I tecnici Rai hanno terminato la migrazione del famoso portale Rai.TV in Adobe Flash Player, da oggi tutti i canali sono accessibili anche da Linux.

Rai TV in Flash Player
Rai.tv è un portale che ci consente di guardare in diretta streaming tutti i canali trasmessi dalla tv pubblica italiana. Per la riproduzione dei contenuti la Rai ha scelto Microsoft Silverlight tecnologia proprietaria supportata però solo Windows e Mac e non disponibile quindi per Linux o in device mobili.
Dopo tante contestazioni e una petizione, il portale Rai.TV è accessibile anche da Linux grazie alla recente migrazione del portale da Microsoft Silverlight ad Adobe Flash Player. Flash Player è disponibile anche per Linux installando direttamente il plugin dai repository delle principali distribuzioni Linux oppure collegandoci alla pagina dedicata del portale Adobe, a meno che non abbiamo Google Chrome browser che include già il plugin per la riproduzione di contenuti in Flash.

Tutti i canali del portale Rai.TV sono attualmente in Flash, non dovremo più utilizzare tool dedicati, Pipelight o altri progetti per la riproduzione dei canali da Linux.
Migliora anche il supporto per riproduzione delle web radio accessibile finalmente senza problemi anche da browser Linux (fino a poco tempo fa il servizio andava molto male) con tanto di finestra dedicata che ci consente di avere anche informazioni dettagliate della trasmissione incorso.

Rai TV - Web Radio

Da oggi anche gli utenti Linux potranno guardare in streaming i canali offerti dal portale Rai.TV, c’è da chiedersi se sia una vittoria per noi poveri utenti del sistema libero o una sconfitta dato che il servizio è passato da una tecnologia proprietaria di Microsoft ad un’altra proprietaria però di Adobe.
Ricordo inoltre che con il nuovo Totem (ora Gnome Video) troveremo il supporto per Rai.Tv per vedere i contenuti on demand direttamente dal nostro desktop.

Ringrazio i nostri lettori amerigo e Gustavo per la segnalazione.

Home Rai.TV

  • Usbetti

    Ma che vittoria? Lo volete capire che Flash è una tecnologia proprietaria? Non cambia nulla da Shockwave a Flash!

    • Dime

      Oltre al fatto che viste le tecnologie odierne (html5 tanto per dirne una a caso), flash è solo un modo per appesantire inutilmente le pagine.

  • duetto

    Siamo passati da un proprietario ad un altro proprietario, per di più ormai tecnologicamente morto.
    Se questa è una vittoria…

  • Simone

    Ora che Adobe elimina il supporto a Linux per Flash, la RAI passa a Flash?
    E’ sicuramente un passo in avanti rispetto a Silverlght (almeno è utilizzabile), ma questo è uno spreco di soldi pubblici (prima o poi dovranno fare un’altra transizione verso HTML5) ed è sicuramente una mezza sconfitta per la comunità Open.

    • Fabio

      Puoi usare Pepperflash su Chromium 🙂

      • mrholiday

        esiste anche gnash, anche se l’ultima volta che l’ho usato qualche problemino c’era!

        • Simone Picciau

          Diciamo pure che gnash non serve a un tubo, ha tanta strada da fare

          • Fabio

            Arrivati a questo punto, e augurando a tutti noi una rapida ascesa di HTML5, non so neppure se vale la pena continuarne lo sviluppo.

      • Kepol

        Ma io voglio Firefox. Proporre un altro browser non mi sembra una soluzione.

        • Fabio

          Mah, io di solito uso quello che mi serve, in questo caso non so che dirti se non goditi l’11.2 attuale e spera in Shumway.
          Ciao

          • Brau

            Ma dello script di Lazza ve ne siete dimenticati? o_O

          • abral

            Una azienda pubblica dovrebbe offire contenuti in maniera che tutti possano usufruirne.
            E’ lo stesso problema dei siti della pubblica amministrazione che pubblicano documenti Word.

          • Fabio

            Hai assolutamente ragione. Ma se mi serve di leggere quel documento che faccio? Faccio ricorso al Tar e magari perdo l’occasione di partecipare a un bando o mi scarico il lettore di doc che va anche con Wine?
            Ciao 🙂

          • abral

            Ovviamente cerchi un modo alternativo per leggere il documento (LibreOffice li apre :D), però in ogni caso la PA sta sbagliando a fornire i documenti in quel modo. Ci vorrebbero leggi che vietano il ricorso a soluzioni proprietarie quando un’alternativa open/standard è disponibile.

