Stando all’autorità tecnica inglese, Ubuntu 12.04 Precise LTS è il sistema operativo più sicuro di Microsoft Windows 7 e 8, Apple Mac OS X, Chrome OS, Android e Apple iOS.

Ubuntu come gran parte delle distribuzioni Linux offrono un sistema operativo stabile e soprattutto sicuro. Tranne per sistemi di sicurezza, utilizzare Ubuntu non richiede alcun antivirus dato che attualmente sono stati riscontrati solo pochissimi virus / malware per Linux che rendono quindi il sistema operativo di Canonical tra i più sicuri al mondo. A confermarlo è anche il Communications-Electronics Security Group (CESG) un’autorità tecnica nazionale inglese dedicata alla sicurezza delle informazioni. Recentemente il Communications-Electronics Security Group ha rilasciato un report che mette a confronto Ubuntu 12.04 Precise LTS con Microsoft Windows 7 e 8 , Chrome OS e Apple Mac OS X  e sistemi operativi mobili come Android, Apple iOS e BlackBerry confermando che il sistema operativo di Canonical il più sicuro.

Il CESG ha confrontato i vari sistemi operativi in varie categorie / requisiti  tra cui: VPN, crittografia del disco e l’autenticazione, Ubuntu 12.04 LTS è l’unico sistema operativo che è passato nove requisiti senza “rischi significativi”.
Ecco alcuni dettagli dei test effettuati da CESG

Ricordo che oltre Ubuntu 12.04 Precise LTS la maggior parte delle distribuzioni Linux sono sicure a partire da Debian a openSUSE ecc.
Per maggiori informazioni potete consultare il report da questa pagina, oppure l’articolo dedicato dal blog di Canonical, in questa pagina potete scaricare il report completo in formato pdf.
Ringrazio il nostro lettore Ricky E. per la segnalazione e marcobox fonte dell’articolo.

  • jk

    lo si può installare anche attraverso l’interfaccia GetHotNewStuff dal menu Preferenze di Dolphin, in Servizi – download nuovi servizi.

    Una feature di KDE assai poco pubblicizzata, peccato..
    Forse meglio così, è assai buggata e nessuno ne è minimamente interessato.
    piuttosto meglio levare una funzionalità mezza rotta che..
    francamente non riesco a capire la comunità kde, uso kde e penso sia il meglio sulla piazza, e, allo stesso tempo, un disastro incredibile..

    • prima di postare l’articolo ho provato ad installarlo come dici te ma non si installa
      ecco il perchè ho indicato questa procedura nella guida

  • Fabio

    E questi sono pagati dal governo britannico per scoprire l’acqua calda? Che culo!

    • .theShort

      Mi hai battuto sul tempo! Lo stavo per scrivere io! XD

    • roberto mangherini

      non è poi tanto calda l’acqua, se vedi bene windows 8 ha solo un quadratino arancione in più di ubuntu, quindi (forse) ubuntu lo ha battuto per un pelo.

      • Alessandro Di Stefano

        tra l’ altro il quadratino arancione in più è sulle device ma se si parla di quelle esterne allora la colpa non è microsoft.

        Se si parla di quelle interne invece anche qui non è microsoft che le produce quindi dovrebbero essere i produttori a trovare un modo per aggiornarle o tenerle aggiornate come ad esempio fa Nvidia con il suo Ge force experience e la partner con Microsoft. Anche solo a fare un update mi trova il driver nvidia più aggiornato e lo possono installare

  • Ilgard

    La falla più grossa nella sicurezza è quell’essere antropomorfo seduto davanti al monitor che batte le mani in modo più o meno casuale sulla tastiera convinto di sapere quel che fa.
    Come me 😀

    • LelixSuper

      Io mi metto al sicuro non usando mail il root se non è necessario, infatti molte volte ho paura di fare su o sudo xD

      • Beh, ok ma se devi fare qualche operazione di aggiornamento o altro è comunque necessario dare il comando di amministrazione.
        Meglio non fare estremismi inutili.

        • LelixSuper

          Bè, quello è ovvio, però normalmente preferisco essere user

          • Alessandro Di Stefano

            E fai bene. Cosi per come sono pensati sudo, visudo e gksudo hanno una vulnerabilità by design che in molti fingono di non conoscere o ignorano.

            Si è sempre convinti che usare un utente standard limiti i danni ma la realtà non è proprio così.
            Anzi tutto i dati dell utente stanno proprio nella home dell utente, quindi un eventuale minaccia (uso un termine generico apposta) eseguita con il tuo utente può cancellare i tuoi dati.
            Non so a voi ma io vorrei che fossero i miei dati al sicuro e non il sistema, il sistema si reinstalla in 30 minuti al massimo qualsiasi casino facciamo ma se perdo magari 500 GB di miei lavori sulla HOME mi girano di più le balle.

            Inoltre una minaccia qualsiasi si può scrivere automaticamente nella cache del browser o nella cartella dei file temporanei e rimanere attiva in background facendo un loop infinito che non fa altro che controllare una cosa.
            Appena dai un “sudo” per qualsiasi altra cosa, per un periodo di tempo limitato sei amministratore ma ciò che vuol dire che anche la minaccia presa prima (quando eri solo utente comune) si è elevata automaticamente a super user e come tale può fare ciò che vuole.

            Certo potresti impostare il browser di svuotare cache e temporanei alla sua chiusura e in parte argineresti ma ci sono altri modi..

      • Hombre Maledicto

        Meglio mettersi anche il preservativo, non si sa mai 😀

  • zio bill

    ragazzi guardatela la tabella prima di commentare ubuntu ottiene un punteggio praticamente identico a windows 7-8 l’unica differenza è “device update policy” verde per ubuntu arancione per windows 7-8
    sinceramente mi sembra un grosso risultato per microsoft

    • CuccuDrillu10

      anche Mac Os X è allo stesso livello di ubuntu, nessun rischio significativo, stando alla tabella.
      Invece Windows 8 ha un bollino rosso alla voce Disk Encryption, al contrario di ubuntu che lo ha arancione.

