Gnome Foundation ha recentemente annunciato di essere a corto di soldi  e chiede alla community un’aiuto economico.

GNOME Foundation
GNOME Foundation è un’organizzazione no profit nata nel 2000 per coordinare lo sviluppo del desktop environment GNOME. La fondazione GNOME coordina i rilasci di GNOME e gestisce tutti i vari progetti correlati oltre ad essere l’interlocutore della stampa e delle organizzazioni, commerciali e non, che sono interessate al desktop environment open source. Dopo gli ottimi risultati riscontrati con il progetto Outreach Program for Women (nato per avvicinare il pubblico femminile a Gnome e al software libero in generale) che ha portato 30 nuove stagiste, la fondazione per vari (e stani motivi) si è accorta di aver già consumato tutti i soldi stanziati per il 2014.

Gnome Foundation vive principalmente di donazioni e fondi che arrivano principalmente da aziende pronte a puntare sul desktop environment Gnome e ai progetti correlati, soldi che in tempo di crisi molto probabilmente stentano ad arrivare. Per questo motivo Gnome Foundation chiede un’aiuto economico a tutta la community Linux per poter raccogliere fondi necessari per continuare il lavoro della Fondazione.
Per maggiori informazioni consiglio di consultare l’articolo dedicato nel Wiki della Gnome Foundation, per contribuire con un piccola donazioni basta collegarci alla pagina dedicata del portale Gnome.
  • Francesco Manghi

    han sempre detto che le donne vengon di spesa…

  • Maudit

    questo articolo ha un potenziale di trolling abnorme.
    Mi astengo anche se la tentazione è fortissima.

    • Caterpillar930490394

      Dai ci penso io, non disperare 😉

  • gatto

    “donne e kernel sono gioie dolori”

  • riki

    Almeno sono coerenti con se stessi….

  • Beh… Red Hat non aveva aumentato gli introiti di una quantità a 2 cifre?

    • Simone Picciau

      Infatti che sborsino loro… Possono ben farlo

  • Gerry

    Visto lo schifo di lavoro che hanno fatto fino ad ora, che falliscano. Se proprio vogliono rendersi utlili, vadano ad aiutare il team XFCE.

    • penso che difficilmente lasceranno fallire gnome visto chw è di default in red hat, suse, oracle linux ecc

      • Gerry

        Ecco, se la tengano in vita loro. Da parte mia non darò nemmeno un centesimo. Invece sosterrò XFCE.

        • XfceEvangelist

          Pensavo di essere uno tra i pochissimi sostenitori di XFCE ed invece, con tutti i commenti che leggo… siamo in tantissimi. Grazie 🙂

          • ge+

            siamo in tanti ad usare XFCE…. mi pare assurdo come questo ottimo progetto sia così poco supportato (materialmente) rispetto ad altri…

            ma a proposito, delle features finali della 4.12 si sa più nulla? Io sto usando molte pari della 4.11 e novità evidenti non ce ne sono per ora

    • TopoRuggente

      Beh di sicuro un prodotto come XFCE 4.12 è impossibile da fare, così … futuristico !!!!

      Se ci sono voluti (per ora) 2 anni per fare un aggiornamento, per riscrivere XFCE in GTK3+, di quanto tempo avranno bisogno?

      • ange98

        Concordo solo parzialmente con te, ma vorrei far notare che il team di Xfce non passa a GTK+3 perchè hanno avuto dei problemi con le API (mi pare), perciò hanno rinviato sperando in una versione un po’ più stabile

        • XfceEvangelist

          Continuo break delle API, infatti anche in Gnome Shell, al cambio delle API le estensioni smettevano di funzionare. Il principale sviluppatore di XFCE spiegava che passano a GTK+3 solo quando saranno stabili.

          • TopoRuggente

            La 4.12 è ancora in GTK2+ non esce perchè?
            Anche GTK2+ è instabile?

          • per me aspettano di intrudurre un buon supporto a wayland, visto il tempo che passa da una release all’altra del DE, perchè se magari facessero uscire la 4.12 adesso che wayland inizia ad essere un po più supportato e gli altri DE hanno introdotto il supporto parziale, xfce potrebbe essere l’unico de senza il supporto al nuovo server grafico.

            magari staranno implementando anche funzioni native di exposè e hotcorner, visto che ormai la 4.12 doveva essere rilasciata più di un anno fa

          • ge+

            per me wayland arriverà molto tardi: si potrà parlare di inizio supporto in xfce quando wayland sarà abbastanza rodato ed usato di default da alcune delle principali distro.
            Non ci contare per l’exposè e gli hot corners, la 4.11 non ha niente di ciò e non penso che ci saranno grossi cambiamenti con la 4.12

