I test sono ancora in corso, cerchiamo di capire quale sarà l’impatto prestazionale che l’utente PC tradizionale dovrebbe vedere dopo i fix contro Spectre e Meltdown.

Come sapete la scorsa settimana sono emerse alcune falle che riguardano la stragrande maggioranza dei processori diffusi nel mondo. Le falle sono note come Meltdown e Spectre, esse portano allo stesso risultato, ovvero il potenziale furto di dati sensibili dal computer attaccato anche se il loro funzionamento è diverso con debite differenze tra produttore e produttore.

Ma quale sarà l’impatto prestazionale dei fix che tutte le aziende del comparto hardware e software stanno mettendo a punto?

Analisi circa l’impatto di Meltdown e Spectre sulle prestazioni

meltdown spectre

La situazione è in continua evoluzione e probabilmente alle prime patch ne seguiranno altre che potrebbero migliorare sempre più il bilanciamento tra sicurezza e prestazioni.

Il calo prestazionale riguarderà in misura minore i pc comuni mentre saranno più afflitti i server e le workstation. Intel con un comunicato stampa ha reso noto che in base ai suoi test più recenti con i computer tradizionali, continua ad aspettarsi “un impatto prestazionale non rilevante per l’utente medio. Questo significa che l’utente PC tipico casalingo e business non dovrebbe vedere rallentamenti evidenti in operazioni comuni“.

Intel parla dei test svolti con il benchmark SYSmark 2014 SE, usato dall’industria per valutare le prestazioni dei PC. I test sono stati svolti su piattaforme Core di ottava generazione: il calo prestazionale generale è del 6% o meno, con i singoli test di SYSMark che mostrano cali tra il 2% e il 14%.

Per quanto riguarda i datacenter, Intel sta ancora lavorando per capire al meglio il quadro della situazione.

L’impatto complessivo dipenderà dal carico di lavoro specifico, dalla configurazione della piattaforma e dalla tecnica di mitigazione. In alcuni casi sono disponibili diverse opzioni di mitigazione, ciascuna con implicazioni prestazionali e specifiche d’implementazione diverse“.

E su Linux?

I colleghi di Phoronix hanno svolto alcuni test molto interessanti che mettono a confronto il medesimo hardware prima e dopo la patch.

Il calo prestazionale è presente ed evidente in ogni test ma l’entità del drop dipende fortemente dall’applicazione. Il calo può essere limitato (5%) o molto forte (anche 30%).

sharing-caring-1

Vi ricordiamo che seguirci è molto semplice: tramite la pagina Facebook ufficiale, tramite il nostro canale notizie Telegram e la nostra pagina Google Plus. Da oggi, poi, è possibile seguire il nostro canale ufficiale Telegram dedicato ad Offerte e Promo!

Qui potrete trovare le varie notizie da noi riportate sul blog. È possibile, inoltre, commentare, condividere e creare spunti di discussione inerenti l’argomento.

  • Dario Chemello

    Una cosa non mi è chiara.
    Se progetto un’automobile che dice di inquinare X mentre poi inquina Y arriva una bella multa.
    Faccio un processore che dice di avere le prestazioni X mentre poi ho Y non succede nulla.

    Magari in Intel non sapevano nulla che progettando il procio in questo modo si incorresse in un problema di sicurezza, ma sicuramente è stato fatto in quest modo per garantire determinate prestazioni.
    Prestazioni che ora non sono più realistiche. Prestazioni che hanno portato molti acquirenti a scegliere questo o quel processore.

    • AnotherBrickInTheWall

      normalmente sarei d’accordo con te ma non penso che possano rimborsare il mondo intero

      • Dario Chemello

        Non parlo di rimborsi, ma di una multa per ricordarsene la prossima volta.

        • Viktor Kopetki

          se ci fosse un ente/regolamento/legislazione generale… invece nell’IT comanda il mercato

          • Dario Chemello

            https : // www . hwupgrade . it /news/sicurezza-software/vulnerabilita-dei-processori-meltdown-e-spectre-avviate-gia-tre-class-action_73352.html

            A quanto pare qualcuno si è mosso…

        • Edmond Dantès

          Credo che la sfiducia di milioni di utenti basti e avanzi, chissà quanto perderà in futuro in termini di soldi e utenza, per non parlare delle apparenze, le aziende ci tengono ad apparire affidabili. Molti utenti opteranno per AMD o per altro, almeno penso che potrebbe essere così…

    • Qfwfq

      Un auto è soggetta a omologazione che verifica la conformità a standard internazionali, una CPU solamente a dei dati di targa che però non sono necessariamente vincolanti, di certo non per un normale utente, magari se sei un data center….