      • matteo81

        no…. è windows phone e rt che hanno il bollino rosso….

    • ale

      Si perchè sono stati troppo buoni,come si fa a dire che un os è sicuro se non se ne conosce il codice sorgente,potrebbe essere pieno di backdoor (come in effetti sarà),io non darei un punto di sicurezza ad un sistema operativo proprietario,non si può essere sicuri….

  • matteo81

    premesso che il vero problema di qualunque os stà principalmente in chi lo utilizza devo ammettere che questo risultato mi trova totalmente d’accordo…
    Uso linux e win da tanti anni ormai e mentre ho sempre trovato i soliti commenti e luoghi comuni da parte di molti fanboy linux nella mia esperienza personale molte di queste convinzioni le ho trovate sempre meno veritiere e reali…
    Utilizzando windows (parlo di 7 e 8) non sono mai incappato in schermi blu, freeze improvvisi e in nessun tipo di instabilità…. anzi, volendo essere sincero devo ammettere che un os linux completo veloce quanto win 8 almeno nel mio hardware non l’ho ancora visto a patto che non fosse estremamente minimale….. aldilà del fatto che l’nterfaccia piaccia o meno.
    Con questo commento non voglio instigare l’ennesimo flame ma semplicemente analizzare una situazione che mi sembra piuttosto cambiata dai tempi di vista ad oggi…. diciamo che linux ha migliorato molto in compatibilità ma windows ha migliorato e tanto in termini di stabilità e prestazioni…
    sono perfettamente conscio del fatto che in un blog dedicato al pinguino si cerchi giustamente di buttarla a favore di dell’os open ma questi risultati così come sono proposti sembrano più uno schiaffo a linux rispetto a win…
    Ovviamente chi non usa win è inutile che commenti… ma mi piacerebbe conoscere altri pareri di utenti multi os come me e sapere se condividono le mie impressioni sulle prestazioni e stabilità..

    • Hombre Maledicto

      Sebbene a frutto di esperienza personale mi trovo a dissentire su win8, apprezzo il tono moderato del tuo commento.
      Ma anche windows – se sai tenerlo bene – ti dura. Basta non scaricare schifezze/andare su siti strani/ niente p0rno. Essenzialmente basta evitare di divertirsi.

      • matteo81

        guarda.. sulle “esperienze personali” potremmo fare un rosario leggendo qualunque blog, soprattutto linux… una distro a uno piace… all’altro fà rimettere mentre per il terzo sembra una raccolta di bug finemente compressi all’interno dell’iso….
        Delle volte leggendo i commenti sembra che l’utenza non stia nemmeno provando lo stesso os…..
        Se per te divertirsi significa moddare l’os (temi, icone ecc..) oppure contribuire attivamente ad un progetto allora hai ragione ma per il resto (siti strani, p0rno ecc..) dissento io… anche questa ormai mi pare una situazione sempre più lontana nel tempo… sarà che sono fortunato io forse :)…..
        Grazie per la risposta….

        • tomdan

          matteo se non ti piace
          linux nessuno ti costringe a usarlo, ma almeno non venire a rompere a noi, ti sfido a prendere un virus su linux senza usare sudo o root, non ci riesci ma neanche se ci passi la giornata, in vece con windows
          bastano 10 minuti (con antivirus attivo)

          • matteo81

            ma perchè rispondi così…. ho scritto subito nel primo post che uso con agio e piacere entrambi e che non è un flame il mio….
            Personalmente mi sembra impossibile quello che hai scritto…. da quanto non usi windows? come usi windows? nessuno ti vuole rompere…. volevo solo confutare le mie impressioni con altri utenti…. e nessuno ti obbliga a rispondermi se non ne vedi la necessità… senza rancore…

          • tomdan

            scusami se ti ho un po
            aggredito, avrei dovuto essere un po più garbato ma ho risposto cosi
            perché mi sembrava che tu volessi flamare velatamente, so che può
            sembrare paranoico ma ne ho visti a pacchi che dicevano di non voler
            flamare ma alla fine era quello che facevano, e quindi sto finendo
            per vederli ovunque, comunque apurato che non è il tuo caso, uso
            entrambi e ora sto usando proprio winzoz anche se ultimamente lo uso
            solo per giocare visto che alcuni giochi non ci sono su linux (e ho appena finito di giocare) non nego che windows abbia i suoi pregi ma dire che è sicuro come linux è una vaccata, perché
            oggettivamente non lo è, ovvio che se stai attento non prendi i virus, ma comunque sai che un certo gruppo di azioni porteranno dei
            rischi, quindi eviti di farle ma quindi ciò significa che non sei totalmente libero nelle azioni.

          • matteo81

            infatti io ho parlato prevalentemente di stabilità e prestazioni… poi che windows sia intrinsecamente meno sicuro di linux questo è vero e non l’ho mai messo in dubbio…

        • Hombre Maledicto

          No, infatti: mi riferivo ai tempi di boot ed alla reattività(andati ben presto scemando).
          Sulla sicurezza poi non mi esprimo, sai tu come so anche io che windows soffre di certi vizi di forma, oltre che essere il SO più bersagliato dai cracker per la sua diffusione e le politiche che porta avanti.
          Certo non manca di pregi ( i più dovuti a succulente esclusive coi produttori hardware ), come l’attuale sistema di spegnimento-barra-sospensione, ma purtroppo permangono certi vizi di forma (come i privilegi d’amministratore all’utente, o il registro di sistema).
          Non vorrei fare il fanboy – specie in risposta ad un commento pacato ed interessante come il tuo(che è una ventata di aria fresca), solo che davvero reputo che linux abbia da insegnare a Microsoft, su molti fronti.
          Penso che comunque discussioni sul genere, con argomentazioni come le tue, potrebbero beneficiare alla bontà del software da ste parti, se spiegate a sufficenza e senza pregiudizi. So che questo commento mi renderà altamente impopolare. Sono un sostenitore del FOSS, non fraintendetemi, ma reputo che interfacciarsi col diretto concorrente stimoli in questi caso. Insomma, che porta un beneficio.
          Sono curioso di sapere come la pensate: fatevi sentire!

