I developer del progetto pf-kernel hanno rilasciato i pacchetti per Ubuntu della nuova versione 3.16. Ecco come installarla.

pf-kernel 3.16 in Ubuntu
Ritorniamo a parlare di pf-kernel, uno dei più conosciuti kernel alternativi (sempre basati a quello ufficiale rilasciato da Linus Torvalds) che include diverse patch e ottimizzazioni varie per velocizzare il nostro sistema operativo libero.
Oltre alle novità include nell’attuale versione stabile di Linux 3.16 (che troveremo di default in Ubuntu 14.10 Utopic, Fedora 21, Debian 8.0 Jessie ecc), pf-kernel include anche TuxOnIce velocizzando cosi la sospensione e ibernazione del sistema, oltre a migliorare il supporto l’hardware per i più diffusi pc portatili
PF-Kernel è indicato principalmente per pc datati e netbook dove le patch include vanno a migliorare la gestione dei carichi del sistema velocizzandone i vari processi a partire dall’avvio del sistema operativo.

I developer di pf-kernel hanno rilasciato la nuova versione basta sull’attuale Kernel Linux 3.16 che include le varie patch ecc. Installare PF-Kernel 3.16 in Ubuntu e derivate è molto semplice basta digitare da terminale:

– Per Ubuntu 32 Bit

wget ftp://big-bum.uni.cx/pf-kernel/i386/linux-headers-3.16.0-pf2+_3.16.0-pf2+-10.00.Custom_i386.deb
wget ftp://big-bum.uni.cx/pf-kernel/i386/linux-image-3.16.0-pf2+_3.16.0-pf2+-10.00.Custom_i386.deb
sudo dpkg -i *.deb
sudo reboot

– Per Ubuntu 64 Bit

wget ftp://big-bum.uni.cx/pf-kernel/amd64/linux-headers-3.16.0-pf2+_3.16.0-pf2+-10.00.Custom_amd64.deb
wget ftp://big-bum.uni.cx/pf-kernel/amd64/linux-image-3.16.0-pf2+_3.16.0-pf2+-10.00.Custom_amd64.deb
sudo dpkg -i *.deb
sudo reboot

Al riavvio avremo il nuovo pf-kernel 3.16 per verificarlo basta digitare da terminale: uname -r se tutto corretto dovremo avere un risultato simile all’immagine in alto.

Per rimuovere pf-kernel 3.16 basta all’avvio avviare un Kernel precedente e digitare da terminale:

sudo apt-get purge linux.image-3.16.0-pf2+-*
sudo update-grub

e riavviamo.

Home pf-kernel

  • oscar

    source ?

    • c’è la home del progetto con le varie patch che vengono incluse nel kernel

  • Massimo

    Salve, io ho un pc fisso, specifica in foto, ho un ssd. Ma esiste un kernel per migliorare ulteriormente le prestazioni? (già ottime)

    Leggo che questo in articolo è indicato per pc datati.

    Cosa mi consigliate?

    Grazie

  • Ottimo per il mio notebook hp M550 !

  • EnricoD

    ho provato a mettere il 3.16.2 su arch, ma alla verifica dell’integrità mi dice che è il pacchetto è un pacco … corrotto

    • EnricoD

      risolto grazie a link linkato da Massimo, il generic indicato nel wiki di Arch invece non va… amen, messo ck-atom e vediamo come va 🙂

      edit:
      se avete problemi (a me si è intrippato durante download) decommentate o aggiungete questa riga… xd
      XferCommand = /usr/bin/wget -c –passive-ftp -c %u

      • se sei su un netbook tanto vale che gli installi il kernel-netbook, porta meno driver, è più piccolo, occupa meno ram ed è più veloce da caricare.

        • EnricoD

          Si, ho già kernel netbook 🙂 l’ho messo giusto per provare 🙂

  • .theShort

    Scusa Roberto, ma da dove hai preso i link per scaricare i deb?
    Sul sito ufficiale la versione 3.16 risulta ancora come una rc e solo per 64bit…

  • mr. nessuno

    Non ho mai ben capito quanto sia importante la scelta del kernel, e in base a quali criteri uno dovrebbe optare per uno o per l’altro. Oltre al vanilla kernel,ci sono questi: pf-kernel, liquorix, Zen, CK, ecc.
    Quanto incide sulle prestazioni della macchina e sulle applicazioni e impiego delle risorse di sistema un kernel ottimizzato? Mi incuriosiva sapere se una buona scelta tra i kernels ottimizzati tra quelli disponibili, porti benefici anche nel settore ludico/videogames..

