Phil Spencer, responsabile di Microsoft Studios, ha elogiato il lavoro di Valve, la scelta di Linux sta facendo paura all’azienda di Redmond ?

Valve
L’arrivo del client Steam ha portato non solo molti nuovi giochi in Linux ma ha migliorato notevolmente il supporto hardware. Steam in Linux arriva quasi “come una conseguenza” dell’arrivo di Windows 8, sistema operativo molto criticato Gabe Logan Newell co-fondatore ed amministratore delegato di Valve Corporation. Per Valve il futuro è Linux, sistema operativo con il quale saranno basate le future console Steam Machines, anche se attualmente gran parte delle entrate arriva proprio dal client Steam per Windows (come possiamo vedere dalla statistiche rilasciate mensilmente da Valve). 

Visto anche gli ottimi risultati che sta ottenendo Valve, Microsoft al recente GDC 2014 ha tentato di riappacificare con Newell elogiando il lavoro svolto dall’azienda di Kirkland.
Phil Spencer, responsabile di Microsoft Studios, in una recente intervista durante il GDC 2014 ha ammesso che:
Valve sia un’azienda incredibile, è stata la spina dorsale del gaming su PC nell’ultimo decennio e noi,  e Microsoft ne ha sempre apprezzato ciò che ha fatto. Valve è riuscita a concentrarsi sul PC gaming più di quanto abbiamo fatto noi, Microsoft deve assicurarsi di avere un piano ben congegnato in grado di supportare le persone che attualmente hanno giochi su Games for Windows Live ed è uno degli elementi su cui stiamo discutendo
Stando a Spencer, Microsoft non vuol far concorrenza a Valve, ma vuole investire principalmente in una piattaforma con piani a lungo termine per il Marketplace di Windows e il gaming multiplayer.

Anche se non confermato, l’idea di Microsoft potrebbe sviluppare ben presto di un servizio che possa includere anche Steam e Origin e che sia accessibile sia da pc che dalla propria console Xbox 360.
Bisognerà vedere se Valve accetterà o meno questa nuova idea di Microsoft, per intanto l’unica cosa certa che in Steam avremo sempre più giochi nativi per Linux.

  • Francesco Manghi

    AMO QUEL DANNATO SVILUPPATORE!

  • Luca

    Argh!! Maya permettendo lo provero!

  • Ci vorrebbe un grafico con i controcacchi che si dedicasse a creare un buon tema per enlightement, così com’è è inguardabile. Ovvio che non è la cosa più importante ma ogni volta che l’ho installato mi stupivo per la leggerezza e bontà dell’insieme e l’unica grande pecca che riscontravo era il suo aspetto.

    • dongongo

      I temi per Enlightenment sono eccezionali e facilissimi da installare! Forse quello di default non è splendido, ma guarda un po’ la galleria dei desktop degli utenti di bodhi. 🙂
      http://forums.bodhilinux.com/index.php?/forum/23-desktop-of-the-week/

      • GioGio

        Daccordo dondongo sono bei temi riguardo a quello di default ma rimangono inguardabili in generale. Ci vorrebbe qualcuno che si dedicasse a scrivere un tema coerente in tutte le sue parti, una dockbar decente e nuove applicazioni per settare il tutto. Vorrei un team simile a quello di elementaryOS che prendesse in mano il progetto e e mettesse ordine al caos di applicazioni scritte in linguaggi diversi e incoerenti tra loro perchè è un peccato che questo progetto cha ha un così grande potenziale sia usato da una ristrettissima nicchia di persone.

  • Cristian Martina

    Quando uscirà la stabile sarà la FINE DEL MONDO!!!

    • andreazube

      lol,sarà lo slogan di E17 xD

    • Quando si dice un aggiornamento che è la fine del mondo… 😀

    • GioGio

      Speriamo che la versione stabile esca prima della fine del mondo 🙂 ma ho i miei dubbi.

  • Elia Notarangelo

    scusate, magari sono stupido, ma io uso Enlightment da una vita su bodhi linux. C’è qualcosa di diverso, a parte ovviamente l’eliminazione di alcuni bugs? Insomma, è sempre lo stesso window manager cui sono abituato su bodhi giusto?

  • Elive da una pista a tutti i sistemi operativi in fase di installazione. Rileva ogni cosa nel modo migliore. La cura rispetto all’installazione della scheda grafica nvida, se l’avesse ubuntu sarebbe perfetto. Purtroppo Debian nel mio caso mi limitava un pochino. Per il resto, leggero e carino.

No more articles