Ubuntu: Canonical rivela i primi dati raccolti dai pc degli utenti

0
622
ubuntu 18.04

Ne abbiamo parlato a lungo qui su LFFL dove si è scatenato un dibattito abbastanza acceso. Come vi avevamo già annunciato lo scorso 15 Febbraio Canonical ha implementato in Ubuntu 18.04 LTS un “data collection tool“ chiamato Ubuntu report. Si tratta di un tool per collezionare alcuni dati utili al team di sviluppo. Questo non è un lungo tentacolo che si impossessa della vostra privacy per propinarvi i consigli di shopping più adeguati. Si tratta di uno strumento che permette la raccolta di dati generici, in forma anonima, per consentire agli ingegneri di migliorare Ubuntu.

Ecco la lista delle informazioni raccolate:
  • La versione di Ubuntu
  • OEM/Manufacturer
  • Model number del dispositivo
  • BIOS info
  • CPU info
  • GPU info
  • Quantitativo di RAM installata
  • Info sulla partizione
  • Display(s) info
  • Auto-login status
  • Live Patching status
  • Desktop environment installato
  • Display server
  • Timezone
Vi avevamo inoltre preannunciato che Canonical avrebbe pubblicato queste informazioni e nelle scorse ore ha fornito un’anteprima di alcuni dati che trovano interessanti: vediamoli!

I dati raccolti da Canonical

37,99€
76,99
disponibile
147 nuovo da 37,99€
Amazon.it
Spedizione gratuita
Ultimo aggiornamento il 18 novembre 2018 10:48

Prima di andare ad analizzarli va detto che sono dati derivanti esclusivamente da installazioni di Ubuntu Desktop.

PS: cliccate sulle immagini per vederle con maggiore chiarezza e a tutto schermo!

Tempo medio per l’installazione di Ubuntu

durata installazione Mediamente sono richiesti 18 minuti per installare Bionic Beaver. Il record si attesta attorno ai 7-8 minuti.

Fresh install o upgrade del sistema?

upgrade ubuntu

Circa un quarto degli utenti di Ubuntu 18.04 LTS arrivano da una release precedente mediante upgrade. L’installazione minimale recentemente introdotta è usata dal 15% degli utenti, un buon risultato.

Numero di CPU?
cpu ubuntuPartizionamento del disco di sistema

diskpart L’opzione più scelta è l’installazione da zero dell’OS.

Display: 1080p detta legge

dpi1920×1080 (Full-hd) è la risoluzione più comune seguita da 1366 x 768, usata su diversi portatili di fascia medio-bassa. HiDPI e 4k devono fare ancora molta strada…

RAM

mem4 & 8 GB di RAM dominano la scena e le configurazioni a 16GB non sono poi così lontante. Sorprende in negativo la presenza di molti sistemi con 2 o 1 solo GB.

Ubuntu everywhere

mapUbuntu è in tutto il mondo. I dati si basano sul fuso orario selezionato durante l’installazione in quanto non vengono registrati gli indirizzi IP. Gli USA sono il luogo dove Ubuntu risulta più utilizzato ma anche Brasile, India, Cina e Russia sono grandi utilizzatori al pari di diversi Stati europei (come Germania, Francia e in misura minore Spagna, Inghilterra e Italia).

Per maggiori dettagli vi rimando al post di Will Cooke.

sharing-caring-1

Vi ricordiamo che seguirci è molto semplice: tramite la pagina Facebook ufficiale, tramite il nostro canale notizie Telegram e la nostra pagina Google Plus. Da oggi, poi, è possibile seguire il nostro canale ufficiale Telegram dedicato ad Offerte e Promo!

Qui potrete trovare le varie notizie da noi riportate sul blog. È possibile, inoltre, commentare, condividere e creare spunti di discussione inerenti l’argomento.