Bitcoin e il fallimento della moneta elettronica open source

53
164
Mt.Gox ha annunciato di aver “perso” circa 500 milioni di dollari in Bitcoin la moneta elettronica basata sulla tecnologia peer-to-peer.

Bitcoin
Di recente abbiamo presentato alcuni software open source dedicati alla gestione dei portafogli di Bitcoin, una moneta elettronica open source la cui caratteristica principale è quella di basarsi su tecnologia peer-to-peer ed essere completamente decentralizzata, non necessitano quindi di server centrale. Proprio in questi giorni molti telegiornali, blog, ecc stanno parlando della bancarotta di Mt.Gox il famoso portale che gestiva più dell’80% delle transazioni mondiali per e da Bitcoin, indicando la fine della moneta virtuale open source.

Stando al Wall Street Journal, Mt.Gox ha perso / smarrito circa 850 mila Bitcoin (che equivalgono a circa 500 milioni di dollari / 360 milioni di Euro) delle quali circa 750 mila appartengono a normali clienti mentre 100 mila appartengono a beni aziendali.

Con la bancarotta di Mt.Gox non finisce l’era di Bitcoin la moneta virtuale open source da molti considerata come il futuro visto che non era gestita da banche. Difatti sono presenti ancora diversi e sicuri exchange che consentiranno di mantenere in vita Bitcoin, il problema sarà quanti utenti e soprattutto aziende decideranno di puntare ancora su Bitcoin visto quello che è successo con Mt.Gox.

Home Bitcoin