web analytics
mozilla thunderbird

Mozilla Thunderbird passa nelle mani di MZLA Technologies Corporation

Ci sono importanti novità in casa Mozilla Thunderbird. Fino a qualche mese fa il futuro del famoso client di posta elettronica gratuito, open source e multipiattaforma era abbastanza incerto e Mozilla stava per abbandonarne definitivamente lo sviluppo. Grazie alla community, che ha aiutato gli sviluppatori con ingenti donazioni, Thunderbird è rinato e ora ha una nuova casa.

Il team di sviluppo ha infatti annunciato che il progetto Thunderbird passerà nella mani di MZLA Technologies Corporation, una sussidiaria interamente di proprietà della Mozilla Foundation. Questa mossa è in cantiere da un po’ di tempo perchè Thunderbird è cresciuto in donazioni, personale, aspirazioni e ha bisogno di staccarsi dalla casa madre per procedere sulla sua strada.

Nuovo vecchio Thunderbird

Questa mossa, parola degli sviluppatori, non influirà sulle attività quotidiane del client che rimarrà gratuito e open source. Non cambierà nemmeno il ciclo di rilascio né le persone alla guida del progetto. Cosa cambierà allora?

Passare a MZLA Technologies Corporation non solo consentirà al progetto Thunderbird maggiore flessibilità e agilità, ma ci permetterà anche di esplorare nuove strade per offrire ai nostri utenti nuovi prodotti e servizi. La mossa consentirà al progetto di incassare entrate attraverso partnership e donazioni non benefiche, che a loro volta possono essere utilizzate per coprire i costi di nuovi prodotti e servizi.

queste le parole di Kewisch nell’annuncio ufficiale.

Questo passaggio a MZLA Technologies Corporation consentirà al progetto Thunderbird di assumere più facilmente, agire più rapidamente e perseguire nuove idee. Ulteriori dettagli sulle prossime mosse degli sviluppatori saranno condivise nei prossimi mesi.

P.S: Per fare una donazione è possibile recarsi sulla relativa pagina: give.thunderbird.net!

sharing-caring-1Seguiteci sul nostro canale Telegram, sulla nostra pagina Facebook e su Google News. Nel campo qui sotto è possibile commentare e creare spunti di discussione inerenti le tematiche trattate sul blog.

Altre storie
microsoft brad smith open source
Il presidente di Microsoft: “Abbiamo sbagliato sull’open source”