          • mmmm… però la 4.11 non è ancora definitiva, a me alla fine cambia poco avere o non avere exposè e hotcorner.
            mi piacerebbe però un task switcher (alt-tab per intenderci) più evoluto di quello attuale (come l’alternate tab di gnome shell in cui mostra le anteprime e inoltre si può selezionare il task da aprire con il mouse invece che solo con alt-tab), inoltre vorrei che migliorassero la gestione dei monitor multipli, perchè ora senza arandr non si può espandere il dekstop ma solo clonarlo e inoltre ogni volta bisogna risettare risoluzione del secondo monitor che è un po scomodo

          • XfceEvangelist

            Purtroppo questo è il risultato dei quattro gatti di sviluppatori di XFCE e che fanno ad altre attività durante il giorno. Anzi, è un miracolo che XFCE non sia stato deprecato.

            E forse preferisco una simile soluzione ai teams di sviluppatori che da un giorno con l’altro cambiano filosofia, non ascoltano la comunita’ e producono soluzioni di dubbio successo.

            Poco ma buono dicevano una volta…

        • TopoRuggente

          No, il 4.14 è la versione in GTK3+ il 4.12 è ancora in GTK2+ ed è ancora in sviluppo due anni dopo l’inizio della codifica.

      • Gerry

        Che vuoi che ti dica, sono un ragazzo all’antica. Mi piacciono ancora i vecchi DE (come XFCE)…e la buona, vecchia fi.a 😉

        • TopoRuggente

          Spero tu non la veda una volta ogni due anni !!!!

          • Gerry

            Abito a Rimini. Nemmeno se andassi in giro ad occhi chiusi. 😀

      • XfceEvangelist

        Avevo letto un’intervista a Nick Schermen che diceva che il porting a GTK+3 è già stato fatto a livello sperimentale e raccontava infatti dell’aumento del consumo di memoria e piu’ cicli macchina per l’esecuzione.

        Poi avevo anche letto che le modifiche ed il continuo break della API era causato dalle esigenze di adattare le GTK+3 esclusivamente per Gnome Shell.

        • TopoRuggente

          Io mi baso sulla roadmap della 4.12 dove il fix delle dipendenze è stato fatto sulle GTK2+ e opzionalmente sulle GTK3+ se ce ne fosse stata l’opportunità.

          Più di un anno di ritardo senza informazioni ufficiali, direi che c’è qualche altro problema a parte il break delle api di GTK3+ (che ripedo dovrebbe aver effetti sulla 4.14 e non sulla 4.12).

  • Simel

    Usandolo come DE principale, credo che darò qualcosina.

  • alfonso

    gnome shell e unity ma che li fanno a fare?

    • loki

      per dar da parlare ai furbi come te

      • alfonso

        loki essendo il dio delle malefatte vattelo a pija ner …..

        • loki

          specchio riflesso gne gne

        • eew

          ner latte? fa rima.

    • XfceEvangelist

      Li hanno fatti esclusivamente per bimbi e bimbeminkia che sanno solo usare interfacce touch.

    • io ho riprovato stamattina gnome shell sul mio notebook, ma l’ho trovato poco fluido (su intel core i3 380m quindi non è proprio una CPU scadente) e molto cunfusionario.
      certe funzionalità sono belle e comode ma sono tornato in fretta a xfce e ho rimosso gnome shell.

      ancora non mi piace questo DE

  • golden

    Oh, non uso GNOME dai tempi del 2, ed oggi uso MATE (soprattutto per i limiti della mia macchina). Però ho ritenuto comunque giusto dargli una piccola donazione (5 euro). GNOME, per quanto criticabile, è pur sempre un’istituzione dell’universo FLOSS, che secondo me va assolutamente preservata (al pari di Mozilla, Debian, Wikipedia…)

    • Simel

      Ma a me è sembrato che il minimo fosse 25$, o tu hai trovato un altro modo?

      • golden

        Si, di default è impostata una donazione minima di 25$ (che da diritto a mouse pad e stiker). Però puoi modificare il valore casellina indicando il valore che vuoi. Di fatto io ho donato 5 euro facendo così.

  • Alberto Zarantonello

    Darò il mio contributo. Lo uso come DE da anni, ci lavoro e lo trovo ottimo, certo con qualche pecca ma anche con grandi qualità. Forza Gnome!

  • TopoRuggente

    Solo per sottolineare.
    Non hanno speso i soldi stanziati per tutto il 2014.
    Hanno appena finito di stilare il budget per il 2014 e fino ad oggi hanno speso basandosi su “previsioni” basate sul 2013.

    Sono per ora a secco di, ma non hanno ancora ricevuto i finanziamenti per l’OPW non avendo emesso le fatture e per ora hanno pagato con i fondi di Gnome Foundation.

