In questa guida vedremo come poter aggiornare, installare oppure operare in Ubuntu o derivate direttamente dalla modalità di ripristino, ecco come fare…

modalità di ripristino
Tra le tante funzionalità incluse in Ubuntu e nelle derivate ufficiali troviamo anche la modalità di ripristino che ci consente di risolvere eventuali problemi oppure operare nel sistema da riga di comando. Grazie alla modalità di ripristino potremo ad esempio ripristinare il bootloader GRUB, liberare spazio nel nostro sistema, risolvere eventuali problemi, aggiornamenti ecc il tutto da riga di comando senza dover avviare alcun ambiente desktop o altro. La modalità di ripristino può tornarci utile per aggiornare la nostra distribuzione, installare driver proprietari Nvidia o AMD dall’installer ufficiale, installare nuovi pacchetti ecc con estrema facilità ecco come fare…

La modalità di ripristino ci consente di aggiornare ed installare nuove applicazioni ecc in questo caso serve però una connessione internet attiva, basta quindi collegare il nostro pc ad una LAN oppure dovremo configurare la nostra connessione Wireless o Intenet Mobile da riga di comando grazie a nncli (versione cli di Network Manager).

Per accedere alla modalità di ripristino in Ubuntu o derivate ufficiali come Kubuntu, Lubuntu, Xubuntu, Ubuntu Gnome ecc basta tener premuto all’avvio il tasto Shift (il tasto con la freccia in alto per il maiuscolo), in maniera tale da accedere al bootloader GRUB, una volta avviato andiamo in “Opzioni avanzate per Ubuntu” e scegliamo la versione del Kernel più recente con (modalità ripristino) dopo alcuni secondi dovremo trovarci una schermata come l’immagine in alto.

A questo punto se dobbiamo aggiornare, installare applicazioni dovremo attivare la nostra connessione, basta collegare il pc ad una Lan e accedere alla sezione “network – abilitare la rete” dopo alcuni secondi dovrebbe essere già attiva la nostra connessione.

modalità di ripristino - rete

a questo punto andiamo nella sezione “root Passa a una shell con privilegi di Root”, da li potremo ad aggiornare la nostra distribuzione digitando:

apt-get update
apt-get upgrade

oppure installare nuove applicazioni, aggiungere ppa ecc

modalità di ripristino - installazione

possiamo anche risolvere eventuali problemi di dipendenze (causate da errori di installazione) digitando:

apt-get -f install

oppure in caso di errori come “value for `status’ field not allowed in this context Error in function” digitiamo:

sudo dpkg --clear-avail
sudo apt-get update

in caso di errori di /var/lib/dpkg/lock
basta digitare:

sudo rm /var/lib/dpkg/lock
sudo dpkg --configure -a
sudo apt-get -f install

una volta terminato di operare da root basta digitare exit e selezionare l’opzione resume – Ripristina l’avvio normale per riavviare normalmente la distribuzione.

Ricordo che possiamo attivare la modalità di ripristino anche in Arch Linux basta consultare la nostra guida dedicata.

  • interessante..

  • andreazube

    gli vorrei solo per metterci il video dell’intersect xD

  • andreazube

    Comunque,a parte il fatto che ricordano TERRIBILMENTE gli occhiali dell’intersect,c’è una cosa che non mi è chiara:che schermo avranno?
    No,perchè già fanno male gli occhi a stare troppo tempo a meno di 30-40 centimetri di distanza (almeno),con gli occhiali staremo a 1 cm di distanza!

  • Chr1s71aN

    A me sembra il fratello bianco di Ray Charles

  • Renza Laracchia

    Grazie Roberto, questo post tornerà utile a molte persone.

  • doscio

    Che vantaggi porta installare driver dalla modalità di ripristino?

  • Erika

    Ciao Roberto

    il comando per il Network Manager cli (da terminale)

    è nmcli

    non nnmcli

    Erika

  • Joshua Dunamis

    Va specificato che tutti i commandi elencati sono validi anche su emulatore di terminale (terminale lanciato dal DE), sia da shell (per passare dal server grafico alla shell testuale CTRL+ALT+F1 fino a F6. Si torna al DE con ALT+F7). La modalità ripristino è utile in casi come driver video non caricato/compatibile o altri problemi legati all’avvio completo del sistema.

No more articles