Google ha deciso di supportare il progetto Made with Code per incentivare le donne ad avvicinarsi al mondo dell’informatica.

Made with Code
Sempre più donne cominciano ad appassionarsi al mondo dell’informatica, lo conferma anche un nostro recente articolo nel quale indicavamo 9 donne che stanno facendo grande Linux e l’open source. Negli Stati Uniti le donne che seguono corsi di programmazione sono circa l’1% del totale, per questo motivo sono nate diverse campagne di sensibilizzazione per far avvicinare il gentil sesso al mondo dell’informatica, come ad esempio il progetto “Made with Code” fondato da Susan Wojcicki, attuale CEO di YouTube.

Con il motto “le cose belle sono fatte di codice” il progetto Made with Code sta facendo avvicinare molte donne all’imparare vari linguaggi di programmazione e non solo. A puntare sull’iniziativa troviamo anche Google, azienda che ha deciso di investire 50 milioni di dollari che serviranno per avviare diversi programmi di formazione e altri vari progetto.
Per le donne inesperte sono previsti corsi con i quali imparare ad usare il pc ad esempio per disegnare braccialetti pronti per essere stampati in 3D attraverso Shapeways, corsi per la creazione di animazioni / immagini gif, ecc fino ad arrivare ai corsi per imparare Python, C, Java e altri linguaggi di programmazione.

Google ha messo a disposizione al progetto Made with Code alcuni insegnanti di prim’ordine come ad esempio Robin Hunicke noto designer fondatore di Funomena e Danielle Feinberg direttrice della fotografica di diversi film prodotti dalla Pixar.

Per maggiori informazioni consiglio di consultare la home ufficiale del progetto Made with Code.

  • Rocco 25

    anch’io investo sulle donne da sempre…

    • Simone

      Aspè…ti ho dato il like, ma non è che fai il magnaccia vero??? XD

  • Renza Laracchia

    Le donne implorano che vengano cambiate le tastiere.
    Rovinano le unghie!

  • Renza Laracchia

    Il computer e le donne non vanno d’accordo.
    Quelle stupide macchine non rispondono MAI ai loro rimproveri perché non si sentono colpevolizzate!

    • SGAB

      Leggi risposta a Franco.

      • Renza Laracchia

        Mia SGAB,

        mi pento e mi dolgo con tutto il cuore dei miei peccati,

        perché peccando ho meritato i tuoi castighi,

        e molto più perché ho offeso te,

        infinitamente buona e degna di essere amata sopra ogni cosa.

        Propongo con il tuo santo aiuto di non offenderti mai più

        e di fuggire le occasioni prossime di peccato.

        SGAB, misericordia, perdonami.
        ————–
        Se vuoi, puoi anche sputarmi in un occhio.
        Eh..! Eh..!

        • SGAB

          Sono un uomo.
          scusa, mi dispiace, non so perchè ad un certo punto mi sono innervosito, mi dispiace.

          • Renza Laracchia

            Chiedere scusa è prova di maturità.
            Ti faccio i miei complimenti.
            Meriti il massimo rispetto.

    • SGAB

      Risposta a Enrico Cid.

  • Franco

    Il punto è che le donne programmatrici sono sempre brave perché metà del loro lavoro lo fanno fare ai colleghi con la bava alla bocca che ronzano intorno a loro.

    • pino

      parli per esperienza personale?

    • EnricoD

      Ma che discorsi sono questi???!!!
      Ma dai … Ma non le dire certe cose per favore

      • SGAB

        Leggi la risposta che ho dato a lui, è un cretino, forse diceva per scherzo però non è carino!!!

        • EnricoD

          si, ma vacci piano con le parole, non è carino nemmeno augurare la morte alle persone, questo è un blog tranquillo, possiamo discutere tra di noi, anche prenderci a parole pacificamente, intendo discutere animatamente, ma senza essere scurrili o volgari, perché tanto non serve a niente e perché non è il miglior modo per far passare un messaggio 🙂 😛
          sei autorizzato ad essere un pelo pesante giusto con zeb e i suoi emulatori xd

          • Zeb69

            ben detto

          • tomberry

            toh, zeb kamasutra.. Roccoooooo! Materiale per te 😉

          • SGAB

            No, lui non è Zeb89 (con quoziente intellettivo 0.89) ma Zeb69 (con quoziente intellettivo pari a 0.69).

