Basic, il famoso linguaggio di programmazione ha da pochi giorni oltrepassato il mezzo secolo di vita.

Basic
Il primo maggio 1964 John G. Kemeny e il professore di matematica Thomas E. Kurtz iniziarono a lavorare sul linguaggio di programmazione Basic (Beginner’s All-purpose Symbolic Instruction Code).  L’idea del nuovo linguaggio Basic era quella di essere molto più intuivo grazie a normali comandi come ad esempio Print, Load, End, If o Then ecc. Il successo di Basic avvenne soprattutto negli anni 80, grazie al Commodore C64 e ZX Spectrum personal computer basati proprio sul linguaggio Basic.

Il BASIC è un linguaggio di programmazione ormai obsoleto, rimane comunque ancora amato da alcuni developer che utilizzano attualmente delle versioni “evolute” come QBASIC o Visual BASIC. Non possiamo sapere quanto il Basic abbia influenzato i successivi linguaggi di programmazione, molti attuali programmatori hanno comunque iniziato da giovani a “smanettare” con il Basic.

Commodore C64 - Basic V2

Chissà quanti di voi si ricordano ancora la famosa home del C64 😀

Auguri Basic…

  • biosniper

    10 print “auguri basic”
    20 goto 10

  • biosniper

    io non avevo il commodore 64, ero uno dei pochi possessori dell ‘atari 800xl
    qualcuno conosce?

    • Matteo Picchi

      Ma certo! Ce l’avevamo, poi mio fratello comprò il Commodore 64 da un amico. Era carino e se non sbaglio supportava le cartucce dell’atari 2600

      • biosniper

        è stato il mio primo computer, acquistato nel 1986 alla esosa cifra di 540 000 lire (non me lo posso dimenticare: somma di regali compleanni, comunioni, paghe per tutti i generi di lavoretti in casa…)
        figurati che ho ancora scatolo originale (Immacolato!) poi la cartuccia della boxe, e varie cassette ancora perfettamente funzionanti (montezuma, river raid, jumping frog…): che tempi e quante ore passate davanti a quei pixel mastodontici…
        🙂

        • MaxCaruso

          Avevo ralizzato una matrice per la gestione delle spese del condomino!!!….. Excel mi faceva un baffo! ahahaha

          • biosniper

            io avevo realizzato un giochetto che prevedeva il futuro: tramite un’istruzione che mi dava un numero casuale da 1 a 15 associavo a ogni numero un evento diverso (per esempio se il computer scegileva 1 scriveva: ti sposi, 2: sarai ricco…) il tutto corredato da grafica colorata e musichette , un vero spasso …(all’epoca avevo 12 anni)
            🙂

        • Davide

          Tieni premuto OPTION per disabilitare il basic al boot 🙂 Ah, ops, è il compleanno del basic, allora niente option …

      • biosniper

        .

    • Io ce l’avevo. All’epoca giravano tanti programmi per C64 e spesso cercavo di usarli sull’Atari 800XL ma non sempre era facile perché il Basic era un po’ diverso.

      • biosniper

        leggi risposta a matteo picchi è la stessa che do anche a te, ciao
        😉

    • MaxCaruso

      Io avevo un Atari 800xl… Anzi, completo di lettore di cassette, diskdrive da 5″ 1/4 e stampante é ancora imballato nello sgabuzzino di casa di mia Mamma!… =)

      • MaxCaruso

        Ho anche il monitor a fosfori verdi!!!

      • Davide

        Cavolo, un 1050, ben 128 KB per lato di floppy, se bucato opportunamente ovviamente 🙂 Ce l’ho anche io !!

  • Agostino

    I miei genitori non mi volevano regalare un computer, non avevo risparmi. Così senza possedere nemmeno una tastiera e sognando il Commodore o altri pc più evoluti che vedevo sulla riviste, io imparai questo linguaggio a 12 anni programmando sui fogli di carta bianca del bloc-notes. Passavo i miei programmi agli amici così poi mi ringraziavano. A scuola mi ritenevano il miglior esperto, ma nessuno sapeva che non possedevo nulla…

    • Agostino

      Mi piaceva molto anche il Cobol (: sempre su carta)
      Il visual basic invece non mi è mai piaciuto… per niente

    • MaxCaruso

      Complimenti! =)
      Bisognerebbe fare una di quelle infografiche che girano per FB con questa storia, peccato che molti non ne apprezzerebbero la sostanza.

  • Mitico il mio primo PC ZX81 Spectrum con allegato l’immancabile manuale BASIC mi ricordo aveva una memoria di 1Kb …… si si avete capito bene.
    if …. then GOTO else if ….. GOTO, mi sembrava di avere ……… che roba!!!!

    http://en.wikipedia.org/wiki/Sinclair_ZX81

  • Mitico il mio primo PC ZX81 Spectrum con allegato l’immancabile manuale BASIC mi ricordo aveva una memoria di 1Kb …… si si avete capito bene.
    if …. then GOTO else if ….. GOTO, mi sembrava di avere ……… che roba!!!!

    http://en.wikipedia.org/wiki/Sinclair_ZX81

  • Anarco Bsd Tux

    il commodore 64 è stato il mio primo computer, ed ho iniziato a studiare l’inglese, programmare in basic, leggere e scrivere tutto all’età di 5 anni!!! 😀 bei tempi… a scuola ero l’incompreso della classe!!! 🙂

    • biosniper

      il mozart dell’informatica…
      🙂

      • cippalippa

        infanzia traumatica con relativo riscatto da adulto 🙂

  • TopoRuggente

    Ho iniziato con lo ZX80 Basic, ma il vero passo in avanti fu con il TI99/4A che aveva l’extended basic !!!

  • MaxCaruso

    Io avevo un Atari 800xl… Anzi, completo di lettore di cassette, é ancora imballato nello sgabuzzino di casa di mia Mamma!… =)

  • ottone

    ricordo ancora il gioco in basic del gorilla e la banana chissà se esiste qualcosa di simile in linux

    • Falegnamino

      uhm…strano….non ricordo questo gioco:)

    • TopoRuggente

      Cerca per gorilla.py

    • biosniper

      donkey kong?

  • Falegnamino

    Mi ricordo che passavo ore e ore a “copiare” le infinite pagine in Basic di un qualche giochino trovato sulle riviste dell’epoca.

    Bellissimi ricordi:)

  • auguri!!! 🙂

  • cippalippa

    potete mettere anche il “guru meditation” su gentile richiesta? 😀

  • roberto mangherini

    il pc di mio fratello un olivetti pc128s con se nn erro 128 kb di ram e come memoria di massa i floppy 3.5 pollici. è sempre stato uno spasso programmare con questo pc.

    Microprocessore: 65SC12 a 2 Mhz

    Memoria: RAM 128K; ROM 64K per MOS, ADFS e BASIC

    Display: esterno a colori o monocromatico o TV

    Grafica: 640 x 256 (2 colori) / 320 x 256 (4 colori) / 160 x 256 (16 colori)

    Tastiera: 93 tasti integrata nel case, con 10 tasti funzione e tastierino numerico

    Suono: 4 voci, 7 ottave (manca l’uscita audio esterna)

    Memoria di massa: un FDD 3.5″ da 640K (è possibile aggiungerne un secondo)

    http://pc128s.altervista.org/

    http://img152.imageshack.us/img152/9339/olivettiprodestpc128s2jw.jpg

    • Eugenio

      Olivetti mitica azienda italiana che con Programma 101 (fonte wikipedia) ideò e commercializzò il primo “Personal” Computer della storia.

No more articles