Il KDE Slimbook è un dispositivo bello e dalle specifiche decisamente interessanti, vediamole insieme.

Il display è classico, 13,3 pollici con risoluzione Full-HD, gestito dalla grafica integrata Intel; l’utente potrà scegliere tra un Core i7-6500U Skylake o un il più economico Core i5-6200U. La RAM è di tipo DDR3 e parte da un quantitativo di 4GB, mentre per lo storage si trovano opzioni per SSD mSATA da 120, 250 oppure 500GB.

kde slimbook

Per quanto riguarda il design non è originalissimo, abbiamo uno chassis in alluminio e la tastiera retroilluminata, mentre per quanto riguarda il comparto connettività troviamo WiFi b/g/n (con 30 euro è possibile installare anche il WiFi ac), Bluetooth 4.0, USB 3.0. mini HDMI, lettore SD e adattatore LAN USB; la macchina è alimentata da una buona batteria da 6,800 mAh.

A rendere tutto più interessante è il fatto che il sistema operativo è KDE Neon.

La versione base con Core i5 costa 729 Euro, mentre con Core i7 saliamo a 849 Euro. Sul sito ufficiale potete però costruire la configurazione che sposa le vostre necessità. Una pecca da segnalare è l’assenza della tastiera italiana (QWERTY classica).

Rapido commento al prezzo che definirei “alto ma non troppo”, più o meno in linea con i competitor.

sharing-caring-1

Vi ricordiamo che seguirci è molto semplice: tramite la pagina Facebook ufficiale, tramite il nostro canale notizie Telegram e la nostra pagina Google Plus.

Qui potrete trovare le varie notizie da noi riportate sul blog. È possibile, inoltre, commentare, condividere e creare spunti di discussione inerenti l’argomento.

  • Luca Cavallaro

    ma è così difficile fare un design originale?

    • Rand Al Mucck

      Facile non è: considera che
      1) lo deve usare una persona, quindi l’ergonomia ha il suo peso;
      2) la persona di cui sopra ci si deve un minimo ritrovare: molte persone, se una cosa ha un aspetto troppo diverso da quella che è abituato ad usare non la sa più usare.

      • Luca Cavallaro

        ci sono 239842394829348923 modi per fare un portatile sottile, leggero e originale 😀 questo sembra, come aspetto, il clone cinese di un macbook air.

    • alex

      Molto diffcili perchè al 99% questi case non li fanno loro ma semplicemente li comprano assieme alla relativa elettronica, basta vedere che sono state citate diverse marche con prodotti a dir poco simili.

  • DigiDavidex

    Il problema principale rimane il prezzo troppo alto. Il mio Asus F555LJ ha caratteristiche migliori, e l’ssd l’ho messo io nel mio. Qualche 760€ tutto compreso il prezzo dell’ssd aggiunto dopo

    • Andrea

      Questo fa parte dei laptop ultraslim per dimensioni e peso, i classici laptop hanno hardware uguale o migliore a prezzi più bassi a svantaggio di peso e dimensioni. il mio asus n552 pagato 1000 euri è dieci volte migliore come hardware di un qualsiasi zenbook asus che costa 1500/2000 euri; così come il tuo F555LJ…..è il mercato delle mode

      • tastierino

        Indipendentemente dalle mode, non posso tollerare un portatile che abbia il tastierino numerico. Il tastierino ti impedisce di avere una posizione delle mani centrale rispetto al display, di conseguenza hai mani e testa scentrate. Purtroppo non lo trovi un 15 pollici economico e senza tastierino numerico. Se non vuoi il tastierino numerico sei legato ai 13 pollici ultrabook (o ai macbook), e costano cari.

        • Andrea

          Bho, non ti capisco. Laptop senza t.num.?? Decentrato dallo schermo? Ma hai le mani attaccate alle orecchie? Scusa la battuta ma questa cosa mi lascia stranito.

          • tastierino

            Per spiegare meglio: https : // ramblingfoo . blogspot . it / 2013 / 10 / the-stupidest-trend-in-laptop-design-is . html
            Non è un caso che Apple, che spendeva molto sugli studi di usabilità, non
            abbia mai messo il tastierino numerico nei suoi portatili.

