In questa guida vedremo come installare Apple iTunes in Ubuntu e derivate grazie a Wine e Play On Linux

iTunes in Ubuntu
Ubuntu e gran parte delle distribuzioni Linux sono in grado di supportare anche dispositivi Apple offrendo anche la possibilità di poter sincronizzare i file multimediali (esempio possiamo sincronizzare i nostri brani con Rhythmbox, Amarok, Banshee ecc). Purtroppo per Linux non è disponibile iTunes, il famoso player multimediale di Apple che ci consente di acquistare musica, sincronizzare i brani da pc a iPhone, iPad, iPod ecc. iTunes oltre a poter aggiornare device, effettuare il backup ecc funzionalità non disponibili nei player multimediali Linux. Per chi ha un dispositivo mobile di Apple come iPhone, iPad, iPod ecc è possibile utilizzare iTunes anche in Linux semplicemente installando la versione nativa per Microsoft Windows attraverso Wine.

Le attuali versioni stabili di iTunes non sono ben supportate da Wine, per questo motivo dovremo optare per la versione 10 in grado di “girare” decentemente in Linux, la prima cosa da fare è quindi installare iTunes dal portale oldapps.com collegandoci in questa pagina.

A questo punto dovremo installare PlayOnLinux software che ci consente di installare le applicazioni native per Windows via Wine includendo alcune librerie mancanti e correzioni varie cosi da poterle utilizzare correttamente nella nostra distribuzione Linux.

PlayOnLinux è disponibile nei repository ufficiali di Ubuntu, per installarlo basta collegarci alla pagina dedicata di Ubuntu Apps Directory oppure digitare da terminale:

sudo apt-get install playonlinux

al termine dell’installazione avviamo PlayOnLinux, al primo avvio installerà Wine, Font Microsoft ecc, una volta installato in cerchiamo iTunes nella barra di ricerca, selezioniamo iTunes 10 e clicchiamo su Installa, dopo alcuni secondi ci verrà chiesto di inserire il file exe scaricato in precedenza.

Play On Linux - Installare iTunes 10

PlayOnLinux avvia il processo d’installazione di iTunes 10 installando eventuali librerie richieste dal software di Apple. Al termine potremo avviare iTunes direttamente dal menu o da PlayOnLinux.
Personalmente non ho testato il collegamento con un device Apple (non dispongo di nessun device mobile di Apple), il player è in grado di accedere allo store e riprodurre anche i nostri brani musicali (possiamo anche inserirli trascinandoli all’interno della finestra).

Ringrazio il nostro lettore Luigi per la segnalazione.

  • FRance

    Salve, articolo sicuramente interessante, ma molto più grave il fatto che sia più facile collegare e dialogare con uno smartphone Android da windows che non da Ubuntu. Da utilizzatore di Ubuntu da ormai 8 anni, questa cosa mi sconcerta!!!!

    • pensa che per aggiornare il mio ex smartphone samsung ho dovuto installare windows (con regolare licenza) su pc per poter installare Kies ;(
      per aggiornare un sistema basato su linux ho dovuto installare windows,,,,

      • JackPulde

        Ma qui la “colpa” è di Google? Che linux non riesce a dialogare bene con android?

        • ekerazha

          Al massimo la colpa è di Samsung, da sempre i Nexus si aggiornano “OTA” direttamente dal telefono.

          • JackPulde

            Ok 🙂 Grazie per le risposte!

        • Stefano

          La mia esperienza con Ubuntu e Android è stata positiva, nel complesso.
          Salvo un problema con MTP (nelle precedenti versioni di Ubuntu), non ho mai incontrato problemi con i vari Huawei Ideos, Nexus 7 e Nexus 5.

          Il problema qui è dei produttori. Samsung in particolare, che impedisce di fare aggiornamenti se non usando Kies (pena invalidare la garanzia).
          Con i Nexus è possibile usare adb e fastboot in completa scioltezza (in Ubuntu, sudo apt-get install android-tools-* ).