          • SGAB

            Risposta a poligono.

        • Andrea

          Adesso abbiamo capito che SGAB sta per SGArBato

          • SGAB

            Risposta a Enrico Cid.

          • EnricoD

            Hahaha il mio vecchio username XD cid

          • SGAB

            Già, vi leggo da tanto.

      • Franco

        Prova a vivere una vita di fatiche e lavoro sudato senza una sola compagna. Quando poi me ne ritrovo qualcuna vicino, lo è solo per lavoro. E cosa fanno? Mi sfruttano. Capiscono che me ne intendo di tutto, così mi chiamano al cellulare anche 10 volte al dì per farsi spiegare la soluzione ai loro problemi, mente io mi trovo da altra parte… non riesco mai a dire: scusa oggi non posso aiutarti, abbi pietà, trova qualcun altro (non è da me). Alla fine mi ritrovo con un lavoro sommerso doppio e con cosa in cambio? niente!
        Se ho scritto così, forse è perché qualcuna di loro mi ha offeso perdinci dopo tanti aiuti che le ho prestato pure con la sua famiglia.

        • ugo

          non sai resistere al fascino femminile capita a quasi tutti gli uomini non c’è una cura per questo cerca di resistere più che puoi

          • Franco

            No non è per questo. Io aiuto tutti indistintamente. I colleghi maschi mi chiamano di meno anche a costo di fare brutti lavori che devo poi riaggiustare.

        • XfceEvangelist

          Anche io aiutavo sempre tutti, poi quando la cosa non era contraccambiata allora ho iniziato a mettere diverse regole ed ora aiuto solo chi merita. Mettiti delle regole impegnative o fatti pagare, vedrai che molte non ti scasseranno piu’.

          • Franco

            Ci avevo pensato infatti, ma farmi pagare credo che non ci riuscirò mai… Dio ha fatto a loro il dono della coscienza, sta a loro usarla nel modo giusto.

        • abral

          Non si fa di tutta l’erba un fascio!

          • EnricoD

            Hai risp tu per Me 🙂

          • Franco

            Se estirpi l’erba cattiva, rischi di danneggiare anche quella buona perché le sue radici sono spesso molto più profonde e diramate, così che quella buona dipende da quella cattiva. Non faccio mai di tutta l’erba un fascio per stare insieme a te.

        • Brau

          Forse perché tu, in primo luogo, non hai voluto farti rispettare? Già il fatto che non ti va di dire di no a nessuno giustifica chiunque a pretendere qualsiasi cosa da te senza niente in cambio, mettendoti sempre in svantaggio perché sei proprio te ad aver voluto che gli altri ti sfruttassero, poi ti lamenti se la gente non ti rispetta…

          • Franco

            No, ti sbagli le donne mi dicono il contrario: che sono rispettabilissimo e che sono rari quelli come me capace di dare una mano a tutti, che pure mi vorrebbero come marito se non avessero altro uomo…

      • SGAB

        Anulla.

    • SGAB

      Il primo programmatore fu una donna, programmo un calcolatore meccanico. Era molto ma molto più difficile dell’assembly.
      KISS: Keep It Simple, because franco is Stupid.
      Troll di m****, sei un ignorante, demente, tanta gente muore e tu sei ancora vivo. Propongo come minimo un ban per IP.

      • poligono

        augurare la morte di una persona solo per uno stupido
        commento su un blog????
        Ma che razza di persona sei???
        Per favore fai pace con te stesso/a e ritrova la serenità
        che evidentemente in questo momento ti manca.

        • SGAB

          Hai ragione, sbalzi di umore, vengono ogni tanto .

          • poligono

            capita a tutti, forse sono stato un pò troppo ‘rude’, non volevo assolutamente giudicarti. Pace 🙂

          • Franco

            Perché tra di voi vi perdonate?

          • poligono

            Perchè ammettere di aver ‘sbagliato’ o di
            essere andati sopra le righe è un bel gesto di umiltà e maturità.
            E comunque Pace anche a te fratello! 😀

          • Franco

            Sei l’unico, grazie

          • SGAB

            Mi disiace di averti trattato male.

