla pirateria.
L’intero report rilasciato dalla  London School of Economics lo possiamo consultare o scaricare da questa pagina.

Ringrazio il nostro lettore ge+ per la segnalazione

via e via

No more articles