Seconda puntata della nostra rubrica “Com’era…” oggi andremo a rivedere Ubuntu 8.04 Hardy Heron LTS

Ubuntu 8.04 Hardy Heron LTS
Il 24 Aprile 2008 veniva rilasciata Ubuntu 8.04 Hardy Heron LTS, release che includeva moltissimi aggiornamenti e novità le quali hanno reso questa versione una delle migliori mai rilasciate da Canonical.
Ubuntu 8.04 fu la seconda release LTS supportata per tre anni,  per questo motivo i developer si sono concentrati principalmente sulla stabilità del sistema operativo lavorando molto sia sul nuovo installar grafico e nelle correzioni di bug in Gnome. Il risultato, una distribuzione stabilissima, performante in grado di supportare al meglio hardware pc nuovi e datati. Da notare inoltre l’introduzione di PulseAudio e di Wubi software in grado di installare Ubuntu come un normale software di Microsoft Windows soluzione che consentiva a molti utenti di poter testare facilmente la distribuzione sul proprio pc senza dover operare nelle partizioni ecc.

Con Ubuntu 8.04 Hardy i Developer hanno lavorato molto per rendere più stabile e performante il nuovo window manager Compiz, da notare inoltre la derivata Kubuntu disponibile in due versioni una con KDE 3.5.x e una con KDE 4.x nuova versione del desktop environment “K”.

Ubuntu 8.04.4 Hardy Heron LTS veniva rilasciata con Linux 2.6.24, Gnome 2.22, Firefox 3.0, OpenOffice 2.4.0, X.org 7.3 e Mesa 7.0.

Ecco un video dedicato a Ubuntu 8.04 Hardy Heron LTS:

Personalmente ritengo che Ubuntu 8.04 sia la migliore release mai rilasciata da Canonical. Le release successive hanno iniziato ad includere personalizzazioni ecc mentre per Hardy l’unico scopo degli sviluppatori era quello di creare un sistema operativo sicuro e facile da utilizzare lasciando perdere temi, ombre e cavolate varie.
A mio avviso se lo sviluppo di Ubuntu avesse mantenuto quello spirito il sistema operativo made in Canonical sarebbe meno bello da vedere ma molto più apprezzato da parte degli utenti.
Per i nostalgici è disponibile l’immagine ISO di Ubuntu 8.04 Hardy da questa pagina.

  • Dion

    Purtroppo parliamo sempre di pc decenti, ma mai top gamma. Non ho ancora visto un i7 senza sistema operativo/freedos oppure con una qualsiasi distro installata. Perché io, che voglio comprare un notebook, non posso evitare di comprare anche Windows? Quei soldi che ci spenderei, pochi o tanti che siano, starebbero più comodi nelle mie tasche.

    • Però Asus permette senza problemi il rimborso della licenza Microsoft.

      • diciamo che l’unico che ha proprio la pagina dedicata per il rimborso è acer http://www.acer.it/ac/it/IT/content/rimborso
        asus lo permette ma non lo informa dettagliatamente come acer nel suo sito

        • hermes14

          Il problema è che Acer te lo fa spedire al centro assistenza a tue spese e te lo tiene fino a 5 giorni lavorativi. Totale: un botto di soldi e anche una decina di giorni senza pc. Costa meno tenersi Windows! La procedura ha senso solo se la fai per motivi ideologici, ma economicamente è uno spreco allucinante di risorse.

          • Simone

            Samsung fa di peggio: ti restituisce la cifra simbolica di 1€ a fronte dell’invio dei dischi e degli stickers a tue spese. La ragione? loro vendono il pacchetto pc+OS e se vuoi rifiutare qualcosa del pacchetto sono affari tuoi, già magnanimi che non ti mandano a casa i reparti antisommossa…

    • floriano

      probabilmente è un problema di costo relativo, su 1000€ di pc la licenza windows oem ha un costo trascurabile, su 300€ invece le almeno 40€ si sentono 😀

    • Arone

      Puoi sempre chiedere il rimborso della licenza entro un paio di mesi…è una rottura in più…ma piuttosto che lasciarli a loro!

  • Patrizio

    Attenzione, seguendo il link dell’Acer Travelmate, si apre il sito di Amazon ma il prezzo del notebook è 500 euro!!!!

  • Questi notebook non sono “nuovi”, ci sono già da un pò su Amazon.
    In particolar modo l’Asus X55C che ho recensito sul mio blog aziendale a Dicembre 2012.

    • scorpione

      su un pc da 1000€ spendere 1€ di o.s brucia

  • Ilgard

    Peccato che ci siano pochi modelli di fascia bassa con monitor inferiore a 15″ (senza andare tra gli Atom e compagnia bella).

    • c’è il nuovo asus x201 che ha un monitor da 11.6 e ha un processore celeron e arriverà (o forse c’è già in italia) anche con i3 ma però con windows 8 preinstallato

      • Ilgard

        Il problema Windows è aggirabile, l’inconveniente è che quando c’è l’8 spesso significa schermo touch che non m’interessa manco un po’ e che fa lievitare il prezzo.

