Per incentivare l’uso di Windows 8, Microsoft sta pensando di scontare le licenze OEM del 70% nei dispositivi economici, inizia la guerra a Chrome OS?.

windows 8
Il nuovo sistema operativo Chrome OS di Google sta riscontrando un notevole successo soprattutto nell’ambito mercato statunitense. Visto il successo i principali produttori di personal computer hanno deciso di puntare su Google Chrome OS preinstallato sia in pc portatili e desktop normalmente di fascia bassa. Per cercare di contrastare il successo di Google Chrome OS e Android, Microsoft sta pensando di scontare del 70% le licenze di Windows 8.1 nei dispositivi economici il cui costo dovrebbe cosi abbassarsi rendendolo cosi più abbordabile.

A quanto pare la nuova strategia di Microsoft è quella di ridurre i costi delle licenze in maniera tale da incentivare l’uso di Windows sia nei pc desktop che mobili (proprio Windows Phone potrebbe non avere alcun costo di licenza in maniera tale da poter competere con Android).
Attualmente la licenza OEM di Windows 8.1 costa circa 50 dollari, se installata su un tablet da 200 dollari possiamo dire che solo la licenza costa circa 1/4 del dispositivo.
Stando al portale bloomberg, la licenza OEM di Windows 8.1 potrebbe presto costare circa 15 dollari nei dispositivi economici con prezzo inferiore ai 250 dollari, mentre rimarrà invariata per i device con prezzo superiore.
Forse Microsoft dovrebbe anche iniziare a lavorare anche sulla qualità del sistema operativo, per far avvicinare Windows 8.1 agli utenti non serve regalarlo ma soprattutto migliorarlo.
No more articles