      • EnricoD

        tra l’altro kies non è manco tanto stabile e se si blocca devi mandarlo in assistenza lol .. xd 🙂

      • ale

        Veramente con una versione stock di android lo fai benissimo da linux, anzi si consiglia di usare quello, su un pc windows (non mio ma di un mio amico) una volta per installare i tool adb e fastboot ho dovuto andare a mano a cercare i driver e ho fatto una fatica assurda a trovarli che funzionassero…

      • Sandor

        Pensa che io devo tenere Windows sul mio vecchio netbook SOLO per potere aggiornare le mappe del TomTom :-/ Non c’è modo di aggiornare il navigatore utilizzando Wine.

    • ale

      No be veramente con linux esistono mille modi alternativi per trasferire file tra android e windows, come adb da riga di comando o server ftp (quindi senza cavi)
      Comunque mtp alla fine va in qualche modo

      • Patrizio

        Io con android uso websharing lite trasferisco files tra pc e dispositivo android (sia upload che download) direttamente da browser, quindi compatibilità con qualsiasi SO

  • Giovanni Signorini

    Purtroppo mi sa che questa guida sia relativamente inutile… iTunes 10, sul sito da voi linkato, viene riportato come rilasciato nel 2010… Ergo, non supporta iOS 7, iOS 6 e forse neanche iOS 5 (ovvero gli ultrimi 3 sistemi operatiiv di Apple), oltre che non supportare i dispositivi degli ultimi anni…
    Confermate oppure mi dite che un iPhone 5s viene comunque riconosciuto??

    • lucas

      confermo.. non ricordo i requisiti completi.. sicuro i dispositivi con iOS 7 sono tagliati fuori.. e non escludere avvenga lo stesso per iOS 6

  • Articolo fuorviante perchè con IOS7 si entra in un loop che permette si e no di prelevare le foto da un device Apple, x loop intendo che come lo colleghi ti chiede di confermare e se confermi su iPhone o iPad è come se lo scollegassi e lo collegassi nuovamente.
    Io da tempo ho rinunciato a far convivere i devices Apple con Linux…

    PS: Quando avevo IOS6 riuscivo a collegare il mio iPhone con i programmi descritti nell’articolo (Rhythmbox, Amarok, Banshee soprattutto Banshee arrivava ad essere quasi simile ad itunes), riuscivo anche a sincronizzare i brani per poi non sentirli mai nel device perchè vevivano rinominati diversamente da come lo fa IOS, cioè 4 lettere maiuscole apparentemente messe a caso per ogni brano inserito…

    Insomma secondo me è tempo perso, almeno fino a quando la Apple si deciderà a creare iTunes x Linux.

    • lucas

      se vai sul di libmobiledevice il progetto che si occupava di far funzionare i device apple con le varie distro linux vedrai cosa funziona cosa no: scordati la sincronizzazione della musica su qualunque generazione di ipad e sulle ultime 4 generazioni di iphone. la soluzione proposta da roberto probabile funzioni ma solo su iphone di prima seconda generazione, la terza ( se mai aggiornato) e probabilmente sulla prima generazione di ipad. e ovviamente i contemporanei ipod touch.

      • Io vorrei sapere il perchè la Apple non consideri in nessun modo gli utenti Linux, vorrà dire che il prossimo device sarà Android…

        • Stefano

          Credo che se fosse per Apple, non ci sarebbe nemmeno il supporto per Windows. In fondo i primi iPod erano esclusivamente compatibili con MacOS.

          Poi si sono resi conto che Windows aveva quote di mercato notevoli, e un immenso numero di potenziali clienti interessati.
          Il motivo per cui non supportano Linux? Poco guadagno, rispetto agli investimenti comunque necessari, per coprire una fascia di mercato che, generalmente, per ragioni “culturali”, è poco interessata a prodotti Apple.

          • Luky

            La mia “fascia” però lo è, finché i prodotti sono validi. Riesco a convivere sia con OS X che con Linux

          • Stefano

            Infatti parlavo di una discreta parte. Io personalmente non ho nulla contro Apple: certi prodotti li invidio per come vengono ideati e realizzati, sebbene sono conscio che non si rivelerebbero adeguati al mio uso e alle mie aspettative.
            L’unico prodotto Apple che ho acquistato è stato un iPod 3.5G, che tuttora funziona dopo molti anni.

