Ubuntu non si avvia più a causa di un’aggiornamento non corretto, ecco come risolvere il problema

18
1041
Ecco come risolvere facilmente alcuni problemi che possono accadere quando un’aggiornamento del Kernel o altro non vada a buon fine rendendo la nostra distribuzione inaccessibile al boot. 

Ubuntu
Per una maggiore sicurezza e stabilità è consigliato mantenere costantemente aggiornata ala nostra distribuzione Linux. Per farlo le principali distribuzioni Linux includono ottimi gestori degli aggiornamento che automaticamente controllano e ci segnalano la presenza di nuovi aggiornamenti di sicurezza e mantenimento, all’utente basta un click per avviare il download ed installazione dei pacchetti.
Può capitare che un’aggiornamento non vada a buon fine, per risolvere il problema molto spesso basta semplicemente riavviare la procedura d’aggiornamento per risolvere questo problema. Se però sbadatamente andiamo a spegnere o riavviare la distribuzione può capitare che questa diventi inaccessibile al boot, per risolvere questo sgradevole problema possiamo utilizzare una live cd di Ubuntu o altra distribuzione Linux.

Basta avviare la nostra distribuzione da live cd per poter operare all’interno della distribuzione danneggiata attraverso Chroot correggendo i vari problemi di aggiornamento.

La prima cosa da fare è quindi avviare una distribuzione da live cd, una volta avviato dovremo avviare il terminale e digitiamo

sudo -s
fdisk -l

ci apparirà l’elenco delle partizioni presenti sul nostro Pc quella che noi interessa è quella di Ubuntu per esempio nel mio caso sarà /dev/sda1

sempre da terminale digitiamo:

mount /dev/sdaxx /mnt
for dir in dev sys proc; do mount --bind /${dir}  /mnt/${dir}; done
chroot /mnt

dove in /dev/sdaxx inseriremo quella rilevata precedentemente nel mio caso era sda1 e quindi il comando sarà mount /dev/sda1 /mnt

ora sempre da terminale digitiamo

nano /etc/resolv.conf

e inseriamo i DNS altrimenti ci darà errore quando andiamo ad aggiornare i repository
io di solito inerisco quello Google quindi inseriremo:

nameserver 8.8.8.8
nameserver 8.8.4.4

e salviamo cliccando su Ctrl + x e poi s
salviamo e ora siamo pronti per riparare la nostra distribuzione digitando:

sudo apt-get update
sudo apt-get upgrade

al termine dell’aggiornamento basta riavviare ed ecco “riparata” la nostra distribuzione