          • Andrea

            Io senza non ci potrei stare, pensare di usare Excel o qualsiasi foglio di calcolo senza…..impossibile!

          • tastierino

            Hai ragione, per un foglio di calcolo senza è impossibile (o sei molto più lento). Ma devi tenere conto che lo scopo del portatile è di essere portato in giro: esistono docking station, tastiere esterne e anche tastierini numerici esterni, da accompagnare ad un monitor esterno per quando si lavora sul serio (se non vuoi rischiare problemi seri di salute). Gli studi di usabilità si fissano delle user stories o casi d’uso, definendo goals e non-goals dove devono rendere la vita più semplice a determinate casistiche che sono maggioritarie. L’uso del portatile mentre si è in viaggio da un assiduo utilizzatore di fogli di calcolo (o blender?) è veramente un caso molto di nicchia e usare i numeri in linea sopra alle lettere è sempre possibile.

          • Andrea

            Raro uso di fogli di calcolo? Con tutti i geometri, ingegneri, architetti che ci sono in Italia? Stai scherzando? E ti ho citato solo uno dei tanti campi d’applicazione dei fogli di calcolo. Continuo a non essere d’accordo su quanto hai scritto, uso di tastierini esterni, tastiere secondarie ecc…..si oltre alla borsa mi devo prendere puro lo zaino da lavoro, si ma quelli che usano gli alpinisti, hai presente…. 😉 Poi personalmente se uso il t.um. il mio volto è perfettamente centrato sul centro del monitor, guarda proprio d’avanti alla cam; non noto nussun disallineamento di asse, nessuna strana postura.

          • tastierino

            Parlavo del fatto che se il portatile non è una postazione di lavoro: geometri, ingegneri, architetti e gli altri useranno tastiere esterne e monitor esterni nei loro uffici, non se li devono portare in giro. In ogni caso sono una minoranza per il semplice fatto che i laureati sono una minoranza rispetto ai non laureati. Detto questo, non mi va di passare le ore a fare chit-chat. Ciao.

          • Andrea

            Ok, nessun problema. Spero di non averti sconfusionato il cervello 😉

          • Simone

            Guarda, io personalmente sono un consulente tecnico, viaggio moltissimo, e spesso lavoro in piena mobilità (hotels, lounges di aeroporti, eccetera) o sul campo. Considerando che i numeri sono alla base di qualunque lavoro che abbia a che fare con…il profitto, una workstation senza tastierino numerico è zoppa. Infatti pensavo di prendere un Macbook Pro, ma a parte che per avere potenza di calcolo bisogna spendere tipo 3500€, senza il tastierino sarebbero bestemmie a non finire…

        • Aster

          Di solito anche il touchpad e decentrato nei modelli recenti,non ce nessuna moda ma esigenze lavorative,un portatile e anche aziendale non solo per hobby quindi i tasti numerici servono a volte,a volte si usa dock monitor e tastiera in ufficio

        • oddio tutta questa scomodità non la noto, anzi per me è molto meglio avere il tastierino numerico, quando devo digitare numeri mi riesce molto più comodamente e velocemente a premere nel tastierino piuttosto che a premere nella linea di tasti in alto

        • DigiDavidex

          Sinceramente non mi sono mai posto il problema del tastierino, il mio portatile lo uso come se fosse un pc fisso, quindi il portatile sta da una parte lontano da me e poi c’è tutto il resto messo esternamente (Monitor 1080p HP 24CW collegato tramite cavo HDMI, scheda audio usb Creative SB Audigy 2 ZS Video Editor(presa a 20€ al mercatino dell’usato e come sk audio si sente a meraviglia collegata ad un Denon PMA-720AE e diffusori a 3 vie anni ’80 Pioneer CS-595), tastiera e mouse Logitech senza fili), poi ho tolto l’hdd da 500GB interno facendolo esterno e ci ho messo al suo posto un SSD Samsung 750Evo. Io non mi faccio problemi 😀