          • EnricoD

            Capitato pure a Me 🙂

      • alex

        Verissimo, nulla contro ad una donna informatica. Ne conosco poche che sono attirate da attività più logiche e schematiche come può essere l’informatica, ma se ci sono ben vengano.
        E’ questa mania di voler forzare un 50% in ogni attività che trovo del tutto assurda, e penso che sia una cosa deleteria anche per le donne alla fine, che invece di vedersi riconosciuta una giusta capacità si ritrovano ad essere prese per far quadrare la %.

  • manolo

    ragazzi un consiglio non fate incaxxare le vostre donne altrimenti rimanete a secco per una settimana e vi tocca arrangiarvi con lo streaming…

  • SGAB

    Progetto ammirevole.

  • Brau

    Sarò un uomo, e neanche tanto meglio o peggio degli altri, ma porcamiseria, leggento certi commenti qua sotto, è una vergogna che nel 2014 ancora c’è gente che ragiona ancora con il c***o al posto del cervello, poi ci credo che esiste ancora il “maschilismo” ed il “femminismo”, termini che, in fin dei conti, ora non significano più niente, se non l’imporsi forzatamente l’uno sull’altra, invece di trovare un accordo e convivere assieme come una società civile si aspetta che accada… Se non riusciamo a risolvere i nostri problemi (non solo informatici) neanche con l’altro sesso, dove pretendiamo di andare a finire? C’è veramente bisogno di fare campagne del genere? Cosa c’è di pauroso nell’informatica da parte delle donne? Chi lo ha deciso che le donne devono solo stare in cucina? Che c***o di società vogliamo costruire con questo atteggiamento? -_-

    • Costantino

      Col tuo discorso *** da disgregatore, nessuna

    • Agostino

      In cucina non ci stanno sole le donne. Cucinare è un’arte e ci stanno di conseguenza tutti coloro che hanno un cuore creativo, me compreso che non sono donna. E in più lavo anche i piatti, preparo da mangiare alla bambina, ecc… mentre mia moglie sta comodamente a guardarsi la TV. Di notte, mentre il resto della famiglia dorme, io recupero il lavoro. Ecco quello che fa l’uomo moderno nel 2014!

      • Gerry

        Comprati una lavastoviglie. E vai a guardare la TV assieme a tua moglie.

  • Hombre Maledicto

    Trovo semplicemente ipocrita una simile iniziativa – e non è la prima volta che sento qualcosa del genere. Probabilmente più una questione di immagine per l’azienda.

    E’ vero, ci sono poche donne nel settore. Tra queste ci saranno buone o cattive programmatrici. Non conta il genere, conta la persona, il suo talento. Non bisogna spingere le cose, quando c’è possibilità di scelta: chi ha interesse a formarsi in un determinato campo lo fa di sua volontà.

    Quando un giorno oltre a discriminazioni sparirà anche il politically correct allora avremo davvero superato certi problemi.

    • La politically correct pensa di risolvere i problemi solamente creando preconcetti… assurdo… diversamente problematica

  • Renza Laracchia

    Messaggio per SGAB
    Non ti offendere per un elenco ironico e scherzoso dei luoghi comuni sulle donne (che non condivido).
    Non è il caso.
    😉

  • Se le donne sono solo l’1%, il problema è culturale.
    I progetti dovrebbero essere focalizzati sui genitori xD

  • biosniper

    io non sono un maschilista e sono convinto che certe donne siano meglio di certi uomini in tantissime cose ma io ho una mia teoria sul mondo del lavoro femminile. Magari questo mio commento mi ricoprirà di critiche fino alla fine dei miei giorni ma esprimo un’idea che seppur potrebbe apparire maschilista è invece …”femminista”. Sento spesso dire che le donne devono lavorare al pari dell’uomo: non sono d’accordo! quando si fa un discorso del genere si vuol dire che una donna deve avere le stesse possibilità di lavoro dell’uomo: perchè? si pensa in questo momento solo alla donna che può soffiare (per meriti, non lo metto in dubbio…) il lavoro all’uomo…, ma si pensa alla moglie di quell’uomo che ha perso il lavoro a causa di una donna? una donna che lavora in una società significa 2 cose: una famiglia con moglie e marito che lavorano e una famiglia nella quale un uomo ha “ceduto” il suo posto a quella donna che porta il doppio stipendio a casa sua… è giusto? allora le donne non dovrebbero mai lavorare? si, ma non nel pubblico ( lo stato dovrebbe garantire a tutte le famiglie un reddito all’uomo o alle donne separate che non hanno sostentamento), vi sembra una teoria da 1800 a.c. ? pensate piuttosto a quanta disoccupazione verrebbe eliminata, invece di avere tutta questa disparità sociale (famiglie con 2 stipendi e famiglie in cassa integrazione), le donne comunque possono certamente affermarsi come sanno nella libera imprenditoria o nel settore privato.Ma per favore garantiamo a tutte le famiglie una vita dignitosa. Questo è il mio pensiero…
    adesso avanti le critiche…

    • Renza Laracchia

      Amico biosniper, perdona la mia stupidità ma non ho capito un tubo.
      Potresti essere più chiaro?
      Grazie.

