Il fondatore di Canonical ha indicato che in autunno in concomitanza con il rilascio dei primi smartphone approderanno nel mercato anche nuovi tablet con Ubuntu preinstallato.

Tablet con Ubuntu preinstallato
Ubuntu si prepara ad approdare nei device mobili, lo farà in autunno con i nuovi smartphone Meizu MX3 e Bq Aquaris e molto probabilmente anche con alcuni nuovi modelli di tablet. A segnalarlo è il Mark Shuttleworth che ha indicato che molto probabilmente i primi tablet con Ubuntu Touch approderanno nel terzo quadrimestre del 2014 in concomitanza con l’avvio della commercializzazione dei nuovi smartphone di MX3 e Bq Aquaris. Nuovi tablet con Ubuntu potrebbero fornire all’utente una valida alternativa ad Android soprattutto per i professionisti che cercano affidabilità e soprattutto una maggiore sicurezza durante la navigazione internet.

Da notare inoltre che Ubuntu nei tablet pc molto probabilmente ci consentirà anche di utilizzare ne normali applicazioni che utilizziamo attualmente con LibreOffice, Gimp, browser come Firefox ecc con la possibilità di avere a disposizione anche molte applicazioni mobili sviluppate per una migliore esperienza utente con schermi touch (funzionalità presente anche ad esempio in Microsoft Windows 8).

Attualmente non si conoscono le aziende che hanno deciso di puntare su Ubuntu per i futuri modelli di tablet, un’ipotesi potrebbe essere Lenovo ed HP aziende con le quali c’è un’ottima collaborazione con Canonical ormai da anni per al commercializzazione di personal computer con Ubuntu preinstallato.
Tra la sicure troviamo System76, azienda che già commercializza pc con Ubuntu preinstallato, che ai colleghi di OmgUbuntu ha confermato di essere già al lavoro sul futuro tablet pc con il nuovo Ubuntu Touch preinstallato..

Per il 2015 inoltre dovrebbero approdare anche i primi televisori con Ubuntu TV preinstallato, (anche se non confermato) Ubuntu potrebbe approdare presto anche un alcuni nuove device indossabili, vi terremo comunque aggiornati sulle novità che arriveranno da Canonical.

No more articles