lffl consiglia

Articoli Recenti

29 aprile 2012

Grive il primo client open souce per Google Drive, ecco come utilizzarlo

-
Da pochi giorni, Google ha inaugurato il nuovo servizio "Drive" che offre a tutti gli utenti 5 GB di spazio web, sul quale salvare e condividere file.
Il rilascio di Google Drive ha scatenato diverse polemiche, dato che non è stato presentato il client per Linux il quale, a detta degli sviluppatori, dovrebbe comunque essere rilasciato nei prossimi giorni.
In questi giorni inoltre è nato Grive, il primo client open source dedicato a Google Drive che ci permette di accedere e sincronizzare le cartelle del nostro account dalla nostra distribuzione, attraverso le Google Document List API.
Grive è per ora un tool a riga di comando il quale offre pochissime funzionalità, dato che lo sviluppo è iniziato pochi giorni fa, ma possiamo comunque già testarlo compilandolo dai sorgenti, oppure il team rilascia i pacchetti per Fedora, Ubuntu / Debian 64 bit e Arch Linux e Chakra.

Ecco come utilizzare / configurare Grive:

Grive

Per prima cosa installiamo Grive: per Fedora e Ubuntu / Debian 64bit basta scaricare i pacchetti da questa pagina, per Arch Linux e Chakra utilizzeremo il PKGBUILD che possiamo scaricare da questa pagina.
Una volta installato, avviamo il terminale e creiamo una cartella denominata .grive nella nostra home e dal nostro browser, autorizziamo l'utilizzo di Grive collegandoci a questo link.
Una volta autorizzata l'applicazione ci verrà indicato un codice di approvazione che copieremo, quindi avviamo il terminale e digitiamo:

cd ~/.grive

sudo grive -a

Ed inseriamo il codice ottenuto in precedenza.

Grive

Una volta inserito il codice, avremo la sincronizzazione delle cartelle di Google Drive nella cartella .grive.
Nei prossimi aggiornamenti sono previste ulteriori funzionalità.

Home Grive