          • Fabio

            La legge fortunatamente c’è, ma:
            1) riguarda solo le P.A., le quali ora se vogliono usare software proprietario devono motivarlo; bisognerà poi vedere come verrà applicata, si sa, siamo il paese che la Ruby era la nipote di Mubarak…
            2) la RAI è una S.p.A., quindi non è soggetta a sottostare a questa legge. E siccome siamo il paese dei furbetti… hanno preferito una tecnologia proprietaria (con dietro un’azienda pagant… ehm, da pagare) all’HTML5 😉

    • ma infatti nel 2014 che senso ha spendere soldi per passare da silverlight a flash?

      se devi investire soldi per innovare, tanto vale spenderli per bene adeguandosi agli standard futuri, cioè HTML5.

      certo flash è meglio di silverlight, ma non di molto, diciamo che flash è il minimo della decenza.

  • Davide

    Rai Replay però è ancora in Silverlight…

    • KilgoreT

      anche rainews

    • Davide

      Rettifico…da oggi anche Rai Replay in flash…

  • eticre

    ma che roba è sta raitv?

  • Fighi Blue

    dovevano passare per forza…come facevano a tassare i pc con linux se non possono visualizzare il sito della rai?

    • abral

      Il canone si applica se possiedi un qualsiasi apparecchio che possa riprodurre contenuti audiovisivi.

      • Fighi Blue

        quindi basta qualcosa con uno schermo attaccato per pagare il canone? Allora è proprio una rapina

        • Marco

          No è gia stato precisato che attualmente pc e tablet non pagano il canone a meno che non abbiano un ricevitore tv

  • Brau

    La vera vittoria, e non solo per Linux, sarà quando faranno una programmazione che varrà la pena di guardare, piuttosto che pretendere i soldi del canone per pagare i soliti Giletti, Magalli, Venier, Santoro, Vespa & Co., e soltanto fino a quel momento, indipendentemente dalla piattaforma, per me, la RAI sarà solamente spazzatura…

    • Giuseppe

      La solita retorica del disprezzo.
      Sono d’accordo sul giudizio negativo dei notabili da te citati, solo incidentalmete ti faccio notare che Santoro non lavora più alla Rai e che le sue trasmissioni, pur piene di difettti, non sono poi così brutte. Ce ne sono tanti altri di pessimi impiegati della TV pubblica, ne cito solo due per tutti: Fazio con la sua stucchevole deferenza e la sua conduzione sempre e comunque celebrativa anche di fronte a ospiti modesti e Giovanni Floris il campione di un format che altro non è che una messa in scena di gossip politico nel quale si parla di tutto e (quindi di) niente con superficialità.
      Ma la Rai è anche altro: ottimi canali come Rai 4, Rai 5, RaiNews, RaiStoria e RaiScuola. Anche nei canali tradizionali trasmettono cose notevoli: Fuori Orario di Rai Tre è una vera miniera d’oro per gli amanti del cinema, peccato solo per gli orari impossibili. La Rai poi non è solo TV, ma anche Radio. Un gioiello come Radio Tre vale da sola il canone pagato. Su RaiGrParlamento sto seguendo, proprio adesso, le dichiarazioni di voto al Senato sulla fiducia al Governo, e non è forse servizio pubblico questo?

      • Brau

        Per niente, quando le ottime trasmissioni da te citate (ovviamente non
        intendo Fazio e Floris, e tra quelle da salvare aggiungerei anche
        Passepartout, e Report, nonostante i loro servizi mi facciano sentire
        impotente di fronte a certe ingiustizie) sono nettamente in minoranza rispetto alle trasmissioni
        generaliste, dove vedi un decadimento della cultura aberrante… Senza dubbio che la RAI è anche altro, ma non vedo perché la qualità dovrebbe essere lasciata solo alle “figlie minori” (vedi ad esempio RaiNews24 che è un TG serio,
        e TG1/2 e, anche se poco, anche 3, dei contenitori di informazione sempre più di parte e
        intrattenimento, il maledetto “infotainment”, stile Studio Aperto)… Quando non vedi nessuna volontà di rendere un “servizio pubblico”, non dico qualcosa di cui andarne fieri per generazioni e generazioni, ma qualcosa che, guardandolo, non mi faccia sentire come se fossi stato preso in giro, allora dimmi te qual è il significato di “servizio pubblico”, perché credo di averlo dimenticato…