          P.s. Eccetto Visual Studio, tutti i software che adopero nelle occasioni che uso Windows, sono Open.

          • matteo81

            mi fanno molto piacere le tue parole perchè a differenza di chi chiude gli occhi e ragiona in modo prevenuto il tuo è un commento aperto e che evidenzia ahime un grosso difetto (ihmo) del popolo pinguino… l’autocritica….
            Il problema è che il tifo = fanboysmo è una malattia che ti fà perdere obiettività…. anch’io vorrei trovare un filino in più di autocritica e un pelo meno di vanità…. speriamo che le cose cambino… anche se leggendo di tanto in tanto questo e altri blog non nutro molto ottimismo…

      • Rocco

        come niente porno stai scherzando vero?

        • Hombre Maledicto

          Eh, mi spiace Rocco. Resto comunque un tuo fan 🙁

      • Dario · 753 a.C. .

        ahahahahha niente porno?? e che cavolo l’ho comprato a fa il PC?? usavo quello di famiglia sennò e mi risparmiavo i soldi.

        comunque io con windows vado sui peggio siti porno, anche quelli più sconosciuti se trovo video che mi interessano e in quel momento sinceramente me ne frega cavoli del virus, la razionalità non c’è in quei moemnti. eppure non ho mai avuto grandi problemi..

        ti ripeto vado regolarmente sui siti porno più sconosciuti che ci sono pur di trovare il video che cerco, quindi dovrebbero essere anche più insicuri eppure mai nessun problema con w7

        • Hombre Maledicto

          Si, dicon tutti così. Poi un giorno scopri che il tuo hard disk c’ha l’AIDS…

          • Dario · 753 a.C. .

            ahahah probabile.. comunque quando faccio la scansione non trovo grandi cose

    • vale

      posso sapere che computer hai?a livello hardware intendo,io uso windows e linux insieme dal 2005 perche in famiglia vogliono sempre una macchina con win sopra per giocare e attualmente tutti i pc sono con cpu i5 o i7 e ram da 4GB a 12GB scheda video intel hd nvidia e ati dedicata,tra portatili proffesionali con win 7 pro win 8 pro win 7 ultimate e ti dico che a volte si impalla explorer o qualche programma che non risponde che si blocca specialmente exel coi calcoli avanzati,schermo blu no ma dire windows non si blocca mai mi sembra un sogno,per non parlare della ram ce sta sempre sopra 1 Gb in uso,con linux stessi pc mai un problema a parte i miei esperimente coi kernel e driver ecc,e come magia con windows segnale wireless 70 % con linux 92% per citarti un dato di compatibilita.avevo un amico che mi portava pc ogni mese per formattare con le due figlie che faccevano un casino tra installa disinstalla registri toolbar ecc,e un anno e mezzo con xubuntu finalmente ha messo anima in pace,poi uno piu esperto di me puo risponderti su altri dettagli ma se tutti cercano la stabilita e parlo di aziente non privati sono tutti coi server linux,ripeto per la casa uso normale senza molte neccesita profesionali tipo architetti o video editing ecc io consiglio e installo linux

      • vale

        a dimenticavo anche a me windows 8 piace molto e con un buon antivirus e antispyware e qualche attenzione dura da anni,pero come dicevamo il mio prof di sistemmi operativi al universita il piu grande pericolo si chiama utente che sta davanti allo schermo

      • matteo81

        il fisso amd 8320 e gtx 650 8 gb ram, portatile tutto intel dual-core e scheda integrata 3gb ram a 32 bit….
        Quando parlavo di esperienze intendevo proprio questo: alla fine i problemi da te riscontrati sono qualche crash isolato di un paio di programmi…. ma non ti è mai crashato nulla usando linux? plasma spesso e volentieri crasha a random… e in tutta franchezza ho avuto più kernel panic in linux a fronte di zero blue screen in 15 anni di windows…. senza contare i disagi con moduli-kernel dovuti ai driver proprietari…. allora mi chiedo dove stà tutta la differenza che si continua a paventare per la rete… tutto quà..
        Leggendo e guardando video in rete l’impressione che un utente alle prime armi si potrebbe fare è che linux non abbia mai crash di nessun genere, che sia molto più scattante e leggero di windows ecc ecc… eppure da seven in poi non mi sembra proprio così… anzi… direi che windows 8, aldilà dell’interfaccia che riguarda esclusivamente un puro gusto estetico, sia più veloce e reattivo di una qualunque distro linux eccetto forse per le più minimali e scheletriche…. allora mi pongo certe domande e questa news mi sembra corrisponda alla mia esperienza e avvalori le mie convinzioni…. parlo a livello generale… basta buttare l’occhio in un qualunque forum di una qualunque distro, dalle più semplici a quelle più tecniche, per rendersi conto che nella realtà dei fatti di persone che incappano in bug e problemi con linux ce ne sono tante e diverse…. nulla di diverso da un qualunque forum dedicato a win…. ovviamente con le dovute differenze sulla base del numero di utenti… ripeto che la mia non è una critica a linux ma ormai non vedo più concrete alcune delle premesse o presunti vantaggi che mi fecero scoprire il pinguino diversi anni fà..

        • tomdan

          ci mancherebbe che non fose stable lo paghi 100€ =), per me con tutti i soldi che prende M$ dovrebbe fare il migliore os del mondo ma windows non lo è:
          facciamo un breve winzoz vs linux
          sicureza: vince linux
          stabilità: pareggio (linux è stabile ovvio che se non usi le versioni non stabili ci sono bug, l’unica che da probblemi è ubuntu non lts le altre vanno benissimo)
          parco software: windows ne ha di piu ma il 99% di quelli linux è gratis.
          prezzo: 😉 vince linux
          reattivita: dipende dal de che metti su linux
          poi ognuno usa quello che gli piace di più se a te windows 8 piace sono felice per te.
          l’unica cosa che manca a linux sono dei driver migliori per le schede video da gaming.

