PCG61-U il mini-PC con Ubuntu

10
345
mele_starcloud_pcg61_pcg61u_3

MeLE ha da poco presentato il suo nuovo Mini PC fanless, chiamato StarCloud PCG61, disponibile anche nella variante StarCloud PCG61-U. I due modelli sono praticamente identici, sia esteticamente che tecnicamente seppur dsponibili in più configurazioni, ma caratterizzati da un sistema operativo diverso: MeLE StarCloud PCG61 gira su Windows 10, MeLE StarCloud PCG61-U, come si evince dall’aggiunta della ‘U’, sfrutta Ubuntu Linux 16.04 (Xenial Xerus).

Sotto lo chassis in metallo, scelto per favorire una corretta dissipazione del calore, i MeLE StarCloud PCG61 e PCG61-U integrano un processore quad-core Intel Celeron N3150 (Braswell) con Intel Graphics HD Gen8, 4GB/8GB di RAM DDR3L e 32GB/64GB/128GB di ROM espandibile fino a 512GB, oltre ad un corredo di interfacce composto da una HDMI 1.4 e una VGA, due porte USB 3.0 e due porte USB 2.0, jack audio, pulsante di reset per il BIOS, Kensington Lock, WiFi 802.11 ac (con due grandi antenne), Bluetooth 4.0 e Gigabit Ethernet.

Configurazioni e prezzi

mele_starcloud pcg61-u

Sono in vendita da qualche giorno: alcuni shop online asiatici hanno aperto i preordini con prezzi a partire da 149 dollari per la versione barebone, a cui però dovrete aggiungere spese extra per la memoria, lo storage e il sistema operativo. I Mini PC preconfigurati e già completi sono ovviamente più costosi e le varie SKU si differenziano solo per la quantità di RAM e ROM, con questi prezzi:

  • MeLE StarCloud PCG61-U con 4GB di RAM, SSD da 64GB e Ubuntu 16.04 a 199 dollari;
  • MeLE StarCloud PCG61 con 4GB di RAM, SSD da 64GB e Windows Pro a 299 dollari;
  • MeLE StarCloud PCG61 con 8GB di RAM, SSD da 128GB e Windows Pro 349 dollari.

Si tratta di una dotazione low-cost, ma è soprattutto quel chip a farci storcere il naso visto che tra non molto dovrebbero essere disponibili sul mercato i processori a basso consumo di generazione successiva Apollo Lake, decisamente più potenti. La CPU Intel Celeron N3150 è sicuramente una garanzia in più, è un processore già conosciuto e rodato, ideale per un dispositivo a dissipazione passiva.

E’ bene precisare, inoltre, che chi sceglie lo StarCloud PCG61-U, deve prepararsi a seguire il motto ‘chi fa da sè fa per tre‘ MeLE ed altre aziende cinesi che vendono computer con Ubuntu non assicurano un gran supporto per gli aggiornamenti, quindi se vorrete passare a Ubuntu 16.10 o ad un altro sistema operativo dovrete probabilmente sbrigarvela da soli. Resta comunque il vantaggio di avere Ubuntu Linux già installato e configurato sul Mini PC, pronto per essere utilizzato appena si accende il computer.

Per maggiori informazioni potete accedere al sito ufficiale dell’azienda cliccando QUI.