Da iTek arriva il nuovo NB Barebone, un notebook “vuoto” che possiamo creare conforme le nostre preferenze aggiungendo la cpu, ram e storage preferita.

iTek NB Barebone
Di recente abbiamo presentato alcuni modelli di  barebone ossia personal computer semi-assemblati senza RAM e l’hard disk o SSD.
Questa tipologia di personal computer oltre ad aver costi logicamente inferiori ad un normale pc “completo” ci consente di personalizzare il pc scegliendo quanta ram, storage e sistema operativo installare. Oltre ai personal computer, da iTek arrivano anche i notebook Barebone ossia senza processore, ram e storage a prezzi davvero molto interessanti.

iTek NB Barebone è una nuova gamma di notebook barebone realizzata per aziende produttrici e normali utenti che voglio crearsi il proprio notebook conforme le proprie preferenze.

La nuova gamma di notebook barebone di iTek prevede display da 14, 15.6 e 17.3 con risoluzioni che variano da HD (1366×768) a FullHD (1920×1080), per il processore invece possiamo scegliere cpu Intel di quarta generazione (con chipset HM86) a partire quindi dagli economici Celeron e Pentium agli Intel Core Core i3/i5 e i7.
Per tutti i notebook barebone possibile utilizzare solo la scheda grafica integrata, possiamo inoltre includere inoltre un masterizzatore DVD oppure un secondo hard disk o ssd. Tutti i modelli dispongono di porte USB 3.0 / 2.0, HDMI, VGA, Card Reader, WiFi, Gigabit Lan ecc. I nuovo iTek Notebook Barebone vengono rilasciati con DVD per i driver per Microsoft Windows, l’hardware supporta senza problemi le più diffuse distribuzioni Linux.

Attualmente iTek dispone di cinque versioni di NB Barebone (che partono da 250 Euro circa), presto comunque l’azienda prevede di arrivare a ben 10 soluzioni.

Con iTek NB Barebone, potremo in futuro rendere più performante il notebook cambiandone la CPU (in teoria dovrebbe esserci anche la possibilità di cambiare anche la scheda madre), ecc aggiungendo RAM ecc proprio come accade nei normali personal computer assemblati.

Per maggiori informazioni su Itek NB Barebone consiglio di consultare la home ufficiale del portale iTek.

  • franz1789

    Mi sa che si comincia a scadere nel ridicolo con tutte ste derivate di Ubuntu..

    • Twentyone

      Credo che si scelga Ubuntu sia per il parco software ampio che per il supporto di 5 anni. Inoltre Ubuntu è la distro più diffusa in ambito consumer, quindi spesso legandosi al nome di ubuntu si è già vicini a molti utenti.

    • Non solo si cade nel ridicolo, si inciampa nel superfluo. Però Linux è libero, non possiamo impedire la nascita di queste distro e la loro diffusione.

    • Simone

      io sono in Linux da relativamente poco, ovviamente Ubuntu come distro principale, sue derivate per curiosità, la ragione è semplice: sono un consumer medio e mi piace che questo sistema operativo estremamente stabile ed efficace mi permetta libertà e sperimentazioni che con win e Mac sono impossibili…ammetto che mi sconcerta un pò vedere così tante distro, però forse è anche il bello di Ubuntu, va talmente bene che ognuno si fa il proprio, come Megalab ad esempio che ha fatto una distro chiamata MLIPenguin OS e che va da dio sul mio minipc collegato alla tv…ben venga la personalizzazione!

    • TopoRuggente

      Ormai farsi una distribuzione non è complicato.
      Non capisco perchè fare tutta la distribuzione quando potresti risolverlo con uno script che a colpi di apt-get ti riconfigura una ubuntu standard.

    • Ignorantemente parlando credo che si scelga ubuntu perché con remastersys non devi impazzire a farti la tua distro personalizzata, a differenza di altre distro dove devi montarti un file system squashfs farci un bootstrap personalizzarlo etc etc…

  • Bennardo Carpanzano

    l’ho provata in Vbox ma non riesce a trovare disponibile i pacchetto della lingua italiana.-

  • Possiamo solo favorire la nascita di certe distro, ma credo che in esse valga la teoria del più forte, ossia solo chi è capace di creare qualcosa di nuovo seguendo le aspettative degli utenti può avere un grande sviluppo e una grande diffusione. Le altre, triste a dirsi, sono destinate a “morire” come è avvenuto qualche tempo fa con Dreamlinux.