          • Alessandro Di Stefano

            E ridaglie con la cazzate che lo paghi 100€? Se lo comrpi col pc non sai quanto è il costo di windows e quanto del pc perché nella fattura non te lo indicano ma se provi a chiedere il rimborso ti rendono solo 30€ quindi a voler essere logici si potrebbe affermare che lo paghi 30€ e in ogni caso se windows costa di più perché i portatili su garlak ed ekoore spesso costano di più di pc con windows?
            la realtà è che paghi di più per la preinstallazione di Linux a volte.
            Se questo blog non moderasse tutti i link vi potrei mettere vari esempi dello stesso pc che con Linux preinstallato costa mediamente di più dello stesso con windows (anche grazie a offerte sottocosto o a sconto di quel pc in vari supermercati).

          • tomdan

            io mi riferivo al prezzo di una licenza windows 8 su amazon, ovvio che se
            lo compri preinstallato nel pc costa meno perché al produttore del pc
            gli fanno lo sconto visto che ne compra miliardi. si è vero a volte i pc
            senza os costano poco meno di quelli con Windows ma io sono il primo a
            dire che i pc free os non sono competitivi, ma anche se facessero una
            legge che tutti i pc vanno venduti senza os, i pc li pagheresti uguali,
            perché la differenza se la intasca il produttore.
            poi anche se
            costasse 30€, moltiplicali per tutti i pc del mondo perché alla fine il
            90% dei pc ha Windows per installato direi che la ms non se la passa
            proprio male, ovvio che c’è molta gente che lo cracka ma di soldi ne
            entrano parchi lo stesso.
            il messaggio alla fin è che windows lo paghi
            e quindi ci mancherebbe che mi vendi un os non stabile.

          • Alessandro Di Stefano

            si ma con la tua conclusione allora autorizzi Ubuntu ad un funzionamento pessimo perché in fondo non lo paghi?
            Allora preferirei spendere per avere un Linux funzionante, se bastasse il discorso economico. Purtroppo non è il solo che conta ;D
            E comunque io ad esempio mi trovo bene a spendere i circa 30€ di licensa OEM preinstallata di windows e avere un prodotto funzionale da subito piuttosto che perdere 30 minuti per installare un SO, ma questo è per mia comodità (o pigrizia), capisco quindi che non sia per tutti uguale ;D

          • tomdan

            comprendo, Windows ha i
            suoi pregi e i suoi difetti cosi come Linux ha i suoi pregi e i suoi
            difetti, Linux è l’os per smanettoni con tempo da perdere per
            antonomasia =), comunque Ubuntu non è la sola distribuzione
            esistente, se vuoi semplicità e velocità di installazione usi mint
            se vuoi un os per smanettare vai di arch.
            poi penso che ormai
            tutti gli utenti Linux sappiano che Ubuntu ultimamente fa i capricci
            di fatti passano tutti a mint (come si intuisce da distrowatch) anche
            se i nuovi utenti vanno su Ubuntu perché è più famoso.

          • Alessandro Di Stefano

            Lo so. Uso debian e gentoo per i server e ho provato per uso domestico Ubuntu 10.04 e seguenti ma son rimasto abbastanza deluso. Fortunatamente ad esempio Zorin mi ha fatto aumentare di nuovo l’ interesse in Gnu/linux.

          • Raffa

            Visto che usi gentoo posso chiderti come la trovi sabayon o mai provato?perche no usi anche a casa le stesse distro che usi per i server?

          • Alessandro Di Stefano

            perchè debian e gentoo sui server le uso senza UI. Solo terminale e quanto basta per farci girare apache, un server FTP, php e MariaDB. Quindi si tratta di fare qualche chmod ogni tanto poi ormai uso i client del mio pc windows a casa per caricarci file, etc..
            Sabayon non la ho mai provata

          • mila

            consumo energetico e risorse su zorin?lo usi sul fisso o portatile?

          • Alessandro Di Stefano

            Su un desktop iper pompato su cui ci faccio anche gaming (con windows) e in futuro forse anche con Steam OS.
            Non ho guardato il consumo perché fisso e nemmeno mi son preoccupato di prestazioni perché con un i7 quad core (8 threads) extreme edition, e 12 Gb di ram DDRIII posso farci di tutto. Mi piace Zorin perché preinstalla cose aggiuntive rispetto ad Ubuntu (un pò come fa Mint) che rendono per l utente sfaticato il tutto più comodo e posso riprodurre dvd/blue ray out of box. Di contro non è consigliato per i puristi del software libero perché preinstalla anche wine

        • vale

          Si sono dei programmi ma scusa forse hai capito internet explorer io mi riferivo windows explorer che non e un programma ma il file manager del sistemma,i forum linux sono pieno perche la gente piace smanettare e se qualcosa non funziona subito si lamenta pero se un utente normale guarda la task manager del windwos con 500 processi attivi non si fa nessuna domanda perche il pc e lento e la la colpa al provider internet al computer vecchio ecc,ce gente che e cosi pigra da aggiornare antivirus quando scade e poi si lamentano che hanno tutte le foto della loro vita sui pc perse per sempre.Poi se guardo alla biblioteca comunale che usano sofware propietari per cose minimali quando possono risparmiare tanti soldi tra scuole polizia ospedali ecc invece di pagare per licenze inutili rimango senza parole quindi facciamo un po di pubblicita a open source;)
          p.s.unica cosa che rimpiango del linux e a volte qualche kernel o driver che con la gestione energia non si comporta bene come windows ma ripeto a volte:)oltre per giocare anche io uso windows perche non sono pratico di steam

          • matteo81

            permettimi qualche obiezione: explorer che crasha personalmente non mi è mai capitato ma posso capire cosa intendi… ma non puoi dire che i forum linux sono pieni di topic solo perchè all’utente linux piace smanettare…. dai siamo sinceri…. la maggior parte dei problemi sono: driver video che crashano a random, interi os che si autodistruggono dopo qualche upgrade, dipendenze che collidono e non permettono l’installazione di precisi programmi…. addirittura sistemi che dal primo boot presentano vari glich ecc ecc…. questi non sono problemi dovuti allo smanettare ma dovuti al sistema stesso…..
            Sul fatto delle PA mi trovi perfettamente d’accordo….

