web analytics
linux mint debian edition

Ufficiale Linux Mint Debian Edition 4 Debbie: le novità

Dopo pochi giorni dall’annuncio di warpinator, dal blog ufficile di Linux Mint arriva la notizia del rilascio della nuova Linux Mint Debian Edition,nome in codice “Debbie”. La nuova LMDE è basata su Debian 10 Buster, contiene molti miglioramenti sia in termini di usabilità che di stabilità, vediamone i principali.

Linux Mint Debian Edition 4 Debbie è tra noi, vediamo le principali novità

LMDE è un progetto del team creatore di Linux Mint nato per dare un’alternativa parallela alla versione ufficiale della loro distribuzione, per diventare indipendenti dalle sorti della versione desktop del sistema operativo di Canonical. Essendo una derivata di Debian, LMDE fa sicuramente della stabilità il suo punto di forza. Questo significa che, proprio come Debian, non dobbiamo aspettarci di trovare l’ultima versione di software e librerie. Un piccolo prezzo da pagare per avere un sistema operativo consigliato a chi ha poco tempo da dedicare a risolvere freeze e bug dovuti a pacchetti meno stabili.

linux mint debian edition desktop

Tra le principali novità riportate dagli sviluppatori troviamo un installer completamente rinnovato, l’aggiunta dell’opzione per cifrare la cartella /home, la possibilità di effettuare il partizionamento cifrato basato su LVM, il supporto per il secure boot, l’opzione per l’installazione automatica dei driver Nvidia ed il supporto per NVMe.

Come aggiornare LMDE 3 alla nuova release

L’aggiornamento da LMDE 3 è davvero semplice. Per effettuarlo basta seguire pochi step spiegati nella Buster ufficiale della community. Tra i passaggi da effettuare c’è anche la rimozione del rapository deb-multimedia.org che non verrà più utilizzato in LMDE 4. Per chi volesse provare questa distribuzione, è possibile procedere al download di LMDE tramite l’apposito link dove è dispobile per architetture a 32 e a 64bit. I requisiti minimi sono 1GB di RAM e 15GB di spazio su disco.

sharing-caring-1Seguiteci sul nostro canale Telegram, sulla nostra pagina Facebook e su Google News. Nel campo qui sotto è possibile commentare e creare spunti di discussione inerenti le tematiche trattate sul blog.

Altre storie
bug dell anno 2038 linux
Kernel Linux: risolto il bug dell’anno 2038