web analytics
linux mint 20 beta

Linux Mint 20, disponibile la beta: ecco il trucco per abilitare gli Snap

La beta di Linux Mint 20, nome in codice Ulyana, è ufficialmente disponibile. Le nuove immagini .iso consentiranno agli utenti di testare Mint 20 segnalando agli sviluppatori gli eventuali bug. Tra due o tre settimane dovrebbe far capolino la final release. Abbiamo dedicato diversi articoli al ciclo di sviluppo di Linux Mint 20 in questi mesi. Si tratta della prima release basata su Ubuntu 20.04 Focal Fossa e propone nuove funzionalità e diverse novità. Il kernel è Linux 5.4 mentre il desktop environment è Cinnamon 4.6, che è disponibile da poche settimane.

Cinnamon 4.6, il DE di Linux Mint 20

Questa nuova release di Cinnamon offre il supporto per il fractional scaling su schermi HiDPI/4K. Per chi non lo sapesse, il fractional scaling consente lo scaling a risoluzioni atipiche (es: 125% o 150% o 175%) per ogni schermo connesso, ed è molto utile per chi ha un display HiDPI. Per attivarlo è necessario recarsi in Display Settings nella sezione Zoom Level. Inoltre, nella medesima sezione, è ora possibile cambiare la frequenza dei monitor.

Ammodernata la sys tray applet, il file manager Nemo gestisce meglio i thumbnails migliorando sensibilmente le performance soprattutto se si sta utilizzando Cinnamon con un HDD a piattelli magnetici. Nell’applet della tastiera di Cinnamon è stata aggiunta la possibilità di utilizzare il pulsante di clic centrale per scorrere i layout della tastiera.

Altre novità

Migliora il supporto per NVIDIA Optimus: l’applet principale NVIDIA mostrerà ora la scheda utilizzata e ci consentirà di passare da una all’altra. Si può scegliere se un’app deve essere presa in carico dalla GPU integrata o da quella dedicata NVIDIA. Per farlo è sufficiente selezionare un’applicazione nel menu, fare clic con il tasto desto del mouse e selezionare “Esegui con GPU NVIDIA”.

linux mint 20 ulyana cinnamon 4.6

Novità in pillole:

  • Nuova app per il trasferimento di file
  • Miglior supporto per le configurazioni multi-monitor
  • Cresce il numero dei temi disponibili

Niente Snap? C’è già un workaround…

Vi abbiamo già spiegato in questo articolo della crociata del team capitanato da Clem Lefebvre contro Snap. Devo dire, e ne sono felice, che è nato un bel dibattito nella sezione commenti di quell’articolo che vi invito a leggere (e perché no, vi invito anche a dare la vostra opinione!). Comunque, la situazione, in Linux Mint 20, è questa:

  • Snap / snapd non sono presenti di default;
  • APT non permetterà di installare snapd, quindi il comando sudo apt install snapd non porta al risultato sperato. Ogni tentativo di installare snapd dal terminale porta ad un errore;
  • Il processo di installazione di Chromium indicherà all’utente una soluzione alternativa per ottenere il browser web.

Fatta la legge, trovato l’inganno. In rete è emerso che dando il comando

sudo apt install snapd=VERSION

si riesce a installare la versione di snapd specificata. Il problema è che la versione, ovviamente, cambia di continuo. Inoltre, questo metodo non abilita tutte le funzionalità.

Quindi? Ecco il fix:

Per ottenere lo stesso risultato senza ricorrere al comando da terminale potete anche aprire Nemo da super user e cestinare il file nosnap.pref in /etc/apt/preferences.d/.

Download Linux Mint 20 Beta

Potete scaricare Linux Mint 20 beta Cinnamon (64-bit edition) dal sito ufficiale. Due i mirror disponibili:

  1. Download Linux Mint 20 Beta (64-bit .iso) 
  2. Download Linux Mint 20 Beta (64-bit .iso)

Le versioni Beta di MATE e Xfce sono disponibili quiqui.

sharing-caring-1Seguiteci sul nostro canale Telegram, sulla nostra pagina Facebook e su Google News. Nel campo qui sotto è possibile commentare e creare spunti di discussione inerenti le tematiche trattate sul blog.

Altre storie
bsd frurybsd ghostbsd freebsd
BSD: le ultime news dall’universo parallelo al pinguino