  • Alessandro

    Una cosa mi chiedo, tutte queste derivate di Ubuntu hanno cominciato a spuntare fuori da quando la Canonical ha introdotto Unity, o c’erano anche ai tempi di Gnome 2 e io me le ero perse?

    • DigiDavidex

      io conosco solo Mint come derivata iniziale, poi non so, sono entrato in linux l’anno scorso, credo Settembre o dicembre.. non ricordo

      • Fabio Colella

        ce n’erano già prima, unity ha solo fatto diventare più popolari alcune di esse come Linux Mint

  • Manuel Ray Galli

    Boh, io sceglierei Linux Mint XFCE a questo punto, di cui sono sicuro dello sviluppo e del supporto 😉

    • DigiDavidex

      io sono ancora fermo a mint 12 LXDE D: non gira altro sul mio Acer Aspire 3000 con scheda video integrata SiS Mirage 760GX. è un pc portatile di 8 anni fà che potrebbe dare belle soddisfazioni visto l’hardware, ma con una sis come scheda video e intero chipset non può

  • L’ho provata e novità? Cioè non riesco effettivamente a capire quale sia il vantaggio portato da questa distro, un semplice script con gui che ti fa scegliere la scheda video e la scheda wireless e ti installa i driver? Bo troppe derivate creano troppa confusione, secondo a me volte vale la pena riflettere due giorni di più e fermarsi. Se quelle gui le avessero inserite in uno stupido deb file la gente si installava xubuntu e se aveva problemi si installava quel deb fine. Sarà una mia impressione ma la grafica è assai scarna, a questo punto perché non una xubuntu o una mint xfce bo… non capisco perché non venga mai pensata questa cosa…

  • Antonio G. Perrotti

    ehm, ma ci sono lubuntu, xubuntu, anche watt os, cui prodest? 🙂

  • gregorio ferraris

    c’è nera davvero bisogno…. ma ca**ooooo riusciamo a smettere di creare distro e migliorare le basi di quelle che ci sono già???

    • KenilGuerriero

      C’è nera e c’è pure bianca…

  • Ma quante distribuzioni basate su Ubuntu e poi la distribuzione di Canonical viene spesso criticata. XD
    Comunque la libertà dell’Open Source è proprio quello di fare quello che si vuole col software e adattare un sistema alle nostre proprie esigenze e rendere disponibili ad altri il nostro lavoro è anch’essa un ottima cosa.

  • Nick Deckard Lamboglia

    Ma solo a me chiede la password??? :O :O :O

  • La volevo provare, ma anche in live usb, mi chiede username e password, ( che chiaramente nessuno ha creato) . Idee?

  • Simone Picciau

    Ma quindi che avrebbe piu di xubuntu? bah

    • Frenk

      La migliore secondo me è Lubuntu, anche se mi piacerebbe molto installarmi PiumaLinux

  • Urby72

    Password e Username????e questa si definisce una distribuzione facile????Abbandonata IMMEDIATAMENTE è uno scherzo immagino???

  • alla fine si scoprirà che comunque un notebook così fatto ti costa di più di uno nuovo assemblato…

    • Gustavo

      come è sempre stato d’altronde: i barebone sono sempre stati più cari

  • Marco

    Soliti Clevo rimarchiati dal “produttore” di turno…

  • richard77

    C’è anche un 11.6″ con il Celeron 1037U. Se fosse fanless ci farei un pensierino per pensionare il Dell Mini9.

  • Linux!

    Prendete un Asus X200 (un perfetto 11.6 da portare ovunque) si trova anche a 230-250euro comprate qualche banco aggiuntivo di ram una unità SSD (si trova a 100euro se non volete eccedere in spazio). Comprato lo aprite immediatamente lo private del disco fisso ci installate ram e ssd lo richiudete e ci mettete arch con KDE con 399Euro avrete un gioiellino perfetto altro che ipad tablet e compagnie belle

  • Thomas Borroni

    ciao io ho appena installato su un vecchio netbook llinux lite , devo dire che per le prestazioni del pc è ottimo ..io lo uso collegato alla tv cosi è come avere una smart tv ma molto più completa!
    ho solo una necessità , sicome non riesco a leggere molto bene da lontano le scritte troppo piccole, volevo sapere se qualcuni mi sa dire dove posso trovare un programmino che mi permetta di far diventare il puntatore una lente di ingrandimento , magari premondo la rotellina! qualcuno ha idea ??
    grazie mile

No more articles