        • magari facessero solo pc senza so
          e poi decide l’utente quale sistema usare 😀
          peccato che non sia cosi

        • floriano

          sotto i 500€ sono sicuramente senza touch (almeno per ora) 😀

          • Ilgard

            Ma 500€ spesso e volentieri sono un furto per quel che offrono.
            Al momento ho trovato buoni i prodotti della eKoore anche se sul sito mancano alcune specifiche.

  • Kryohi

    Ma con gli Ivy Bridge, e quindi l’HD 4000 che è parecchio più potente, non si trova niente con Linux? 🙁

    • hotrats

      Acer Travelmate P253-M NX.V7VET.009 con architettura Ivy Bridgee prezzo paragonabile a questi. L’ho preso in offerta a 329 euri. Ho installato Arch Linux che ha riconosciuto senza sbattimenti praticamente tutto. Unica eccezione la gestione della luminosità dello schermo. Passando a grub il flag “acpi_osi=Linux acpi_backlight=legacy” si ripristina la funzionalità dei tasti, ma il kernel continua a non riconoscere i rispettivi eventi ACPI rendendo impossibile la gestione via sofware. Vedremo che succederà con i prossimi kernel.
      Ciao a tutti

    • Alessandro

      thinkpad edge e330 (e penso anhce l’e530)
      compatibile 100% linux

  • Dario · 753 a.C. .

    Da perfetto ignorante in maniera, ma da persona che deve riacquistare il notebook per Ubuntu chiedo:

    -un dual core non è poco? Quello che ho attualmente è un Intel pentium 1.6ghz ma quad core..

    Dati consigli che non so scegliere grazie, no vorrei rifarmi il notebook per ritrovarmi un processore inferiore a questo

    • Kryohi

      Il numero di cores non conta praticamente nulla… bisogna guardare la frequenza ma soprattutto l’architettura, i pentium sono molto vecchi, molto meglio questi i3, ancora meglio se fossero i3 di terza generazione, quelli con sigla i3-3xxx
      Inoltre un pentium a 1.6 Ghz è molto probabile che in realtà ne abbia solo due di core fisici, ma con l’hyperthreading riesce a gestire 4 thread, 4 serie di istruzioni per volta, come se fosse quad-core anche se in realtà è dual… (anche il mio netbook ha un solo core, ma per l’hypertreading viene spesso riconosciuto da Linux come dual)

      • Dario · 753 a.C. .

        Nono a me anche linux ne riconosce 4..
        Comunque grazie mille per le informazioni.. Non conoscevo queste cose ( non mi occupo di informatica e il tempo libero per informarmi è poco) e ne farò tesoro per l’acquisto di questi notebook 😉

    • enrico tognoni

      io avevo ubuntu 10.04 e era una fossa sul notebook 1.6ghz con 512 mb di ram , se dovevo masterizzare un dvd si bloccava tutto, poi ho scoperto lubuntu, e si poteva fare tutto, senza che il sistema si congelasse non solo desktop più leggero e reattivo, ma passare a xfburn rispetto a brasero è risolutivo, lxde associa desktop e software più leggero, con lubuntu non rinunci a niente di ubuntu e hai solo vantaggi. Apprezzo anche xfce anche se su arch ho qualche problema con le policy che non so risolvere (dovrei reinstallare per risolvere).

      • Dario · 753 a.C. .

        io furtunatamente non ho grossi problemi.. non è velocissimo, ma sempre più veloce di windows (che c’era prima ) lo è di sicuro..
        io utilizzo cinnamon e ho 1Gb di RAM..

        però un giorno provai la distro di lubuntu e non mi riconosceva i comandi di ubuntu da temrinale (o sono diversi o sbagliavo io, chissà) e da quel momento ho preferito mettere ubuntu, seppur piu lento ma almeno già lo conoscevo

        • enrico tognoni

          può essere che semplicemente non fossero installati? i comandi sono come i desktop, ogni volta che scarti una distro, non sai mai quali trovi (forrest dump)

          • Dario · 753 a.C. .

            ah, non lo sapevo che si installassero anche i comandi per il terminale.. purtroppo quando ho fatto la scelta ero abbastanza nuovo di linux e dovendo scegliere la distro da installare questa situazione mi aveva indirizzato verso ubuntu

  • Peter82

    Il Lenovo lo stò tenendo sott’occhio da un paio di giorni!!! 😛

  • mik

    Ma comprate 1 PC decente in saldo sul sito di mediaw

  • Ale

    Se volete un top di gamma c’è il dell XPS da 13′ con Ubuntu, ed anche ad un prezzo decente. Non mi ricordo se c’è anche la versione da 15.6′

  • Tom

    Io ho acquistato per 350€ il notebook Fujitsu Lifebook AH512 da 15″. Intel Core i3, 4 GB di ram e scheda grafica intel 3000. Il tutto senza Sistema Operativo.
    Per il semplice utilizzo quotidiano lo trovo molto valido!