    • Dario · 753 a.C. .

      io pure ti dico che mi trovo bene con windows 7. niente schermi blu e problemi vari.
      di contro però il SO è molto molto più lento che con le distro linux che sono molto più leggere anche se poi devi andare a mettere mano qua e là con le config.

    • Stefano

      Non uso più sistemi Windows da quasi un anno, però qualche
      considerazione credo di poterla dare.

      L’indagine del governo britannico prende in considerazione un caso specifico, che esula dal nostro uso quotidiano. In particolare, l’indagine prende in considerazione la creazione e la modifica di documenti ufficiali, l’accesso alla propria casella email (ufficiale, come
      ribadito nel report) e la navigazione nella propria intranet ed
      eventuali altre risorse web (sempre legate all’uso governativo delle
      macchine – dunque i p0rnelli, warez e compagnia cantante sono
      esclusi). Il tutto viene considerato con l’aggiunta di un’altra
      condizione: l’utente della macchina non può avere l’autorizzazione
      di installare applicazioni sul sistema.

      Windows 7 e 8 sono risultati sicuri quasi al livello di una distribuzione
      Linux. Dato inopinabile.
      Concordo che Microsoft abbia fatto dei notevoli passi in avanti per garantire maggiore sicurezza ma, se volessimo portare le considerazioni di questa indagine anche ad un uso privato/quotidiano, dovremmo filtrarne un po’ i risultati.

      Personalmente, lo ammetto, non comprendo il significato di tutte le aree di indagine che hanno considerato. Mi pare di capire, però, che molte di queste corrispondono a delle necessità che non sono tipiche dell’utilizzo che faremmo noi del PC.
      Con ciò non voglio mettere in dubbio quale sarebbe il risultato di Linux
      in una indagine che considera dei parametri a noi più utili, voglio
      limitarmi a dire che alcuni dei parametri che qui vediamo potrebbero
      avere un valore nullo nel nostro ambito d’uso (cosa che comunque vale anche per tutte le altre piattaforme prese in considerazione).

      Questo per dire che, nelle dovute limitazioni del report, il fatto che
      Windows ottenga risultati paragonabili a Linux non rappresenta in
      alcun modo uno schiaffo.
      Complimenti al progresso compiuto dagli sviluppatori di Windows ma il caso considerato dal rapporto indica una situazione dove la variabile
      dell’utente è ridotta al minimo.
      Come poi sappiamo, nel nostro quotidiano, è invece l’user che può
      provocare più danni nell’utilizzo di Windows, qualora non si premuri
      di evitare determinate operazioni.

      Dicevo all’inizio, fino a qualche tempo fa, utilizzavo Windows.
      Vorrei portare l’esperienza che ho avuto sul mio netbook. L’hardware è un po’ critico, dunque vorrei che le mie considerazioni vengano
      “filtrate” tenendo in conto della limitata potenza.
      Usavo in origine Windows 7 Starter. Considerato il peso dell’antivirus
      sull’esile hardware (Atom single-core 1,66GHz – 1Gb di RAM), decisi
      di disattivare l’antivirus. Mai avuto problemi, mai preso un
      virus. L’uso che ne facevo era quello accademico: prendere appunti durante le lezioni, guardare qualche film in lingua nelle ore di buca e navigare un po’ in internet (social network, notizie e simili).
      Tutto bene per i primi mesi, poi ho notato un netto peggioramento nelle performance.
      Uscì dunque Windows 8, che installai in versione di prova: nel caso si fosse rivelato un OS soddisfacente avrei acquistato l’aggiornamento, altrimenti, come era già mia intenzione, ci avrei installato Linux.
      Ne sono rimasto ottimamente impressionato. Fluido, molto. L’unico
      problema nasceva dal fatto che dovevo utilizzare una risoluzione
      virtuale sullo schermo per poter usare le applicazioni nella modalità
      Immersive. Ma ero anche disposto a sorvolarci.
      Dopo un po’, verso i tre mesi, arrivano i primi rallentamenti. Così
      decido di abbandonare l’OS.

      Sul fisso invece uso Linux da molto più tempo. Ho tuttora una partizione con Windows Vista, che uso saltuariamente per giocare (non più, in quanto ora mi sono acquistato FM14, che gira anche su Linux).
      L’ho reinstallato recentemente perché dopo anni aveva rallentato non
      poco. L’impressione che ne ho ricavato è stata la seguente: Windows
      può non essere meno prestante di Linux, ma necessità di più
      attenzioni per poter mantenere lo stesso livello a lungo termine.

      Ed è su questo che vorrei un attimo concentrarmi.
      Attualmente uso Ubuntu 13.04 come OS principale (in attesa di passare alla LTS).
      Non nego che nel tempo le prestazioni possano calare, ma la
      sensazione è che la reattività del sistema, nell’apertura/utilizzo
      delle applicazioni si mantenga costante nel tempo, su uno standard
      livellato verso l’alto.

      Il problema su Windows è aggirabile, secondo me.
      Ci sono le solite applicazioni per la pulizia e la manutenzione dell’OS. Ed è qui che può intervenire il secondo problema, non intrinseco nel
      sistema operativo, quanto più nell’utente: la scarsa o l’eccessiva
      cura.
      Prendo mio padre come esempio: lui usa il computer per tenere i conti di casa, giocare, e navigare ogni tanto su Internet, su siti che considero affidabili: portali di notizie (ANSA, Repubblica, Corriere, ecc) e al massimo, più per sbaglio che altro, qualche video su Youtube.
      Lui ha l’ossessione per la protezione del PC: naviga con una estensione di Firefox che blocca tutte le connessioni ad adverts, raccolta di statistiche di Google (quelle per i webmaster), e qualsiasi altra cosa che esuli dal codice HTML della pagina in sé.
      Quando finisce la navigazione, subito ad aprire cCleaner (ha anche
      l’antivirus di cui compra la licenza di anno in anno, ma mi pareva
      superfluo specificarlo).

