Nuovo aggiornamento per ReactOS famoso sistema operativo che punta a fornire una versione open di Microsoft Windows.

ReactOS
ReactOS è un progetto che punta ad offrire agli utenti una versione open di Microsoft Windows stabile e funzionale in grado di offrire la stessa esperienza utente oltre a supporta le più diffuse applicazioni native e driver open source e proprietari. Lo sviluppo del progetto ha riscontrato non pochi problemi in questi anni riguardanti soprattutto la stabilità, grazie anche all’ottimo lavoro di WineHQ, gli ultimi aggiornamenti di ReactOS hanno introdotto diverse migliorie rendendo il sistema operativo sempre più stabile e completo.
Dopo mesi di duro lavoro è finalmente disponibile la nuova versione 0.3.16 importante aggiornamento che porta con se una notevole quantità di progressi grazie anche al completo della riscrittura di CSRSS e l’avvio della riscrittura di shell32 componenti fondamentali per il futuro di ReactOS.

ReactOS 0.3.16 include notevoli migliorie riguardante il supporto per temi di terze parti, la nuova versione inoltre include i driver per la scheda di rete RTL8139 importante novità che consente il supporto per le versioni più recenti di QEMU con tanto di file immagine dedicate già disponibili.

Dai developer ReactOS arriva la raccolta fondi su Kickstarter del progetto Thorium Core Cloud Desktop che consentirà non solo di migliorare lo sviluppo di ReactOS ma portare il sistema operativo anche in device mobili come smartphone e tablet consentendo agli utenti di installare e applicazioni native per Microsoft Windows al loro interno.

Per maggiori informazioni su ReactOS 0.3.16 in questa pagina troverete le note di rilascio.

Home ReactOS

  • cjf

    era meglio che andavano a zappare la terra, duro lavoro ma molto più sensato di quello

    • Jack O’Malley

      Il progetto React-OS e’ nato nel ’98, allora Gnu/Linux e ancor piu’ Wine non erano ancora valide alternative per “tutti” e gli sviluppatori di R-OS hanno tentato la riscrittura di Windows a sorgente libero, poi le cose sono andate decisamente meglio a quelli del pinguino, ma nel ’98 non era cosi’ scontato.

      • Kraig

        infat’ uora basta riminari a pastina che ormai sa sucatu tuttu u broru, simmu nel 2014.

        • Jack O’Malley

          Concordo sul fatto che ormai abbia poco senso un lavoro di tale mole, ma si potrebbe anche cercare di parlare/scrivere in Italiano per farsi capire dal maggior numero possibile di persone, in quanto scrivere in pubblico per farsi capire da uno soltanto o pochi che siano e’ alquanto maleducato!
          Tie’, ciapala li’. 🙂

          • C+

            Forse non hai capito che non era una critica riferita nei tuoi confronti… Ti va di polemizzare su quello che dicono gli altri?
            Quà a tutti piace Linux e ReactOS, come Linux si esprime in diversi linguaggi di programmazione (ovviamente in molti non conoscono tutti i linguaggi) altrettanto possiamo fare noi fun di questo blog, poi che altri capiscano o meno non fa nulla…. contano i risultati. Il tipo la sotto diceva:
            “Infatti, ma ora basta parlare del passato perchè era ieri, ora siamo nel domani, diamoci una mossa” Riferito al Team ReactOS e non ate.

          • Jack O’Malley

            1) Avevo capito perfettamente visto che gli ho risposto.
            2) Se avessi pensato ad una polemica nei miei confronti gli avrei risposto diversamente o non lo avrei fatto per niente.
            3) Se leggi l’ultima riga della mia risposta a Kraig potresti anche notare una vena ironica che porrebbe la totalita’ della risposta in tono scherzoso.
            4) Mi pare che di far polemica ne abbia piu’ voglia tu di me.
            5) Omissis.

          • C+

            1) Il milanese è diverso dal siciliano, non credo che avevi capito bene;
            2) Ti sei confuso, hai scambiato ” cjf” con “Kraig”;
            3) Gli hai dato comunque del maleducato (Kraig);
            4) Non voglio fare polemica, volevo solo difendere “Kraig” che mi sembrava attaccato ingiustamente;
            5)…[].

            Dai lasciamo perdere.. Cmq ho appena provato la build odierna, hanno fatto veramente molti progressi!! Sembra più compatibile con nuove Api e meno instabile.