  • maruko

    prezzi troppo alti comunque!ho comprato il relativo asus con 4 gb di ram invece che 2 ma dvd free(a mio avviso inutile)…con win 8 installato(ovviamente piallato) a 10 euro in più..dopo essermi fatto svariati giri e dopo aver visto che i prezzi non sono così concorrenziali!purtroppo c’è tanto da fare i pc free-dos non sono ancora(almeno in italia) convenienti come dovrebbero e con poca pochissima scelta!

  • io lo scorso anno in estate a giugno acquistai un asus x54c con ubuntu preinstallato…….va perfettamente con processore i3 a 2,4 ghz e 4 giga di ram espansa poi a 6….mai un problema ad oggi……ciao

  • ehh quando ancora non esisteva unity… che bella che era ubuntu
    ora avrà più supporto hardware sarà più userfriendly saranno meglio i driver e ci saranno i giochi, ma un tempo ubuntu mi piaceva ora no

    • g cong

      gia’…

  • Salvatore Gnecchi

    Ubuntu MATE

  • Fabio Da Ronta

    La migliore la 10.04 sia Desktop che Server.
    Aveva il Menu fighissimo e finalmente accentratore.

    • 10.04, ultima distro ubuntu usata, poi ho provato 12.04 con interfaccia gnome flashback per un po e poi sono passato prima a debian e poi a archlinux

      unity per me doveva essere molto migliore e più adattabile all’uso desktop visto che ancora ubuntu su tablet e smartohone è praticamente inesistente, ma nonostante cio hanno fatto un’interfaccia solo per tablet

  • SalvaJu29ro

    Gnome 2 :’)

  • giubani

    Me la ricordo benissimo, lo sfondo è il migliore che abbiano mai fatto 🙂 anche io ho abbandonato ubuntu da unity in avanti e dopo aver provato numerose distro sono approdato ad Archlinux. Ora non tornerei mai indietro!

  • Ocelot

    Nooooooooo maledettiiiiii nostalgia!!! La prima distribuzione Linux che ho usato!!!!! :DDDDD

  • loki

    la release di ubuntu più pesante e meno performante per i tempi. ovviamente all’epoca fu criticata per questo, ma tra la memoria corta e la moda di non veder a un palmo dal naso, x-1 sarà sempre meglio di x…

  • Lacrimuccia… però devo dire che se ubuntu non fosse “peggiorato” non avrei mai scoperto ArchLinux. Se la avessi conosciuta nel 2008 tra Arch e la 8.04 avrei scelto Arch 😛

    • Salvatore Scialo’

      anche io come te da quando ubuntu è peggiorata mi sono visto attorno ed ho conosciuto Arch che a tuttoggi uso. Ma per un sistema stabile ed affidabile mi oriento su Debian.

      • lahire

        che Ubuntu sia peggiorata è una opinione personale, non certo un dato di fatto.
        Ubuntu oggi ricosce l’hardware benissimo e non da problemi di nessun genere, essendo anche facile da installare.
        Cosa che non si può dire di molte altre distro

        • Matteo

          Ai tempi quando uscì unity ci fu una disinstallazione di massa per le basse performance che offriva quell’ambiente desktop. A molti inoltre (me compreso) non piace l’interfaccia in stile tablet.
          Un vero peccato.

        • mikronimo

          Non so da quando usi Ubuntu, ma il passaggio dalla 8.04 (la prima distro linux che ho installato a fianco di sVista: è stato come avere tra le mani un super pc, dopo che aveva rischiato di finire letteralmente dalla finestra), alla 10.x (non ricordo ma era quella che introduceva Unity), è stato come tornare a Vista: lenta, pesante, continui crash; poi non so, ho iniziato le mie peregrinazioni distrologiche (openSUSE, pclinuxos, bridge, manjaro e altre… molte); in un certo verso è stato un bene, xé ho conosciuto altri e vari aspetti di Linux che altrimenti non avrei mai scoperto.

          • lahire

            io uso Ubuntu dalla 7.10, ma , fino alla 10.10 c’erano vari problemi, il più grave dei quali era che non riconosceva le chiavette internet ( con l’eccezione di J.J. ). difetto non da poco , non dipsonendo allora dell’adsl.
            Io tutti quei problemi con Unity, che certo non andava come ora, non li ho avuti.
            Adesso peròUnity non è lento e Ubuntu rimane l’unica distro che si può consigliare a un neofita.
            Non vado matto nè per i tablet nè per gli smartphone (non ho nessuno dei 2 ), ma non posso dire che Unity non va

          • ormai ubuntu non è l’uninica distro con strumenti di autoconfigurazione grafici

          • mikronimo

            Non lo era neanche nel 2010, visto che ho potuto installare svariate distro graficamente e non da cli come arch (per es.), in maniera pressocché identica ad Ubuntu; poi per aggiornamenti, installazioni di nuove applicazioni e robbetta varia, ogni distro ha le sue gui, ma se si può imparare quelle di Ubuntu, si pò anche per le altre: basta saper leggere; è il vantaggio delle gui…

