Intel ha rilasciato il nuovo Graphics Stack 2014Q3 aggiornamento che migliora il supporto per l’architettura Broadwell, ottimizzazioni per Linux 3.16 e altro ancora, ecco come installarlo.

Intel Graphics Installer
Intel è stata una delle prime azienda a fornire un completo supporto per Linux collaborando (e supportando anche economicamente) nello sviluppo del Kernel oltre a rilasciare driver open source per le proprie schede grafiche. Per migliorare il supporto in Ubuntu e Fedora, gli sviluppatori Intel forniscono repository che contengono driver aggiornati oltre a versioni aggiornate di Mesa, X.org ecc in grado di ottimizzare le performance grafiche in sistemi basati su GPU Intel. Proprio in questi giorni Intel ha rilasciato il nuovo Graphics Stack 2014Q3, aggiornamento che include il supporto per nuovi processori Intel Atom basati su architettura Cherryview oltre ad includere ottimizzazioni per Broadwell includendo il supporto per eDRAM e VEBOX2.

Per sistemi con CPU Baytrail troviamo il supporto per MIPI DSI, inoltre con Intel Graphics Stack 2014Q3 troviamo il supporto (ancora in fase di sviluppo) per DRRS (Dynamic Refresh Rate Switching).

Per maggiori informazioni su Intel Graphics Stack 2014Q3 basta consultare le note di rilascio disponibili in questa pagina.

Intel Graphics Installer

– Installare Intel Graphics Stack 2014Q3

Intel Graphics Stack 2014Q3 sarà incluso di default nelle future versioni di Intel Graphics Installer.
Possiamo già installare / aggiornare Intel Graphics Stack 2014Q3 in Ubuntu e Fedora grazie all’attuale versione di Intel Graphics Installer che possiamo installare seguendo questa guida.
Per gli utenti che hanno già installato Intel Graphics Installer basterà aggiornare la distribuzione per ricevere le nuove ottimizzazioni ecc.

Ringrazio il nostro lettore Polo per la segnalazione scusandomi con i lettori per il ritardo nella segnalazione (Intel Graphics Stack 2014Q3 è stato rilasciato lo scorso 30 settembre).

  • Masque

    Tanto per fare il pignolo. Cantata, cosi’ come Sonata, mpc o ncmpcpp, non sono Music Player Daemons, ma dei client, che necessitano di avere MPD installato per poter funzionare. MDP, che e’ un demone da installare indipendentemente dal client usato. Si occupa di riprodurre l’audio, creare un db dei file musicali partendo dai tag e mantenerlo aggiornato. I client si limitano a dire a MPD cosa fare.

    Ecco una lista di client

    http://mpd.wikia.com/wiki/Clients

    • TopoRuggente

      Uno dei vantaggi principali di MPD non è tanto lo “streaming” in rete locale, ma poter eseguire i pezzi su un computer remoto, per meglio spiegarsi, poter utilizzare la sceda audio del file server trasformandolo in uno stereo.

  • Skinny

    Segnalo che è presente anche in Chakra Linux tramite CCR.

No more articles