      • DigiDavidex

        Ma teoricamente dovrebbero anche costare meno in quanto viene usato meno materiale. BAH! Stupide mode inutili

        • Andrea

          Da un lato ci potrebbe anche stare, ci sono sicuramente più costi legati alla progettazione del telaio e delle componenti da far stare in ambienti molto più stretti di un normale laptop, la dissipazione, l’utilizzo molto spesso di componenti più costose, tipo ssd pcie schermi ips tastiere pregiate illuminate ecc…

  • 13 pollici troppo piccolo per me
    730 euro troppo costoso per quel che offre (capisco che è di nicchia e quindi devono vendere a prezzi più alti per rientrare nei costi, ma è troppo costoso)
    4GB di ram troppi pochi per me
    120GB non mi bastano assolutamente

    detto questo, a 500 euro poteva essere interessante (per chi è interessato ai 13 pollici), ma 730 euro mi dispiace ma sono fuori mercato

    • rico

      in effetti la prima e seconda che hai detto mi trova d’accordo: una risoluzione Full hd su display così piccolo, e pure costoso.
      Invece i 4 GB di ram non sono un problema: non parliamo del consumo di risorse di windows, dopotutto 🙂
      Anche se KDE non è esattamente il DE più leggero.

      • si lo so ma a me 4GB non bastano, preferisco avere la sicurezza di 8GB, nel mio vecchio portatile con 4GB ogni tanto arrivavo quasi a saturarli tutti, ora invece che ne ho 8, non ho alcun problema.
        nel 2017 ormai per 700 euro 8GB di ram devono essere il minimo

        • bypasser

          siccome stavo valutando l’acquisto di un 13.3″ da usare con linux sarei interessato a qualche suggerimento. Installazione non e’ un problema ma sarei felice di trovare hardware ben supportato

          • tastierino

            Per spiegare meglio: https : // ramblingfoo . blogspot . it / 2013 / 10 / the-stupidest-trend-in-laptop-design-is . html
            Non è un caso che Apple, che spendeva molto sugli studi di usabilità, non abbia mai messo il tastierino numerico nei suoi portatili

          • tastierino

            Scusa ho sbagliato thread.

      • Ansem The Seeker Of Darkness

        non è un problema di windows, io con firefox/chrome uso in media 2Gb senza problemi visto che tengo sempre più di 10 tab,

      • Andrea

        kde neon consuma 350/400MB meglio di così non si può pretendere (unity 7 se pensi 800MB)

        • gabriele tesio

          citando questi risultati: https : // brendaningram . com /article/ram-usage-of-various-linux-desktop-environments/ Unity 7 sta a 600Mb e Gnome 3 a 730, dati su kde non ce ne sono però.

          • Andrea

            Guarda i mie dati te li ho presi direttamente dai miei laptop, appena avviati lasciando assestare il tutto per circa una decina di minuti.

    • Dario · 753 a.C. .

      Secondo me invece il 13″ va bene perché all’università entra perfetto sul banco e a casa me lo userei col monitor esterno da 23″ come già faccio col mio portatile

    • alex

      Il prezzo e le caratteristiche sono perfettamente in linea con la tipologia, chiaro che se poi si hanno esigenze diverse giustamente si acquista altro.
      Da 13 è molto comodo da portarsi in giro e permette comunque di lavorarci abbastanza bene (i migliori poi hanno ingombri analoghi ad un 12). Si parla comunque per lo più di uso office, quindi anche ram e storage hanno dimensioni adeguate. Anche il processore infatti è di tipo a basso consumo, per migliorare l’autonomia.
      In fine non c’è nessun problema ad avere una risoluzione FHD su di un 13, sono solo le paranoie di chi è abituato alle classiche risoluzioni ridicole. Tra l’altro su linux scala tutto molto bene, quindi si fa presto a configurare tutto in modo ottimale.