  • SickBoy

    Ancora non ho capito, vale anche per AMD oppure no? Già ho un PC che è una gran me**a, depotenziamolo pure… così poi mi tocca mettere il sistema operativo della Clementoni per farlo girare decentemente. Ma ve lo immaginate all’accensione? “Clem, Clem!” 😐

    • AMD è vulnerabile a solo 1 delle 3 varianti, alcuni SOC qualcomm a 2 delle 3 varianti.
      da quanto ho capito però solo intel è afflitta dal bug il cui fix comporta una riduzione delle performance, infatti la patch per correggere meltdown (il cui fix causa questo decremento delle performance), su linux ha ricevuto un’ulteriore patch da AMD che non fa applicare la patch alle cpu AMD, ma solo per le cpu x86 (quindi esclude anche ARM) e solo per le cpu intel

      • SickBoy

        Come non detto. Mi sono visto la lista delle CPU vulnerabili da sta roba e mi sono depresso ancora di più. Il mio PC non ha bisogno di patch, a quanto pare è una me**a per davvero. ☹️

  • Maudit

    Bella roba. Non è mica poco il 5% sui desktop, il 30% (e più) per uso server/workstation è uno smacco totale.
    Mi domando se le applicazioni comuni “desktop”, includano i videogames.

    • i videgames non ne risentono, phoronix ha fatto diversi test su diversi giochi e non c’è stato alcun calo significativo

  • Maurizio Tosetti

    Devo ancora aggiornare su Mint. Non ho visto alcuna patch sui bug Intel. Credo che comunque non lo faro l’update. Mi pare una trovata solo per far cambiare pc o smartphone all ‘utente

    • su linux per “disabilitare” la patch, basta passare il parametro nopti

      • Maurizio Tosetti

        Grazie provero’ a guardare su Google per questo comando.

        • basta aggiungerlo al file /etc/default/grub come parametro da passare al kernel, e ovviamente rigenerare il grub

          • Maurizio Tosetti

            Ok scusami ma non sono pratico per queste modifiche. Non si parlava invece di una patch fatta da Canonical in uscita ieri. Ne sai qualcosa ?

          • in teoria canonical dovrebbe aver fixato (parlava del 9), se ti si è aggiornato il kernel tra ieri e oggi, sicuramente hai la patch.. però non so perchè io sono su debian testing (dove ancora non è fixato, visto che su debian per ora hanno fixato solo su debian stable e su debian sid)

          • Maurizio Tosetti

            sto facendo l’upgrade proprio ora, speriamo non peggiori le prestazioni del pc

          • Maurizio Tosetti

            Disastro !!! Devo far reset del Pc. Non toccate fe non fate ! Nulla Certe cose del kernel Non si deve fare alcun aggiornamento !

          • Maurizio Tosetti

            Disastro !!! Devo far reset del Pc. Non toccate fe non fate ! Nulla Certe cose del kernel Non si deve fare alcun aggiornamento !

          • Qfwfq

            Cosa è successo? Ho appena aggiornato Mint con gli aggiornamenti proposti, kernel incluso, ma non ho avuto nessun problema. Occhio che se era molto che non lo aggiornavi mi è capitato che ci mettesse una vita a spegnersi ma dopo un paio di volte tutto mi è tornato normale.

          • Maurizio Tosetti

            eh si io ne ho avuti invece. I driver Nvidia li ho aggiornati, anche perche non sono aggiornamenti di sistema, di solito su Mint Sul settaggio dei driver proprietari è scritto 340.102. Sul sito di Mint è scritto 384.111 Non capisco gli aggiornamenti “sicuri” li faccio sempre.

          • Maurizio Tosetti

            forse ho capito, devo installare dal gestore di pacchetti i driver Nvidia forse i driver giusti sono ” Nvidia 384-111 ” Nvidia Binary Version ” ?

          • Maurizio Tosetti

            Ho fatto un guaio. Devo reinstsllare tutto da zero.

          • Maurizio Tosetti

            Ho risolto. Ho caricato Grub per caso. Credo che si debba fare la combinazione alt+F4. Ho fatto un downgrade del kernel a 3.13 24 e pazienza. Comunque penso che ci fosse un problema con i driver della scheda video Nvidia . Avevo la risoluzione dello schermo a 640 x480. Poi dopo pochi minuti schemo nero e macchina impazzita come se stesse tentando di fare un boot..

          • Maurizio Tosetti

            forse è meglio scrivere che va in ” Stand By”….

          • ??? che hai combinato?

          • Maurizio Tosetti

            Avevo seguito le istruzioni sul Mint blog per i Bug Intel. Ho attivato gli aggiornamenti di sistema per aggiornare il kernel a 3.13-39. Al riavvio ho avuto risoluzione fissa a 640 x 480. Dopo pochi minuti di attivita’ il pc va in standbay automaticamente. Persi tutti i driver Nvida proprietari ( versione 340.102) Avevo ripristinato causalmente dal Grub e avevo risolto. Poi qui mi taglio le mani e ho fatto la mossa azzardata di aggiornare i driver Nvdia. Ho installato la versione 384.111 come era indicato nel blog. Ho scelto Nvidia 384-111 ” Nvidia Binary Version . Rimossa la vecchia versione schermo enorme e in stand by. Preso dal panico ho provato a tornare indietro. Tentativo fallito. Reinstallo i vecchi driver 340. 102. Dopo questa lunga spiegazione mi ritrovo con il kernel aggiornato da 3.13-24 a 3.13 39 , vecchi driver senza una precisa configurazione e temperatura della macchina che si aggira a 100 gradi. Forse mi conviene formattare e reinstallare tutto.

