Chi ha un Raspberry Pi sa bene che, con le giuste competenze e un po’ di compromessi, le sue potenzialità sono praticalente infinite. Uno degli usi più popolari per questi mini-PC è quello del media center, possibile grazie a software come Kodi.

Kodi è il software open source, un tempo noto come XBMC (Xbox Media Center), che ha consentito di trasformare la prima console Xbox in un media center. Il software è stato successivamente sviluppato ed ottimizzato per l’utilizzo su tutte le piattaforme, da Linux a Windows passando per OS X, senza dimenticare i sistemi operativi per gli smartphone quali iOS e Android. Sino ad ora, Kodi ha rappresentato un progetto incentrato prettamente sul software, pero’ ora il team ha deciso di esplorare nuovi orizzonti, presentando il case ufficiale Kodi Edition Raspberry Pi.

Stiamo parlando di un case progettato per ospitare le schede Raspberry Pi per dar vita ad un vero e proprio hub multimediale. Un progetto realizzato in collaborazione con FLIRC che si traduce nel primo prodotto hardware di Kodi.

kodi

Il case è in alluminio, si caratterizza per la doppia finitura argentata nella parte inferiore mentre è scuro con il logo di Kodi sul lato superiore. Il dispositivo è pensato per dissipare passivamente il calore della CPU della scheda Raspberry Pi 3 – la più prestazionale e performante della linea di mini computer Raspberry.

Penso che il prodotto sia di facile collocazione in qualsiasi ambiente, grazie alle dimensioni decisamente contenute (2,5 cm x 3,5 cm x 1 cm), e ottimizzato per gestire il media player di Kodi. Ovviamente acquistando il case non state acquistando anche la scheda Raspberry che dovrà essere presa separatamene. Oltre alla Raspberry Pi 3 sono supportati i modelli Raspberry Pi 2 e Model B+. Per ulteriori informazioni sulle caratteristiche tecniche del prodotto, si consiglia di prendere visione delle FAQ ufficiali QUI.

Il case Kodi Edition per Raspberry Pi è al momento un prodotto realizzato in edizione limitata. Il prodotto viene commercializzato al prezzo di 16 sterline (circa 20 euro), parte degli introiti saranno devoluti in beneficienza all’‘USC Norris Comprehensive Cancer Center per portare avanti la ricerca sul cancro. Kodi è un software dedicato alla gestione dei contenuti multimediali conosciuto ed apprezzato soprattutto da chi predilige le soluzioni open source. Gli utenti che non hanno ancora avuto modo di provarlo, possono trovare utili informazioni collegandosi al sito ufficiale. 

Vi lascio con il video dedicato al prodotto caricato su Youtube dall’azienda nel suo canale ufficiale:

 

 

  • Valerio Pizzi

    può essere usato come digitale terrestre?

    • Edoardo

      Non credo ma su Kodi ci sono parecchi add-ons per vedere i canali televisivi

    • alex

      credo di si, attaccandoci una pennetta col sintonizzatore.

      • Valerio Pizzi

        a questo punto perà si perderebbe la possibilità di attaccarci una pennetta usb, ma si potrebbe risolvere con una di quelle ciabatte usb (non ricordo come si chiamano).

  • Aury88

    io avevo letto che non era in grado di riprodurre video in alta risoluzione…era una notizia scorretta?
    comunque dal titolo mi sarei aspettato una recensione sul funzionamento di kodi sul raspberry, non una recensione su una…. cover…. xD

    • raspberry pi riesce a riprodurre video in h264 senza alcun problema.
      Al momento ho raspberry pi 2 e 1 con openelec ; la differenza è notevole.

      Comunque in entrami i modelli , openelec , funziona bene

      • gabriele tesio

        si, io ho notato solo l’impossibilità di rirpodurre viedo in h265 (con la pi 2) ma l’h264 riproduce benissimo video 1920×1080

        • Infatti. Finché h265 non verrà decodificato via hardware ( dalla gpu), non credo il processore riesca nel compito.

          Le uniche soluzioni che uso al momento sono due:

          – Convertire in h264 tramite ffmpeg
          – Transcoding ( al momento uso emby per gestire la libreria)

          Spero sia utile 🙂

        • Claudio

          Io riesco a vedere i video codificati con h265 tramite DLNA usando minidlna

      • Claudio

        Io ho un problema: se attaco il raspberry al tv con il cavo hdmi, non riesco a riprodurre alcun video tramite vlc. Sento l’audio ma non vedo il video e questo con qualunque formato (avi, mkv, mp4, ecc…).
        Sapreste darmi una mano?

        • Mi ricordo questa problema con la versione di vlc su raspbian.
          Ma se non ricordo male , la versione di vlc su raspbian non usa l’accelerazione hardware. Però è da molto tempo che non uso questa distro e non so come siano messe le cose; quasi quasi ritorno in pista 🙂

        • Falegnamino

          Usi Raspbian? Può darsi che mancano i codec?
          Se lo utilizzi come Mediacenter ti conviene installare Openelec.

        • Mi ricordo questa problema con la versione di vlc su raspbian.
          Ma se non ricordo male , la versione di vlc su raspbian non usa l’accelerazione hardware. Però è da molto tempo che non uso questa distro e non so come siano messe le cose; quasi quasi ritorno in pista 🙂
          Comunque se intendi usare raspberry per vedere, sentire e gestire contenuti multimediali in maniere ottimale , ti consiglio openelec; una distro minimalista con solo il necessario per far funzionare KODI.

          Inoltre , se il tuo televisore è compatibile , tramite hdmi potrai gestire Kodi con il telecomando grazie a HDMI CEC.
          Spero di esser stato utile 🙂

  • Falegnamino

    Il case è carino,peccato che costa più del Raspberry:/
    Lodevole il fatto che parte del ricavato sia dato in beneficenza.

  • Arcturus

    Io posseggo sia il 2 che il 3,usati come mediacenter(consiglio LibreElec invece di OpenElec che ora aggiornano lentamente) e la differenza di prestazioni non è cosi grande ,mentre se usati con distro come UbuntuMate il 3 è molto più performante.

    Non per fare pubblicità,ma su Gearbest Raspberry Pi Model 3 costa 31,81 € spedizione inclusa in offerta e comprando case con dissipatori e caricatore 5V 3A da Aliexpress non spenderete più di 35 € (se avete già micro sd e cavo hmi).

No more articles