          • Anche Arch si può installare graficamente con le iso di AntergOS e ArchBang

          • mikronimo

            Ma certo, ho fatto solo un esempio di notisima distro che necessita anche di conoscenze + avanzate; è come sparare sulla crocerossa… 😉

          • lahire

            no, però è quella più facile e che non dà problemi con chiavette, filmati ecc.
            d’altra parte, chi usa un pc , nella maggior parte dei casi, vorrebbe che funzionasse subito.
            un pò come un’auto, che non necessita di messe a punto di carburatori, ecc da parte chi la usa.
            naturalmente, chi vuole configurare il suo s.o. fa bene a cercare altrove.
            non per questo Unity non va .
            Ubuntu 14.04 va davvero bene, è reattiva e fa quello che dovrebbe fare.
            Linux ha le sue carenze da latre parti, es software ( che so, Gimp non stampa in quadricromia )

          • mikronimo

            Iahire… ti sei inceppato sul concetto di “ora va bene”; lo sappiamo, lo dicono +o- tutti, ma all’arrivo di Unity ci sono stati parecchi problemi; l’articolo è partito dal ricordarci la 8.04, non la 14.04…

          • lahire

            non ho mai avuto particolari problemi, e comunque le innovazioni qualche problema lo danno.
            già la 12.04 andava e va benissimo.
            una interfaccia come la H.H. , che comunque ricordo con piacere, oggi è improponibile

          • ange98

            No aspetta fino a questo commento concordavo con te ma dopo “già la 12.04 andava e va benissimo.” non posso che andarti contro. La 12.04 è stato ed è tutt’ora un fallimento come LTS. La abbiamo a scuola ed è veramente penosa come release (anche per il breve periodo che l’ho tenuta sul mio pc, le ho preferito la 12.10).

          • Marco Missere

            La 12.10 era scandalosa per quanto riguarda il riconoscimento dell’hardware, la 12.04 tutta la vita (o meglio ancora la 14.04).

          • lahire

            ragazzi, non so cosa dirvi. io la 12.04 l’ho tenuta fino all’uscita della 10.04 e non ho avuto grossi problemi.
            Così per una decina di persone cui l’ho installata.
            Di certo, la T.T. è più rapida e reattiva.
            Distro come arch non si possono installare a neofiti e vale poco definirli utonti : mi rifaccio al paragone dell’auto . Non si deve essere meccanici per usare un’auto. Riguardo a a Unity, oggi come oggi una interfaccia come Gnome 2 non è più proponibile.
            Per me andava benissimo , ma io non sono la massa degli utenti che viogliono anche l’estetica e poi l’avanzata degli smartphone è un fatto ( purtroppo )

          • ange98

            È vero GNOME 2 non è più proponibile, ma non è proponibile neanche la versione presente di Unity su Ubuntu 12.04. Crash a tutto andare, dash molto lenta, il DE ci mette un po’ a caricarsi all’avvio e effetti compiz non proprio performanti. Come dicevo, Unity è migliorato dalla 12.10 in poi (e non solo IMHO).

          • Si, poi ti si corrompono i repository e chiamano l'”amico che ne capisce”. L’unica distro che VERAMENTE puoi mettere in mano ad un neofita senza esser chiamato un ora dopo è OpenSUSE, dove il terminale veramente è un opzione ma non un obbligo.

          • mikronimo

            Infatti pur usando la versione rolling (tumbleweed) non ho mai avuto bisogno del terminale (era la versione 12.1, se non ricordo male).

          • lahire

            mai successo, e ho installato Ubuntu a gente per la quale internet era la e di explorer

          • Ah beh loro neanche li fanno poi gli aggiornamenti, mi sembra normale che poi non han problemi, sotto questo punto di vista potrei mettere anche Arch e l’utilizzatore non avrebbe alcun problema xD

          • Vuoi sapere come? Lancia gli aggiornamenti e se hai una connessione penosa la connessione cade durante il download.
            Basterebbe un
            apt-get install -f
            ma vallo a dire ad un utonto di aprire il terminale XD

            E comunque non sto dicendo che Ubuntu non sia una buona distro… Anzi! È che a me si cuciono addosso meglio altre, tutto qui.
            Certo ci sono dei difetti oggettivi, come l’instabilità delle non-LTS, le ricerche con Amazon, la lentezza di apt, la lentezza nei download dei PPA di launchpad, la scarsa personalizzabilità di unity, o le scelte che sono state fatte riguardo mir e ola natura touch-oriented di unity 8.. Ma quale software al mondo è esente da difetti?

            Però la filastrocca che ai niubbi bisogna installare sempre e solo la ubuntu LTS di turno non è più vera, perché adesso anche le altre distro sono cresciute.