      • biosniper

        pubblica amministrazione(uffici, scuole, forze armate…)=solo uomini (o donne single)= tutte le famiglie con un lavoratore.
        mondo privato e libera imprenditoria=uomini o donne.
        ergo meno disoccupazione.
        😉

        • Renza Laracchia

          Grazie.

    • SGAB

      Hai ragione, però se l’uomo non lavora e la donna lavora, va tutto bene. Se invece la donna e l’uomo lavorano tutti e due è ingiusto, ma se metti una legge che lo vieti, diventi un bast**** che fa leggi idiote e senza senso, maschilista etc etc… agli occhi degli altri ovviamente.

    • alex

      Mi sembra un idea un po’ assurda, non è che chiunque possa fare qualunque lavoro, possono essere necessarie competenze ed esperienze specifiche che non puoi precluderti per obbligare ad avere un solo reddito per famiglia.
      Fino a che si parla del lavoro da operaio o anche da ufficio, contabilità o comunque cose che richiedono meno esperienza uno o l’altro cambia magari poco (e già questo non è tanto vero, visto che l’attitudine personale può cambiare molto le cose), ma se parliamo ad esempio di due medici (specialisti, chirurghi, primari, magari non quello di base) o due ricercatori mi sembra problematico imporre ad uno dei due di licenziarsi…

      • biosniper

        tra un medico uomo e una donna perchè non scegliere l’uomo, magari la donna ha gia il marito che lavora e poi se vuole esistono le cliniche private…ovviamente parlo di personale con pari competenze, non sostiutirei mai un chirugo donna con un uomo con la licenza elementare… non sono un folle
        😉

    • Viv_seconda

      I peggiori maschilisti sono quelli che negano di essere tali, e tu, col tuo commento malato, ne sei l’esempio. Vuoi discriminare la maggioranza della popolazione (sì, le donne sono la maggioranza), lasciandola fuori per via dei genitali. Non è solo un’idea illegale ed impossibile, ma anche follemente nazista e distruttiva. Perché non facciamo il contrario? Lasciamo a casa gli uomini. Se vuoi una famiglia con un solo stipendio, il sesso non è rilevante. Conosco moltissimi uomini che odiano il loro lavoro, e donne che non avrebbero sacrificato la carriera, se non fosse stato per gli obblighi famigliari. Inoltre, le donne sono in media più istruite, il che significa personale più competente. Ma scommetto che l’idea non ti garba molto, perché la tua mente da nazi-maschilista si soddisfa solo nell’emarginare e schiavizzare le donne, come è stato fatto per millenni.

      • biosniper

        la natura insegna che in ogni coppia il maschio (di qualunque specie si tratti, tranne gli ippocampi) pensa a procurarsi il cibo e la femmina cura la prole. Non credo che occuparsi della prole sia meno dignitoso di procurarsi il cibo, anzi è forse più onorevole perchè alla femmina si affida il compito più alto di preservare la specie. Se tornassimo un pò più “alla natura” e lasciassimo all’uomo il compito di “portare il cibo” forse la nostra società sarebbe più equa… ma no! noi siamo esseri superiori, le leggi le facciamo noi, le donne come gli uomini devono cacciare, altrimenti sono inferiori… ma per favore, capiate prima il ruolo che madre natura vi ha dato e che vi pone al di sopra dell’uomo perchè da voi nasce la vita e a voi è principalmente affidata la sua cura. comunque non sto qui a commentare affermazioni del tipo “nazi-maschilista” o che sono un ignorante… in quanto a cultura caro il mio interlocutore, uomo donna o altro vivente che tu sia non fai punti con me… per il resto ti lascio alle tue deliranti affermazioni antimaschiliste, il tuo femminismo ci ha portato a quello che senti tutti i giorni quando segui il telegiornale.Bravi questa è la strada giusta.

