web analytics

Linux 5.10 LTS, svelati i contributors: sorprende l’azienda al primo posto

linux

Vi ricordate le polemiche montate a gennaio quando Huawei fu accusata di aver pubblicato una patch proposal (HKSP, Huawei Kernel Self Protection) per il kernel Linux che è stato dimostrato essere non sicura? La patch in questione secondo i ricercatori di sicurezza introduceva una vulnerabilità “banalmente sfruttabile“. L’azienda cercò poi di insabbiare tutto derubricando il fatto come un’iniziativa di un proprio dipendente e mettendo una pezza peggiore del buco con un commit retrodatato che fece infuriare la community. Oggi Huawei è il principale contributore del kernel Linux 5.10 LTS, annunciato da Torvalds lo scorso 14 dicembre.

Huawei (e Intel) regine del kernel Linux

L’azienda cinese con quasi 1500 commits è stata in assoluto la più attiva nel proporre modifiche e seconda a Intel per numero di linee di codice modificate. Fa sorridere che una delle aziende maggiormente nel mirino per gli scontri avuti con gli USA, ricorderete la vicenda che ha portato Google a rimuovere le Google Apps dagli smartphone cinesi, sia poi così attiva nello sviluppo del kernel.

Huawei è accusata di avere stretti contati con il partito comunista cinese il quale guida una dittatura che fa del controllo della rete e dell’informazione la sua arma principale. Il sospetto è che il partito usi la società per estendere il suo controllo anche al di fuori dei suoi confini. La speranza, invece, è che Linus Torvalds e soci siano in grado di controllare bene tutte le patch ed i commit, cosa non scontata. Ricordo le recenti dichiarazioni del mantainer del kernel, Greg Kroah-Hartman, il quale ha dichiarato che il principale problema di Linux è la mancanza di manutentori, ovvero persone che si occupano di revisionare il codice.

Detto ciò, il contributo di Huawei è assolutamente normale, considerando il numero di prodotti e servizi che offrono. Vi basti sapere che in Cina, ad esempio, i Matebook sono venduti anche con distro GNU/Linux a bordo di default. Inoltre Huawei ha annunciato nel 2020 openEuler, una distro GNU/Linux basata su CentOS. Si tratta di un sistema operativo orientato al business piuttosto che agli utenti consumer. L’azienda cinese offre anche servizi Cloud per competere con AWS e Google Cloud. Ovviamente, deve personalizzare il kernel Linux per alimentare la sua infrastruttura cloud.

linux 5.10 contributors
La classifica dei contributi a Linux 5.10

Tornando ai freddi numeri gli sviluppatori Huawei hanno contribuito per l’8,9% al kernel (con 1434 modifiche) contro l’8% di Intel (1297 modifiche). In termini di linee di codice, invece, è Intel la regina con un contributo dell’12,6% contro il 5,3% di Huawei. Dietro di loro troviamo molte aziende molto importanti quali SUSE, AMD, NVIDIA, Google, IBM, Samsung e Red Hat, tra le altre.

sharing-caring-1Seguiteci sul nostro canale Telegram, sulla nostra pagina Facebook e su Google News. Nel campo qui sotto è possibile commentare e creare spunti di discussione inerenti le tematiche trattate sul blog.

Altre storie
fedora red hat enterprise
RHEL e Fedora: differenze ed analogie tra le due storiche distribuzioni