    • se hai un pc prestante con ssd e cose varie, i benefici non si vedono. Se hai un vecchio pc, di quelli che faticano persino ad aprire firefox, le ottimizzazioni non fanno di certo male.

      tutte queste ottimizzazioni fanno grossomodo la stessa cosa: linux viene sviluppato soprattutto per server e quindi la scala di priorità è spostata verso il multitasking. Nell’utilizzo quotidiamo sui pc di casa usiamo al massimo 2-3 programmi alla volta. Tutte quelle patch di grosso correggono solo questo.

      poi un altro tipo di ottimizzazione sarebbe quello di ridurre il numero di driver caricati, in modo che il kernel sia più snello e veloce da caricare. In Arch/Manjaro un esempio è il kernel-netbook che pesa un quarto del kernel di default.

      infine qualche altro millisecondo lo si guadagna con kernel (e anche le altre applicazioni) compilate specificamente per la famiglia di processore in uso. Un esempio sempre in Arch è il repo-ck, che contiene lo stesso kernel-ck, compilato decine di volte per i diversi processori.

      NB1: per anni gli utenti gentoo, distro in cui (volendo) si può compilare tutto, si sono vantati di avere software più ottimizzato perchè hanno la possibilità di specificare le flag di compilazione e quali driver inserire nel kernel… peccato che per fare ciò occorre lasciare il computer intere giornate a compilare… almeno fino a qualche anno fa quando la potenza media dei pc era inferiore a quella odierna. “Install gentoo” e “ricompila il kernel” in internet sono anche diventati dei meme, alla stregua di “cancella C:WindowsSystem32” 🙂
      NB2: a dire il vero il kernel-netbook possiede tutti e tre i tipi di ottimizzazioni citati, a patto di possedere atom+gpu intel…. anzi se hai un netbook basta discutere, formatta ubuntu e passa ad Arch o Manjaro con kernel-netbook!

      • mr.nessuno

        ahime’ non sono ancora un utente avanzato, in grado di fare il salto ad arch linux, anche se l’ho provata alcune volte in maniera sporadica e senza approfondire e capirne la filosofia e il modo di funzionamento nello specifico. spiegazione molto utile in merito ai vari kernels ottimizzati, pensavo potessero dare prestazioni migliori anche in altri ambiti, tipo il rendering o magari i videogames uso cpu-intensive o perche’ no anche con i browser molto impegnativi (chrome o derivati) che hanno decine di (sotto)processi attivi in esecuzione per funzionare, credevo il kernel ”moddato” potesse sfruttare meglio le cpu multicores, ma era solo un ipotesi-supposizione, non mi sembra confermato dalle tue spiegazioni.

        • per usare i kernel sopra citati, basta anche Manjaro, che a differenza di arch ha dei tool specifici per cambiare kernel con un solo comando.

          Tra l’altro la versione netbook ha preinstallato il kernel-netbook.

          Se ti avanzano un paio di giga sull’hard disk, hai virtualbox installato e mezz’ora di tempo libero, ho scritto una guida per installare Arch + Repo-CK all’indirizzo h3ron. com/installare-archlinux-2/ chissà se poi ti piace….
          Oppure se provi Manjaro l’installazione è uguale a quella di ubuntu, e per installare il kernel-ck basterà seguire solo l’apposita sezione della mia guida.

          • mr.nessuno

            ok, grazie per le dritte. provero’ in un secondo momento anche queste modifiche, appena avro’ piu’ padronanza con la modding delle distro, installazione di drivers vari e kernel patchati a seguire.. sperimentero’ volentieri. 🙂

      • etc_init_d

        in verità con il kernel PF noto miglioramenti anche sul mio i7 con 16gb di ram 🙂

        • mah veramente io su un quadcore amd (e ssd) avevo l’ultimo kernel (3.14) patchato ck e compilato per il mio processore… poi per problemi di driver con una stampante, ho installato il pacchetto linux-lts di arch (che corrispondeva alla 3.10 vanilla) e i tempi di caricamento del kernel al boot mi sono passati da 7 secondi a mezzo secondo.
          Sul netbook al contrario il kernel-netbook migliora sensibilmente la fluidità… il che mi permette di avere KDE senza problemi.

  • The_cynic

    Ho provato questo kernel, sostituendolo al vecchio 3.2, soprattutto per testare possibili aumenti nella durata della batteria del mio portatile. Solitamente mi durava circa 1 ora, e sorprendentemente, anche con questo kernel il tempo di vita è risultato il medesimo! Non riesco a spiegarmi il perchè, visto che con altre distro, tempo fa, arrivavo a circa 2 ore..

    • Fabio Colella

      Possibile che la causa sia la batteria che si deteriora con il tempo? 🙂

      • The_cynic

        No, la batteria ho dovuto cambiarla qualche mese fa, quindi è in buono stato. A quanto pare i carichi CPU con il suddetto kernel, nel mio Asus, risultano più elevati. Per evitare il problema sono ritornato al 3.13 che a quanto pare dà meno problemi.

  • Fabrixxossidedotnet

    qualcuno mi spiega se è meglio il Kernel CK o il Kernel PF per favore? In giro leggo che IL PF sarebbe piu performate perchè introduce una miglior gestione della memoria

No more articles