          • Marco Missere

            Anche Mint è a prova di neofita 😀

          • cinnamon secondo me è peggio di gnomeshell, almeno gnomeshell con diversi plugin diventa usabile cinnamon oltre ad essere lento (il mint menu ci mette troppo tempo a caricarsi) non lo puoi nemmeno personalizzare molto, la personalizzazione è molto molto limitata rispetto ai vecchi DE, è vero anche gnome shell si può personalizzare pochissimo anzi per niente, ma grazie alle estensioni lo puoi personalizzare discretamente, e quindi secondo me è meglio di cinnamon

          • Marco Missere

            Secondo me sei rimasto a Cinnamon 1.4 di Mint 13. Mai provato Cinnamon 2.2 di Mint 17? Il menù lento è un lontano ricordo, e poi lo trovo personalizzabile non meno di Gnome 2.
            Il 24/giu/2014 11:25 “Disqus” ha scritto:

          • innanzi tutto voglio dire una cosa
            roberto ti prego leva questa me**a di ricarica di pagina ogni tot minuti perchè ho perso troppe volte i miei commenti per colpa di questa cagata di funzionalità, non è possibile che se mi metto a scrivere cose lunghe poi perdo tutto per colpa del refresh e non ditemi di scrivermi il commento in un editor di testo e poi incollarlo qui perchè sinceramente non è una soluzione ma è un’alternativa scomoda e non normale.

            ora riprovo a rispondere al tuo commento sperando che la pagina non si ricarica ancora.

            io sono rimasto a cinnamon 2.2 e gnome shell 3.12 che ho provato qualche settimana fa su archlinux, e quindi non alla versione 1.4 che dicevi tu.
            ma comunque il mint menu è troppo lento, impiega anche mezzo secondo ad aprirsi (gia con un ritardo di 200-300 ms il ritardo è evidente e fastidioso per me) ed essendo abituato all’istantaneatà di whisker menu di xfce non posso sopportare questo enorme ritardo, ma oltre il mint menu ottimizzato con il c**o cinnamon ha altri problemi secondo me, innanzitutto non è possibile togliere l’etichetta dall’elenco dei software aperti (funzionalità presente anche in xfce e che trovo comodissima) poi non è possibile aggiungere al pannello (o per lo meno io non l’ho trovato) un elemento per mostrare l’elenco delle cartelle presenti nella home e magari come in xfce scorrerci dentro fino ad arrivare nella cartella che vuoi (anche questo come ho detto è presente in xfce e lo trovo comodissimo), inoltre la personalizzazione è troppo guidata, non sei libero di plasmare il DE come vuoi te ma il DE ti limita le personalizzazioni secondo come vuole lui e non puoi stravolgerlo come invece nei DE vecchio stile è possibile fare.

            inoltre non mi pare sia possibile aggiungere più pannelli in cinnamon, al massimo puoi aggiungere una dock ma non 2 pannelli

          • Franco

            Rispondo al “innanzi tutto”
            – se usi firefox esistono plug-in per disabilitare il refresh automatico
            – in opera addirittura era incorporato nelle opzioni una volta
            La colpa comunque non è di Roby, è dei browser che non ti avvertono in nessun modo dell’esistenza di un refresh imminente

          • come si chiama l’estensione per firefox?

          • mikronimo

            L’ho cercato nel repository degli addon, cercando tramite la keyword “refresh” e dovrebbe essere refreshblocker (ver 0.8); ho provato a scrivere qualcosa e a lasciare il tutto “incustodito” per circa 10 minuti e non c’è stato nessuno riavvio… spero che non sia stato un abbaglio.

          • Franco

            Corretto è quello

          • mikronimo

            Se non ricordo (e non ho capito) male è, in realtà, un’impostazione di disqus: lo disse Roberto una volta, che addirittura ha cambiato setting da 2 a 4 minuti… era una questione di un qualche tipo di sicurezza.

          • Franco

            C’è anche nella pagina principale dove disqus non tocca:
            meta content=’1200′ http-equiv=’refresh’

          • per me per un neofita è meglio xubuntu, che con whisker menu è davvero userfriendly, ubuntu con unity è troppo caotico e dispersivo per un nuovo utente, specialemnte per chi non ha mai usato un PC perchè con quel menu si perde mentre invece whisker menu ti da sia la possibilità di cercare software per nome sia di sfogliarli tra le varie categorie e secondo me la categorizzazione dei software è una cosa importantissima per dare all’utente un sistema userfriendly e non caotico e dispersivo, è in questo che secondo me gnome shell e unity peccano, in gnomeshell non c’è la categorizzazione mentre in unity fa talmente schifo ed è implementata talmente tanto male che è come se non ci fosse

          • ange98

            è stato dalla 11.04 che Unity è stato introdotto anche per i desktop. Nella 10.10 veniva proposto per i netbook.