        • MoMy

          Più che altro bisogna imparare a scegliere cosa guardare e in che rete guardarlo (o seguirlo), perché anche le reti private non brillano per accellenza in tutto il palinsesto. Cioè, saper filtrare in tutto il panorama. :p

          • Brau

            Lo so benissimo, mica ho detto che le altre reti sono messe meglio, ma il fatto è che il panorama televisivo tutto, a partire dalla fine dei ’90 / inizio 2000, ha iniziato a desolarsi, e guardare qualcosa che non ti faccia sentire decerebrato e/o ti lasci dentro qualcosa che non sia rabbia/sonnolenza è diventato sempre più difficile, non so se per colpa di Internet o di chi amministra le varie reti…

          • XfceEvangelist

            Se vuoi terminare la giornata nell’immondizia televisiva, vai a vedere Sanremo del 1995 su YT.
            La farsa dell’operaio che vuole suicidarsi all’Ariston… I film con Lino Banfi ed Alvaro Vitali sono qualitativamente superiori.

        • Giuseppe

          Nel primo post scrivevi che la Rai è “solo” spazzatura. Hai dovuto
          riconoscere che non è così:t u stesso hai citato i casi di Report e Passepartout, e se scorressimo i palinsesti dei canali Rai troveremmo
          tanti altri programmi sulla cui qualità non potremmo che convenire. Altri due esemp presi sempre da Rai Tre: Per un pugno di libri e Presa Diretta.

          Quello che non condivido, e non mi riferiscco a te in particolare, è il seguente luogo comune: “La Rai ti obbliga a pagare il canono e poi non fa servizio pubblico”.

          La Rai non fa “solo” servizio pubblico ma “anche” servizio pubblico ed giusto che sia così: gli introititi della pubblicità permettono, affiancati a quelli del canone, di mandare in onda programmi che altrimenti non potrebbero stare sul mercato.La varietà dell’offerta, infine, consente di evitare, che le trasmissioni si trasformino in un deserto di ascolti, come avviene in Tv pubbliche di altre nazioni, che non fanno raccolta pubblicitaria.

          In Tv, come nella vita, ci vuole serietà ma anche divertimento e leggerezza. Il problema si risolve affiancando a programmi più impegnativi altri di
          intrattenimento non volgari ma che per questo non paghino lo scotto dei bassi ascolti: cosa difficilissima visto il livello medio del pubblico italiano.

          • Brau

            Che ti posso dire, frugando in un bidone puoi trovare dell’oro, ma stai
            sempre frugando in un bidone 😉 Io non pretendo che la TV diventi 24/7
            TG o documentari, ci mancherebbe altro, ma mi spieghi come mai fino a
            15/20 anni fa la RAI sapeva ancora fare dei programmi guardabili
            (parlando di divertimento e leggerezza, non possiamo che citare “giochi
            senza frontiere”, o il contenitore “LunedìFilm”, o programmi musicali come Taratata, i primi che mi vengono
            in mente), mentre adesso sembra la fiera dell’inutile? Non mi dire che è colpa dei gusti degli italiani, perché, chi ha deciso dei gusti di
            questo paese è stata sempre la televisione, e gli italiani non hanno fatto altro che adeguarsi…

          • manolo

            da quando frequento youporn e simili non ho più bisogno di guardare la tv…

          • Giuseppe

            Ti hanno tolto LunedìFilm ma in compenso ti hanno dato un canale interamente dedicato al cinema. Su Rai Uno non si trasmettono più film in prima serata perché per quella fascia oraria si è scelto di farla diventare la rete degli sceneggiati televisivi per i quali la Rai ha una grande tradizione. Parlando di Fiction metre su Mediaset si mandano in onda cose come il Segreto e il XIII apostolo sulla Rai è andato in onda un prodotto come Braccialetti Rossi che ha saputo trattare con intelligenza un tema difficilissimo facendo anche ottimi ascolti, il format è stato anche venduto all’estero e raccolto, per quello che conta, consesi unanimi dalla critica ed è un grande esempio di servizio pubblico. La Rai ha prodotto in questi anni una serie come Montalbano apprezzatissima anche da Andrea Camilleri che è considerato uno dei più grandi scrittori italiani viventi. Altro che bidone. Ma mi sembra che tu voglia per forza tenere il punto: potrei farti decine di altri esempi senza comunque riuscire a convincerti. Per quanto riguarda il varietà i programmi musicali non mi viene in mente niente di buono credo che ormai siano generi morti ammazzati dal reality puro e le sue declinazioni.

