web analytics

Disponibile Mozilla Firefox 89: cambia completamente la veste grafica

mozilla firefox 89

Mozilla Firefox 89 è ufficialmente disponibile e si tratta di un aggiornamento che non piacerà a tutti. Dopo aver migliorato la gestione della privacy (grazie all’introduzione del blocco dei Supercookie in Firefox 85, della Total Cookie Protection (TCP) in Firefox 86, dell’accoppiata SmartBlock / HTTP Referrer in Firefox 87 e con il confinamento dei dati memorizzati in window.name al sito di origine in Firefox 88) Mozilla ha deciso di aggiornare la veste grafica.

La nuova interfaccia utente cambia tantissimi elementi del browser partendo dalla barra delle tab fino al modo in cui si fanno determinate operazioni. Gli sviluppatori hanno introdotto nuovi colori, nuove schede, nuove icone, nuovi menu, nuove finestre di dialogo…

Mozilla Firefox 89

Mozilla pensa che il nuovo look renda Firefox più facile da usare poiché alcune “funzionalità ridondanti o meno utilizzate” sono state eliminate dall’interfaccia utente, lasciando in vista solo le opzioni di navigazione e configurazione più importanti. Le schede sono maggiormente separate e “floating” rispetto alla precedente versione della UI oltre ad avere bordi tondeggianti. Solo una modifica estetica? Non proprio:

Vogliamo invitare l’utente a spostare, riorganizzare ed estrarre le schede portandole in una nuova finestra.

In generale, il rinnovamento grafico è stato pensato con l’obiettivo di ridurre la complessità visiva della UI. Più minimalista e semplice, offre la possibilità di scegliere un tema chiaro o un tema scuro sulla base delle impostazioni del sistema operativo. I vari elementi della UI appaiono più moderni rispetto a prima. Il rinnovamento riguarda anche la gestione delle notifiche, decisamente più moderne e in linea con l’interfaccia del sistema operativo.

La barra degli strumenti è composta da tre “aree”: i pulsanti di navigazione (indietro, avanti, ricarica, tasto home); la barra degli indirizzi, il lucchetto di sicurezza e il campo delle URL; le impostazioni più usate (modalità lettura, livello di zoom e segnalibri). Mozilla ha raggruppato alcune voci dal menu principale e dal menu contestuale eliminando quelle meno usate.

Altre novità:

  • La riproduzione automatica dei video è stata disattivata
  • Aggiunta la funzionalità Total Cookie Protection (TCP) alla finestra di navigazione anonima
  • Aggiornata la funzionalità SmartBlock
firefox 89 video autoplay
Autoplay disabilitato, i video partono solo in seguito ad un’azione dell’utente

Qui trovate il changelog completo con l’elenco delle novità. Per aggiornare il browser su una distro GNU/Linux non dovete far altro che dare i comandi sudo apt update e sudo apt upgrade.

Questo aggiornamento della veste grafica è piaciuto a molti ed è stato criticato da tanti altri. C’è chi ritiene si dia troppa priorità alla “bellezza”, sacrificando l’usabilità. C’è chi ritiene Firefox troppo simile a Chrome ed Edge. Personalmente, all’apertura di Firefox 89 con il tema chiaro impostato, pensavo di aver aperto Edge per errore. Poi però ci si abitua rapidamente e tutto sommato questa nuova veste è assolutamente promossa. A voi piace?

Firefox 90

La prossima release, Firefox 90, dovrebbe introdurre altre novità molto importanti come l’aggiornamento in background, funzione già disponibile nella versione beta. Il Background update esegue un controllo automatico degli aggiornamenti ogni 7 ore, quando il browser non è in esecuzione. Se disponibile una nuova release questa viene scaricata e installata senza richiedere alcuna interazione da parte dell’utente. Se viene lanciata un’istanza di Firefox il processo si ferma evitando riavvii e rallentamenti. Chiaramente questa feature potrà essere disabilitata andando nella sezione aggiornamenti di “about:preferences”.

sharing-caring-1Seguiteci sul nostro canale Telegram, sulla nostra pagina Facebook e su Google News. Nel campo qui sotto è possibile commentare e creare spunti di discussione inerenti le tematiche trattate sul blog.

Altre storie
package hunter gitlab
GitLab annuncia Package Hunter: tool per rilevare il codice malevolo