web analytics
peppermint 10

Disponibile Peppermint 10 “Respin” con nuove utilities

Si basa su Ubuntu 18.04.3

Peppermint 10 è stato rilasciato a maggio 2019. Il sistema operativo basato su Ubuntu è perfetto per chi decide di passare al pinguino partendo da Windows. Non è sicuramente popolare come, ad esempio, Linux Mint ma è certamente una distribuzione solida e ben progettata. Da pochi giorni è disponibile una nuova release di Peppermint, non la versione 11, bensì Peppermint Respin.

Il team di sviluppo è lieto di annunciare l’arrivo di Peppermint 10 Respin (20191210). Si basa su Ubuntu 18.04.3 LTS ed è disponibile sia a 64-bit che a 32-bit. Speriamo che vi piaccia usarlo come a noi è piaciuto realizzarlo.

queste le parole degli sviluppatori.

Peppermint 10 Respin

Questa versione arriva con Linux 5.0 che rimpiazza la versione 4.18, graphic stack aggiornato e le ultime versioni delle app più popolari a partire da Firefox 71. Questa una breve lista delle novità più interessanti:

  • Sono state aggiunte ben due GUI utility “Cursor resizer” nel pannello impostazioni e “Web browser manager”, che permette di installare al volo un browser;
  • Nuovi SSBs: DLNnetwork e Pinball;
  • Nuovo tema GTK Arc-Colora;
  • Arc-Red-Dark è il nuovo tema di default;
  • Presenti diverse nuove icone;
  • P7zip-full è ora disponibile di default;
  • Corretto un bug riguardante lo scrolling con alcuni trackpad.

peppermint os 10 respin

Per ulteriori dettagli vi rimando all’annuncio ufficiale mentre su peeppermintos.com è possibile scarcare le .ISO. Se state già utilizzando Peppermint 10 allora non dovete far altro che aggiornare il vostro sistema.

P.S: Peppermint 11 si baserà su Ubuntu 20.04 LTS e arriverà durate l’estate 2020.

sharing-caring-1Seguiteci sul nostro canale Telegram, sulla nostra pagina Facebook e su Google News. Nel campo qui sotto è possibile commentare e creare spunti di discussione inerenti le tematiche trattate sul blog.

Altre storie
office 365 ministero istruzione
Il Ministero dell’Istruzione passa a Office 365: niente software libero