Uno scrittore di Forbes passa da Windows a Ubuntu: ecco le sue impressioni

0
343
dell jason forbes
L'XPS 13 di Jason

Per caso mi è cascato l’occhio su un racconto di Jason Evanghelo, scrittore per Forbes, il quale ha deciso di passare a Ubuntu dopo anni e anni di Windows. Perchè?

Prima di narrarvi le vicende mi vedo costretto a fare un preambolo. La finalità dell’articolo non è promuovere Ubuntu bensì riportarvi un fatto reale e curioso pubblicato su una testata che non scrive prettamente di informatica nè tantomeno di Linux e Ubuntu… E’ bello vedere l’OS di Canonical ricevere pubblicità positiva anche da chi non scrive abitualmente di esso.

Detto ciò veniamo a quanto successo.

I fatti

dell jason forbes
L’XPS 13 di Jason

Qualche settimana fa, racconta Jason su Forbes, durante un trasferimento di 350GB di file Windows 10 decide di riavviarsi senza apparente motivo. Blue screen e trasferimento da ripetere. Dopo anni e anni di Windows Jason decide di dire basta e intende passare a Linux.

Per anni si è detto impaurito da Linux. Nel lontano 2000 aveva provato varie distribuzioni riscontrando gravi problemi e “perdendo troppo tempo alla ricerca di driver funzionanti“. Invecchiando, si sa, si diventa pigri e Jason vorrebbe un OS pronto e funzionante out of the box. La famosa pappa pronta che Windows offre e Linux un po’ meno. Almeno in passato. Vediamo com’è andata!

Linux Mint: falsa partenza

Il suo portatile è un Dell XPS 13 pertanto si può dire che è stato fortunato: è sicuramente uno dei portatili migliori al mondo ed è anche ben supportato da distro GNu/Linux.

Dopo aver backuppato tutti i suoi dati Jason opta per Linux Mint, lo scarica su un USB stick e prova il “Live” per verificare la compatibilità e il buon funzionamento del sistema operativo. Convinto dalla prova decide di installare Mint ma l’installazione non va a buon fine perchè la routine “non trova un disco su cui installare l’OS” dopo un po’ di tentativi decide di provare con Ubuntu.

Ubuntu 18.04: ci siamo

jason ubuntu windows
Ubuntu sul PC di Jason.

Nuovamente Jason prova il “Live” dopodichè installa Ubuntu 18.04 Bionic Beaver e tutto va a buon fine.

Una prima sorpresa, dice Jason, è la velocità dell’installazione. “Ci ha impiegato letteralmente 4 minuti dall’inizio alla fine, incluso il tempo necessario per selezionare la regione, settare username&password e collegarmi al Wi-Fi. Quattro minuti ragazzi!

Non sono stati necessari driver aggiuntivi e Ubuntu ha riconosciuto tutto al volo: toiuchpad, webcam, Wi-Fi adapter… Lo step successivo consiste nell’installare il software utile per lavorare.

Jason si è detto soddisfatto dell’Ubuntu Software center: “con pochi click ho installato tutti i programmi necessari, senza dover usare il terminale e senza dover navigare sui rispettivi siti ufficiali. La quantità di software installabili con lo Store mi ha sorpreso: Discord, Spotify, Skype, VLC, Telegram, OBS, Slack, GIMP, Audacity, tutti a portata di mano“.

Due settimane con Ubuntu

Dopo due settimane di “prova” Jason tira un po’ le somme. Il primo impatto con Ubuntu è stato superato alla grande. La scoperta di tool come cpufreq gli ha permesso di operare un tuning del sistema e migliorare la durata della batteria. Tutto ciò che gli serve per lavorare ce l’ha a portata di mano.

Il laptop è più veloce, stabile e performante. La navigabilità dell’OS è ottima ed è possibile effettuare un backup al volo. Modificare il look-how del desktop è intuitivo, bastano pochi click. Devo ammettere che mi sono trovato molto bene con Ubuntu. D’ora in avanti continuerò ad usarlo per scrivere, lavorare, comunicare e navigare su internet. La mia esperienza con Ubuntu è veramente positiva” ha concluso Jason.

Le conclusioni che possiamo trarre da questo racconto sono abbastanza ovvie e sicuramente non nuove. Negli ultimi anni le distribuzioni Linux hanno fatto passi da gigante dal punto di vista dell’usabilità e si sono avvicinate molto a Windows pur mantenendo le peculiarità  proprie di GNU/Linux. In linea di massima possiamo dire che chiunque oggi può usare Ubuntu senza troppi grattacapi.

P.S: Potete leggere l’articolo di Jason su Forbes.com cliccando qui.

Last updated on 21 settembre 2018 15:18

sharing-caring-1

Vi ricordiamo che seguirci è molto semplice: tramite la pagina Facebook ufficiale, tramite il nostro canale notizie Telegram e la nostra pagina Google Plus. Da oggi, poi, è possibile seguire il nostro canale ufficiale Telegram dedicato ad Offerte e Promo!

Qui potrete trovare le varie notizie da noi riportate sul blog. È possibile, inoltre, commentare, condividere e creare spunti di discussione inerenti l’argomento.