          • la 11.04 ha introdotto unity.
            secondo me invece la 10.04 era buona come distro, e forse la migliore di tutte le versioni ubuntu uscite, ho iniziato ad usare ubuntu dalla versione 7.10 e ho smesso quando la 10.04 era troppo obsoleta ho provato la 12.04 ma unity non lo digerivo e l’interfaccia gnome fallback era una presa in giro così mi sono guardato attorno e dopo un breve utilizzo ho cambiato definitivamente.
            oggi ormai ubuntu non la considero più al massimo trovo buona xubuntu

        • cippalippa

          distro che e’ migliorata molto sotto aspetti di supporto periferiche/hardware e installazione/help, ma ha perso la semplicita’ del primo approccio col desktop; era utile al ‘niubbo’ poco avvezzo ai sistemi aperti. ora non e’ piu’ cosi intuitiva come allora.

          • come non quotarti è migliorata in tutto ma non grazie alle scelte di ubuntu, ma grazie al kernel che è cresciuto tantissimo e supporta davvero molto più hardware rispetto alla versione 2.6, ma se linux supporta più hardware non è merito di canonical con ubuntu ma è merito della comunità e di aziende come nvidia che hanno iniziato a supportarlo a dovere, ormai per molte persone linux non è più un problema e se lo conoscessero potrebbero usarlo tranquillamente.

            di suo canonical non ha sfruttato tutte queste migliorie, perchè secondo me ha preso gnome2 che era perfetto per chi in vita sua non aveva mai usato un PC vista la categorizzazione delle varie applicazioni e l’ha sostituito con uno scempio di DE bello (relativamente) all’occhio ma (secondo me) pessimo da usare.
            per esempio a me piace come ho configurato xfce sulla mia archlinux (e anche come è in xubuntu non è male) quindi non è che ci vuole per forza un DE alla unity o gnome shell o kde per avere un DE bello, anzi con xfce (e anche kde) il DE lo puoi plasmare talmente tanto che lo puoi trasformare come vuoi ed è questa la caratteristica fondamentale che secondo me deve avere un DE.
            di bello gnome shell secondo me ha solo gli effetti, l’exposè e il supporto a wayland, mentre unity di bello secondo me ha solo la barra laterale (che trovo molto comoda infatti la uso in xfce un pannello a lato con tutti i software che uso di frequente) e il task switcher (alt-tab) molto avanzato che mostra anteprime e da la possibilità di selezionare la finestra a cui si vuole passare, anche con il mouse in modo da velocizzare lo spostamento quando si hanno tante finestre aperte

          • muchoman

            una curiosità mia…anche io uso una barra laterale con i launcher su un netbook che avendo lo schermo basso e largo non mi ruba spazio in altezza…ma è solo una mia peculiarità di trovarla molto comoda sulla destra piuttosto che sulla sinistra?

          • io l’ho sempre usato a sinistra, sulla destra adesso mi risulterebbe scomodo, però effettivamente a volte mi devo postare sulla sinistra per alcune funzionalità in alcuni software e mi compare il pannello che effettivamente mi da fastidio.
            mentre invece se lo tenessi a destra mi darebbe fastidio anche per scendere con la barra di scorrimento.
            quindi secondo me dove impiccia meno è nel basso, però nel basso mi ridà troppo mac e quindi non mi piace 😀

          • muchoman

            già…sicuramente nel basso è la versione a cui siamo da sempre abituati e ci sembra mentalmente comoda…io tenendola sulla sinistra ed incappando nel tuo stesso problema per le barre di scorrimento ricordo di aver impostato tipo l’autohide con comparsa ritardata di qualche secondo…:-)

  • ge+

    la mia prima distro linux!

    Installata all’epoca tramite l’installer ;exe per windows, il modo peggiore in assoluto per provare linux: performante e stabile, ottoima distro con gnome 2 fino al passaggio alla versione 9.x (il numero esatto non lo ricordo), dopo l’upgrade diventò una me**a, lenta e “scattosa”; dovetti disintallarla

    Lo hanno tolto ora l’installer per windows, vero??

  • Marco

    Lo ricordo come il primo rilascio che nella versione 64 bit non presentava particolari problemi. Lo ricordo anche perché per la prima volta cominciai a utilizzare Ubuntu per lavoro (precedentemente solo Debian mi dava adeguate garanzie di stabilità)

  • EnricoD

    per me fu la prima, facevo il primo anno di chimica, la misi per sfidare quella che allora era la mia ragazza oltre che compagna di corso, per farle capire che Vista era certamente uno schifo, che lo dovevo togliere dal pc che avevo appena acquistato, e che si doveva trovare una alternativa (perché non avrei mai rimesso xp dopo certe brutte esperienze) per l’uso quotidiano ( fortuna avevo dei coinquilini Informatici appena laureati, veramente fantastici, che mi insegnavano,oltre a cucinare XD, ad usare pc, win e poi linux) e soprattutto, per fare i conti per gli esami dato che quei maledetti programmi si intrippavano sulla diagonalizzazione di grandissime matrici e dovevo rifare tutto da capo!!!! capito’ spesso, poi da li ho cominciato a provare anche le altre distro e non mi sono più fermato … mi sono sempre molto divertito, quantum espresso, yambo, tex per scrivere, word poi sempre snobbato a parte il powerpoint per le presentazioni,, i miei prof e compagni di corso si arrabbiavano perché non riuscivano a leggere/modificare altri documenti/relazioni/tesine che facevo con openoffice senza sfancularne la formattazione … xD bei ricordi di quell’anno, ho imparato un sacco di cose 🙂

  • muchoman

    sono un linuxaro troppo giovane…io sono partito con la 9.04 e verserò una bella lacrimuccia solo quando arriveremo alla 10.04 lts

    • SalvaJu29ro

      Giovane? Pensa che io sono partito con Ubuntu 10.10
      Era favoloso sia esteticamente che come performance

      • Daniele

        Io addirittura dalla 11.10 quindi sono un bambino come utente linux!

