Nvidia ha annunciato che terminerà il supporto per 32 bit per Cuda famosa architettura di elaborazione in parallelo. Il toolkit sarà disponibile in futuro solo per distribuzioni 64-bit.

Nvidia Cuda
La maggior parte degli utenti Linux utilizzano distribuzioni 64 bit, a confermarlo sono i dati sui download di alcune distribuzioni Linux come ad esempio Debian che hanno indicato come ormai l’architettura 32 bit sia ormai utilizzata solo in pc datati.
Alcune distribuzioni (come ad esempio Chakra Linux) hanno già iniziato a supportare solo l’architettura 64-bit e ben presto anche altre distribuzioni abbonderanno il supporto per 32 bit (esempio Arch Linux) per poter lavorare solo su 64 BIT e ARM.
Ad abbandonare il supporto (per ora solo in CUDA) è anche Nvidia che ha annunciato che il toolkit in futuro sarà disponibile solo per distribuzioni 64-bit.

Per chi non lo sapesse CUDA è un’architettura di elaborazione in parallelo attraverso la quale avremo dei miglioramenti delle performance di computing dovute sopratutto allo sfruttamento della potenza di calcolo delle GPU. Attraverso Cuda è possibile utilizzare centinaia di core in parallelo permettendo di avere una potenza di calcolo che può essere anche superiore a quella degli attuali processori.

Il toolkit CUDA sarà prossimamente disponibile solo per sistemi 64 bit, anche i driver proprietari abbandoneranno il supporto per Cuda 32 bit dai prossimi rilasci, tutto questo non dovrebbe preoccupare comunque gli utenti Linux che continueranno a ricevere driver proprietari per le “normali” schede grafiche sia per 32 bit che 64 bit.
Questo potrebbe comunque essere il primo step verso il definitivo abbandono del supporto 32 bit, tra qualche anno molto probabilmente le distribuzioni e sviluppatori di driver proprietari come AMD e Nvidia lavoreranno solo per l’architettura 64 bit.
C’è qualche lettore che utilizza CUDA?

  • Kryohi

    I continui aggiornamenti dovrebbero sortire l’effetto contrario, ma a me Gnome convince sempre meno 🙁

    • Jerry Cala’

      verissimo, tanto è che ho già felicemente migrato 5 macchine a Xubuntu 12.04.

    • pol

      posso chiederti xkè?
      io ho arch con gnome shell e ho visto miglioramenti epocali in un anno…e mi piace sempre di più. ubuntu sul mio netbook di 3 anni neanche gira

  • riccaficca

    io adoro gnome shell ma mi ha dato problemi con la egstione energeticA mi diceva sempre che la batteria sta a zero e non segnalava la ricarica…con kde sono arrivato a 4 ore di durata con il kernel 3.4.1 ottimizzato per core i5, record personale con linux che nemmeno su winzozz ho ottenuto.
    e cmq succhia molte risorse in più di kde, unity nemmeno la prendo in considerazione.
    appena diventerà più stabile tornero a gnome shell, l’ambiente desktop con l’usabilità maggiore…almeno io lo ritengo tale con l’hot corner che switcha tra le finestre e le app…fantastico già mi manca

  • Salvatore Colombo

    Dai commenti che leggo, mi pare sempre più evidente che la shell viene completamente fraintesa. Il suo obiettivo è dichiarato, i principi ai quali si ispira altrettanto. Se non interessano, semplicemente si usa un altro ambiente desktop. Questa denigrazione continua mi sembra un po’ stantia.

    • Luca Rodo

      quoto

    • andrea

      quando una cosa continua a fare schifo per i bug…

      • Salvatore Colombo

        okei… non usatela. Se avete trovato una “cosa” software perfetta, esente da bug,vivete in un mondo migliore del mio!

No more articles