web analytics
protonmail bridge linux blog

ProtonMail Bridge: ufficiale il supporto per le distribuzioni GNU/Linux

Chi non ha sentito parlare almeno una volta di ProtonMail? Si tratta di un servizio di posta elettronica cifrata che nasce nel 2013 al Cern di Ginevra. L’obiettivo? Consentire, grazie alla crittografia, l’uso di un sistema di posta più affidabile rispetto a quelli gratuiti come i vari Gmail, Hotmail e Yahoo! (gli ultimi due sono i più bucati al mondo). I server di posta si trovano in Svizzera e il modello di business è basato sulle donazioni e i micropagamenti e non sulla vendita dei nostri dati personali e nemmeno sulla pubblicità. Da pochi giorni Proton Technologies ha annunciato l’arrivo del supporto di ProtonMail Bridge per Linux.

ProtonMail Bridge: le e-mail Proton sul proprio client desktop

A cosa serve ProtonMail Bridge? Torna molto utile a chi ha un account ProtonMail perché consente di connetterlo a un client di posta desktop che si appoggia ai protocolli IMAP e SMTP come Microsoft Outlook, Apple Mail Mozilla Thunderbird o Evolution. In sostanza è compatibile con tutti i client di posta elettronica ma viene fornito con ottimizzazioni speciali per Thunderbird.

Proton Mail bridge linux

L’app viene distribuita nei formati DEB, RPM e PKGBUILD coprendo così la stragrande maggioranza delle distribuzioni GNU/Linux (Debian e tutte le derivate come Ubuntu e Mint; RedHat, Centos e Fedora; Arch e relative derivate come Manjaro).

Per utilizzare l’app desktop Bridge è necessario essere abbonati al servizio a pagamento di ProtonMail. Con questa app ottieni le funzionalità di privacy e sicurezza di ProtonMail, come la crittografia end-to-end, con il tuo client di posta elettronica desktop preferito.

Bridge porta i tuoi messaggi ProtonMail sul tuo client desktop preferito criptandoli e decriptandoli direttamente sul tuo computer.

queste le parole di Roxana Zega.

L’app per Linux è già disponibile per il download. Una volta installata è possibile fare riferimento a questa guida per configurare il vostro client e-mail. Qui, invece, è possibile consultare le FAQ.

sharing-caring-1Seguiteci sul nostro canale Telegram, sulla nostra pagina Facebook e su Google News. Nel campo qui sotto è possibile commentare e creare spunti di discussione inerenti le tematiche trattate sul blog.

Altre storie
zfs sysadmin
[Guida] Sysadmin GNU/Linux: introduzione al file system ZFS – Parte 1