Sta facendo discutere le recenti richieste da parte di Canonical contro il blog Fix Ubuntu che tratta alcuni consigli su come bloccare il Lens Shopping e altri servizi online in Ubuntu.

Fix Ubuntu è un blog statunitense che propone diverse guide dedicate alla distribuzione di Canonical.
Il blog include alcune guide dedicate soprattutto a bloccare le ricerche online dal Dash problema assai noto criticato sia dagli utenti utenti che da molte fondazioni come ad esempio Free Software Foundation e Electronic Frontier Foundation. Da notare inoltre che a causa delle ricerche online attive di default in Ubuntu, Mark Shuttleworth ha vinto il primo premio nella categoria “Marketing and Communications” al Big Brother Award Austria.
Nei giorni scorsi Canonical ha inviato una lettera a Micah F. Lee proprietario del blog Fix Ubuntu chiedendone di rimuovere il logo e modificare il nome del dominio. Da notare che il logo Ubuntu è utilizzato da moltissimi blog dedicati ad Ubuntu ignari che è un marchio registrato come ben specificato dal portale design.ubuntu.com.

Canonical nell’email ha indicato che “per mantenere l’equilibrio tra l’integrità dei nostri marchi e la capacità di utilizzare e promuovere Ubuntu, abbiamo cercato di definire una politica ragionevole di proprietà intellettuale. Come potete vedere dalla nostra politica, di utilizzare i marchi di Ubuntu e Ubuntu parola in un nome di dominio richiederebbe l’approvazione di Canonical..Purtroppo, per questo caso non possiamo  autorizzare l’utilizzo dii marchi di Ubuntu sul vostro sito Web e nel nome di dominio dato che possono portare confusione o l’equivoco che il vostro sito è associato a Canonical o Ubuntu,”

Il proprietario del sito Web ha rimosso il logo Ubuntu ha inserito una disclaimer indicando che il portale non è affiliato in alcun modo a Canonical. Assieme ad un’avvocato, ha deciso di andare infondo alla questione dato che “the First Amendment of the Constitution protects his right to manage trademark items in non-commercial websites that criticize corporations and products“.

I Rappresentanti di Ubuntu devono ancora rispondere alla sua lettera, staremo a vedere come andrà a finire la questione :D.

Aggiornamento:  Mark Shuttleworth con un recente post sul proprio blog si è scusato con tutti indicando che è stato un’errore di un nuovo dipendente che non conoscere le linee guida di Canonical.

via – softpedia
No more articles