      Per un uso quotidiano, credo andrebbe anche considerata la psicologia dell’utente.
      La metto in forma sintetica, potrebbe suonare un po’ provocatorio, lo so. Mi piacerebbe che il tema venga poi approfondito.
      In sostanza: la sicurezza di Windows dipende dalla percezione che si ha della stessa.

      Ho esulato dal discorso malware, p0rnelli, warez, crack, eccetera,
      perché la mia opinione al riguardo è abbastanza rigida: basta mettersi un goldone (mentale) e sapere cosa si fa.
      Certo è, come altri hanno detto e specificato, Linux è il sistema operativo maggiormente adatto ai falegnami.
      Però sapere di poter cercare torrent su internet e non rischiare niente,
      può essere comunque un vantaggio non da poco.

      Concludendo sulle prestazioni, ti direi che sul breve periodo forse Windows vince. Sul medio-lungo, però, sapere di poter perdere meno tempo in manutenzione o nell’attesa che Windows si avvii (parlo in riferimento a casi limite) avvantaggia sia Mac che Linux.

      Spero di essere stato esaustivo, mi sono dilungato oltremodo. 🙂

      • Alessandro Di Stefano

        Riempi una partzione ext 3 o 4 al più dell 80% e vedrai lo stesso degrado prestazionale che noti su un file sistem NTFS non deframmentato

        • Stefano

          Avrei dovuto specificare due cose.
          Sul netbook ho l’hard disk da 250Gb, mai superati i 20Gb di utilizzo, né con Linux, né con Windows. In 3 mesi il decadimento è stato visibile.

          Sul fisso ho due hard disk da 500Gb, per un totale di 1 terabyte. Non ho mai raggiunto la soglia critica dell’80% per poter saggiare il problema, tenendo i dati su un HD, e il sistema operativo sull’altro.

          Non nego l’esistenza del problema, ma non ho mai raggiunto sui miei due PC la situazione necessaria affinché si verifichi.

          • Stefano

            Manca un pezzo alla risposta. In 3 mesi, per quello che ho installato, copiato, scaricato, ma mai rimosso su netbook (eliminando dunque un fattore di frammentazione), mi pare dura giungere a un simile problema prestazione causato da mancata deframmentazione.
            La stima dei 20Gb comunque è un limite massimo, non escluso che stazionassi attorno ai 12-15, ma parliamo di un anno fa e non ricordo con precisione.

            Dalla tua risposta dovrei dedurre che NTFS sia così poco ottimizzato, cosa che io stesso dubito.

          • Alessandro Di Stefano

            Non è che non è ottimizzato, semplicemente usa un altra logica. Ext è simmetrico, ntfs non lo è. Ognuno porta dei benefici ma anche degli svantaggi. Sebbene sia vero che NTFS frammenti e quindi sembra tutto più lento perché per leggere un file deve spostare continuamente la testina su HDD, anche ext 3 e 4 hanno i loro.

            Sono due modi diversi di organizzare il FS con i loro pro e contro.
            Ad ogni modo con HDD da 10000 rpm o più il decadimento prestazionale non lo senti perché la lettura da disco è comunque molto veloce, per quanto il file possa essere frammentato.

            Su SSD poi non si sente proprio il problema.

          • Stefano

            La pensiamo uguale, dunque. Nel riportare la mia esperienza, ho voluto evidenziare i limiti di un netbook (HDD a 5400rpm, CPU a malapena discreta – forse) proprio perché si parla di un computer abbastanza limitato, che fa testo per sé.

            Per il fisso, quando usavo Windows Vista (e non 7 o 8, che hanno fatto progressi), ammetto di non essermene preso troppa cura. La stessa poca cura, però, la riservo anche a Linux, senza notare gli stessi problemi.
            Chiaro che, come specifichi, questi sono dovuti a un file system progettato in altro modo che, almeno nel mio specifico caso, evidenzia degli svantaggi per i quali si dimostra poco adeguato al mio utilizzo.

            Come dicevo, ma amplio il discorso qua, la questione per cui scegliere un PC-Windows, piuttosto che un PC-Linux o un Mac dipende dalla pigrizia.
            Windows richiede forse una maggiore attenzione da parte dell’utente. Se non si è disposti a concedere un po’ di tempo a ciò, la scelta va, con le dovute rinunce, a Linux o Mac. E qui la decisione è presa in base alle proprie competenze: Mac è “facile”, Linux va compreso.

            Capisco parte dell’astio verso Windows per le politiche che aveva portato avanti in passato, ma non biasimo coloro che non sono interessati a ciò e decidono di usare comunque Windows, che nel tempo comunque è migliorato, e che evidentemente gli svantaggi (eventuali) che propone non sono sufficienti per convincere gli utenti a passare a Linux.
            Io stesso ho usato per 2-3 anni solo Windows prima di tornare nuovamente a Ubuntu, proprio perché non ne sentivo il bisogno.

          • Alessandro Di Stefano

            E con windows 7 neanche io ho mai raggiunto una deframmentazione maggiore del 13% perché:

            1 viene eseguita periodicamente e in background un auto deframmentazione

            2 i download dai torrent (che sono la maggior causa per la frammentazione del fs ntfs e quindi della perdità di reattività), una volta finiti li sposto su HD esterno e quindi tutto quel file frammentato sparisce.

            Quindi io non ho mai rilevato un decadimento prestazionale sul mio 7 (e seguenti)

  • cicciolino

    uso il pc esclusivamente per navigare in siti porno è uno sporco lavoro ma bisogna farlo … mi consigliate linux o windows ?
    il miglior sistema operativo per falegnami in sintesi

    • tomdan

      hahaha concordo potrebbero farci lo slogan di linux:
      linux il sistema operativo più usato dai falegnami =)

    • Dario · 753 a.C. .

      allora dipende dai driver.. a me però i porno piace vederli con varie finestre aperte e forse linux sente di meno il peso in ram.
      poi ti consiglio di usare un’utile estensione che è panicbutton che io uso per chrome e ti chiude tutte le finestre al volo se dovesse entrare qualcuno nella stanza e te ne apre un’altra a tua scelta che imposti prima..

