I driver open source AMD sono sempre più performanti, lo dimostra un video nel quale “gira” Portal 2 a 32 fps a 1080p.

AMD
Dopo anni di problemi e scarso impegno nel supporto per Linux, AMD ha finalmente preso in seria considerazione il sistema operativo libero lavorando su molte nuove ottimizzazioni ed aiutando anche lo sviluppo dei driver open source (FOSS). I nuovi driver open source per AMD uniti dalle ottimizzazioni del Kernel e Mesa 10.x cominciano ad offrire ottime performance grazie anche al supporto per l’accelerazione grafica e migliorie varie.

Un gruppo di sviluppatori dei nuovi driver open source AMD hanno voluto testarli in alcuni dei più diffusi game per Linux con risultati davvero molto soddisfacenti (logicamente non siamo ancora ai livelli dei driver proprietari ma la differenza non è poi cosi abissale). Il team ha testato i nuovi driver open source in un personal computer con processore AMD Phenom II X6 T55 da 2.8GHz e una scheda grafica AMD Radeon 7950 con 16 GB di memoria RAM su Arch Linux con il nuovo Kernel 3.13.5-1-ARCH, Mesa 10.0.3 e Gallium 3D Version 0.4 (non viene indicato l’ambiente desktop) e con installati i “normali” driver open source del pacchetto xf86-video-ati.

I nuovi driver open source di AMD sono riusciti ad ottenere una media di 32 fps a 1080p in Portal 2 e 25 fps a 1080p con Team Fortress 2. Inoltre sono stati testi anche i game Xonotic che ha raggiunto i 52 fps, Unigene Tropics 31.5 fps e Portal 27 fps sempre con risoluzione FullHD / 1080p. Tutti i risultati e dettagli li potete consultare da questa pagina.

Ecco Portal 2 come “gira” con i drive open source di AMD:

In questo video invece vedremo Team Fortress 2 con i drive open source di AMD:

Niente male direi, se lo sviluppo continua in questa maniera penso che tra meno di un’anno se non siamo giocatori potremo utilizzare normalmente i driver AMD open source per il normale utilizzo come navigare in internet, operare con LibreOffice ecc. Complimenti ai tanti sviluppatori che stanno lavorando in questo importante progetto.

Ringrazio il nostro lettore Stefy P. per la segnalazione.

No more articles