web analytics

System76, lancia il nuovo PC desktop Thelio Mira: prezzo e specifiche fanno discutere

system76 thelio mira

Dopo il nostro recente articolo sui migliori laptop FreeDos, cioè venduti senza un sistema operativo pre-installato, oggi voglio parlarvi del nuovo prodotto lanciato in settimana da System76. Sto parlando del Thelio Mira un PC desktop basato sull’ultima versione di Pop! _OS Linux. Siete alla ricerca di un PC fisso da posizionare nello studio di casa, per giocare o per lavorare? Cerchiamo di capire se il Thelio Mira è un’alternativa da prendere in considerazione.

System76 Thelio Mira – Le specifiche

thelio mira 2

Chiaramente il computer è personalizzabile e configurabile a piacimento sullo store online dell’azienda. Di default troviamo un processore AMD Ryzen 5 3600 (3 gen) operante a 3.6GHz e fino a 4.2 GHz in turbo boost con 6 Cores e 12 Threads. Spendendo di più si può decidere di montare uno tra i seguenti processori:

  • AMD Ryzen 5 5600X (3.7 – 4.6 GHz – 6 Cores – 12 Threads), +279$
  • AMD Ryzen 7 5800X (3.8 – 4.7 GHz – 8 Cores – 16 Threads), +469$
  • AMD Ryzen 9 5900X (3.7 – 4.8 GHz – 12 Cores – 24 Threads), +549$
  • AMD Ryzen 9 5950X (3.4 – 4.9 GHz – 16 Cores – 32 Threads), +$979

Sempre di default troviamo 8GB di memoria RAM DDR4 Single Channel operante a 3200 MHz, l’upgrade a 16GB (+89$) è, a mio parere, caldamente consigliato. Si può arrivare fino a 128 GB. Il disco pre-installato è un SSD M.2 da 240GB con lettura e scrittura sequenziale a 545MB/s. Scelta abbastanza discutibile da parte di System76: su un PC di questo tipo mi sarei aspettato almeno 1TB di spazio di archiviazione (+279$). Si può richiedere anche un disco aggiuntivo con tecnologia nVME.

thelio mira

La scheda video di default è una NVIDIA GT 1030, una GPU con prestazioni abbastanza scarse. Se si desidera maggior potenza dal comparto grafico si può scegliere tra le seguenti schede:

  • GTX 1650 Super: 1 × DisplayPort, 1 × HDMI, 1 × DVI (+389$)
  • RTX 3070: 3 × DisplayPort, 1 × HDMI (+1199$)
  • RTX 3090: 3 × DisplayPort, 1 × HDMI (+3329$)
  • Quadro RTX 4000: 3 × DisplayPort, 1 × DisplayPort over USB-C (VirtualLink) (+1019$)
  • Quadro RTX 5000: 4 × DisplayPort, 1 × DisplayPort over USB-C (VirtualLink) (+2699$)
  • Quadro RTX 6000: 4 x DisplayPort, 1 × DisplayPort over USB-C (VirtualLink) (+4939$)
  • Quadro RTX 8000: 4 x DisplayPort, 1 × DisplayPort over USB-C (VirtualLink) (+6889$)

Di base troviamo un alimentatore da 650W, adatto per una configurazione intermedia, ma se cercate di più si può richiedere l’upgrade a 750W (+99$) o addirittura 1000W (+199$). Dal punto di vista delle porte non manca nulla: 1 × USB Type-C, 7 × USB 3.2 Gen 2, 1 × GbE RJ-45, 1 × 2.5G RJ-45, HDMI e DP 1.2. Presenti anche Wi-Fi 6 e Bluetooth 5.

thelio mira 1

Il sistema operativo è a scelta tra Pop!_OS 20.10 (64-bit), Pop!_OS 20.04 LTS (64-bit) e Ubuntu 20.04 LTS.

Il case non è certamente contenuto (436.35 × 253 × 331mm) però  è sicuramente elegante. È stato progettato per fornire le ultime tecnologie in termini di raffreddamento e prestazioni, prevenendo il throttling. La garanzia è di un anno, estendibile a due (+149$) o tre (+249$).

Il prezzo fa discutere

Il Thelio Mira costa 1499$ per la versione base. Insomma 1499$ per una scheda NVIDIA GT 1030, 8GB di RAM e 240GB di storage sembrano veramente una cifra fuori dal normale. Analogamente, i prezzi per l’upgrade non sono competitivi. Ad esempio, un disco NVMe da 1TB System76 ve lo fa pagare 329$ quando su Amazon si trovano tranquillamente nella fascia dei 100-200€.

Una GTX 1650 da 4GB su Amazon costa 200-250€ (dipende da modello e produttore) quando System76 la mette a 389$. Sicuramente si sta acquistando un prodotto montato e assemblato a regola d’arte, pronto all’uso out-of-the-box: questo ha un suo costo. La differenza di prezzo con il fai-da-te però è, a mio parere, difficilmente giustificabile. Cosa ne pensate?

sharing-caring-1Seguiteci sul nostro canale Telegram, sulla nostra pagina Facebook e su Google News. Nel campo qui sotto è possibile commentare e creare spunti di discussione inerenti le tematiche trattate sul blog.

Altre storie
google chrome 92
Chrome 92, da Android arriva la “Back Forward Cache” (anche su Linux)