    • gatto

      ottimo chiarimemnto, che se leggi l’articolo ti svia totalmente

    • Simel

      C’è da aggiungere che il loro anno contabile finisce ad ottobre.

  • Nicola

    Io personalmente verso l’obolo a Xubuntu (20$ anno) e sono felice di farlo perchè i ragazzi meritano di essere aiutati…. Gnome mi piace anche meno di Unity però se dovessero fermarsi mi dispiacerebbe

  • muchoman

    non credo lasceranno chiudere il de più usato sulla maggior parte delle distro fino ad un paio di anni fa…ancora oggi tra unity e g3 siamo ancora su percentuali molto alte anche se la concorrenza si è fatta forte ed offre lo stile classic desktop da cui in molti ancora non ci si riesce ad allontanare…in bocca al lupo gnomeeee

    • TopoRuggente

      Se ci metti anche XFCE basato su gtk che è prodotto da Gnome Foundation …..

  • Alvaro

    Se chiude gnome, chiude anche unity?
    Se si, tengo il portafogli ben chiuso.

    • Alberto Puddus

      Tu hai capito tutto.

      • Simone

        …ma mica tanto poi. A me dispiace se Gnome chiude per tutte le implicazioni, i princìpi ecc ecc. Tuttavia, forse, e dico forse, stanno un po’ pagando atteggiamenti un pelino ottusi ed autoritari che hanno finora tenuto non ascoltando la comunità. Ma ripeto, è una mia opinione.

  • Mirco Zorzo

    Ma se non mi lasciano la libertà di donare anche solo una volta e quanto voglio non dono nulla.

    • golden

      puoi farlo: clicca una qualsiasi delle opzioni (a parte la prima) e specifica la donazione che vuoi fare.

  • Carlo

    Trovo divertente che la molteplicità dei commenti sono basati su un articolo che non riflette la realtà, che si permette di essere provocatorio e sibillino. Prima regola, citare le fonti. Secondo, se proprio vuoi provocare, danne le motivazioni: perchè sarebbe così “strano” (leggendo l’articolo) che i soldi siano finiti?

  • Toh… che combinazione! Pure io sono a corto di soldi! XD
    Ma non gliene frega niente a nessuno, perché siamo in Italia…

  • zeb89

    Devono aprire un indiegogo

  • mrholiday

    Se Roberto donasse 1$ per ogni apostrofo sbagliato avremo gnome 4 pronto in 2 mesi!

    • pi3tr0

      se ci aggiunti 10 cent per ogni errore sistemiamo pure kde e xfce

    • vi sfugge il fatto che roberto dona gia il 50% dei guadagni della pubblicità a progetti al kernel linux e distribuzioni varie.

      non so se dona qualcosa anche ai vari DE comunque è un bel gesto donare il 50% dei guadagni a progetti opensource.

      tu quanto doni?

      • mrholiday

        OK, era una battuta di spirito e spero che sia accettata a cuor leggero. Apprezzo molto questo blog (e molte delle persone che lo frequentano), anch’io supporto i progetti che uso di più e se ne avessero bisogno supporterei anche Gnome anche se non l’ho mai usato.

        • ok va bene è solo che qui tutti criticano l’ortografia di roberto senza considerare che ogni giorno ci da decine di articoli ed è da solo a pubblicarli.

          allora poi è difficile capire chi scherza e chi no.

          concordo con te sul fatto di non supportare gnome, nemmeno io lo uso, certo non per questo deve fallire e sparire perchè sarebbe un peccato per la concorrenza (ma comunque non fallirà visto che lo supporta red hat), proprio oggi ho riprovato su archlinux gnome 3.12 ma lo trovo confusionario e poco fluido anche su un i3 380m (quindi non su una cpu scarsa), per non parlare poi del fatto che per ogni minima personalizzazione devi cercarti e installarti le estensioni (che magari non funzionano più con le nuove versioni di gnome)

          gnome deve tornare ad essere veloce reattivo e ersonalizzabile come un tempo ma senza rinunciare alla modernità e alle nuove features.

          così come è lo vedo bene solo sui tablet e smartphone o dispositivi prettamente touch

  • leej

    Non tutti i mali vengono per nuocere. Se Gnome dovesse fermarsi avremmo un DE in meno, ma anche meno frammentazione.

    • michele casari

      tre in meno, unity 7 (e non so quando arriverà l’otto basato sulle QT) e xfce

    • Gustavo

      .. e il 70% del parco applicazioni che ci sono in linux, fra cui tutte quelle di ubuntu..
      gnome (che io non uso, per non passare per fan) è molto più del suo de

      • ge+

        il problema di fondo è che attualmente c’è poca cooperazione tra i developers dei de in gtk.