          • alex

            Perchè purtroppo il pubblico è cambiato, e quello di oggi vuole spazzatura. O meglio, per noi è spazzatura, ma per loro sono cultura e divertimento.

    • XfceEvangelist

      Tu sei un grande!!! Troppo d’accordo ma il problema, ancora una volta, è il pubblico che guarda e desidera l’immondizia.
      La TV va distrutta, è il primo mezzo per manipolare la mente della massa e ci riescono perfettamente.

    • Brado

      Bé, Santoro non direi, è da un pochetto che è fuori, non so se l’editto bulgaro ti dice qualche cosa.

      • Brau

        L’editto bulgaro avrebbe dovuto valere solo per la RAI, ma si è esteso anche agli altri canali televisivi, e delle vittime dell’editto (Santoro, Luttazzi, Biagi), l’unico che l’ha spuntata è Santoro, chissà perché…
        P.S.: lo so che Biagi è morto poco dopo, ma non gli son state date molte occasioni per farsi rivalere…

  • Giovanni C.

    Beh, almeno funziona. A questo punto rimane solo Sky Go a far girare le scatole.

  • Fabio

    Evvivaaaaaaa!!! Finalmente posso guardarmi “Bear nella grande casa blu” anche da pc!!!! 😀

    • Dario · 753 a.C. .

      addio addio, amici addio, noi ci dobbiamo lasciareee.. ma se io dico che è ok.. io non vedo l’ora di tornare, voglio ritornareeee.

      ancora me la ricordo.. l’ultima volta l’ho guardato una quindicinna d’anni fa, da bambino

  • lucapas

    Proprio ora che ho scoperto la comodità di Rai-Mobile? Beh, finché funziona (e anche egregiamente direi), continuerò ad usare questo fantastico script.

  • .theShort

    Urka che vittoria… guarda Roberto, stappiamo una bottiglia…

  • Simone Picciau

    Ma quale vittoria, flash è comunque un software proprietario

  • sabayonino

    Attendo (si fa per dire perchè non guardo…) con fiducia la pop-up del browser che ti illumina la giornata con il messaggio “La tua versione di Flash è vecchia , aggiorna all’ultima versione di Flash-Player per usufruire dei contenuti offerti” 😀 😀

  • marcoasor

    Sono appena andato sul sito Rai.tv e mi esce la scritta che per visualizzare i video occorre silverlight!!!

  • JJ

    eh..adesso eh? peccato mi sono perso sanremo!

  • Beh, meglio Flash che Silverlight.

  • Giovanni Curto

    Chi paga le tasse (chi?) finalmente potrà usufruire del servizio anche su Linux.

  • ge+

    sarebbe stata una vittoria se ci fosse stata la migrazione ad html5.
    adesso siamo a posto fino al 2017, ma poi quando flash per linuxnon sarà più supportato da adobe saranno ca**i.

    almeno ora non abbiamo più bisogno di tools e plugin vari, diciamo che la situazione è migliorata

    • augusto

      ti informo che flash per linux da un pezzo è stato abbandonato da adobe

      • ge+

        intendo gli update di sicurezza (la 11.2 di flash è LTS), che non verranno più fatti a partire dal 2017

        • augusto

          per me possono abbandonarla anche domani della 11.2 ne faccio volentieri a meno uso il flash integrato in chrome

          • ge+

            si per gli utenti chrome/chromium non ci sono problemi, ma per gli altri l’unica speranza è shumway di firefox, il che non è il massimo visto che è ancora limitato come supporto siti e che secondo me non farà grossi progressi in futuro

  • arpagone

    il 28 febbraio è l’ultimo giorno per pagare il canone siate ritardatari non evasori !