          • Jack O’Malley

            La 2) non mi torna, parlavo di Kraig.
            Tutte le altre le vedo sempre a modo mio eccetto le due dopo la 5).
            Ok dai, siam bimbi grandi ormai.

        • C+

          hahahahah mi piaciu!!!! :’)

  • Angelo Giovanni Giudice

    ReactOS aspetta che vengano pubblicati i sorgenti di windows XP che Micxrosoft aveva promesso di condividere tempo fa…. E ha sempre rimandato perchè sa che ReactOS ne prenderà i sorgenti e creerà una versione di Windows con la versatilità di Linux perderebbe alla grande e nessuno comprerebbe più Windows OS. ReactOS per quanto tempo ancora aspetterà? Sa che da solo non andrà da nessuna parte…. e la cosa mi dispiace tanto.

    • abral

      Dubito fortemente che Microsoft abbia promesso di condividere il codice sorgente di Windows XP. Fonti?

      • Angelo Giovanni Giudice

        Se devo essere sincero questo l’ho letto tanti anni fa (infatti hanno sempre rimandato la pubblicazione dei sorgenti). Avevo letto in questo articolo che se ne parlava tipo alla fine nel 2020 (o una cosa così) per rilasciare i sorgenti di Win XP. Hai ragione a chiedere le fonti, infatti non le trovo manco io, mi ricordo solo che molto tempo fa lessi 2 articoli al riguardo e mi sembra che vi era menzionato pure Bill Gates… Per carità non prendete alla lettere il mio pensiero, dato che non riesco a trovale le fonti che lessi tempo fa. Cmq mi farebbe piacere vedere i sorgenti di XP rielaborati e resi versatili a mò di Linux da ReactOS.

        • Jack O’Malley

          E’ una bufala, M$ non rilascera’ mai i sorgenti di software che potrebbero aiutare nel reverse engineering di altro suo software.

          • Angelo Giovanni Giudice

            Al 90% è sicuramente cosi. Anche se un po di codice l’ha regalato al kernel linux… “Big Boobs” 😀
            Speriamo che ReacOS continui la sua strada 😉

          • Franco Fait

            non rilascieranno mai neppure quelli del msdos , figurati se rilasciano quelli di windows

          • Jack O’Malley

            Si, ha contribuito al codice Linux, ma non ha mai rilasciato il codice di Windows. È questo che si diceva.

          • Angelo Giovanni Giudice

            Si, lo so… La mia, infatti, era una battuta. Vedendo meglio in molti nei vari anni hanno dato info false in vari post su internet

  • Lo trovo un progetto interessante, spero che diventi presto il nuovo open-windows, ma occorrerà un bel pò di tempo !

    • Kraig

      è un progetto zombie anche se ci investono ancora tempo (perso). sono passati più di 10 anni e ancora non è adatto per uso comune senza alcun minimo problema.

      • aspettare a dire che è un progetto zombie, comunque sia lo sviluppo è sicuramente un pò travagliato un pò come tutti i sistemi operativi alternativi che non siano basati su linux o bsd !

  • Rand Al Mucck

    Mah… con tutto il rispetto per il lavoro di ReactOS, se collaboravano con Wine era molto meglio. Tutto quello che vedo finora è un traballante tentativo di rifare windows XP e di presentarlo quando il mondo sarà passato oltre da un pezzo.
    Un po’ come inventare l’aereo partendo dagli esperimenti dei fratelli Wright mentre tutti volano comodi su jet di linea.

  • cristian76

    distro russa, quando fu presenta a Putin, questi promise di finanziarla. Ma evidentemente in pratica non si fece nulla.

    • abral

      Non è una distro, è proprio un sistema operativo a parte.

      • cristian76

        Si vero, ho scritto erroneamente distro.

  • Dave Nardella

    E’ un progetto in piedi ormai da molto tempo e i risultati sono alquanto deludenti.
    Gli stessi autori lo dichiarano in alpha stage con un “pesante” lavoro ancora da portare avanti.
    Quando è partito, lo ricordo, Windows era il SO di riferimento e la prospettiva di un concorrente open source era molto intrigante.
    Oggi è molto diverso, è come se fossero andati avanti a testa bassa senza guardarsi intorno, peccato perché comunque è un lavoraccio che non userà mai nessuno in ambiente di produzione.
    Massimo rispetto comunque.

No more articles