          • un bel casino in effetti.

          • Maurizio Tosetti

            Soluzione? Un bel format e si riparte da zero. Ho fatto dei back up 3 mesi fa. Ovviamente con Mint 17 e si lascia perdere meltdown e spectre . In Linux certe modifiche di sisteme’ meglio evitarle possibilmente

          • secondo me è più un problema dei driver proprietari.
            non è una questione che in linux è meglio evitare certe modifiche, assolutamente, sicuramente se avessi avuto i driver open non avresti avuto alcun problema.
            non a caso i problemi che mi hai descritto sembrano proprio riconducibili a problemi video, quindi causati dai driver, e siccome mi dici che avevi i proprietari nvidia, ci potrei scommettere che il problema sia stato proprio quello.
            con i driver open non ho mai avuto alcun problema del genere, nemmeno con aggiornamenti e modifiche molto più grosse (alla fine il tuo era pure un semplice minor update del kernel).
            per questi motivi secondo me attualmente come gpu sotto linux è preferibile AMD, le performance sono migliorate tanto (e con le nuove versioni di mesa e del kernel migliorano ulteriormente) il tutto avendo i driver opensource, quindi zero problemi con kernel e/o server grafico.
            purtroppo nvidia fa ottimi driver, ma solo proprietari, i driver open nvidia (nouveau) sono molto inferiori come performance e nvidia non da alcun contributo (al contrario invece AMD stessa mantiene e sviluppa i driver open per le sue gpu, oltre a collaborare con lo sviluppo del kernel e di mesa aggiungendo funzioni per supportare al meglio le loro gpu

          • Maurizio Tosetti

            Da quando ho incominciato a usare Linux in modo stabile da quasi 4 anni, i driver Open crearono problemi. Il pc funzionava 1 ora e poi si bloccava. Da li’ almeno per Ubuntu non so su Debian anche leggendo altri utenti avevano lo stesso disagio. Da li’ scelsi i driver proprietari Nvdia e la macchina funziono’ a meraviglia fino a pochi giorni fa.
            Con il nuovo kernel ora il boot sembra piu’ veloce, le temperature dei core ( Intel Core Duo) all’ accensione sono a basse temperature.Poco dopo la temperatura di uno dei 4 core tende a salire di un grado ogni 30 sec. Se inizio a fare qualcosa anche i restanti 3 core salgono di temperatura. In sostanza se guardo un video su Youtube 1 core tocca 80 gradi in 20 minuti prima viaggiavo sui 45-50. Anche caricando gli Open la situazione rimane invariata.

    • Qfwfq

      Vai in https : / / blog . linuxmint . com / ? p=3496 (togli gli spazi) e trovi le cose da fare.

    • Mario

      tanto mi sa che non potrai evitare la patch a vita, prima o poi dovrai aggiornare il kernel altrimenti non ti funzionerà più nessun programma.

      • Maurizio Tosetti

        Su Mint gli update di sistema sono disabilitati. Quindi si puo’ evitare benissimo. Ormai il mio pc ha piu’ di 9 anni.

  • Alessandro Callegari

    Ci vorrebbe una class action per farsi risarcire il calo di prestazione rispetto al costo delle cpu.

  • Maurizio Tosetti

    Ho fatto un gran pasticcio. Ho tentato di aggiornare i driver Nvdia a casaccio e ho fallito.
    Ora devo valutare come risolvere :
    1) riparto da zero
    2) se qualcuno mi puo’ dare istruzione su come aggiornare i driver Nvdia. E anche come fare un downgrade del kernel. Ora se la memoria non mi tradisce ho il kernel 3.13.39 e devo tornare alla 3.13. 24
    Eventuali considerazioni su questi bug li scrivero’ piu’ avanti. Ora mi interessa risolvere il problema.

    • SickBoy

      Ho provato Mint qualche tempo fa, per cui non ricordo bene… ma per quanto riguarda il kernel dovrebbe essere facile. Infatti basta aprire l’update manager, cliccare su “Visualizza” e poi “Linux Kernel”, a questo punto dovresti avere a disposizione una vasta scelta di versioni da poter installare. Ma non ho mai provato a fare un downgrade quindi ti consiglio caldamente di iscriverti e chiedere assistenza sul forum di Linux Mind Italia (ex Linux Mint Italia). Così oltre a toglierti ogni dubbio ti sapranno consigliare meglio.

No more articles