            Credo che tradizionalmente un utente Linux abbia delle competenze acquisite che rendono un po’ stretto l’ecosistema Apple. Ciononostante, li considero prodotti estremamente validi: temo solo che il motivo per cui non viene supportato Linux sia il ristretto numero di potenziali consumatori rispetto al totale.

        • lucas

          d’altro canto bisogna dire..che oramai ,ipod a parte, si tratta di dispositivi totalmente indipendenti dal pc.. a patto di non avere necessità di dover sincronizzare musica (come accade oramai di frequente tra quelli che fanno gran uso di spotify o simili)

  • Marco Bassani

    Io parto dal presupposto che: se usi linux, non hai bisogno di iTunes, in quanto non userai nemmeno un iPhone… e in generale tutte le porcate da fanboy ignorante che arrivano da Cupertino! !

    • lucas

      È un presupposto sbagliato anche perché persino molti sviluppatori in ambito Linux hanno device Apple.. Anzi taluni addirittura sviluppano su mac.. Tanto per iniziare.. E il fatto stesso che esistano progetti libmobiledevice e paginate sul forum di ubuntu relative ai difficili rapporti tra prodotti Apple e la distro smentiscono la tua ricostruzione.. Non entro ovviamente nel merito ovviamente del tuo giudizio sui fanboy e i prodotti apple..

      • Marco Bassani

        Ritengo i prodotti apple degli ottimi prodotti per l’utente medio. Tutto funziona senza bisogno di conoscere a fondo l’os.
        In questo senso sono geniali, hanno creato un meccanismo fantastico che costringe gli utenti a mantenere i loro device costantemente aggiornati spendendo migliaia di euro. Facedoglieli spendere col sorriso sulle labbra in quanto le loro campagne di marketing sono riuscite, nel tempo, a creare un alone di misticismo attorno a tali device.
        Credo peró che i contenuti di questo blog siano rivolti a persone che per scelta, o per passione abbiano deciso di utilizzare e contribuire allo sviluppo di sistemi opensource. Quindi svincolati dal bisogno di dover utilizzare sistemi apple o proprietari in generale.

        • Luky

          Apple sviluppa anche software open source, tanto per dire eh…

          • Matteo

            Lato server è un eccellenza Linux ( o forse Unix o qualche distribuzione a pagamento ?) ma quando in una sala operatoria troverò un computer che controlla apparecchiature biomedicali con ubuntu allora ne riparliamo !

        • Matteo

          Io non so che lavoro o studio svolgi, ma l’open source non da garanzie di funzionamento e quando con una periferica devi garantire la gestione di apparati biomedicali che potrebbero compromettere l’ esito di una diagnosi o la vita stessa, credo che sia doveroso dover avere delle garanzie di funzionamento e degli standard ben definiti. Se poi vogliamo parlare di informatica come passione o hobby, evviva l’ open source e tutto il resto, ma affermare che apple non sia altro che marketing mi sembra davvero distante dalla realtà e spesso ciò che muove è pregiudizio. Sto scrivendo da Linux per lavorare uso windows, uso spesso un tablet android e ho un iphone, e vedo del positivo e del bello in ognuna di queste periferiche.

          • Marco Bassani

            Matteo, mi occupo di informatica, e parlo per esperienza dicendoti che l’OS di riferimento lato server è linux da molti anni, quindi penso sia ora di piantarla dicendo che con l’open source non si hanno garanzie… (l’ 80% di internet è poggiato su sistemi liberi). Purtroppo il mio post è stato frainteso. Non reputo i sistemi apple delle fregature, hanno hardware e software eccezionali. Non condivido l’alone leggendario che gli ruota attorno, grazie, soprattutto, alle loro miliardarie campagne marketing e alla “pecoraggine” degli utenti medi.
            Anch’io tendo ad usare più dispositivi e svariati OS sia per necessità che per interesse personale. Sicuramente non mi reputo un invasato o un fanboy…
            Questo è solamente il mio punto di vista.
            buona vita 😉

        • Flavio Fornari

          iOS è BSD… don’t forget!!!