        Comunque provai la 10.04 che era ancora pienamente supportata e visti quella bellezza di gnome2: veloce,fluido, non tanto esoso di risorse ma soprattutto personalizzabile(cosa quasi assente su unity )

      • muchoman

        10.10 era fenomenale…gli preferivo la 10.04 per il supporto lts…infatti con qualche aggiustamento estetico l’ho tenuta su un paio di portatili fino a qualche mese dopo la fine del supporto perchè andava ancora benissimo…è colpa di release come la 10.04 che ho smesso di formattare alla ricerca delle novità perchè era eccezionalmente stabile e completa…ovviamente in live non ho smesso di provare le novità :-)))

        • SalvaJu29ro

          Io la 10.04 l’ho provata quando era ancora supportata, ma ormai aveva poche librerie e addirittura non riuscivo neanche ad installare l’ultima versione di VLC
          Ma era velocissima
          Fino all’11.04 (solo grazie alla sessione per Gnome 2), Ubuntu era ancora il top

          • muchoman

            capisco quello che dici…ma quando il pc lo usi solo per navigazione, mail, qualche film e lavoro con libreoffice l parco software che trovi e che viene mantenuto già va alla grande…credo che sia questo il motivo perchè la gente si tiene xp sottovalutando (o ignorando) la necessità di aggiornarsi sopratutto per la sicurezza

  • Comunque esistono anche altre distro di Ubuntu, posso capire che magari ci sono più articoli su questo perchè fanno parlare molto di più, ma almeno in rubriche simili xD sennò si fa prima a chiamarlo “Ubuntu for Freedom – News dal mondo Ubuntu” xD

  • FedeLinux

    La mia lacrimuccia è per Mandrake 8.2 nel mio caso……. che spettacolo, e RedHat! Bei ricordi

    • FedeLinux

      Ps: Ho ancora i CD originali forniti dalla rivista di cui nn faccio il nome!

  • cippalippa

    le vecchie release di ubuntu erano carine se non altro per i suoni e i temi, ricordavano molto sud africa, ora e’ distro molto piu elaborata.
    iniziai con sabayon 3.6, knoppix e ututo, grazie a queste distro iniziata la scoperta del mondo linux non si e’ piu’ fermata:)

  • ciro

    Vi ricordate la cartella “Esempi” con dentro il video di Nelson Mandela? ….. mitico,come molti mi son fermato alla 10.04,ogni tanto la faccio girare da chiavetta (grazie remastersys)

  • vasco

    bei tempi anche se la mia prima distro era ubuntu 7 ho ancora cd originale regalato davanti al universita,anche per me la migliore rimane 10.04

  • Ermy_sti

    ho iniziato proprio con questa distro e wubi..bei ricordi

  • stefano

    siamo tutti nostalgici pare. Anche io ho cominciato con la 8.04 quante insidie!

    • JackPulde

      “siamo tutti nostalgici pare”… Non capisco se siamo solo noi users italiani ad essere così nostalgici… Perché se anche negli altri paesi è così, perchè non veniamo ascoltati e incominciano a cambiare strada il team Gnome o anche ubuntu per esempio?

  • bizzarrone

    Era la migliore.. insieme alla 9 e alla 10.

    • Giulio Mantovani

      L’ultima ubuntu utilizzata nel quotidiano è stata la 10.04 LTS sul vecchio compaq, l’ho tenuta fino al 2012 quando sono passato ad arch ed ho poi cambiato pc, ho saltato tutte le brutturie con unity fino alla 14.04 dove mi sono convinto a riprovare dato che erano passati diversi anni dallo sviluppo (quando provai la 11.04 in liveCD… http://1.bp.blogspot.com/-78Cem2GNcws/UP0NvHbbJdI/AAAAAAAAR9M/86D3AcwF24s/s1600/clockworkorange_al.jpg

      Ora invece ubuntu, se ci si fa l’abitudine ad unity (lo dice uno che usa KDE e lo adora) non è affatto male, ma occhio, non vuol dire che è fantastico, nell’utilizzo di tutti i giorni lo trovo decisamente ben fatto, ma non lo considero un DE adatto alla professionalità, gli mancano tante cose, tante semplificazioni che erano presenti in gnome 2 e che lo rendevano perfetto per l’utilizzo giornaliero così come l’utilizzo professionale. Unity è modaiolo, è graficamente ben fatto, sopratutto la 14.04 dove hanno messo i menù, login manager, dash ecc. con effetti e trasparenze ben disegnate, ma io ho provato ad usarlo al di fuori di firefox, rhythmbox, video e office, diventa una cosa ingestibile, abituato come sono su KDE ad avere 10-15 programmi aperti insieme, raggruppati in famiglie, con organizzazioni rapide multidesktop andare su Unity è un trauma.