        • Viv_seconda

          Quanto sei ridicolo! La femmina del leone è quella che caccia, mentre il maschio se ne sta a far niente. Magari puoi studiare un po’ di comportamento nel regno animale, prima di esprimere idiozie accompagnata dalla grassa arroganza dell’ignoranza doc. Se vuoi vivere secondo natura, stacca il pc , rinuncia alla medicina e a tutte le cose artificiali che rendono la tua vita comoda, e vai a cacciare animali in mezzo alla foresta, come facevano gli uomini delle caverne. Questa è la natura, tutto il resto non è altro che farneticazione da parte di un homo moderno (si fa per dire) che vive contro natura . La civiltà mette al primo posto e abilità intellettuali ed individuali, non la bravura ad uccidere animali né qualsiasi altra cosa legata al testosterone.

          PS: Quello che vedo al telegiornale non sarà mai tanto delirante ed umanamente tossico, come lo sono i tuoi commenti sessisti.

          • biosniper

            mi metto in discussione con cervelli pensanti (uomo o donna che sia) non con uteri in amenorrea…
            rifletti su tutte le cattiverie e infamie che mi stai buttando addosso prima di offenderti per questo mio commento che ti meriti in pieno

          • Viv_seconda

            Infamie? No, sto solo dicendo apertamente quello che traspare dai tuoi commenti sessisti e deliranti. Se avessi un cervello minimamente pensante da persona non fallita, non le diresti simili amenità. Il rispetto si dà a chi rispetta, non a chi ha la mentalità da fascista contro la maggioranza della popolazione.

          • biosniper

            non hai capito nulla di ciò che voglio dire. Non sono affatto un fallito e non ho mai perso alcun concorso. dirigo un team medico di biologhe che non cambierei per nessuno. La qualità del lavoro femminile non l’ho mai messa in dubbio. Il mio concetto è completamente diverso. Lo Stato deve garantire il lavoro alla famiglia non all’individuo… Il concetto è molto diverso: garantire il lavoro in ogni famiglia ( e poichè nelle famiglie è di solito ruolo dell’uomo, garantirlo all’uomo), se nella famiglia il padre manca ben venga l’assunzione nel pubblico della donna ma solo in questo caso. Lo stato deve permettere un sostentamento a tutti e non l’arricchimento di alcune famiglie. Chi poi si vuol affermare al di fuori di questo principio vada pure nel privato ( come me) e faccia impresa. lo stato deve essere un padre per le famiglie italiane, tutte allo stesso livello. Ma quale discriminazione sessista! allora in polizia non sei accettato se sei 1 cm più basso, ma non per questo i bassi fanno le crociate contro le forze armate, è così e si accetta. La donna se il marito già lavora nel pubblico non va presa e lascia posto all’uomo della famiglia dove nessuno lavora.quella donna potrà e saprà affermarsi nel privato. basterebbe accettarlo e molta disoccupazione verrebbe eliminata.

          • Viv_seconda

            Scusa se sono saltata a conclusioni, ma io posso sapere solo quello che leggo, e dai tuoi commenti traspariva ciò che ho detto. Se sei una persona di successo, buon per te, ma ciò che dici rimane comunque folle e sessista. Primo, lo stato non deve garantire niente. Lo so che è difficile da credere, ma il governo non è una mamma, non ha il dovere di mantenerti né di darti soldi immeritati. Tu hai il dovere di mantenerti e il solo modo per farlo è attraverso la meritocrazia, perché solo con persone competenti una società può andare avanti, senza rischiare il fallimento. Invece il tuo pensiero è quello di mettere i genitali davanti il merito, e contemporaneamente mettere fuori gioco la maggioranza della popolazione. E’ una cosa pericolosamente farneticante e non c’è alcuna scusa che possa giustificarla. Il fatto che è l’uomo ad essere il mantenitore primario nella maggior parte delle famiglie, non significa che ciò sia una regola che non possa cambiare. In America gli “stay at home dads” sono in forte aumento e ti assicuro che lì fuori è pieno di uomini che non vorrebbero lavorare. La gente ha diritto di scegliere come vivere la vita, non essere schiavizzata all’interno di stupidi ruoli predefiniti. Ricapitolando, quello che dici è di per se ingiusto e non fattibile, e la discriminazione sessista che ci ricuci sopra, lo rende ancor più invalido di quel che è.