      • ma il mio discorso non è che il fullhd è troppo per i 13 pollici, io dico solo che 13 pollici per me sono pochi

  • IlTizioCheNonVuoleRegistrarsi

    Ciao a tutti,
    qualcuno sarebbe così gentile da spiegarmi perché, su un portatile del genere (creato dalla community di KDE), sul tasto Super hanno inserito il logo di Windows? Scusatemi, però la trovò una cosa davvero ingenua e insolita, bastava mettere il logo di KDE 😀
    Buona giornata!

    • Andrea

      Misteri della fede

    • Aster

      Perche il portatile viene venduto in diversi versioni di linux e a richiesta anche windows!l’articolo non e completo,ma prima di gridare al complotto forse bisogna dare un occhiata alla pagina web;)

      • IlTizioCheNonVuoleRegistrarsi

        Ciao Aster,
        tranquillo, l’avevo vista la pagina web e di certo non sto gridando al complotto XD
        Provo a spiegarmi meglio: io, personalmente, avrei preferito che nelle versioni con Linux il tasto Super fosse stato personalizzato con i loghi delle varie distribuzioni. Così, per puro fattore estetico, inoltre mi sembra un’idea carina infondo e non penso costi molto farlo 😀

        • Aster

          Capisco era una battuta;)secondo me non sono ancora così potenti da imporre scelte hardware o di progettazione al fornitore,ma hai detto bene tu basta un stick fai da te;)

    • Fran

      Concordo. D’altronde il logo KDE l’anno messo sul case del monitor…

    • Marco Persy

      hanno inserito il pulsante Windows perché tanto su KDE non puoi usarlo per aprire il menù start /s

      • Marco Missere

        E invece sì, a partire da Plasma 5.8.

    • alex

      Semplicemente perchè usano un case “standard” con componentistica standard, semplicemente lo configurano come richiesto.

  • Enrico Sorrentino

    sembra tanto tanto un clevo, e come prezzo si avvicina al santech da 13 che condivide la stessa paittaforma, la differenza maggiore è la tastiera italiana… a quel punto conviene il santech. io ho un 13 pollici full hd e mi trovo benissimo, i caratteri sono belli e ben definiti, basta configurare tutto x bene, i problemi nascono con le app che non hanno supporto hdpi, su windows più che su linux, ed è veramente strano, ma è ovvio che microsoft ha peggiorato il rendering dei font con win 10 rispetto ai precedenti, e ancora non ne sono venuti a capo del tutto.

    • Gabriele

      Vero quello che scrivi … però mi sento di consigliare Raiontech … si spunta qualche €

  • Gabriele

    è quasi uguale al Lafitè II di PC Specialist, che poi è il modello Ul1b di Raiontech … indubbiamente oltre ad essere una moda è anche una questione di portabilità, le dimensioni e il peso in borsa o sullo zaino si fanno sentire! é vero che fullhd su 13,3″ è “tanta roba” ma si risolve tranquillamente con scala desktop e aumentando le dimensioni dei caratteri utilizzati. Ho acquistato quello di Raiontech e sono molto contento del prodotto, più che adeguato alle mie esigenze. Certo se uno ci deve lavorare otto ore al giorno è meglio acquistare qualcosa di più ergonomico

  • DigiDavidex

    Ma se è un portatile con installato Linux e KDE, allora perchè accanto al tasto Alt sulla sinistra c’è il logo di Windows? Un bel contro senso

    • pinguinoimperatore

      arrivi tardi per la discussione sul “Super key”. magari possiamo discutere di altre scelte critiche…per esempio i tasti integrati nel touchpad…

    • Simone

      Si trovano ottimi stickers apposta per il tasto super 🙂 purtroppo per farsi fare la tastierina apposta credo richiedano numeri enormi…

  • Simone

    Macchina molto carina, ma mancante di tastiera italiana. A quelle cifre preferisco comprare l’equivalente di Santech, che in più mi dà diritto alla loro assistenza che è una garanzia nel vero senso della parola: laptop allagato, telefonata, ritiro, riparazione (in garanzia nonostante avessi spiegato l’incidente) e riconsegna in tre giorni. Ho speso solo di corriere.

  • Ospite

    “A rendere tutto più interessante è il fatto che il sistema operativo è KDE Neon.”

    Da quando KDE è un sistema operativo?

No more articles