  • fronzolo

    personalmente quella che ho apprezzato di più (e che utilizzo tutt’ora in alcune macchine, dato che riceve aggiornamenti) è Lucid. Pulita, snella, completa.

  • Linux!

    Questa è proprio la distribuzione vera LTS dove ubuntu era veramente una roccia e dove ha toccato l’apice prima della rovinosa caduta di ubuntu ma di anche tutto il mondo linux.
    Bei ricordi quando linux era linux e tutto era leggero veloce reattivo adesso siamo a livelli di windows se non peggio soprattutto nell’appesantimento della macchina dopo tanto tempo dalla installazione cosa che con i vecchi linux non succedeva mai!
    Oramai è tardi per rimediare ad i guai che tutti i team linux hanno fatto specialmente il team gnome

    • MoMy

      Ma erano differenti anche le richieste di risorse.

    • domenico

      una dabian con mate e vedi se non è veloce…

  • JackPulde

    La vera domanda è… Ma se siamo in tanti nostalgici delle vecchie versioni linux, perchè non veniamo ascoltati dai vari team (esempio: Gnome, Ubuntu, Kde… )?? Volete dirmi che solo noi italiani abbiamo nostalgia delle vecchie distribuzioni linux?

  • biosniper

    si tende sempre a vedere il passato con occhio nostalgico…quando senti parlare i vecchietti di oggi: ai miei tempi era meglio..
    quando si parla di qualunque cosa se paragonata al vecchio si dice: si ma una volta, il cibo era migliore, le persone erano migliori, le automobili erano migliori, i pc erano migliori…
    ma sarà sempre vero?…

    • Linux!

      Non si tratta di nostalgie storiche dell’infanzia qui si tratta che veramente prima le cose erano meglio ad iniziare dall’interfaccia grafica

      • Franco

        Esatto, mi hai tolto le parole dalla tastiera

    • mikronimo

      A volte è vero che si cade nella nostalgia, ma nello specifico, per quel che mi riguarda e rimanendo in campo informatico, con il passare del tempo le cose sono andate parecchio migliorando; ritengo che il più di questa mia impressione, sia originato dalle mie migliorate conoscenze e familiarità con il “sistema Linux”, ma anche da una maggiore qualità generale di Linux stesso.

    • Franco

      • biosniper

        penso che tra cinquantanni diranno che i tempi migliori sono i nostri perchè saranno insoddisfatti del loro presente. Credo che tutto ciò denoti una insoddisfazione del genere umano o altrimenti dovremmo ammettere che stiamo andando sempre più indietro col passare del tempo e questo credo che sia molto avvilente per le generazioni future
        🙁

  • domenico

    io sono stato fulminato dalla 7.10 che avevo tenuto più a lungo di tutte… oggi su una macchina ho ancora la 10.04 e va benissimo

    oltre alla semplicità il bello di ubuntu era anche la sua ‘filosofia’, il richiamo all’umanità.

    • biosniper

      vorrei chiarito il concetto… e non sono sarcastico. Come può un sistema operativo richiamare …”all’umanità”?Uso ubuntu e mi trovo benissimo, ma non ne vedo connotazioni …”umanitarie”…, forse mi sbaglio, ma sono disposto a cambiare idea.
      🙂

      • domenico

        si, comunque umanità e umanitarismo non sono la stessa cosa

        • biosniper

          umanitario
          [u-ma-ni-tà-rio]
          (pl. m. -ri; f. -ria, pl. -rie)

          A agg.

          1 Che tende al miglioramento materiale e morale della condizione umana, agendo secondo i valori della solidarietà, della generosità, dell’amore per il prossimo e sim.: è un filosofo u.
          ‖ Che è pieno di umanità, di benignità, di comprensione umana: ha un animo altamente u.
          ‖ Istituzioni umanitarie, di beneficenza, di assistenza

          2 Caratterizzato dai valori della solidarietà umana, della comprensione, dell’amore per il prossimo e sim.: concetti umanitari; dottrine umanitarie; iniziative umanitarie

          B s.m. (f. -ria)

          Persona umanitaria; filantropo

          fonte:
          Dizionario online tratto da:
          Grande Dizionario Italiano
          di GABRIELLI ALDO
          Dizionario della Lingua Italiana

          Editore: HOEPLI

  • Kraig

    La migliore Ubuntu di sempre in fatto di stabilità (quasi alla pari di Debian) e pulizia grafica.

  • Francesca Silvana Scoppio

    Ho ancora il cd masterizzato da cui la installai 🙂 funziona ancora peccato che non sia più aggiornata! 😀

No more articles