Stando ad Hewlett Packard nel futuro troveremo sempre più sistemi basati su architettura ARM basati su Android e Linux.

In una recente conferenza tenutasi a Barcellona, Sridhar Solur, responsabile della sezione Enterprise Mobility e Cloud Services di Hewlett Packard ha espresso una sua opinione sul futuro, indicando che nel mercato avremo sempre più sistemi basati su architettura ARM, tagliando cosi fuori Intel e Microsoft. Una dura dichiarazione fatta soprattutto a due aziende hanno fatto bene o male grande HP diventando leader mondiale nella produzione e vendita di personal computer e server.

Sridhar Solur ha indicato come nel 2012 l’azienda ha spedito oltre 300 milioni di personal computer dotati principalmente di processore Intel e sistema operativo Microsoft Windows, nel 2014 si stima che verranno spediti circa 3 miliardi si sistemi mobili basati su architettura ARM. 


Osservate il diverso business model tra Intel e ARM, pensate ai sistemi operativi: eccetto Microsoft non c’è più nessuno che si fa pagare per il sistema operativo” cosi ha indicato Solur puntando il dito contro l’azienda di Redmond e le licenze ancora presenti nei propri sistemi operativi,  mentre sistemi operativi mobili come Android, Firefox OS, Ubuntu Touch ecc sono  open source e grauiti.

Per cercare di contrastare il dominio mobile che vede ormai aziende come Nvidia, Samsung, Apple, Qualcomm, Google  i leader Intel ha iniziato a cercare di offrire una valida alternativa ad ARM grazie alle nuove CPU Atom, Microsoft molto probabile rilascerà le future versioni di Windows Phone e Windows 8 RT gratuitamente ai vari produttori.

Hewlett Packard ha iniziato a rilasciare nuovi personal computer con Linux preinstallato, solo in India nel 2013 sono stati consegnati oltre 1.5 milioni in di pc con Ubuntu Linux preinstallato, inoltre l’azienda ha rilasciato in quest’ultimo anno i primi tablet ARM basati su Android.  –   via

No more articles