  • massimiliano

    proprio ora che con pipelight andava tutto alla perfezione con flash va peggio, almeno a me, per di più addio html5 per un bel pezzo.. trogloditi della rai

  • tfrab

    mi fanno giusto notare che, a guardare il sorgente, il comportamento della pagina cambia in base allo user agent del visitatore. qualcuno a provato ad accedere con altri OS, tipo windows?

    • uburic

      Io ho provato adesso con Windows e richiede Silverlight!

  • ospite

    Era ora!

  • darkham

    Beh, sta funzionando anche mediaset, con firefox, e flash, su firefox 27.0.1 su linux. Passata la Rai , Mediaset non sta ad aspettare critiche…

  • midium

    Mi spiace ma per me tornare ad usare Flash vale a dire tornare indietro. Oramai con le tecnologie HTML5 e comunque il ben migliore Silverlight, il Flash a mio parere dovrebbe sparire. E’ pesante, lento, spesso blocca i browsers, non mi meraviglio, anzi approvo che nei cellulari sia stato bandito.
    Come sempre comunque il mondo va avanti mentre l’Italia regredisce.

  • Simone

    Il passaggio a flash è un grosso passo avanti per rende la TV pubblica multipiattaforma. Perché non HTML5? A me sembra normalissimo che non siano passati a HTML5, attualmente, per come ho capito io, non c’è nessuna speranza di vedere contenuti protetti da diritti digitali accessibili tramite player scritti in HTML5. Questo non vale solo per la rai, ma per tutto quello che è IPTV o flussi multimediali protetti da diritti. DRM o Encrypted Media Extensions, che permetterebbe l’uso di html5 per contenuti protetti da diritti, è ancora considerato come HTML5.next ed è work in progress. C’è una discussione interna molto animata se far diventare il supporto DRM uno standard e alcuni browser (cito firefox) hanno già fatto sapere che non lo implementeranno perché non sarebbe roba libera. Non so se avete notato che con il nuovo youtube ora il supporto video html5 è quasi completo. Dico quasi perché guarda caso i video che per forza di cose hanno delle protezioni per i diritti (tipo la musica ufficiale) sono disponibili solo in flash.

  • zio bill

    con gli ultimi aggiornamenti possiamo affermare che silverlight è morto

  • Cng21

    Scusate ma con Moonlight non funzionava? Che discussioni!
    ————————-
    Flash ha fatto il suo ottimo dovere quando l’interattività dei browser un tempo era cosa astratta. Silverlight invece è nato per essere più adatto agli ambienti business aziendali interattivi che necessitano di canali con maggiore sicurezza, esteso poi anche alla multimedialità degli utenti finali. Punto non sono morti né il primo, né il secondo… semplicemente sono nati per scopi differenti. E poi perché lamentarsi di Silverlight quando i sorgenti sono a disposizione di chiunque ci programmi e lo sappia usare? Flash è molto più chiuso invece.

  • Cng21

    Elenco di seguito le estensioni:
    firefox-moonlight poi c’è anche
    firefox-raismth (Firefox plugin for watching Rai.tv live channels, vod and replay contents w/o *light (Silverlight/Moonlight))
    chrome idem ha i suoi plug-in: geutheme-midnight-moonlight, google-chrome-extension-moonlight
    Ecc…

  • mikronimo

    A tutt’ora rai on demand (n cui guardavo TG Leonardo) chiede Silverlight…

    • Perché non usi semplicemente il mio script? 🙂

      • mikronimo

        Già… perché no? Perché non mi ero reso conto del tuo post e relativo link! Installato tutto e perfettamente funzionante! Grazie mille. 😀

        • Prego, figurati. 🙂 Se ti interessa, trovi linkato lì anche lo script “companion” per Mediaset. Inoltre, se conosci altri utenti Linux che vorrebbero guardarsi i video, fai pubblicità. 😀

          Sono contento che Lffl parli di Rai TV, mi permette di diffondere lo script e permettere a più utenti Linux (cioè i “first class citizens”, come si dice in gergo) di guardare e scaricare i programmi in santa pace.

  • oldstylesteeler

    Ho provato da FireFox un replay di chi l’ha visto e funziona (Ubuntu Studio 13.10)

  • robytrevi

    Il concerto del primo maggio: http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-5a9a26c8-6814-4f6a-8ee2-09adf3341cbb.html richiede ancora silver light… Ma non erano passati a flash??

No more articles