          • biosniper

            il modello che stiamo seguendo adesso non ci aiuta vivere meglio. Io non metto davanti l’uomo perchè ha i genitali diversi ma perchè la storia ci insegna che è lui che ha il compito di portare avanti la famiglia. Vogliamo cambiare le regole? vabbene rendiamo la donna il capo famiglia e ribaltiamo tutto ciò che ho detto, assumiamo nel pubblico solo donne e l’uomo si dia spazio nel mondo privato se la moglie già lavoranel pubblico. Non importa chi sia il percettore di reddito, importa piuttosto che lo stato ( e batto su questo punto!) si prenda cura delle famiglie con un’equa ripartizione delle ricchezze. Poi sarà merito del singolo affermarsi in ambito privato. Non sono contro le donne, ma contro un sistema che arricchisce certe caste privilegiate e scapito della maggior parte della popolazione che si ritrova ancora mantenuta dai genitori a 30 anni.

          • Viv_seconda

            Bè, adesso ho capito che non sei maschilista. Mi scuso per gli insulti contro di te, ma seriamente, mi sono alterata assai nel leggere il tuo commento. Comunque, è sempre una questione sessista. Lo stato deve essere neutro. Quindi si potrebbe dire “coloro che hanno tot familiari impiegati nel pubblico, devono lavorare nel privato”, ma rimarrebbe comunque una cosa impossibile e abbastanza fascista. La società si distrugge soltanto nel perdere gente competente, a favore dell’ideologia. Se ci sono ancora tanti giovani che non hanno lavoro, è proprio perché la società italiana va avanti a privilegi e raccomandazione, invece di premiare il merito di tanti ragazzi e ragazze che sono costretti a fuggire all’estero per avere una vita dignitosa.

          • biosniper

            🙂

            noi possiamo dialogare, confrontarci, litigarci per poi capirci perchè siamo persone oneste e leali desiderose di una società migliore non solo per noi ma per tutti…

            siamo esseri umani sani, non politici…

          • Viv_seconda

            Tutti vogliamo una società migliore, ma io non voglio una dittatura che mi dica dove lavorare o che fa discriminazioni che non siano inerenti al merito.Questa sarebbe solo una regressione pericolosa, non un miglioramento. Ci sono tanti modi per migliorare, che creerebbero una società più equa e che realmente rifletta il principio dell’opportunità di esprimersi senza ostacoli, come afferma la nostra costituzione, ma non c’entrano nulla col modello da te auspicato. L’unica soluzione che può favorirci è nel valorizzare le eccellenze, ma con uno stato come questo, si finisce solo col ritrovarci gli ignoranti (ed una miriade di poveri immigrati) a casa e la gente competente che abbiamo istruito, all’estero. Grazie per la conversazione. Chiudiamo in pace 🙂 Questa discussione mi è capitata per caso, mentre cercavo notizie sull’iniziativa di google. Se avessi saputo il casino, non sarei manco entrata in questo sito XD

          • biosniper

            in chiesa si dice a un certo punto scambiatevi un segno di pace…
            🙂
            nel rispetto reciproco delle idee.
            ciao e buona prosecuzione

    • Agostino

      Scritto così molti potrebbero fraintendere. La verità è che il mondo va verso la disgregazione della famiglia. Basta questo a far riflettere.

      • biosniper

        infatti molti fraintendono il mio pensiero con il maschilismo…chi interpreta questo non mi ha capito

        • Agostino

          Bisogna chiudere un occhio 😉 Molti fraintendono anche il vero significato della Vita senza rendersene conto.

      • Viv_seconda

        Se una famiglia è costretta a stare insieme perché non può divorziare o perché un coniuge (la donna) dipende economicamente dall’altro coniuge, non è una famiglia unita, ma una semplice prigione domestica. Vuoi una famiglia unita? La puoi trovare solo tra la gente che sta insieme per pura e semplice volontà di stare insieme, non per obbligo.