      • fedefigo92

        Ti consiglio ubuntu 13.10 che poi aggiorni alle 14.04 o qualsiasi distro linux…la falegnameria è sempre piena di virus e per linux nn ci sono…

    • ange98

      Installati Elementary, Driver proprietari per porno in HD, flash, codecs, Chrome con panic button preimpostato su lffl.

  • EnricoD

    Io c’ho Windows7 ormai da due anni sul PC di casa e con vipre antivirus premium, leggero e sempre aggiornato, ottimo, non te lo manco accorgi, e malware antibytes pro anche questo veramente di minimo impatto sul sistema … mai avuto problemi.
    Di sicuro c’è che Windows rispetto a Linux (non so mac e non me frega) va mantenuto con molta cura e con software di alto livello… ad es. oltre antivirus,firewall e bla bla un software come smartdefrag, cclesner e teracopy sono necessari per mantenerlo pulito e veloce .. e il PC fisso che ho è un cesso ambulante di PC trasformato in fisso…

    altrimenti te la piji ‘nder chiappe !! altro che film porno! XD
    è questo che non mi piace di windows..che devi metterci mano invece linux appena installato ti metti quei due software e vai tranzollo..
    Con debian o linux mai avuto problemi sul mio amato netbook..
    ma che linux fosse più sicuro lo sapeva pure mi nonna

    • bartolo

      secondo me non servono firewall smartdefrag, ccleaner e teracopy se utilizzi windows 7-8 è già tutto integrato anzi in alcuni casi rischi di fare danni per me il grosso difetto di windows è la mancanza di modularità di personalizzazione risolto questo punto diventerebbe ottimo

    • Ale

      Complimenti per la scelta del antispayware il migliore che ce,pero io come antivirus uso eset o kaspersky mentre per i free avast,pero linux e un altro pianeta per sicurezza

      • Kraig

        quando avevo winzozz usavo più kaspersky che eset, naturalmente con la key farlocca, scaricata dal mulo, che dopo un certo periodo non funzionava perchè l’antivirus in questione si aggiornava e te la metteva nel culito, come free usavo con soddisfazione avira antivir (i tedeschi se la fanno nacare anche per la sicurezza informatica), avast troppo invadente e continua a farlo, anzi ho notato da un pc di questi tempi codesto antivirus ti comunica pure a voce, cose dell’altro mondo. linux? beh… oltre senza antivirus (non c’è dubbio, me ne frego se posso essere un portatore sano di virus, gli altri si devono proteggere meglio, non ci devo pensare io oltre a loro, parlo di alcuni miei amici winzozziani), non tocco neanche il firewall da quando lo uso (gnu/linux scoperto dal 2007, grazie a ubuntu, attualmente detesto pure lui, quindi ho altra distro, tipo debian testing con xfce). naturalmente il tutto è per uso domestico e vado (quasi) tranquillo anche nei peggiori siti porno che mi capitano a tiro e via di centinara e centinaia di schede aperte solo per mia modesta curiosità. hahaha… 😀

        • ale

          mi ricordo che avira aveva troppi falsi positivi,invece avast basta disattivare i suoni anche se ce gente che deve sapere sempre anche quando non guarda il pc quando il database viene aggiornato:)
          p.s.io le licenze li prendevo a praga quando lavoravo costavano 9 euro per un pc

          • Kraig

            leggevo di questi falsi positivi in giro per i forum, però non me ne sono capitati manco uno. sarò fortunato io o per gli altri bastava abbassare il livello di allerta nelle opzioni dell’antivirus. email mai mandate da un client, sempre tramite webmail, quindi mi stava bene avira. avast vuoi mettere che non voglio dare il mio indirizzo email solo per attivare sto antivirus?! mi secca creare una seconda email farlocca per ste cose. mah….

          • ale

            capisco a cosa ti riferisci,io “uso” lo stesso seriale del versione 4.7 pro da 8 anni ormai e continua ad attivarlo lo stesso e funziona pure sulla versione per linux:)

    • $85086243

      “tranzollo” è bellissimo XD

      • EnricoD

        XD

        • $85086243

          naaah, chi è? XD

          • EnricoD

            cerca mirko gialappa’s su dailymotion… impossibile che Tu non lo abbia mai visto XD

          • ange98

            Da quando è a Colorado si è rovinato 🙁

  • ale

    Io sono dell’ idea che un os non può essere definito sicuro se non se ne conosce il codice sorgente,non si può sapere cosa ha dentro,cosa fa,che dati invia a microsoft e che backdoor messe dalla NSA ha al suo interno…
    Molti non lo considerano ma è fondamentale…

    • guerino

      giusto considera che i virus possono essere inseriti direttamente dentro l hardware come i telefoni spia regalati ad un g8 mi sembra..
      la sicurezza assoluta non esiste non esisterà mai possiamo difenderci minimizzando l’uso di internet

      • Sim One

        Già… pensa se ce ne fosse uno nel nuovo secure boot

    • Alessandro Di Stefano

      Allora immagino che tu usi Trisquel perché nemmeno Ubuntu e Debian sono 100% free.

      Immagino che non usi i driver proprietari (non conosci il sorgente), non riproduci blue ray, non usi flash o tecnologie simili.

      Se la risposta a tutte queste domande è si allora ok, senno sei il solito ipocrita incoerente come ce ne sono tanti nel mondo Gnu/Linux.

      Tutti a decantare le virtù dei software liberi e poi si imprigionano in molti software closed anche nella loro distribuzione Gnu/Linux.

      Scommetterei che usi chrome o quanto meno firefox+flash, che hai almeno un driver proprietario e sicuramente se hai un lettore dvd o blueray hai aggiunto alla tua distro qualche codec multimediale. Ecco sappi che non sei sicuro nemmeno te.

      • m47730

        Sì certo.
        Perchè prima di usare un programma analizzate il sorgente voiatri?
        Sai quella miliardata di righe di codice del kernel, poi c’è almeno la shell, le binutils, le glibc e -ah. e xorg? Facile facile da leggere.

