web analytics

Disponibile Zorin OS 16: nuovo look, nuove app e migliori performance!

zorin os 16

Ad aprile vi ho parlato della beta di Zorin OS 16, release attorno alla quale ruotavano grandi aspettative e tanto hype. Oggi Zorin OS 16 è finalmente disponibile, si basa su Ubuntu 20.04.2 LTS “Focal Fossa”, e dopo diverse ore di utilizzo voglio darvi la mia impressione e raccontarvi le principali novità.

Zorin OS 16

Sotto il cofano troviamo il kernel Linux 5.11 e una versione custom di GNOME Shell 3.38.

zorin os 16 desktop

Zorin OS 16 è stato aggiornato con un aspetto rinnovato e raffinato che trovo piacevole. La prima vera, grande novità è il nuovo tema GTK Light (è disponibile anche una versione dark) con uno spiccato accento blu di default, ma personalizzabile secondo i vostri gusti. Ricorrendo ad ombre, angoli arrotondati e grazie ad un’ottima armonia tra bottoni, barre degli strumenti e pannelli, Zorin OS 16 propone un’interfaccia moderna e piacevole. Ben fatti anche i nuovi artwork e i wallpaper dinamici che cambiano al variare dell’ora del giorno. Inoltre, la schermata di blocco ora mostra una versione sfocata dello sfondo del desktop.

wallpaper dinamici
Lo sfondo cambia al variare dell’ora.

Zorin OS 16 Pro (che rimpiazza la versione Ultimate) offre nuovi layout desktop tra cui gli utenti possono scegliere, uno dei quali si ispira a Windows 11. La versione free presenta solo 4 layout tra i quali non figura quest’ultimo. Zorin Appearance permette di modificare al volo il layout del desktop.

layout windows 11 like
Layout ispirato a W11

Tour

Il nuovo Tour è il posto migliore per imparare a utilizzare Zorin OS. Si tratta di un piccolo tour introduttivo che guida i nuovi utenti attraverso le nozioni di base su come utilizzare e personalizzare il desktop, connettere gli account online, collegare il telefono al computer utilizzando Zorin Connect e installare il software necessario per lavorare o giocare. È il modo più accogliente per imparare a usare Zorin e per configurare il desktop sulla base delle proprie preferenze.

Touchpad & Gestures

Grazie alle nuove gestures spostarsi tra le app e gli spazi di lavoro è ancora più semplice e veloce. Zorin OS 16 introduce il supporto al multi-touch, ciò consente di passare da un’area di lavoro all’altra facendo scorrere 4 dita verso l’alto o verso il basso. Pizzicate il touchpad con 3 dita per aprire la panoramica delle attività e date uno sguardo a tutte le app in esecuzione nei vari spazi di lavoro. Forse è più difficile da spiegare che da capire:

Inoltre, la nuova “Jelly Mode” o “Modalità Gelatina” introduce animazioni divertenti per trascinare e maltrattare le finestre.

Flathub di default, Software Store e nuove App

Flathub, il Flatpak app store più utilizzato, è ora incluso di default. Ciò permette di ampliare sensibilmente il parco applicazioni a cui gli utenti possono accedere con pochi click. Il software store ha ricevuto molte ottimizzazioni per rendere ancora più facile trovare e installare app da diverse fonti. Se un’app che volete installare è disponibile in diversi canali, ad esempio Snap Store e Flathub, potete scegliere il vostro canale preferito:

zorin software sources
Snap Store o Flathub?

Ovviamente non mancano i metodi di installazione classici: repository, ma anche pacchetti .deb e/o .appimage.

A proposito di app: gli sviluppatori hanno sviluppato una nuova applicazione per registrare suoni e/o conversazioni: Sound Recorder. Perfetta anche per realizzare memo vocali o registrare podcast, l’app ha un’interfaccia moderna e piacevole.

recorder app zorin os 16

Distro per newbie

La semplicità d’uso è al centro di Zorin OS 16, che strizza l’occhio agli utenti in fuga da Windows. Anche con alcune chicche. Ad esempio, se provate ad installare un file .exe il sistema operativo vi avvisa dell’eventuale presenza della versione Linux dell’app in fase di installazione.

zorin os exe
Bella idea!

Per i neofiti di Windows (e per i meno inclini alla tecnologia) Zorin OS 16 Pro ha il suo fascino. Ti dà tutto ciò di cui hai bisogno per lavorare o divertirti online da subito.

Migliori performance…

Zorin OS 16 offre migliori prestazioni e un’importante sensazione di compattezza. Se Ubuntu sembra essere l’insieme di tanti oggetti che lavorano bene insieme ma non perfettamente integrati l’uno con l’altro l’esperienza con Zorin è più avvolgente. Il desktop è fluido e scattante, queste le parole degli sviluppatori sul passo avanti in termini di performance:
Sono state apportate ottimizzazioni delle prestazioni a tutti i livelli del sistema operativo, dal kernel all’ambiente desktop. Le app si aprono più velocemente, le animazioni sono più fluide e i tempi di caricamento sono stati ridotti.

… e tanto altro ancora

Non mancano diverse novità minori:

  • Fractional scaling
  • Aggiornato Zorin Appearance che ora è ancora più facile da usare e da navigare
  • Possibilità di installare i driver NVIDIA direttamente dal file .iso
  • Potete dare una preferenza ai file per accedervi più rapidamente dall’app Files
  • Migliora la lettura dell’impronta digitale
  • Nuova app Photos per la gestione delle fotografie
  • Aggiornata l’app Settings
  • Create cartelle nell’app-grid trascinando un’app sopra ad un’altra
  • Migliora il supporto per hardware di nuova generazione

Download

Tanta, ma veramente tanta, carne al fuoco, non è vero? Zorin OS 16 è disponibile in due versioni principali: Core, gratuita, e Pro, a pagamento (39€). Entrambe le edizioni possono essere scaricate dal sito Web ufficiale di Zorin OS.

Vale la pena acquistare Zorin OS 16 Pro? Rispetto alla versione free viene fornito con un parco software preinstallato più ampio, con 4 layout desktop aggiuntivi (per un totale di 8) e sblocca l’accesso al supporto per l’installazione. In buona sostanza si può fare tranquillamente a meno della versione Pro. D’altra parte se Zorin OS vi piace potete vedere l’acquisto come una specie di donazione al team di sviluppo…

Zorin OS 16 sarà supportato con aggiornamenti software e patch di sicurezza fino ad aprile 2025. Provatelo e fatemi sapere cosa ne pensate nei commenti qui sotto!

sharing-caring-1Seguiteci sul nostro canale Telegram, sulla nostra pagina Facebook e su Google News. Nel campo qui sotto è possibile commentare e creare spunti di discussione inerenti le tematiche trattate sul blog.

Altre storie
open-source linux stato tedesco 2
Stato tedesco abbraccia Linux e l’open source salutando Microsoft