Nell’ormai consueta rubrica “oggi parliamo di…” chiediamo ai lettori di lffl un loro parere su quanto un’ispirazione nei riguardi di Windows e Mac possa essere a un vantaggio o svantaggio per Linux.

Ispirarsi a Windows e Mac, un bene o un male per Linux?
Recentemente abbiamo presentato diverse distribuzioni come Pear Os, Zorin OS e temi come Mac OS X V5, Gnome Cupertino,  Windows7 Pack ecc dedicati a Microsoft Windows e Mac OS X.
A quanto pare a molti utenti piace riportare il look e l’esperienza utente di Microsoft Windows e Mac OS X nelle proprie distribuzioni, la stessa cosa accade anche per gli sviluppatori come ad esempio il desktop environment Pantheon di elementaty OS sviluppato per offrire un’esperienza utente molto simile a quella del sistema operativo proprietario di Apple. Non è da meno Android, il tema tra i più scaricati nel sistema operativo mobile di Google è niente meno che quello dedicato ad Apple iOS 7.

In questi anni abbiamo segnato anche diverse critiche nei riguardi ad esempio di Canonical per aver cercato di portare in Ubuntu alcune funzionalità / caratteristiche di Apple Mac come ad esempio i pulsanti nelle finestre a sinistra, il Launcher e l’AppMenu o GlobalMenu, stessa cosa anche per KDE sistema operativo da molti criticato per esser molto simile a Windows solo per avere di default un pannello trasparente posizionato nella parte inferiore dello schermo che ricorda lontanamente Windows Xp, Vista e 7.

distribuzioni linux camuffate in windows e mac
distribuzioni linux camuffate in windows e mac

Quello che chiediamo oggi ai lettori di lffl è il loro parere riguardo all’ispirazione nei riguardi di altri sistemi operativi, ossia secondo voi è un bene o un male cercare di portare in Linux un look di Mac o Windows ed integrarlo ad esempio in distribuzioni come Pear OS (o Clementine OS),  Zorin OS ecc? Non sarebbe meglio dare a Linux una propria personalità? Perchè i temi e set d’icone di Windows e Mac anche se criticati alla fine sono sempre quello più scaricati??? A voi il vostro parere a riguardo.

No more articles