    • MoMy

      E se una donna nel pubblico impiego si sposa oppure si unisce in convivenza che si fa? E se son due lesbo (oppure uomini gay, sempre due stipendi portano a casa) che van a convivere? Ovviamente non le assumiamo a priori perché se son lesbo sono anormali (a parte nelle fantasie erotiche maschili), se poi una donna mi rimane incinta devo assumere un’ altra persona per rimpiazzarla sperando che questa non abbia voglia di rimanere incinta e tutto questo nel privato si perpetra da anni.
      Il diritto al lavoro dovrebbe esistere e essere garantito per tutti indipendentemente dal sesso e/o sessualità. Il tuo ragionamento oltre a far acqua è pure pericoloso perché concreta delle diversità. Oggi le donne nel pubblico impiego, domani… mah!

      • Brau

        Il lavoro, come lo intendiamo oggi, non tiene conto della condizione umana, soltanto di quella economica: se sei donna, è dato per scontato che un giorno rimarrai incinta, ed essendo incinta non potrai lavorare per ovvi motivi, e quel periodo in cui non lavori rappresenterà una perdita per l’azienda in cui lavori, ergo ti pagano di meno a priori (o a te preferiscono un uomo per il motivo opposto)… In paesi come gli USA, se sei donna puoi guadagnare quanto l’uomo (beh, esattamente dal 77% al 96% di quanto guadagna un uomo), basti che sei sotto i 40, sei single e non sei incinta, meglio ancora se sei sterile -_-

        Più che il diritto al lavoro, bisognerebbe rivedere totalmente il modo in cui si distribuisce il lavoro e il tipo di lavoro dato a ciascuna categoria sociale…

      • biosniper

        se io ho due figli e due monete, io do una moneta a uno e una moneta all’altro. Non mi sognerei mai di dare due monete a un solo figlio. Lo stato non può dare due monete a una famiglia e nessuna ad un’altra.. Come fare? io non sono pagato per fare il politico e non è compito mio trovare la soluzione, ma certamente l’attuale sistema credo che faccia più acqua della mia teoria. Teoria che va certamente ritoccata in tanti punti , ma alla base c’è un ‘idea ( forse comunista? non saprei) di una maggiore equità sociale a qualunque costo!!! non è giusto vedere il tuo vicino che si permette un’auto da 80000 euro e viaggi tutto l’anno perchè entrambi i coniugi si ritrovano le tasche ingrassate dallo stato e tu che magari puoi organizzare le vacanze solo anadando a trovare la zia di tua moglie perchè il concorso per entrare nel pubblico lo ha vinto la moglie del tuo vicino. e qualcuno mirisponderà : ma lei è più meritevole di te…! e io rispondo…: dillo ai miei figli!

        • Viv_seconda

          I tuoi figli (sperando che tu non abbia figlie femmine) hanno il problema principale di avere un fallito come padre, che mette i genitali davanti alle capacità. Un padre talmente fallito che, invece di cercare di migliorarsi e far bene ai prossimi concorsi, vorrebbe essere assunto esclusivamente per quello che si ritrova tra le gambe, ben consapevole che non andrebbe da nessuna parte se fosse valutato per le sue reali qualità. Naturalmente, con un padre così che fa loro da (cattivissimo) esempio, non potranno far nulla nella vita e saranno sempre sorpassati da figli di genitori intelligenti.

          • biosniper

            non degnerò nemmeno di una risposta questi tuoi insulti gratuiti e queste offese fuori luogo. per tornare al discorso della natura ti invito a confrontarti con chi ha il tuo stesso quoziente intellettivo: non andare però oltre un insetto , potresti trovare serie difficoltà .
            buona giornata
            fine discussione

          • Viv_seconda

            Non rispondi semplicemente perché ho colpito nel segno, perché quello che ho detto è esattamente quello che affermato tu nei tuoi commenti. Se scrivi commenti da invidioso che non sopporta che gli altri facciano meglio di lui e pensa di schiacciarli legalmente in stile nazista, non puoi prendertela se la gente ti definisce per quello che esprimi di essere. Anche un insetto sarebbe un interlocutore sicuramente più ragionevole di te.

  • Brau

    Porcaccia la miseria, è mattino presto e già così acidi? Io penso (direi che ormai è una certezza) che queste iniziative “femministe” siano fatte al solo scopo di far litigare simil-maschilisti e simil-femministe nei commenti e far tirare fuori il peggio che c’è in noi…
    Ve la dico io una cosa: che siate uomo o donna, maschilista, femminista, nazista, comunista, ecc., se avete un lavoro, tenetevelo stretto e ringraziate la vostra divinità di averne uno, perché, dato il periodo che sta passando ora, non ne avrete più un altro…

No more articles