        • Alessandro Di Stefano

          Io infatti non lo faccio e nemmeno mi faccio problemi però ad usare software closed. Non sono un ipocrita come molti altri che vedono nel software libero la liberazione di tutti i mali e poi usano comunque il closed ;D

          Io uso il programma che più mi piace o che più so usare indipendentemente dalla licensa.

          • loki

            discorso qualunquista. ancora prima dei driver ci sono il bios e i firmware delle varie componenti (lo sapevi che anche gli hard disk hanno software?) per i quali nel 99% dei casi non puoi fare molto, a meno di smettere di usare il computer. il software closed lo usi quando non hai alternativa e nel mentre continui la battaglia contro quella *erda.

          • Alessandro Di Stefano

            Esistono anche pc con Hardware completamente libero. Stallman ne ha uno, perché è coerente con se stesso, gli altri sono quaquara qua che decantano le magioe del software libero e poi usano tanto di quel software proprietario che la metà basterebbe con la scusa che se non se può fare a meno. Ma se è vero che non se ne può fare a meno allora state dando il sistema software libero come incompleto e/o fallimentare.
            Preferisco usare il software che più ,i aggrada senza fare guerre di religione rese poi inutili dalla ipocrisia e distribuire i miei file in formati liberi perché ne ho capito l importanza piuttosto che ripetere a mente mantra detti da altri ma poi non aver capito fino in fondo i vantaggi ;D

          • loki

            link all’hard disk senza firmware proprietario. io sto dando ai produttori di hardware dei completi fallimentari.

        • ale

          Si ma almeno sei sicuro che qualcuno lo ha fatto,e magari qualcuno se trova un bug può correggerlo,mentre se trovi un bug in un os microsoft te lo tieni a tuo rischio,se lo trovi su un sistema linux e ne hai le capacità fai una patch e la invii,oppure segnali il bug agli sviluppatori e se è molto grave in pochissimo tempo lo correggeranno…

          E poi essendo il codice controllato da più persone e non solo dallo sviluppatore microsoft ignoto c’è un controllo maggiore…

          • m47730

            Guarda, non sto dicendo di usare il software closed, semplicemente non si può parlare di assioma dicendo “uso l’opensource sono al sicuro”.
            Se l’NSA avesse messo una backdoor su linux dubito che potrebbe essere scoperta facilmente e le persone in grado di farlo sarebbero qualche centinaio considerando tutto il globo.
            Poi è SICURAMENTE meglio avere un software che potenzialmente è controllato da più persone (disinteressate), questo però non permette di dormire sonni tranquilli.

            E’ un discorso di fiducia.

          • ale

            Si tieni presente che tutte le patch vengono revisionate più volte prima di essere inserite nel kernel stabile,non è che la NSA può mettersi ad aggiungere righe di codice come vuole

      • ale

        Si be un conto è usare flash,un conto è cifrare il proprio disco con su dati magari importati con un algoritmo ignoto (e anche dall’ efficacia ignota)

        Una delle regole fondamentali per la sicurezza informatica è che se c’è un algoritmo di cifratura l’ unica cosa che deve essere tenuta nascosta è la chiave,e non l’ algoritmo in se…
        Infatti sono successi molti casi in cui algoritmi di cifratura proprietari si è scoperto non essere poi molto sicuri,mentre se è open source almeno si sa cosa fa e sicuramente qualcuno lo avrà analizzato e magari avrà scoperto e corretto eventuali vulnerabilità…

        Secondo te perchè i sistemi operativi microsoft hanno sempre un sacco di falle gravi di sicurezza e quelli linux le hanno raramente,e se si trovano vengono corrette all’ istante ?
        Perchè se un sistema è open source è sviluppato da più persone che possono verificare se ci sono eventuali bug,e perchè se uno trova un bug a differenza dei sistemi microsoft lo può correggere subito e distribuire la patch… mentre su un sistema windows deve aspettare che quelli della microsoft si rendano conto del problema e lo correggano

        Per non parlare delle backdoor inserite appositamente sotto consiglio della NSA…

        • Alessandro Di Stefano

          Quello che molti utenti sembrano scordare è che i software liberi (o open source) li puoi usare anche su windows e adesso per criptare i dati puoi usare anche true crypt su windows se non tidi/ non ti soddisfa bitlocker.

          I So fanno ben poco, sono i software che si usano nella vita di tutti i giorni, potresti usare un so proprietario ma tutti software liberi.

          • ale

            Certo,fammi il boot da un disco criptato con truecrypt… sempre non ci sia una backdoor nel generatore di numeri pseudo-casuali del kernel windows….

            Fra l’altro usare solo software liberi su windows è ancora più stupido che usare quelli proprietari,perchè a sto punto non usare linux ? Ok se uno ha particolari esigenze di usare software solo per windows,ma io mi chiedo che senso hanno i tanti pc che vedi in giro negli uffici dove le uniche cose che si fanno sono qualche documento con office e navigazione su internet….

    • ge+

      mi pare che il sorgente del kernel linux-libre sia 100% aperto, poichè le parti oscurate del sorgente del kernel linux originale sono state rimosse.

      Purtroppo non è aggiornato come il kernel linux originale

  • Sim One

    Sono stato via due giorni…. e mi avete fatto sudare sette camice per leggere tonnellate di post su uno screenshot con i quadratini colorati?
    Suvvia. La verità è che in quello screenshot, i sistemi che avevano meno rosso erano spenti…. 🙂

  • marco

    Ma che stupidaggini, Windows Phone sarebbe meno sicuro perché non ha disk encryption, e Android perché non registra gli eventi? Un sistema che non supporta Secure Boot non è affatto meno sicuro… Il report non misura la sicurezza del sistema, ma solo il numero di funzionalità relative alla sicurezza.

    • marco

      non si possono confrontare sistemi destinati ad utenze diverse… su uno smartphone hai esigenze diverse da un laptop personale e da un computer aziendale…

No more articles