    • Stefano

      Una bella considerazione da fanboy anche la tua, comunque! 🙂

      • Marco Bassani

        Secondo me non esiste il sistema perfetto. Chiunque può scegliere liberamente che strada prendere, ma é necessario essere coerenti con le proprie scelte. Trovo insensato cercare di trovare accrocchi informatici per cercare una coesistenza tra i due mondi. Può funzionare! Ma senza nessuna garanzia per il futuro.

    • santo subito!!

  • Raffaele Birkhoff

    peccato che dica che wine non supporta la sincronizzazione usb

  • Marcantonio Manicone

    Confermate che funziona anche per backup e aggiornamenti iPhone?

  • Antonio

    Interessanti tutti i commenti, tuttavia voglio ringraziare il curatore di questa pagina. Mantenerla costituisce sicuramente un impegno. Sarebbe comunque un valore aggiunto se tutti gli esperti che commentano, dessero una mano per continuare a riempire il blog di articoli interessanti.

  • pippo

    vorei mettere ubuttu sul mio iphone qualcuno sa dove scaricare il exe per meterlo

    • il exe

      spaco botiia amazo famiia

    • paul

      ahahahahahahahaha

    • Claudio

      so nuovo ma una cosa la so. x istallarlo., almeno si PCnon esite l’ exe. Cerca su google come istallare Ubuntu e segui quello che ci sta scritto sul sito di u buntu. Tieni presente tutte le tue caratteristiche del tuo computer rtipo: processore ram e spazio libero su hd in quanto a seconda di questi parametri puoi scegliere la bversione o, per dirla in termine ubuntisno, “release£ giusta per il tuo coomputer.. tieni anche presente che devi fare yba copia di backup di tutti i dari che avevi nel pc prima di isatallare ubuntu un quanto essi vengono persi, in quanto Ubuntu istallandosi cancella tutto il sistema operativo precedentemente istallato- e prenditi yba buona guida beginners fi ubuntu, sae hai un ebook reader ne trovi, sopratutto se hai un Kobo, in quanto cambisano molte cose x chi viene da windows e mac

    • Marco Mazzon

      da quello che scrivi ho capito 2 cose:
      1- non conosci la grammatica
      2- hai un iphone da 800 euro, a malapena riesci ad accenderlo, e ogni volta ti chiedi a cosa servano tutti quegli strani quadratini colorati che compaiono sullo schermo, an dimenticavo….stai ancora cercando i bottoni per farlo funzionare dato che il touch non sai cosa sia

  • Lorenzo

    salve a tutti, sto cercando di installare iTunes su ubuntu 15.10, ho seguito tutto i passaggi per farlo tramite playonlinux,arrivo all’.installazione di itunes e compare questa scritta:

    Error in POL_Wine

    Starting 64-bit process /home/lorenzo/Scaricati/iTunes6464Setup .exe is not supported in 32-bit virtual drives

    potreste dirmi gentilmente come fare? grazie mille in anticipo

    • gabriele tesio

      in parole povere itunes è 64 bit mentre il wine che stai usando è 32, con playonlinux vai su ”installa” poi in basso c’è ”installa un programma non presente nella lista” –> avanti –> nuovo dispositivo virtuale –> metti il nome che vuoi –> avanti (non selezionare nulla) –> 64 bit –> aspetta –> installa itunes.
      Una volta terminata l’installazione (se alla fine dell’installazione c’è “lancia il programma” togli la spunta) clicca una volta sull’icona di itunes e poi fai configura –> a fianco di versione wine c’è un più, selezionalo e scegli un wine a 64 bit recente da installare (la serie stabile è la 1.8 quella in via di sviluppo la 1.9) e una volta installato selezionalo dal menù a tendina.
      Ora dovrebbe funzionare. Se percaso dice qualcosa a riguardo di windows xp (magari itunes non lo supporta più) di nuovo clicca su configura, vai nel tab ”wine” –> configura wine e nel pop up che compare, nella tab “applicazioni” metti come versione windows 7.

      • Lorenzo

        ok grazie tante per le informazioni 😉

  • hako

    hakob

No more articles