        Se gnome per un qualsiasi motivo dovesse fallire, a mio avviso i vari devs (di mate, di cinnamon, di xfce ecc) dovrebbero cooperare per poratre avanti tutti assieme lo sviluppo delle librerie gtk.
        Inoltre, nella remota possibilità che gnome fallisca, sono sicuro che un altro team adotterebbe il progetto per portarlo avanti, magari proprio i teams di red hat o fedora

        • Gustavo

          non c’è alcuna possibilità di un fallimento del progetto, visto che è utile a praticamente tutte le multinazionali di un certo peso nel settore informatico. Tutt’al più, la gnome Foundation cambierà direttivo

          • G.F.

            guarda che è una fondazione….. e il consiglio direttivo viene cambiato annualmente, con voto della comunità.

          • Gustavo

            ho usato un termine improprio: cambieranno quelli che si occupano dei soldi… se non sono buoni a gestirli..

        • Simone Picciau

          Molti developers gnome sono dipendenti di RedHat, non fallirà

    • L.J.

      ecco che arriva la frammentazione…………. ci mancava oggi

      • Simone

        sudo e4defrag…..

    • TopoRuggente

      Ma lo sapete che Gnome foundation produce anche le GTK.

  • Caterpillar9304903940

    1) Gnome 3 è inutilizzabile su un computer, pesantissimo e con una diamine di interfaccia da tablet.
    2) Gnome lo tiene su Red Hat, non fallirà mai.
    3) Se dovesse scomparire Gnome 3 io non ne sentirei la mancanza.

    • ekerazha

      1) C’è anche l’interfaccia Classic (di default su RHEL 7).

    • michele casari

      se usi le qt va bene, altrimenti tutto il resto va giù, da unity a xfce, per passare da gimp a tutti quei software che usano le gtk

    • Davide Gallo

      Io lo sto usando su un eeepc900 e ti posso dire che funziona egregiamente.
      Solo perché a te non piace non vuol dire che non deve piacere agli altri.
      Ovviamente ci sono cose che mi fanno storcere il naso come ad esempio la poca personalizzazione del DE che ci avevano fatti abituare con Gnome2.

    • Riccardo Magrini

      nel mio caso è Unity ad essere un macigno, è di lentezza unica al contrario di Gnome 3.10 che vola sui miei terminali (laptop-desktop)!!!

    • TopoRuggente

      Uso Gnome-Shell su un I5 con 6GB (un notebook di due anni fa) e risulta più leggero di KDE e a detta di altri è più leggero di Unity.

      Significa quindi che secondo te i 3 maggiori DE di Linux non sono utilizzabili su un Pc di due anni fa?

      • Caterpillar9304903940

        Non mettermi in bocca cose che non ho detto

  • VincenzOS

    GNOME è un’istituzione nel mondo open, credo che chiunque dica che debba fallire debba fare i conti con la sua ignoranza. Tuttavia credo che stia pagando anche il terremoto che ha causato negli utenti, abituati ormai al classico ambiente.

    • Simone

      Non sono un estimatore di Gnome, ma posso condividere.
      Gnome ha fatto tanto, ora, oltre all’open source, ci vorrebbero open eyes e open ears. Devono aggiustare il tiro assolutamente se vogliono riprendersi il posto che meritano.

  • pi3tr0

    se red hat smettesse di finanziarli non sarebbe male, non fallirebbero e non me lo augurerei, ma magari per farsi sovvenzionare dagli utenti sarebbero costretti ad ascoltare le richieste

    • gatto

      va che tra gli sponsor google , canonical e suse…eccc

  • Gusba

    basta UNO…. un solo fesso (dico io) che scrive, che rischia di chiudere….. mentre invece non è vero, l’articolo poi non è sviante….. e tutti dietro come i polli…anatre o pecore fate voi, a paventare chiusure…abbandoni….. ecc ecc….

    Ma le cose le leggete?….

    E certo che “tendenzialmente” chi usa sistemi linux si presuma sia leggermente più informato o preparato, o le informazioni se le sappia gestire………. ma a leggere una buona fetta dei commenti …. :-/

  • mikronimo

    Io devo ringraziare tanto gnome3, xé quando è approdato in Ubuntu, mi ha costretto a migrare ad altro (non scherzo, era veramente inadoperabile) facendomi scoprire KDE; ma battute a parte, mi dispiacerebbe per la fondazione in generale, che comunque porta avanti un serie di progetti importanti per il mondo Open; ritengo improbabile che possa succedere e mi auguro che prima o poi possa arrivare ad un livello di sviluppo migliore.

No more articles